Nov 8 2017

Un cittadino del mondo…

.

.

.

Un campo è fatto di polvere, terra, erba, semi, piante.. Possono essere prese in prestito con rispetto e moderazione. Ma non si possono possedere. Nessuno può possederle.

La Natura non si può acquistare!

Chi acquista un pezzo di terra non deve dimenticare che il primo proprietario è stato colui che se ne è appropriato, rubandolo al pianeta.

La terra, i semi, le piante, gli animali appartengono a tutti, e devono essere utilizzati secondo esigenze vitali e non di sfruttamento. E’ assurdo poter pensare di poter trarre profitto trasformando (OGM) o sfruttando senza criterio i beni naturali e sottraendoli, in alcuni casi, a chi ne ha più bisogno.

Chi pensa il contrario è un CRIMINALE!

Ricordiamo a questi “signori” urlando tutti insieme con fermezza e rabbia che i beni naturali sono un diritto dell’umanità!L’acqua è di tutti! Il cibo è di tutti! L’aria è di tutti! Le foreste sono di tutti! Gli animali sono di tutti! I fiumi sono di tutti! Il mare è di tutti! Il pianeta è di tutti! L’universo è di tutti! L’uomo è di tutti! Chi vuole far di queste cose proprietà privata e sfruttarla a suo vantaggio, vuole la morte del mondo e deve essere fermato ad ogni costo!

L’uomo è una creatura del pianeta! Sarebbe troppo riduttivo pensare di essere cittadino, prima di un continente, poi di una nazione ed infine di una città.

L’uomo è parte della Natura e come tutte le altre creature non può appartenere a nessun’altro che a sé stesso e non può essere sfruttato! Egli mette a disposizione del pianeta la sua forza e la sua umanità!

E per queste caratteristiche universali egli è uguale dappertutto! Tutti gli uomini sono nati liberi e chi ha deciso di porre dei confini al mondo se ne deve assumere la responsabilità!

Purtroppo, finché esisteranno confini, proprietà da proteggere, poteri da conservare e beni da sfruttare, ci saranno sempre in giro per il mondo creature che fuggiranno da guerre e soprusi. Questi spiriti liberi sono continuamente in cerca di una nuova terra dove mettere a disposizione la loro forza e la loro umanità. E quando pensano di averla trovata si accorgono del duro prezzo da pagare per sopravvivere.

La terra che avevano sognato rimane un sogno. Sfruttati, malmenati, ingannati, isolati…e oggi anche MARCHIATI!

.

Un cittadino del mondo

.

.

.

.

.


Apr 27 2016

TTIP: pericolo d’invasione dei nuovi OGM sul mercato europeo

.

.

FB-OGM-1200x800 (1)

.

In Europa abbiamo respinto in massa gli OGM e la maggioranza dei Governi ha iniziato a vietare la loro coltivazione.

Ma il TTIP ( Il Trattato Transatlantico sul Commercio e gli Investimenti che Europa e Stati Uniti stanno discutendo a porte chiuse) potrebbe far rientrare dalla finestra gli OGM che abbiamo fatto uscire dalla porta!

Gli USA infatti stanno cercando di forzare l’entrata degli OGM nel mercato europeo, mascherandoli da prodotti convenzionali, con la scusa che sono stati ottenuti con “nuove tecniche biotecnologiche”.

Ma il parere legale della Commissione Europea, che è chiuso in un cassetto da mesi per via delle pressioni USA, dice esattamente il contrario!

Travestiti da prodotti qualsiasi i nuovi OGM potrebbero arrivare sulle nostre tavole senza le dovute valutazioni e senza nessuna etichettatura.

Se il TTIP verrà approvato, i nuovi OGM troveranno la strada spianata!

DOBBIAMO AGIRE SUBITO! INVIA UN TWEET AL MINISTRO MARTINA!

Facciamo pressione sul Governo per bloccare il TTIP e i nuovi OGM. SCRIVI AL MINISTRO MARTINA!

