Category Archives: liberaInf0rmazi0ne

L’Inf0rmazi0ne è Potere! L’Inf0rmazi0ne deve essere libera!

.

.

.

.

“Sia che si definiscano “liberal” oppure “conservatori”, i principali media sono grandi aziende, possedute da (e strettamente legate a) società ancor più grandi. Come altre imprese, vendono un prodotto a un mercato. Il mercato è quello della pubblicità, cioè di un altro giro d’affari. Il prodotto è l’audíence. I media più importanti, quelli che stabiliscono le priorità a cui gli altri devono adattarsi, vantano un prodotto in più: quello di un pubblico relativamente privilegiato.Abbiamo quindi delle grandi imprese che vendono un pubblico piuttosto benestante e privilegiato ad altre imprese. Non stupisce che l’immagine del mondo che esse presentano rifletta gli interessi ed i valori ristretti dei venditori, degli acquirenti e del prodotto.”

.

(I Media – Tratto da: Noam ChomskyI cortili dello Zio Sam” – Gamberetti).

.

.

.

.

.

.

________________________________________________________
Approfondimento

Noam Chomsky

Articoli su Chomsky  (Ki)

Noam Chomsky: Internazionalismo o estinzione

Chomsky: “In Italia la democrazia è scomparsa con Monti”

.

.

.

.

.

 


Macelli: dentro la mente di un killer – di Virgil Butler

.

.

.

.

Dietro le quinte della lotta per la protezione degli animali e dei lavoratori e per la conservazione dell’ambiente – le mie esperienze come sicario/assassino del macello Tyson diventato attivista. Esporre i mali dell’allevamento intensivo, di Virgil Butler.*

.

Domenica 31 agosto 2003

Dentro la mente di un killer

Un problema a cui la maggior parte delle persone non ha mai pensato, anche da molte di quelle impegnate nella lotta per i diritti degli animali, è l’effetto sulla mente di quegli individui che sistematicamente massacrano i polli. Vedi, la macchina per uccidere non potrà mai sgozzare ogni uccello che passa, specialmente quelli che lo storditore non colpisce correttamente. Così, sei quello che è conosciuto come ‘killer’ il cui compito è catturare quegli uccelli in modo che non vengano cotti vivi nella vasca. (Certo che non riesci a prenderli tutti, ma ci arriveremo.)

(Ricorda, mentre leggi, che l’impianto in cui lavoravo era il più piccolo che Tyson aveva. Ne hanno alcuni che sono molto più grandi e che gestiscono centinaia di migliaia di uccelli a turno. Certo, hanno più di un killer, ma solo uno per riga. Corrono solo più di una linea.)

Immagina questo: ti viene detto dal tuo supervisore che è la tua notte nella stanza delle uccisioni. Tu pensi, ‘Merda, sarà una notte difficile.’ Non importa che tempo fa fuori, questa stanza è calda, circa 90-100°F. Gli scottatori mantengono anche l’umidità intorno al 100%. Puoi vedere il vapore nell’aria come una specie di foschia. Ti metti il grembiule di plastica per coprire tutto il corpo dagli schizzi di sangue e dall’acqua calda che mantiene pulita la lama della macchina ed il pavimento. Ti metti il guanto d’acciaio e prendi il coltello. È molto affilato. Lo deve essere.

Puoi sentire lo starnazzare dei polli che vengono appesi nella stanza accanto così come le catene di metallo che tintinnano. Puoi sentire i motori che guidano i polli lungo la linea. È così rumoroso che potresti urlare e non sentirti. (L’ho fatto solo per capire.) Devi comunicare con segnali manuali a chiunque entri. Anche se nessuno vuole. Entrano solo se hanno un coltello. E di certo non vogliono spaventarti. Non con un coltello affilato in mano roteandolo…

Ecco che arrivano i polli attraverso lo storditore nella macchina per uccidere. È tempo di tenerti occupato. Puoi aspettarti di doverne catturare circa 5, di quelli che non sono storditi. Ricorda, passano da te 182-186 al minuto. C’è sangue ovunque, nel canale 3’x3’x20′ sotto la macchina, sul tuo viso, sul tuo collo, le braccia, tutto il grembiule. Ne sei coperto. A volte tu devi levare via i grumi di sangue, senza poter distogliere lo sguardo dalla linea per timore che uno scivoli via, cosa che capita ….

