Mar 19 2021

Quanto può essere pericolosa una Fake News

.

.

.

.

Le notizie false sono molto più pericolose di quanto pensiamo: come difendersi

.
.

di Pio Russo Krauss

Sul covid sono circolati articoli, messaggi, video su rimedi naturali, farmaci o altre sostanze capaci di impedire di contrarre questa malattia. Molte persone hanno creduto a tali notizie e le hanno messe in pratica scrupolosamente. L’effetto è stato che oltre 800 persone sono morte a causa di queste sostanze e migliaia hanno avuto seri problemi di salute [1].

Questi dati dimostrano quanto possano essere pericolose le notizie false (fake news, bufale) in campo medico. Ma lo stesso si può dire per le notizie false riguardanti la politica, l’economia, gli episodi di cronaca nera, la tecnologia, la scienza. I nostri comportamenti dipendono in gran parte dalle convinzioni che abbiamo e queste si costruiscono in base alle informazioni ricevute: se le informazioni sono false compiamo scelte non nel nostro interesse ma secondo gli interessi delle persone e dei gruppi che ci hanno fornito le notizie false. E si può ben capire quanto ciò sia pericoloso in campo politico, economico e sociale.

Non c’è giorno in cui non siano create fake news, numerosissimi sono i siti di informazione online che le producono e le diffondono e molti di più sono i profili Twitter e Instagram e le pagine Facebook che creano e inviano notizie false. Poi ci sono tutte le persone comuni che non comprendono che una notizia è falsa e la girano ai loro contatti. E’ una vera invasione, anzi un’epidemia, perché la notizia falsa si trasmette, “infetta” persone, che a loro volta la trasmettono ad altre, “infettandole”, con una diffusione rapidissima e pervasiva.

In media un Twitter con una notizia falsa ha il 70% di probabilità in più di essere retwittato di un Twitter con una notizia vera [2]. Se 100 persone ricevono una fake news su WhatsApp o su Facebook o Twitter e ciascuna di esse la invia ad altre 20 persone e ciascuna persona raggiunta dopo un’ora la invia ad altre 20 persone e così ogni ora, dopo solo 4 ore 16 milioni di persone hanno ricevuto la notizia falsa.

Ci si potrebbe chiedere come sia possibile che le falsità battano regolarmente, e di molto, le verità. Gli psicologi sociali che studiano questo fenomeno ci dicono che le fake news sono quasi sempre confezionate bene: si presentano come nuove e originali, sono costruite per suscitare curiosità, sorpresa, indignazione, speranza, per confermare la nostra visione del mondo, i nostri desideri, paure, preconcetti. Inoltre la maggioranza delle notizie false sono credibili. Ecco perché vogliamo subito diffonderle a tutti i nostri contatti [2].

Che la maggioranza delle persone ci caschi è dimostrato anche da varie ricerche. Per esempio, chiedendo a un campione di italiani sopra i 17 anni, e che usa abitualmente internet e i social, se si è imbattuto in una fake news, il 29% ha risposto mai, il 18% raramente e il 31% ha risposto qualche volta [3]. Considerata l’enorme diffusione delle notizie false questi dati dimostrano una sola cosa: la maggioranza delle persone non riconosce le fake news e le considera vere. Alla domanda se ci si ritiene abili a riconoscere le notizie false la maggioranza risponde di sì, ritenendo però che la maggioranza delle persone non abbia tali capacità.

Le ricerche evidenziano anche un’errata convinzione di molti: che sono le persone di bassa cultura a credere alle fake news. Invece no: ci cascano anche persone di media e alta istruzione. Come scrive uno dei più importanti smascheratori di fake news: “Ci sono persone a cui fa comodo che crediate che solo i poco scolarizzati caschino nelle bufale. Sono persone che hanno un disperato bisogno di voi, e del vostro scarso spirito critico. Sono persone consce di spacciare pupù, e che per farvela digerire per bene hanno necessità che voi vi crediate superiori a chi casca nelle fake news[4].

La realtà è che ci si casca non per ignoranza ma per pregiudizio. Se abbiamo paura degli stranieri è facile che condivideremo articoli che la confermano, anche se dicono falsità. Se vogliamo guarire dalle nostre malattie senza prendere medicine, crederemo facilmente alle notizie false sulle virtù di erbe e alimenti, se siamo contro quel determinato partito facilmente crederemo alle notizie false che ne dicono male. In psicologia si chiama bias di conferma: più quello che leggiamo, ascoltiamo e vediamo conferma le nostre opinioni e visioni del mondo, più siamo portati a considerare quel tipo di informazione attendibile e, invece, a rigettare, rifiutare ciò che mette in dubbio le nostre certezze.

Se si hanno un minimo di conoscenze di psicologia e un po’ di abilità a scrivere o a parlare è abbastanza facile costruire notizie che sembrano vere ma sono false: ecco un altro motivo per cui tante persone o gruppi le producono.