INVIA IL TWEET

Scriviamo al Ministro per le Politiche Agricole e Forestali Martina! Se siamo in tanti non potrà ignorarci! Ecco il testo del Tweet che puoi inviare:

.@maumartina non vogliamo nuovi OGM nei nostri piatti! #NewGMOs #StopTTIP http://bit.ly/1TuMuQb

INVIA ORA IL TUO TWEET

.

.

NON SOLO TWITTER!

Inoltra questa email ai tuoi amici e…VIENI IN PIAZZA! Sabato 7 Maggio a Roma ci sarà una grande manifestazione nazionale per fermare il TTIP. Il ritrovo è alle ore 15.00 a Piazza della Repubblica: non mancare!

Grazie per quello che farai.

 

Federica Ferrario
Campagna Agricoltura Sostenibile e Progetti speciali

.

Fonte: Greenpeace

.

.
.
.
.
.
.

Gen 3 2016

USA: arriva il super salmone ogm!

.

.

kaosenlared.net_

.

Non bastavano gli allevamenti intensivi dove i salmoni, come ogni altro animale, vengono cresciuti in condizioni inaccettabili per i pesci stessi e per chi se ne nutre. Adesso dagli Usa arriva anche un super salmone ogm, capace di raggiungere il peso utile per essere messo in commercio in 16-18 mesi anziché nei 30 mesi necessari a un esemplare tradizionale. Per le industrie significa ottenere più cicli di produzione e ridurre i costi di allevamento. A novembre l’agenzia governativa statunitense che si occupa della regolamentazione degli alimenti e dei medicinali ha dato il via libera alla commercializzazione di questo salmone geneticamente modificato sostenendo che è nutriente come quello dell’Atlantico e che non c’è alcuna differenza biologica con un salmone tradizionale.

.

Il salmone sta piangendo

di

Ridono quando si sparge la notizia che “presto potremo avere nei nostri piatti filetti di salmone transgenico“, visto che lo scorso mese di novembre e per la prima volta nella storia la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti [1] ha stabilito che, dal punto di vista nutrizionale, il salmone Ogm AquAdvantage è un alimento identico al tradizionale salmone atlantico.

Ridono perché sanno bene che, transgenici o no, cresciuti in allevamenti intensivi e in una monocoltura, questi animali ingrassano in condizioni inaccettabili. In Cile, potenza leader nel settore, con una produzione annuale lorda di 800 mila tonnellate di salmonidi, vengono utilizzati circa sette chilogrammi di antibiotici ogni 10 tonnellate di produzione.

Ridono quando la notizia spiega che la modifica transgenica consente ai salmoni in questione di raggiungere il loro peso commerciale, circa cinque chili e mezzo, tra i 16 e i 18 mesi, a differenza dei 30 mesi necessari a un salmone tradizionale.

Ridono perché sanno bene che, crescendo in allevamenti intensivi, ciò che aumenterà sarà la capacità di produrre salmoni: se crescono più velocemente si potranno ottenere più cicli nello stesso periodo e, di conseguenza, maggiore sarà il sovrasfruttamento delle principali zone di pesca pelagica del pianeta con le quali si riforniscono questi allevamenti marini. Come, per esempio, lo sgombro, la cui pesca nelle acque cilene è scesa, tra il 1994 e il 2010, da 4,4 milioni di tonnellate annue a meno di 800 mila tonnellate.

Ridono e pensano alla balenottera azzurra, la più emblematica delle vittime dell’inquinamento generato dall’industria dell’allevamento intensivo di salmoni in gabbia.

Sanno che con un salmone che avrà una crescita più veloce, l’inquinamento avrà un’accelerazione e gli accordi adottati dalle industrie del salmone per “incoraggiare modelli produttivi responsabili, sotto l’aspetto sociale ed ambientale”, saranno, come già sono adesso, solamente belle parole in un affare molto sporco. Le spiagge del sud del Cile e i suoi fondali marini sono depositi di rifiuti di plastica, cavi metallici, vecchie reti e altri oggetti provenienti da questo settore.