Non puoi prenderli tutti, ma ci provi. Ogni volta che ne perdi uno, ‘senti’ l’orribile gracchiare quando lo vedi che si agita per la scottatura, battendo contro i lati. Accidenti, un altro ‘uccello rosso.’ Lo sai che per tutti quelli che vedi soffrire così, ce ne sono tanti altri, fino a 10, che non hai visto. Appena ti accorgi di quello che succede speri che la macchina si rompa o vacilli. È appena passata la notte e voglio tornare a casa. Ma ci vorranno 2 ore e mezza fino alla pausa tempo. Più di due ore di uccisioni senza sosta. Almeno un paio di dozzine di polli al minuto al massimo. Nel peggiore dei casi, molto di più.

L’enorme quantità di uccisioni e sangue dopo un po’ ti può scuotere , soprattutto se non puoi semplicemente spegnere tutte le emozioni e trasformati in uno zombi robot di morte. Ti senti parte di una grande macchina della morte. [Sei] anche trattato in questo modo. A volte entrano strani pensieri nella tua testa. Sei solo tu e i polli morenti. Sensazioni surreali di un tale orrore crescono per la natura del tuo barbaro comportamento.

Stai uccidendo uccelli indifesi a migliaia (da 75.000 a 90.000 a notte). Sei un assassino.

Di questo non puoi davvero parlarne con nessuno. I ragazzi al lavoro penseranno che sei troppo tenero. La famiglia e gli amici non vogliono sapere nulla di quello che fai. Puoi metterli a disagio e alcune volte non sai cosa dire o come agire. Altri ti guardano un po’ strano, altri ancora non vogliono avere a che fare con te quando sanno del lavoro che fai per vivere. Sei un assassino.

Per disperazione la tua testa pensa ad altro in modo da non finire come quei ragazzi che poi la perdono. Come quel ragazzo che è caduto in ginocchio pregando Dio e chiedendo perdono. O come quello che hanno portato in ospedale psichiatrico poichè continuava ad avere incubi in cui i polli lo inseguivano. Ho avuto anche quelli. Molto inquietante.

Trovi qualcos’altro su cui soffermarti così da provare a rimuovere i pensieri. Questo, per evitare che la tua mente affoghi in quelle centinaia di litri di sangue che hai davanti agli occhi.
La maggior parte delle persone che lavorano in questa stanza e nella gabbia sospesa usano una sorta di di stimolante per tenere il passo e alcuni una sorta di sostanza addolcente per sfuggire alla realtà.

Diventi più incline alla violenza. Quando ti arrabbi diventi molto più aggressivo fisicamente contro qualunque cosa o con chi ti sei scontrato. Sei molto più spinto ad usare un’arma. Soprattutto un coltello. Uno tagliente. Sei un assassino.

Inizi a provare un senso di disgusto verso te stesso per quello che fai e che continui a fare. Ti vergogni di dire agli altri cosa fai di notte mentre loro dormono nei loro letti. Sei un assassino.

Le persone tendono ad evitarti, anche quelli dello stabilimento, sia per istinto e anche perché sanno cosa fai e non riescono a capire come puoi farlo notte dopo notte. Ci deve essere qualcosa di sbagliato in me. Hai l’odore della morte su di te. Sei un assassino. Un assassino di massa.