Uno dei più famosi creatori di bufale, Paul Horner, ha ammesso che grazie alle bufale guadagnava almeno 10.000 dollari al mese e con alcune ha guadagnato anche 10.000 dollari in un giorno [5]. Anche in Italia molti creatori o spacciatori di fake news ci guadagnano, e non poco, o grazie alle visualizzazioni della loro pagina o canale e ai guadagni che ciò procura con le inserzioni pubblicitarie presenti o grazie alla notorietà che permette di vendere i loro “prodotti” (libri, servizi, alimenti, farmaci di nessuna utilità, consulenze, conferenze ecc.).

Altri producono e diffondono notizie false perché hanno scarsi argomenti per convincere: sono partiti, uomini politici, opinion leader, sette, gruppi religiosi, gruppi contrari alle vaccinazioni, ai farmaci e ad altre scoperte scientifiche.

Quest’anno la maggioranza delle fake news ha riguardato il covid, nel 2018, nell’ordine, il Governo, gli immigrati, i diritti (negati o che si vogliono far riconoscere), la salute (terapie, vaccinazioni, alimentazione ecc.), l’economia, episodi di cronaca nera [6].

Le notizie false sugli stranieri e sui rom quasi sempre spingono alla paura, all’antipatia, all’intolleranza, all’odio; quelle sul Governo a considerarlo inetto, incapace, incompetente, corrotto [6].

Butac, uno dei più importanti siti antibufale italiano, ha censito 428 siti che producono o diffondono fake news [7], escludendo le pagine Facebook e i siti che si proclamano satirici (in realtà inventare notizie false su qualcuno per riderci si chiama calunnia o bullismo e non satira, che è stata definita dalla Cassazione come “manifestazione di pensiero che indica alla pubblica opinione aspetti criticabili o esecrabili di persone, al fine di ottenere, mediante il riso suscitato, un esito finale di carattere etico, correttivo cioè verso il bene” [8]). NewGuard pubblica invece una lista di siti e giornali che creano o diffondono fake news sul covid [9].

.

.

Vi riportiamo la lista di Butac integrata con i siti italiani di New Guard:

5stellenews.com, 9-E-6-S, A chi sacciu, Accademia della Libertà, Adesso fuori dai coglioni, AGENews.eu, aidaa-animaliambiente.blogspot.it, albainternazionale.blogspot.it, alcyonpleiadi.blogspot.it, All-News.tv, Alleanza della salute, AllNews24.eu, altrarealta.blogspot.it, ambientebio.it, appunti2008.blogspot.it, Apriamo gli occhi, ApriLaMente (myblog.it), Aprite gli occhi, Aristocrazia Nera, AsSIS.it, attaccomirato.com, Attiviamoci, attivistam5snews.blogspot.it, Attivonews, AttivoTv, aurorasito.wordpress.com, Autismo e Vaccini, Autismovaccini.org, Avvistamenti di Creature Mitologiche, Azione di popolo, Banda Bassotti, BenessereFeed, benitomussolini.altervista.org, BitChute.com, blognews24ore.com, blogdieles.altervista.org, blogdieles2.altervista.org, bloginmovimento.altervista.org, blogopenyoureyes.altervista.org, Borderlinez.com, Breaknotizie.com, Buonamente.com, ByoBlu, Catena Umana, centrometeoitaliano.it, Chesuccede.it, Clicknotizie.it, Come i treni a vapore, ComeDonChisciotte.org, Comilva, Complottisti.info, compressamente.blogspot.it, Condividilo.org, Conoscenzealconfine.it, Contro i poteri forti, Contro la Massoneria e gli Illuminati, Contro Tv, Controinformo.info, controinformo.altervista.org, controinformoblog.altervista.org, Corriere della Pera, corrieredelmattino.altervista.org, Corrieredisera.it, cortesovrana.it, Coscienza Italiana, Cose che nessuno ti dirà, cosmofruttariano3m.altervista.org, CrimeNews, Cronaca Ora, CSSC – Cieli Senza Scie Chimiche, Curiosandoonline.com, Curiosity2013, curiosityalive.altervista.org, cvdiariodelpollinho.altervista.org, Dagospia.com, DatabaseItalia.it, delta-leveritanascoste.blogspot.it, Dentro la Notizia – RobyMaster, Dionidream, Dirby, direttainfo.blogspot.it, Direttanews.it, Direttanews24.com, direttanfo.blogspot.it, Dis-apprendere, Disinformazione.it, Disquisendo, Divieto.reattivonews.com, Eclissi Sociale official fanpage, Eco Tricolore, Eco(R)esistenza, ecocreando.weebly.com, ecologiasociale.info, ECPlanet, Effervescienza.com, essenzialmentedonna.altervista.org, essere-informati.it, Eticamente, europeannews.altervista.org, EuroSalus, EvidenzAliena, Fabio Netzach, Facebooknotizia.altervista.org, fenixx.org, filosofiaelogos.it, Frasideilibri.com, freeondarevolution.blogspot.it, Funvideosonline.info, futuroacinquestelle.altervista.org, Gazzetta24.com, Gazzettanews24.com, giornaleilsole.com, Giornale Today, Giornale24ore.com, globo365.info, Grande Cocomero, Gruppo ‘gnazzzio, Guarda.link, Guarda.one, guarireoggi.blogspot.it, Hack The Matrix, HowTodOfOr.com, imigliori.info, itruffatori.blogspot.com, Iconicon, Igienista Mentale (/igienistamentale), ilbellocheavanza.com, Il Faro Sul Mondo, Il Fattaccio, ilfattodalweb.com, ilgiornaleitaliano.it, ilgiornalenews.com, Il Giornale News.com, Il Greg, ilnavigatorecurioso.it, Il Nord, il Notiziario24.com, Il Patriota, Il Populista, Il Primato Nazionale, ilpuntosulmistero.it, il-quotidiano.info, il-giornale.info, ilbazarinformazione.blogspot.it, Ilmeglio-delweb.it, ilmessagero.altervista.org, ilmeteo.it, ilmondoquotidiano.altervista.org, IlMovimentoVaAvanti.altervista.org, ilnuovomondodanielereale.blogspot.it, ilradicale.altervista.org, ilrisvegliodellamente.altervista.org, ilsapereepotere.blogspot.it, ilsapereepotere2.blogspot.com, Imigliorivideo.com, ImolaOggi, Incazzati contro la casta, InfoClub88, infOrmal Tv, Informare Per Resistere, informare.over-blog.it, InformareXResistere, InformaSalus, Informatitalia, informazionebycuriosity.altervista.org, Informazionelibera.eu, ingannati.it, Interagisco.net, IO VI Spengo, Iozummo.com, Irresponsabile.com, Italia Hot Spot, Italia Malata, Italia Patria Mia, italiarialzati.com, italia.imigliori.org, Italiainmovimento.it, Italiani Compatti, Italiani-informati.com, Italianosveglia.com, Italianotizie24.eu, Italiapatriamia.eu, Jeda News, l’informazione alternativa, jedasupport.altervista.org, jhwhinri.blogspot.it, John Koenig Mb Koenig, Kevideo.eu, Killuminati Soldiers, Kontrokultura, L’alimentazione e gli illuminati, L’antipolitica, L’infiltrato.it, lolandesevolante.net, La Casta, La cruna dell’ago, La Finanza sul Web, La Fucina, La Gazzetta della sera, La leva di Archimede, La nuova medicina germanica, La Repubbica.it, La Repubblica.info, La Vera Italia, LaVerità.it, La Verità ci rende Liberi, La verità presente, lacucinasiciliana.altervista.org, lapillolarossa15.altervista.org, Last-webs.com, lastella.altervista.org, Lastnews24h.com, laveritadininconaco.altervista.org, Le notizie