Ridono perché questo animale transgenico, evoluzione della scienza, non è pensato per migliorare le condizioni lavorative e sanitarie del settore, che non sono per niente buone. Infatti, secondo il governo cileno, più dell’80 per cento delle aziende violano le norme più elementari e solo tra settembre ed ottobre tre lavoratori sono morti sul loro posto di lavoro, per incidenti sulle imbarcazioni per il trasporto delle gabbie di contenimento o durante lavori in immersione per il controllo delle stesse.

Ridono quando ascoltano i discorsi che ripetono: i progressi transgenici salveranno il mondo.

Ridono perché la notizia presenta il salmone transgenico come un superman “che contribuirà allo sviluppo di un settore economico diventato una risorsa fondamentale per l’economia cilena”. Un settore, quello dell’allevamento intensivo dei salmonidi per l’esportazione, che, e ridono, sanno che se ancora sta in piedi è perché tutta la popolazione cilena lo sta sovvenzionando con le proprie tasse. Si stima che prima della fine dell’anno, un primo gruppo di 400 lavoratori del settore sarà licenziato, nel quadro dei processi di “aggiustamento”. E tra le cause della cosiddetta “tempesta perfetta”, c’è una crescita accelerata e una sovrapproduzione, con caduta dei prezzi internazionali, che il salmone transgenico probabilmente estenderà ancora di più. Attualmente la grande maggioranza di imprese cilene di allevamento dei salmoni si trova in una situazione molto delicata; infatti, le loro azioni in borsa hanno registrato un calo medio del 93 per cento da quando sono entrate nel mercato.

Ridono perché, prima, si immaginano gli oceani invasi da salmoni colossali che mangiano e ingrassano senza sosta. Poi, un oceano desertico. Perché i signori dell’industria dei salmoni transgenici, dicano quel che dicano, prendano le misure che prendano, che siano sterili o che siano allevati in vasche a terra lontano dalle coste, non è impossibile che questi esemplari si riproducano in mare.

E ridono, con una smorfia che non nascondono più, quando spiegano che tutto questo non è questione di salmoni.

Approvare un animale transgenico è il primo passo -in un mondo intessuto di trattati di libero commercio- per incrementare il consumo di massa di prodotti di origine franken-animale che saranno prodotti industrialmente da una manciata di multinazionali e commercializzati da poche altre grandi catene di supermercati, controllando i modelli di consumo della popolazione urbana, constituendo contemporaneamente un devastante impatto su chi produce cibo in base a modelli su piccola e media scala.

Ridono

Ma ridono per non piangere.

.

Fonte: comune-info.net

.

.

___________________________________________________

[1] Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali: ente governativo statunitense che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici

.

.

.

.


Dic 1 2015

Omicidio contadini in Brasile: condannata la Syngenta (produttrice OGM e pesticidi)

.

.

WEB-interna-1-Caveira

.

Syngenta condannata per l’omicidio dei contadini in Brasile

Il produttore svizzero di OGM e pesticidi, SYngenta, è stato riconosciuto legalmente responsabile dell’assassinio del contadino Valmir de Oliveira (meglio conosciuto come Keno) e il tentativo di omicidio di Isabel de Nascimiento de Souza. I due erano membri della Via Campesina e sono state vittime nel 2007 degli attentati da parte di guardie armate private.

 

Tutto iniziò nel marzo 2006, nei campi sperimentali in Paranà, che furono occupati da 70 famiglie di agricoltori per protestare contro la riproduzione di semi transgenici nello stato del Paranà dove è illegale coltivare soia OGM. Dopo sei mesi di resistenza, gli occupanti hanno dovuto lasciare le terre per poi tornarci al fine di sollecitare l’esproprio da parte delle autorità dei terreni dove le aziende coltivano illegalmente semi transgenici, tra cui quello della Syngenta, e ridistribuirli ai contadini per la riproduzione dei semi locali.