Alla fine spegni tutte le emozioni. Non te ne frega niente. Perché se ti importa di qualcosa, si apre la porta a tutti quei brutti sentimenti che non puoi permetterti di sentire poiché devi fare il tuo lavoro. Hai delle bollette da pagare. Devi mangiare. Ma non il pollo. Devi essere davvero affamato per mangiarlo. Sai cosa succede se lo mordi. Tutto l’orrore, la negatività e tutta la brutalità si concentrano in un solo boccone.

Molte persone che fanno questo commettono atti violenti. Commettono crimini. Persone che sono già criminali tendono a gravitare intorno a questo tipo di lavoro. Non puoi avere una coscienza e uccidere le creature viventi notte dopo notte.

Ti senti isolato dalla società, non parte di essa. Solo. Tu sai che sei diverso dalla maggior parte delle persone. Essi non hanno nella testa visioni orribili di morte. Non hanno visto quello che hai visto tu. E non vogliono averne. Non hanno nemmeno voglio sentirne parlare.

Se lo facessero, come potrebbero poi mangiare il pollo? Un pezzo di pollo?

Benvenuto nell’incubo da cui sono scappato. Sto meglio ora. Sto bene con gli altri, almeno la maggior parte delle volte…

.

Posted by: # Virgilio / 07:49

.

.

Fonte: the Cyberactivist

.

.

*Virgil Butler era un ex operaio del macello di polli Tyson diventato attivista. Nella testimonianza resa attraverso People for the Ethical Treatment of Animals nel 2003, Virgil ha documentato l’orribile trattamento dei polli a cui ha assistito ogni notte mentre lavorava al macello di polli Tyson a Grannis, in Arkansas, dal 1997 al 2002. Ha cambiato completamente la sua vita, parlando audacemente a favore dei polli e contro i terribili abusi che subiscono, con notevole rischio per se stesso in una regione dominata dalla Tyson Foods. Dopo aver lasciato, ha lavorato come attivista contro la macellazione, lavorando per creare un santuario per gli animali salvati con la sua compagna Laura Alexander. Virgil Butler è morto il 15 dicembre 2006.

.

VIDEO (En): Virgil Butler – Dentro l’inferno di Tyson: perché sono uscito dal business della macellazione di polli

.

.

________________________________________________________

.

(Il movimento per i diritti degli animali rende un omaggio speciale alle persone che un tempo si guadagnavano da vivere abusando degli animali, interrompevano ciò che stavano facendo, lo ripudiavano e parlavano. È normale che queste persone confessino che prima di qualunque cosa le avesse cambiate, avevano accettato, senza dubbio, la sofferenza animale che causavano.
Viene subito in mente Donald Barnes, un ex sperimentatore di radiazioni dell’Air Force sugli scimpanzé diventato antivivisezionista, Howard Lyman, un ex allevatore di bestiame diventato attivista vegano, Eldon Kienholz, un professore di scienze avicole alla Colorado State University che si è dimesso dal suo incarico e ha parlato contro il cose terribili che ha fatto a tacchini e polli – e Virgil Butler, che ha smesso di macellare polli e ha rischiato la vita prendendo posizione.)

.

.

.


VIDEO | Oxfam Italia: “Salt – Gaza è senza acqua”

.

.

.

.

Giovedì 16 settembre Paolo Pezzati (Oxfam Italia) ha avuto modo di fare una diretta Facebook, coordinata dalla bravissima Giulia Cerqueti (giornalista di Famiglia Cristiana), con il suo collega Sami Alhaw (Oxfam Gaza).

Sami è un regista e documentarista. È palestinese, è nato e cresciuto nella Striscia di Gaza.
Sami ha realizzato un cortometraggio che racconta la grave emergenza idrica a Gaza e le sfide quotidiane che la popolazione è costretta ad affrontare per avere accesso all’acqua.

.

Per guardare il Video della diretta clicca qui

Un saluto da

Paolo Pezzati

(Humanitarian Policy Advisor Oxfam Italia)

.

.

.

.

.

.