che non ti aspetti, Leggimiora.com, liberainformazioneonline.com, Liberamenteservo.com, Libero-notizie.com, LiberoGiornale.com, Libreidee, Linktoday.it, LiveWebIt.com, Lo Sai, Loguardoconte, Lonesto.it, Luca Nali, Luogocomune, madreterra.myblog.it, Mafia Capitale, Mamma In rete, Mariagrazias.com, MaurizioBlondet.it, Pastor Aeternus proteggi l’Italia, Mattino.ch, Medicinenon.it, MedNat.org, Messaggiero.com, MeteoWeb, Misteri d’Italia, Mistero, mondonews1.blogspot.it, Morasta.it, Morris San, Movimento anti NWO, Movimento Base Italia, MscNews, Musicaeanima.com, Neovitruvian.com, neovitruvian.wordpress.com, nessuna-censura.com, Nessuno tocchi la libera informazione, New Apocalypse, News in Movimento dal Web, News Time 24, News24italia, News24roma, Newscronaca.it, Newsitalys.com, newstime24.altervista.org, Nexus Edizioni, Nibiru2012.it, NO alla dittatoriale Unione Europea e al Nuovo Ordine Mondiale, NoCensura, NoGeoIngegneria.com, NoInvasione.com, Nonsiamosoli.net, Notixonline.com, Notixweb.com, notiziaitalica.altervista.org, Notiziario (/notiziario.face), notiziarioeuropeo.altervista.org, notiziariosegreto.wordpress.com, Notizie dal web, Notizie live, Notizie Ora, Notizie.universali.it, Notizie24h.net, notiziedalpopolo.altervista.org, Notizieflash.eu, notizieinmovimentonews.blogspot.it, Notizieregionali.com, Notiziespericolate.com, Nuovo Illuminismo, nwonuovoordinemondiale.wordpress.com, oggi24ore.altervista.org, Ogginotizie.info, Oh Mia Italia, olivieromannucci.blogspot.it, Oltre Le barricate (wordpress.com), Oltre TV, Ora Zero, Pandapazzo, Pandora TV, paoloferrarocdd.blogspot.it, paradisefruit.altervista.org, Perdavvero.com, PianetaBluNews, pianetax.wordpress.com, PioveGovernoLadro.info, politicanews.altervista.org, politikstube.com, presadicoscienza.altervista.org, Quello che i TG non dicono, Questa è L’ Italia, Questa è l’Italia di oggi, questaitalia.wordpress.com, Radio Radio tv, Radio Savana (su Twitter), raggioindaco.wordpress.com, Rainews24.live, Rassegnastampa.eu, realfunny.info, realscience.altervista.org, Reattivonews.com, Rec news, Redazione Segnidalcielo, Renovatio21.com, Repubblica24.com, Ribelli.eu, Rimani informato, ripuliamolitalia.altervista.org, Riscatto Nazionale, rischiocalcolato.it, rivoluzioneoraomaipiu.com, Robadapazzi.com, rollingston.altervista.org, Rosario Marcianò (/tankerenemy), Rothschild: la Bestia che domina il mondo, sadefenza.blogspot.it, SaltoQuantico, Saper-link-news.com, sapereeundovere.com, Scenari economici, Science news live, Scienza di confine, Scienza e conoscenza, Se ti fai un’altra birra la prima non s’incazza, Segni dal cielo, segretodistato.com, semplicipensieri.com, SenzaCensura, Siamo La Gente, siamorimastisoli.com, siamonapoletani.org, siamorimastisoli.today, Signoraggio.it, silenziefalsita.it, Sinistra Cazzate e Libertà, sitoaurora.wordpress.com, Skynew.it, Skytg24news.com, Socialbuzz.it, Socialnotixweb, SocialTv, SocialTv Network (/websocialtv), soloitaliani.com, Sono senza parole, Sostenitori.info, Sovranità Monetaria & Debito Pubblico, Sputtaniamotutti.com, Sputtaniamotutti.reattivonews.org, stefanomontanari.net, Stop alle scie chimiche, Stopeuro.org, Su la testa – Gianni Lannes, succedenelmondo.com, Summit.news, Suona e scappa, Supernotizie.net, Tactical Media Crew, Tanker Enemy, tankerenemymeteo.blogspot.it, terrarealtime.blogspot.com, terrarealtime2.blogspot.com, tg-news24.com, tg-quotidiano.net, tg24-ore.com, tg24h.altervista.org, Tg24italia.com, tg24notizie.altervista.org, Tg5stelle.it, Tgcom24news.com, Thelivingspirits.net, The Tonic Express, The-Black-Now, thecancermagazine.blogspot.it, thedayafter2012.blogspot.com, TicinoLive, tommix73, tuttiicriminidegliimmigrati.com, Tutto avra’ senso, Tutto24.info, Tuttoinweb.com, Ultimissime, Ultimora24.it, Un male tutto italiano, Questo regime è una vera piaga sociale, ununiverso.it, ununiverso.altervista.org, Uniti in piazza, USA Crimes, Uso il sarcasmo perché uccidere è illegale, V per vera informazione, Vaccini Basta, VacciniInforma, veritanwo.altervista.org, videoenotizie.it, videoscoop.info, Videoviraliweb.com, VigilantCitizen.com, viralmagazine.it, Vivoinsalute.com, Vnews24, Vocedelweb.com, VoxNews, VS Ora Basta, Web curioso, Web-news24.com, Webitalia360.com, webnews24h.it, webnotice.altervista.org, Webtg24.com, Wow che video, wwwblogdicristian.blogspot.it, You Net Spiegalevele, younetspiegalevele.altervista.org, Zapping2017, zapping2017.myblog.it, ZeroHedge.com, Zona grigia, zonagrigianews.com.