In un primo momento, i contadini sono riusciti a fermare le quattro guardie che pattugliavano la proprietà dell’azienda e a consegnare le armi alla polizia. Tuttavia, dopo alcune ore, è sopraggiunto un furgone con circa 40 pistoleros che hanno attaccato l’accampamento con l’intento di recuperare le armi illegali ed uccidere i leaders del movimento. La polizia federale ha arrestato, con l’accusa di omicidio, un membro del servizio di sicurezza ingaggiato da Syngenta Seeds a difesa delle sue proprietà. La risoluzione, emessa dal giudice Pedro Ivo Moreira è stata pubblicata pochi giorni fa sulla gazzetta Ufficiale: la Sentenza ha stabilito che la società deve corrispondere una compensazione ai parenti delle vittime dell’aggressione per avere causato danni morali e materiali. Il giudice ha riconosciuto che l’incidente nel campo sperimentale di Syngenta è stata una vera e propria strage. Nella suo parere finale, ha precisato che “ sostenere che ciò che è accaduto sia stato solo un confronto è chiudere gli occhi alla realtà, dal momento che (..) non c’è dubbio che si trattava di una strage”. Con questo, la versione presentata dalla Syngenta è stata respinta dalla magistratura. La società ha sostenuto che l’attacco nel 2007 si tradurrebbe in un confronto tra guardie di sicurezza private e membri di Via Campesina.

In sua difesa, Syngenta ha riconosciuto l’illegittimità dell’azione delle guardie private e il timbro ideologico della lotta di Via Campesina e il Movimento Sem Terra. La società ha dichiarato che “più che difendere la proprietà, le guardie private avevano lo scopo di difendere una posizione ideologica che è contraria a quella dei movimenti, così da far capire che ad ogni azione corrisponde una reazione”. Con questa posizione la compagnia ha cercato di eludere la propria responsabilità, dicendo che l’attacco non è stato fatto dalla società,  a cui la Syngenta ha delegato la sicurezza, ma da una milizia comandata dai proprietari terrieri di quegli appezzamenti.

Tuttavia, nella sua decisione, la Corte ha riconosciuto che è stata “una pessima scelta la fornitura di servizi di sicurezza in outsourcing, nonché il finanziamento indiretto ad attività illecite sono tutte ragioni di responsabilità”. Inoltre, afferma che “per quanto sia stata riprovevole e illeggittima l’invasione di campo dei contadini, non si sarebbe dovuto agire per conto proprio ma cercare i mezzi legali per risolvere il conflitto, dopo tutto la legge criminalizza l’esercizio arbitrario delle proprie ragioni”.

La sentenza non è ancora definitva. Syngenta, attraverso il suo avvocato, Renne Ariel Dotti, ha presentato ricorso al tribunale dello Stato di Paranà. Per l’avvocato della parte lesa, Fernando Prioste, “ ci sono prove schiaccianti contro la società. L’assoluzione di Syngenta significherebbe complicità del sistema giudiziario con le stragi e con l’accaduto specifico”.

Eccezione alla regola

L’attivista aggredita, Isabel dos Santos si è detta felice per la compensazione economica. La donna fu gravemente ferita durante l’attacco del 2007 ed ha sottolineato che è un importante riconoscimento da parte della giustizia della responsabilità dell’impresa.

“ È ora di alzare la testa, cercando di dimenticare le sofferenza che abbiamo subito! La lotta non è conclusa”, ha affermato la donna.

Il rappresentate del MST della regione, Eduardo Rodrigues, ha sottolineato l’importanza della decisione. Secondo Rodrigues,  è comune l’impunità delle grandi aziende che violano i diritti umani, mentre i membri del movimento contadino sono criminalizzati per la lotta all’opposizione al modello dell’agrobusiness. “l’attacco non è avvenuto al segreto della multinazionale”, si lamenta il contadino. “loro non hanno solo il sostegno istituzionale ma anche un sostegno finanziario e logistico”. “spero che questa decisione della Corte dia visibilità al nostro impegno”.

Il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite che si occupa di diritti umani si recherà in Brasile nel mese di dicembre per la creazione di un trattato, utilizzando il caso di condanna contro Syngenta in riferimento alla responsabilità di grandi imprese che commettono violazioni dei diritti umani attraverso società di outsourcing.

