Nov 14 2012

Europa 14 novembre 2012: è solo l’inizio!

.

La protesta dilaga anche nelle capitali europee. Guidano lo sciopero Spagna e Portogallo

di fabio sebastiani

Giornata di mobilitazione internazionale dei sindacati europei e degli attivisti contro le politiche di austerity dei governi. Le proteste sono state convocate da una quarantina di gruppi in 23 Paesi diversi, ma sono trainate soprattutto dalle organizzazioni sindacali di Spagna e Portogallo, impegnati nel primo sciopero coordinato della penisola. La protesta ha interrotto i trasporti, lasciato a terra centinaia di voli, chiuso le scuole. Anche in Grecia i sindacati hanno previsto interruzioni del lavoro e cortei. Proteste e manifestazioni sono previste anche in Belgio, Germania, Francia, Gran Bretagna e alcuni Paesi dell’Est.

Per la Spagna e’ il secondo sciopero generale in otto mesi, il nono da quando il Paese e’ tornato alla democrazia: un segnale forte di protesta contro le misure draconiane varate dal governo di Mariano Rajoy. I principali sindacati iberici, CCOO, UGT e Uso, hanno invitato la gente a scendere in piazza all’insegna dello slogan ‘Si stanno portando via il nostro futuro’; picchetti durante la notte hanno fermato aeroporti, autobus e stazioni ferroviarie. La protesta in Spagna e’ cominciata con un seguito “massiccio”, secondo i sindacati, mentre per il governo le adesioni sono state a macchia di leopardo. Comunque ci sono stati già 32 arresti e 12 feriti,tra cui 4 agenti, la maggior parte a Madrid.

Sciopero generale anche nel vicino Portogallo, dove lunedi’ i manifestanti avevano fischiato il cancelliere Angela Merkel, giunta a Lisbona per appoggiare le misure di austerity del governo.In Germania, il leader del sindacato confederale tedesco DGB Michael Sommer ha messo in guardia dalle politiche del rigore che stanno mettendo in ginocchio Grecia, Portogallo e Spagna. I Paesi colpiti dalla crisi nel Sud Europa sono indotti a ”risparmiare fino alla distruzione”, ha sostenuto in un’intervista alla Deutschlandradio Kultur in occasione della giornata di mobilitazione europea. ”Noi vogliamo le misure giuste contro la crisi – ha aggiunto nel giorno in cui si annuncia una mobilitazione popolare contro i tagli in Spagna e in Portogallo – Questo significa che si deve investire contro la crisi, non che nella crisi si debba risparmiare”. Sommer si esprime criticamente anche sulle riforme: ”Non si combatte questa crisi demolendo i diritti dei lavoratori, aumentando l’eta’ lavorativa, e peggiorando i livelli minimi salariali”, aggiunge.
.
.
___________________________________________________________________________________________________________
.
Continuano in tutta Europa i festeggiamenti della polizia per il Nobel per la pace all’Unione Europea. (Spinoza.it)
.

Nov 14 2012

Crisi: come risparmiare 1400 € l’anno sulla spesa

.

By

Volete recuperare oltre 1400 € all’anno sulla spesa? Allora seguite IO LEGGO L’ETICHETTA

Siamo tanti consumatori che condividono le loro segnalazioni. Per prima cosa vi siete iscritti alla newsletter? basta compilare il form che trovate in alto sulla vostra destra.
IO LEGGO L’ETICHETTA 
Tramite l’etichetta il consumatore può conoscere il nome e la sede del fabbricante o del confezionatore o del venditore di un alimento; a volte il nome dell’operatore è sostituito da un marchio depositato. Per legge va sempre indicata la sede dello stabilimento di produzione o di confezionamento: sono proprio queste indicazioni, ossia lo stabilimento di produzione con riferimento al suo indirizzo preciso, che rivelano l’origine del prodotto e la sua casa di provenienza, al di là del marchio che viene utilizzato per metterlo in vendita ad un prezzo più conveniente.

ECCO LA LISTA DEI PRODOTTI PER RECUPERARE OLTRE 1400 € SULLA SPESA ETICHETTIAMOCI! IO LEGGO L’ETICHETTA è fatto da tutti voi, è un progetto collaborativo che vede la partecipazione di sempre più persone che hanno a cuore il risparmio in tempo di crisi e la ricerca di una maggiore consapevolezza nel consumo e nel fare la spesa. Questa lista, che continuerà ad essere aggiornata, (pertanto non consideratela mai definitiva) nasce dal contributo di tutti e dalle vostre segnalazioni. Ci potrebbero essere delle correzioni da apportare e delle verifiche da effettuare, in quanto i produttori potrebbero essere cambiati. Qualora trovaste una segnalazione errata comunicatecelo scrivendoci a info@ioleggoletichetta.it E ora continuate con le Vostre segnalazioni di prodotti fabbricati negli stessi stabilimenti, caricando le foto sul sito di IO LEGGO L’ETICHETTA o sulla pagina Facebook http://www.facebook.com/ioleggoletichetta Iniziamo a risparmiare in maniera intelligente. Leggiamo le etichette! ETICHETTIAMOCI!

.

VAI ALLA LISTA DEI PRODOTTI!

.

Fonte: Io leggo l’etichetta


Nov 14 2012

Twitter, cambio password per falso allarme

.

di Cristina Sciannamblo

Il servizio di microblogging procede al reset di parte degli account utenti temendo un attacco informatico in atto. Smentito dopo qualche ora. Ma le raccomandazioni sulla sicurezza restano valide, e gli utenti dovranno procedere a rinnovare le credenziali

Una email inviata a moltissimi utenti di Twitter con la richiesta di modificare le password di accesso al servizio, per scongiurare le eventuali ripercussioni negative determinate da un attacco cracking volto al furto delle credenziali di ingresso nel sistema. La comunicazione è partita dagli stessi gestori del social network, preoccupati di una possibile falla presente nei meccanismi di sicurezza.

“Twitter crede che il tuo account possa essere stato compromesso da un sito o un servizio non associato a Twitter. Abbiamo resettato la tua password per prevenire agli estranei l’accesso al tuo account”, recita la missiva digitale inviata a una parte non piccola dell’utenza cinguettante.

Secondo le testimonianze, tra i profili presi di mira figurano anche quelli legati ad alcuni grandi gruppi mediatici, come il famoso blog di tecnologia TechCrunch e la BBC. Inizialmente, il social network non ha fornito dettagli circa le modalità della presunta imboscata informatica, né un’eventuale stima de danni.

Un mistero che si è chiarito nel giro di poche ore grazie a un intervento dello stesso servizio di microblogging, nel quale spiega di aver involontariamente azzerato le password, smentendo di fatto l’esistenza di un attacco in corso.

Non è la prima volta, del resto, che il tecnofringuello procede a un reset delle credenziali d’accesso al servizio per sbaglio (o per eccesso di zelo), in seguito al sospetto di un possibile attacco di phishing.

.

Fonte: Punto Informatico

.