.

Vi starete chiedendo: “Ma ci sono anche giornali e notiziari televisivi famosi?!”. No! Vi sono solo siti che cercano di far credere di essere giornali e trasmissioni famose, storpiandone il nome o avendo un altro dominio internet. Insomma già il titolo è una fake.

Come si evince scorrendo i nomi di questi siti, le notizie false non sono appannaggio solo di una parte politica o ideologica, vi sono siti bufalari di destra, di sinistra e di centro, ecologisti e antiecologisti, religiosi e antireligiosi.

Qualche consiglio per non essere vittime e complici di chi fabbrica fake news.

1) Non diffondete mai una notizia prima di essere più che certi che non sia una notizia falsa. Diffondere notizie false è immorale (in alcuni casi è anche un reato), inoltre da vittime diventate complici di imbroglioni, truffatori, gruppi eversivi.

2) Diffidate di tutti i titoli sensazionalistici tipo: “Notizia shock”, “Ecco cosa ci nascondono i politici”, “Il segreto che i medici non voglio farti sapere”, ecc. Un articolo o messaggio con un titolo simile al 99% dei casi è una notizia falsa. Siate sospettosi anche degli articoli con titoli tutti in maiuscolo, con punti esclamativi o che invitano a condividere il messaggio ad altre 10 persone o ai vostri contatti.

3) Verificate che la fonte non sia uno degli oltre 400 siti sopra riportati (purtroppo la lista è in continua evoluzione perché alcuni siti cambiano nome o muoiono e ne nascono altri). Diffidate anche di giornali quali Libero, Il Giornale, La Verità che spesso hanno diffuso notizie false o riportato in maniera truffaldina notizie vere.

4) Cercate su un sito antibufala se la notizia è segnalata. Basta digitare su un motore di ricerca www.butac.it o www.bufale.net o https://bufalopedia.blogspot.com seguito dalle parole chiave della notizia avuta. I siti antibufala purtroppo ci mettono almeno un paio di giorni per smascherare una bufala.

5) Verificate se i ragionamenti dell’articolista non sono basati su fallacie logiche [10].

6) Controllate se gli eventuali dati sono riportati sia in termini assoluti che relativi, perché altrimenti non se ne può trarre nessuna conclusione. Per esempio, se leggete “Scoperta una sostanza che aumenta del 300% la rigenerazione dei capelli” non possiamo dedurre che è efficace, perché se prima la rigenerazione era 0 (come nei calvi) e dopo il farmaco continua a essere 0 si può anche dire che c’è stato un aumento del 300%: 0x300 è infatti uguale a 0.

7) Non pensate che poiché la notizia vi è stata trasmessa da un amico o conoscente degno di fede allora è vera, perché, come abbiamo detto, anche persone istruite e per bene sono vittime di fake news.

In ultimo un consiglio: se più volte avete presa per vera una bufala sappiate che siete una persona che facilmente può essere ingannata: è bene, quindi, che prendiate serenamente consapevolezza di ciò e siate molto accorti, perché potreste essere vittima di truffatori, manipolatori, sette e persone senza scrupoli.

.

.

Fonte: www.giardinodimarco.it

.

.

.

Note: 1) Islam MS: COVID-19-Related Infodemic and Its Impact on Public Health: A Global Social Media Analysis, The American journal of tropical medicine and hygiene, 2020, 103(4):1-9; 2) https://science.sciencemag.org/content/359/6380/1146.full; 3) Istituto Eumetra Monterosa, 2018; 4) https://www.butac.it/i-luoghi-comuni-e-le-fake-news; 5) https://tg24.sky.it/mondo/2017/03/28/faq-fake-news-post-verita; 6) AGICOM https://www.key4biz.it/wp-content/uploads/2018/11/Allegato-22-11-2018.pdf; 7) www.butac.it/the-black-list; 8) Prima sezione penale della Corte di Cassazione, sentenza n. 9246/2006; 9) https://www.newsguardtech.com/it/coronavirus-misinformation-tracking-center; 10) Per una brevissima illustrazione delle fallacie logiche si veda www.psyjob.it/le-fallacie-una-introduzione-ai-piu-comuni-inganni-dellargomentazione.htm, per saperne di più si legga: FF. Calemi e MP. Paoletti Cattive argomentazioni: come riconoscerle. Ed. Carocci, 2014.

 

 

.

.

.

.

.


Mar 8 2021

Cinemovel e Libera: “Schermi In Classe Film Festival”

.

.

.

.

Prenota il tuo posto a Schermi in Classe Film Festival

.

Dal 15 al 19 marzo, luci accese su Mymovies.it per la prima edizione di Schermi In Classe Film Festival, promosso da Cinemovel e Libera e dedicato alle scuole.

Un festival di cinema per riflettere con studenti e insegnanti su mafie, futuro e cittadinanza, in attesa del 21 marzo, Giornata nazionale della Memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti di tutte le mafie.

Al termine della visione il regista, l’autore, gli attori, in collegamento video, incontreranno il pubblico virtuale, rispondendo a commenti e domande, e dialogando con gli spettatori.
Le proiezioni e gli incontri sono aperti e gratuiti, con inizio ogni mattina alle 10.00.

Il Festival prenderà il via lunedì 15 marzo con la proiezione di Selfie (2019) di Agostino Ferrente, David di Donatello come miglior documentario per il 2020. Un film in cui i giovani protagonisti Alessandro e Pietro si autofilmano nella loro quotidianità, cellulare alla mano e sguardo sempre in camera. Siamo nel rione Traiano di Napoli, zona ad alta densità camorrista, dove nel settembre 2014, a soli 16 anni, Davide Bifolco fu ucciso da un carabiniere che lo aveva scambiato per un latitante.

Alla fine del film incontro con Agostino Ferrente, regista del film.