La Syngenta è in possesso del 19% del mercato degli agrochimici e la terza compagnia con il profitto più grande del mondo nella commercializzazione dei semi, dopo Monsanto e Dupont. Insieme impongono un modello agricolo basato sulla monocultura, nell’ipersfruttamento dei lavoratori, nel degrado ambientale, l’uso dei pesticidi e l’appropriazione indebita delle risorse naturali e genetiche.

Nella zona in cui è avvenuto l’incidente, opera attualmente il Centro di Ricerca in Agroecologia chiamato in onore del contadino morto, “Keno”.

.

Fonte: AIAB

.

.

.

.

 

 


Ott 10 2014

In attesa dell’Expo 2015 si riparla degli OGM

.

.

Expo_2015_Milano

.

Se(mi)natrice a vita. Di Ogm

La prismatica vicenda Ogm non smette di offrire spunti e angoli di visuale. Il protagonismo in materia sulle pagine di Repubblica della Senatrice Cattaneo ne è fertile esempio, analogo a quello dell’ex Senatore Umberto Veronesi, da tempo lanciato nella promozione taumaturgica di Ogm al di là da venire (semmai arriveranno). Sarà l’imminenza dell’Expo 2015 di Milano dedicato al tema del cibo, sarà l’effervescenza del dibattito sulle colture transgeniche, sarà la fame di polarizzazione di cui si saziano i media, sarà l’autorevolezza della firma a doppia qualifica di scienziati e legislatori, ma la numerosità, periodicità e tempestività dei commenti a tema Ogm è degna dei più attivi blogger.
Non vi è dubbio alcuno che ogni materia di rilevanza sociale debba aprirsi a un confronto cui ognuno è abilitato a contribuire, sulla base delle proprie convinzioni, esperienze, ragionamenti, informazioni, timori. Se ha competenze specifiche, meglio, pur non essendo prerogativa di legittimità. Vale per gli Ogm come per le staminali. Gli articoli della Senatrice Cattaneo rientrano di diritto tra i contributi pieni di liceità, incluso il fatto che rivendichi di esercitare la propria convinzione scientifica in un ambito assai diverso da quello di sua pertinenza disciplinare. Presentano però una protervia carica di scientismo e tendono a giocare il ruolo di ariete di sfondamento sull’opinione pubblica in virtù del suo alone di scienziata, tanto più nobilitata dall’insigne riconoscimento a Senatrice a vita, che conferisce al suo parere una presupposta oggettività e terzietà, quindi rispettosità nella società della chiacchiera in cui viviamo.

Da operatore del mondo della ricerca, mi interessa proprio confrontarmi sulla base delle evidenze e delle valutazioni di opportunità con le molte affermazioni che la Senatrice Cattaneo presenta nel suo ultimo contributo su Repubblica del 4 ottobre 2014, nella convinzione che contenga considerazioni erronee, approssimative o fuorvianti, oltre a latitare di fatti, dati e statistiche sulla base dei quali dichiara si debbano assumere le decisioni di sviluppo e le scelte produttive.

La prima considerazione, in ordine di apparizione e di importanza, è che a fronte di una prolungata crisi economica non si possa non aprire agli Ogm, un assioma non spiegato e certo non suffragato dal citato deficit del nostro agroalimentare che resterebbe immutato per caratteristiche e dimensioni aprendo o meno al transgenico. Elefantiasi dell’apparato zootecnico industriale, eccesso di produzione e consumo di prodotti animali, mortificazione della dieta animale sostanzialmente ridotta a ‘bifagia’ di mais e soia, abbandono di una strategia sulla coltivazione di proteine vegetali in Italia e in Europa a fini di alimentazione umana e zootecnica, non sembrano meritare attenzione e approfondimento.
Gli Ogm vengono poi qualificati come un fatto nuovo, pur sottolineando che da circa 15 anni abbiamo evidenza della loro innocuità. Questo ‘fatto nuovo’ è presente in commercio da 20 anni nella stessa identifica forma dei suoi esordi ed è frutto di una ricerca & sviluppo che data anni ’80. Gli Ogm con cui oggi ci confrontiamo altro non sono che la novità di 30 anni fa.
La Spagna e gli Usa sono inoltre presentati come la vetrina che espone la mercanzia di successo, ma forse è utile adottare un altro angolo visuale che il settore biologico può offrire. In Spagna l’introduzione del mais transgenico ha determinato una coesistenza tutt’altro che pacifica (secondo l’auspicio che, in piena guerra fredda, formulava Krusciov) nel conflitto tra mais GM e biologico. La perdita di mercato per le coltivazioni biologiche che si è registrata nel Paese iberico con l’espansione della coltivazione di mais MON810 e con le contaminazioni da questo determinato nei fatti, ha comportato un evidente danno economico relativo alla perdita di certificazione da parte del coltivatore, la conseguente commercializzazione a prezzo inferiore delle partite vendute come convenzionali e l’abbandono di ampie superfici a mais biologico.

