Category Archives: alchimie_mentali

Pensa solo per un attimo

.

.

*

.

.

Pensa, pensa solo per un attimo che…
arriva sempre il momento in cui devi fare una scelta,
quella di correre il rischio di pentirtene oppure rassegnarsi a convivere con il rimpianto di non averci provato.
Fare o non fare?

(Anonimo)

.

.

.

.

.


Incantesimo della fantasia

.

.

Photo by Kiyo Murakami

 

 

.

.

“Amore non è una cosa tranquilla, non è delicatezza, confidenza, conforto. Amore non è comprensione, condivisione, gentilezza, rispetto, passione che tocca l’anima o che contamina i corpi. Amore non è silenzio, domanda, risposta, suggello di fede eterna, lacerazione di intenzioni un tempo congiunte, tradimento di promesse mancate, naufragio di sogni svegliati. Amore è violazione dell’integrità degli individui, è toccare con mano i limiti dell’uomo. […]

Amore è solo la chiave che ci apre le porte della nostra vita emotiva di cui ci illudiamo di avere il controllo, mentre essa, ingannando la nostra illusione, ci porta per vie e devianze dove, a nostra insaputa, scorre, in modo tortuoso e contraddittorio, la vitalità della nostra esistenza. […]

L’amore si nutre di novità, di mistero e di pericolo e ha come suoi nemici il tempo, la quotidianità e la familiarità. Nasce dall’idealizzazione della persona amata di cui ci innamoriamo per un incantesimo della fantasia, ma poi il tempo, che gioca a favore della realtà, produce il disincanto e tramuta l’amore in un affetto privo di passione o nell’amarezza della disillusione.”

.

( Umberto Galiberti  Le cose dell’amore (Milano, Feltrinelli 2004)

.

.

 

.

.

.

.

.


La massa

.

.

.

.

La massa è un gregge docile che non può vivere senza un padrone. È talmente assetata di obbedienza da sottomettersi istintivamente a chiunque se ne proclami padrone.

                                                                                                                                                                                                                                                                                  (Sigmund Freud)

.

.

.

.

.