Il secondo appuntamento martedì 16 marzo con il pluripremiato Alla mia piccola Sama (2019), regia di Waad Al-Khateab e EdwardWatts, porterà studenti e insegnanti tra la gioventù siriana nella città di Aleppo schiacciata dalla dittatura di Bashar Al–Assad e dal dramma della guerra civile

Mercoledì 17 marzo, con La terra dell’abbastanza (2018) dei fratelli Damiano e Fabio D’Innocenzo, si torna in Italia, con una storia ambientata nella periferia di Roma. I protagonisti, Mirko e Manolo, sono due ragazzi tranquilli, la cui vita verrà sconvolta da un incidente notturno che li catapulterà nel mondo della criminalità capitolina.

Giovedì 18 marzo, la proiezione de La nostra strada (2019) di Pierfrancesco Li Donni, il film che racconta la storia di quattro adolescenti di Palermo all’ultimo anno delle scuole medie, ormai destinati ad affacciarsi all’universo dell’adolescenza, tra emozioni e incertezze.

Alla fine del film incontro con Pierfrancesco Li Donni, regista del film.

Venerdì 19 marzo, a chiusura del festival La famosa invasione degli orsi in Sicilia (2019), il film di animazione di Lorenzo Mattotti tratto da un romanzo di Dino Buzzati. La storia narra le vicende di un gruppo di orsi che, durante una fredda stagione invernale, per sopravvivere e non morire di stenti, sceglie di andare verso valle e invadere il Granducato di Sicilia.
Alla fine del film incontro con Ornella Mura del Museo Nazionale del Cinema di Torino.

Per assistere gratuitamente alla visione dei film in streaming sarà sufficiente collegarsi dal proprio computer, tablet o device all’indirizzo www.mymovies.it/ondemand/cinemovel, selezionare il film da vedere e prenotare uno dei 3.000 posti disponibili in ogni sala web. Gli insegnanti potranno vedere i film direttamente dall’aula o coordinarsi con gli studenti per seguire il film ognuno dalla propria abitazione.

Per ogni film è disponibile sul sito di Schermi in Classe un kit didattico comprensivo di proposte per attività da realizzare prima e dopo la visione – www.cinemovel.tv/sic/festival. La piattaforma MYmoviesLIVE simula fedelmente la visione di un film al cinema, i posti assegnati sono limitati e numerati.

.

Fonte: cinemovel.tv

.

.

.

Il tuo 5X1000 a Cinemovel, non ti costa nulla

Dal 2001 Cinemovel fa viaggiare il cinema sulle strade del mondo per contribuire allo sviluppo culturale, sociale ed economico dei luoghi che attraversa. Ogni chilometro percorso avvicina un film a una comunità, mette in dialogo campagna e città, centro e periferia, paesi con altri paesi, culture con altre culture.

Con il tuo 5×1000 puoi viaggiare con noi e permettere al cinema di fare ciò che fa fin da quando è nato: raccontare storie.

CF 91305730375

.

.

.

.

 


Mar 2 2021

Mario Draghi. Chi l’ha voluto al governo e cosa farà contro l’Italia

.

.

.

.

 

di Francesco Amodeo

Le frasi che vanno per la maggiore da alcune settimane in TV, ripetute da tanti come fossero mantra, sono: “Draghi è un personaggio di alto profilo”.Draghi è una persona competente”.

Fin qui non ci piove. Ma la competenza ed il profilo autorevole di una persona sono una risorsa per coloro, di cui porta avanti gli interessi. Per gli altri diventano un’arma puntata addosso contro la quale diventa sempre più difficile difendersi. Allora invece di concentrarci sull’indubbia autorevolezza di Mario Draghi e sulla sua indiscussa competenza, dovremmo chiederci: le userà a favore o contro i popoli? A favore o contro i lavoratori? A favore o contro gli interessi nazionali? Questo a noi deve importare. E non possiamo avere risposta più attendibile se non giudicandolo da come si è già comportato in passato, quando gli interessi dell’Italia, si contrapponevano agli interessi di quelle élite finanziarie, di cui lui è autorevole espressione.

Non dimentichiamo che Mario Draghi proviene dal Gruppo dei 30 il più esclusivo dei Club dei membri delle élite della finanza internazionale, non viene certo da un sindacato dei lavoratori, quindi il problema dobbiamo porcelo. Questa competenza a disposizione di chi vuole metterla?