Questo è dovuto in buona parte alla ‘natura’ stessa delle colture transgeniche, ma sembra anche frutto di un inadeguato sistema di governance, facendo emergere un quadro di inadeguata vigilanza e verifica di eventuali impatti negativi di carattere ambientale e socioeconomico. Un aspetto spesso poco considerato è inoltre la conflittualità generata dall’introduzione di coltivazioni transgeniche sia tra aziende che nel quadro più generale del contesto territoriale. Dispute tra agricoltori si sono già generate in Spagna, dove si è diffuso un certo grado di timore, e studi dell’Università di Barcellona hanno messo in luce diversi casi di conflitto nelle aree rurali spagnole3. Gli Stati Uniti, terra di adozione degli Ogm, sono un altro caso interessante. Un recentissimo rapporto del Dipartimento dell’Agricoltura (USDA) dedicato alle performance economiche della coltivazione del mais in un Paese dove la coltura è al 90% Ogm4, indica un guadagno netto medio per acro (circa 0,4 ettari) dei coltivatori biologici pari a 555$ contro i 307$ dei loro colleghi maidicoltori transgenici5.
Già, il biologico, di cui la Senatrice si dice ‘non contraria’.

E meno male! Traducendo in soldoni le considerazioni scientifiche della Senatrice Cattaneo, il biologico è cancerogeno, costoso, elitario e lui stesso infarcito di Ogm. Cancerogeno perché il mais si riempie di micotossine, incluso quello convenzionale che in più è imbottito di pesticidi (caduti in disgrazia con l’avvento degli Ogm anche tra coloro che prima ne rivendicavano l’ineluttabilità). Sarebbe utile acquisire studi sui livelli comparati di micotossine tra tipologie di coltivazione realizzate su scala commerciale e non sperimentale; sarebbe utile capire quanta parte della coltivazione di mais sarebbe destinata all’alimentazione umana, quanta a quella animale e quanta a quella quota crescente di impianti energetici a biomassa che vanno riempiendo la Pianura Padana; sarebbe utile distinguere le diverse tipologie di micotossine in funzione della loro cancerogenicità e del grado di protezione offerta dal mais Bt (si scoprirebbe, ad esempio, che le aflatossine, la classe ad alta cancerogenicità, non sono efficacemente arginate da eventuale uso di mais Bt6, con buona pace di Umberto Veronesi7); sarebbe utile ragionare sulla diversificazione colturale, sulle buone prassi agronomiche e di conservazione; sarebbe utile, infine, ricorrere ad argomenti meno strumentali e carichi di emotività. Il biologico ‘costoso’ (non necessariamente, a seconda dei canali di vendita, e con una forbice che va restringendosi, dato il calo del differenziale percentuale negli ultimi 3 anni8), poi, internalizza costi ambientali e sanitari che le restanti filiere lasciano a carico dei cittadini e dell’erario (sarebbe inoltre interessante un confronto tra spesa al consumo per unità nutrizionale di cibo acquistato).

Elitario, laddove la Senatrice indica in un mero 2% la popolazione che ne fa uso, poi proprio non lo è: in primis, le elaborazioni Nomisma-Sana9 (2014) parlano di una ben più alta percentuale di popolazione italiana che acquista prodotti bio, con il 21,8% delle famiglie che lo fa almeno una volta alla settimana e il 12,9% ogni giorno; secondariamente, uno studio Nomisma10 rivela che tra le famiglie che acquistano bio ve ne sono almeno 4 milioni individuabili come “fedeli”, perlopiù famiglie giovani, tra i 30-40 anni, con figli piccoli in età pre-scolare, dove la quota di vegetariani è più alta della media (16% a fronte del 7% nella popolazione) e con stili di vita sostenibili. Quelle stesse mense scolastiche che servono pasti bio ai bambini in numerose località italiane rendono inoltre il bio un fenomeno di cittadinanza e un investimento in salute (di cui dovrebbe in futuro giovarsi il bilancio sanitario del Paese). Per finire, gli Ogm sono banditi dal bio: non si possono coltivare in aziende biologiche in nessun Paese al mondo, sono esclusi per ragioni etiche e sociali, ancor prima che ambientali, economiche ed agroecologiche. Vero che il Regolamento comunitario, in via di revisione, ammette una soglia dello 0.9% per gli Ogm autorizzati, ma il paniere biologico che prevalentemente entra nelle case e nei pasti non prevede soia, mais, colza o cotone; il sistema di controllo verifica se vi è traccia di transgenico nella mangimistica, pena esclusione della certificazione; molti produttori zootecnici bio si avvalgono di foraggi e mangimi che escludono ‘materie prime’ a rischio proprio per fugare anche pericoli remoti. Mangi con fiducia un salame bio, Senatrice, e poi ci dica, in punta di scienza, se sente o meno il gusto di Ogm, come da lei stessa ipotizzato nel suo articolo.

Un’ultima considerazione sul profilo sanitario degli Ogm: non c’è pistola fumante della loro nocività, vero, ma non c’è neanche consenso scientifico e tanto meno pietra tombale. Laddove studi vengono pubblicati evidenziando alcune problematiche sanitarie, gli autori vengono fatti oggetto di killeraggio scientifico sistematico, intimidendo ulteriori ricercatori e ponendo un enorme e devastante problema di agibilità scientifica per saperi ed evidenze controcorrente o, più correttamente, contrari a imponenti interessi economico-industriali. Venderne comunque la loro innocuità a fronte del fatto che negli Usa li consumino da oltre 20 anni (non da noi, Senatrice, lo chieda alle autorità sanitarie italiane ed europee che verificano costantemente l’osservanza agli obblighi di etichettatura dei prodotti Ogm e lo confronti con l’assenza totale di Ogm sugli scaffali dei rivenditori di alimenti) fa spregio di ogni criterio scientifico legato ad indagini epidemiologiche e alla raccolta di evidenze su campioni di popolazione esposta a fronte di un omologo campione di controllo.
Spero convintamente che gli Ogm, comunque destinati in grandissima parte alla mangimistica animale o ad usi industriali, non si rivelino una bomba sanitaria a orologeria, ma la questione è un’altra: ci si ostina a non capire che per l’Italia, come per molti altri Paesi, la scelta ha valore strategico; di posizionamento del sistema agroalimentare; di rispetto della sovranità alimentare dei cittadini; di inversione dei rapporti di forza e potere intorno al cibo; di traiettorie di innovazione che non si esauriscono, come lascia ad intendere, a una sola tecnologia peraltro datata; di regole che impediscano che i vasi di ferro mandino in frantumi quelli di porcellana. È il caso della coesistenza, Senatrice, che lei assiomaticamente stabilisce sia possibile: lo chieda ai produttori biologici spagnoli!
Spero apprezzi l’impegno a evitare l’emotività e a ricorrere a fatti e numeri. Qui ci si è sforzati di Exporli.
Distinti saluti.
p.s. sul come si misuri un tanto al chilo l’autorevolezza scientifica, sua o di Vandana Shiva, meglio invece astenersi

A cura di Luca Colombo

.

Fonte: AIAB  Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica

.

.

.