Nel 1992 a bordo dello yacht dei reali inglesi, il Britannia, nella conferenza per le privatizzazioni, quella sua competenza la usò per permettere, alla spietata e controversa banca d’investimenti americana Goldman Sachs, di fare affari d’oro. Ed infatti, fece poi carriera in quella stessa banca. Col senno di poi si possono analizzare i dati. Quelle privatizzazioni del 92 furono un disastro per il paese, una vera e propria svendita. Ultimamente ne abbiamo avuto testimonianza anche con la sciagurata gestione di Autostrade per l’Italia. Eppure Draghi in quella occasione usò la sua competenza. Ma lo fece a favore di Goldman Sachs che poi lo volle nel proprio organico. Con i derivati di stato abbiamo visto nuovamente tutta la competenza di Draghi. Ci sono banche che hanno fatto registrare introiti miliardari con quei controversi strumenti, ma per le casse dello stato si sono dimostrate delle armi finanziarie di distruzione di massa. Nel 2011 abbiamo dovuto dare 4 miliardi alla banca Morgan Stanley dove (tra l’altro) lavorava proprio il figlio di Mario Draghi. C’è stata una inchiesta giudiziaria per una clausola inserita in quei contratti che potrebbe aver causato un danno erariale incommensurabile: 4 mila milioni di euro solo per quella operazione. Draghi ancora una volta aveva esercitato, in quel settore, tutta la sua competenza ma per gli interessi privatistici del mondo bancario, che infatti lo volle poi nel ristrettissimo Gruppo dei 30, dove intanto avevano preparato il “Derivatives, practice and principles” ossia il manuale delle istruzioni dei derivati che arrivò sulla scrivania di tutti i pezzi da novanta del mondo e bancario e finanziario, che adottarono quegli strumenti senza regolamentarli come prescritto nel lavoro del G30, contribuendo a causare il più grande crack finanziario della storia moderna. Nel 2011, Draghi avrebbe potuto usare finalmente la sua competenza e la sua autorevolezza a favore del popolo italiano. Evitando che crollasse un governo democraticamente eletto e che l’Italia venisse commissariata dagli “aguzzini” della finanza internazionale. Bastava soltanto una sua frase. Invece quel “Whatever in Takes” lo pronunciò solo quando il governo crollò. Con il Quantitative Easing, e con gli atri strumenti di finanziamento adottati dalla Bce, avrebbe potuto vincolare le banche a far arrivare soldi all’economia reale, a diminuire il debito privato, ad aiutare direttamente cittadini, aziende, lavoratori. Invece ha prima vincolato le banche italiane ad acquistare i titoli di stato in pancia alle banche straniere e poi ha vincolato la Banca d’Italia a rastrellare quei titoli in pancia alle nostre banche. In pratica il debito delle banche diventava un nostro debito.

Se analizziamo il grafico del saldo Target 2 tra Germania e Italia, saltiamo dalla sedia. Ci accorgiamo, infatti, che con l’inizio delle operazioni di rifinanziamento della Bce, l’Italia è passata da un saldo positivo ad un saldo estremamente negativo. Ma quei debiti dell’Italia sono diventati crediti della Germania.

Ancora una volta la competenza di Draghi è stata mal riposta ed è servita a togliere dai guai le banche tedesche, e come dice lo stesso Mario Draghi, per salvare la moneta unica. E qui arriviamo al punto. Se la nostra idea è quella che si debba salvare l’euro, gli interessi delle grandi istituzioni finanziarie, allora serve la competenza e l’autorevolezza di Draghi. Se invece volessimo salvare gli italiani ed il paese dai danni incommensurabili del sistema che l’euro ci impone e dalla supremazia delle speculazioni finanziarie sull’economia reale, siamo proprio sicuri che non stiamo armando il nostro aguzzino?

A me pare invece evidente che chi stia appoggiando questo governo, stia attirando gli italiani in una trappola per topi chiamata governo tecnico, usando la promessa delle future elezioni come esca al posto del pezzo di formaggio. Le forze politiche in Parlamento hanno votato la fiducia al nuovo governo. A questo proposito leggo commenti provenienti dai partiti, anche di quella che dovrebbe essere considerata l’aria sovranista che parlano delle urne come via maestra. “La parola dovrebbe passare agli italiani” però a “certe condizioni e per un periodo limitato di tempo, abbiamo deciso di dare l’assenso al governo Draghi”, dicono.

Allora chiariamo subito una cosa. Il precedente governo tecnico è stato quello di Mario Monti anche lui uomo Goldman Sachs come Draghi. Prendiamo per ipotesi, che anche in passato, avessimo imposto a Monti una finestra temporale per governare molto breve, in attesa di rimandare al voto gli italiani.

Mario Monti entra in carica a novembre 2011. Ad aprile 2012 (ossia 5 mesi dopo) viene modificata la Costituzione per inserire il pareggio di bilancio. Non si era mai visto, nella storia della Repubblica italiana, una legge costituzionale approvata in tempi così brevi, se si pensa che tra una lettura e l’altra devono passare almeno 3 mesi.

Mario Monti ratifica anche il Fiscal Compact ed il MES a luglio 2012 ( dopo 8 mesi di governo). A quel punto la parentesi di quel governo tecnico poteva anche chiudersi lì. Quello che aveva firmato in pochi mesi, aveva già vincolato per sempre l’Italia all’austerity. Qualsiasi governo venuto dopo, anche se uscito da elezioni democratiche, anche se di natura sovranista, avrebbe avuto le mani legate su tutto. Sulla spesa pubblica; sull’intervento dello stato; sulle politiche di spesa, di bilancio, sulle politiche fiscali. Tutto era stato compromesso. L’Italia in 8 mesi di quel governo tecnico passava, infatti, da Repubblica democratica fondata sul lavoro ad una tecnocrazia fondata sul pareggio di bilancio. Fine della storia.

Quando entrano in campo gli uomini Goldman Sachs il parametro tempo diventa ingannevole e irrisorio. Quello che avrebbe salvato l’Italia da Monti e che oggi potrebbe salvare l’Italia da Draghi – o comunque dalla cricca a cui entrambi appartengono – non è il fattore tempo su cui si sta concentrando la politica e l’opinione pubblica per gettare fumo negli occhi, ma sulla natura limitata del mandato. Bisognava pretendere in passato e bisogna pretendere oggi, che un governo tecnico possa svolgere solo mansioni di ordinaria amministrazione per traghettare il paese verso elezioni democratiche. Non può firmare trattati internazionali, perché non ha la legittimazione popolare per farlo. Non può firmare accordi con istituti finanziari; non può sottoscrivere vincoli o trattati. Solo ordinaria amministrazione. Provate a proporre una condizione del genere e vedrete che Draghi toglierà il disturbo. Intanto, se questa condizione l’avessimo pretesa con Monti, avrei voluto vedere quale partito si sarebbe poi presentato agli elettori affermando di voler ratificare il Mes, il Fiscal Compact, il Pareggio di Bilancio.

Chi oggi invita a sostenere il governo Draghi, purché abbia un mandato a tempo, sta trascinando l’Italia in una trappola. Punto. Sanno tutti bene che alle prossime elezioni vincerà il centro destra ed ora approfitteranno di questo intermezzo tecnico per blindare il paese. Per ingabbiare il paese. Fine della storia.

Oltretutto gli uomini Goldman Sachs hanno da sempre agito come fossero un Cartello.

Analizziamo i fatti. Nel 2011 due uomini provenienti della Goldman Sachs, Mario Monti e Mario Draghi, diventano rispettivamente, presidente del Consiglio del governo tecnico in Italia e Governatore della Banca Centrale Europea. Tutto avviene nell’arco di due settimane: Draghi il 1 novembre 2011 e Monti il 16 novembre 2011. Ma tra quelle due date, si inserisce quella di un’altra figura collegata a Goldman Sachs: Lucas Papademos diventa il presidente del Consiglio tecnico in Grecia l’11 novembre del 2011. Già la tempistica detta qualche sospetto sul legame tra i tre ma proviamo ad analizzare cosa avessero in comune e che ruolo abbia avuto la Goldman Sachs nell’intreccio.

Monti era arrivato al governo tecnico in Italia a causa della crisi dello spread indotta dalle grandi banche tra cui proprio la Goldman Sachs.

La stessa Goldman Sachs che aveva contribuito a truccare i conti della Grecia per permetterle di entrare nella gabbia dell’euro, insieme all’allora Governatore della Banca di Grecia che era proprio Lucas Papademos ed utilizzando dei derivati che chiamano in causa proprio Mario Draghi.

A denunciare pubblicamente che i conti della Grecia fossero stati truccati dalla Goldman Sachs, fu l’ex primo ministro greco Giorgos Papandreou. E sapete cosa accade dopo? Papandreou fu costretto dai “mercati” alle dimissioni e fu sostituito proprio da chi quei conti aveva contribuito a truccarli, ossia Papademos, che è stato anche vicepresidente della Banca Centrale europea.

In pratica Goldman Sachs, operando sui mercati, tra crisi indotte e conti truccati aveva piazzato nella stessa settimana, tre dei suoi uomini in posti chiave in Europa.

Queste dinamiche sono state da me ampiamente descritte e documentate nel libro inchiesta La Matrix Europea.

Draghi, come abbiamo anticipato, ebbe i primi rapporti con la banca d’affari americana nel 1992 offrendole su un piatto d’argento e a prezzi di saldo, le aziende e le banche pubbliche italiane, nella conferenza sulle privatizzazioni che si tenne a bordo del Panfilo Britannia, tra champagne e caviale, nonostante la sfarzosa minicrociera fosse stata organizzata soltanto dieci giorni dopo l’omicidio di Giovanni Falcone, con tutto il paese in lutto.

Oggi l’uomo Goldman Sachs prende in mano le redini del governo italiano. Volevo che anche voi conosceste questa storia.

.

Fonte: sinistrainrete.info

.

.

.

_______________________________________________________
Approfondimento (madu)

Mario Draghi
Group of 30  (Gruppo dei 30)
Goldman Sachs
Privatizzazioni dal 1987 al 1999

.

.

.

.

.