Giu 21 2019

Current Biology | I bambini cresciuti senza religione sono più tenaci e più empatici

.

.

.

I bambini cresciuti senza religione sono più tenaci e più empatici, i risultati dello studio

.

di David Cohen

Secondo uno studio pubblicato su Current Biology nel 2015, i bambini cresciuti senza religione tendono ad essere più gentili dei bambini allevati in famiglie molto religiose. Lo studio è stato uno sforzo collaborativo tra numerosi accademici di sette diverse università in tutto il mondo.

Il team ha studiato molti bambini con background diversi, tra cui cristiani, musulmani e non religiosi, e ha scoperto che i bambini delle famiglie religiose sono più intransigenti. Lo studio * è stato intitolato, “The Negative Association Between Religiousness e Altruism Children’s Across the World”.

I ricercatori hanno affermato: “In generale, i nostri risultati … contraddicono il buon senso e l’opinione popolare che i bambini delle famiglie religiose siano più altruisti e gentili verso gli altri. Si mette in discussione se la religione sia vitale per lo sviluppo morale, sostenendo l’idea che la secolarizzazione del discorso morale non ridurrà la bontà umana – anzi, farà esattamente l’opposto”.

Lo studio ha coinvolto quasi 1.200 bambini di età compresa tra 5 e 12 anni. I bambini provengono da culture diverse, compresi i bambini provenienti da Stati Uniti, Canada, Cina, Giordania, Turchia e Sud Africa. I bambini che hanno partecipato allo studio sono così suddivisi: quasi il 24% sono cristiani, il 43% musulmani e il 27,6% non religiosi. I risultati per i bambini di altre religioni ebrei, buddisti, indù, agnostici non sono stati statisticamente significativi quindi non sono stati inclusi nello studio.

Nella ricerca, i bambini sono messi in situazioni in cui hanno l’opportunità di condivisione. Sono stati anche mostrati filmati di bambini che lottavano e si spingevano a vicenda mentre i ricercatori valutavano le loro reazioni. I risultati dello studio, secondo i ricercatori, “dimostrano con forza che i bambini delle famiglie che si identificano con le due principali religioni mondiali (cristianesimo e islam) erano meno altruisti dei bambini di famiglie non religiose”.

I ricercatori hanno anche notato che i bambini più grandi e più indottrinati “svilluppano [i] maggiori rapporti negativi”. Lo studio ha anche rilevato che i bambini religiosi hanno maggiori probabilità a giudicare e punire gli altri bambini.

Lo studio ha rilevato che “La religiosità era inversamente predittiva dell’altruismo dei bambini e correlata positivamente con le loro tendenze punitive. Insieme, questi risultati rivelano la somiglianza tra i vari paesi nel modo in cui la religione influenza negativamente l’altruismo dei bambini, mettendo in discussione l’idea che la religiosità faciliti il comportamento prosociale”.

Lo studio conferma che : “Mentre è generalmente accettato che i giudizi morali delle persone e il comportamento pro-sociale sono dettati dalla religione, la relazione tra religione e moralità è controversa”.

Un aspetto che non è stato trattato nello studio è che i genitori religiosi sono spesso punitivi con i loro figli, e cose come le sculacciate sono considerate socialmente accettabili. C’è una buona probabilità che questa sia la vera ragione per cui i figli di genitori religiosi hanno difficoltà ad andare d’accordo con gli altri.

Numerosi studi hanno ora dimostrato gli effetti dannosi di sculacciate e strategie parentali simili.

Nel 2006 il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia ha emanato una direttiva che definisce la punizione fisica ‘violenza legalizzata contro i bambini’ che dovrebbe essere eliminata in tutti i contesti tramite ‘misure legislative, amministrative, sociali ed educative’. Il trattato che ha istituito il comitato ha stato sostenuto da 192 paesi, con solo Stati Uniti e Somalia che non lo hanno ratificato.

La sculacciata è stata bandita in 53 paesi e Stati a livello globale.

Alan Kazdin, PhD, professore di psicologia alla Yale University e direttore della Yale Parenting Center and Child Conduct Clinic, afferma che la sculacciata non funziona come al contrario pensano molti genitori.

Kazdin ha affermato: “Non puoi punire i comportamenti che non vuoi. Non c’è bisogno di una ricerca sulle punizioni corporali. Non stiamo abbandonando una tecnica efficace. Stiamo dicendo che questa è una cosa orribile che non funziona “.

E’ anche importante sottolineare che ci sono montagne di prove scientifiche che dimostrano che la sculacciata è dannosa per la salute mentale e lo sviluppo dei bambini, senza alcuno studio che dimostri il contrario.

Lo studio mostra che i bambini religiosi sono meno altruisti e ciò è interessante, ma è incompleto, perché pone un’enfasi eccessiva sulla pratica spirituale nella famiglia, trascurando le altre importanti dinamiche familiari che contribuiscono all’educazione di un bambino. Tuttavia, c’è sicuramente qualcosa da dire su come i genitori religiosi tendano ad avere uno stile educativo più autoritario, che indubbiamente origina tratti di personalità anti-sociale.

.

.

.

Studio * originale pubblicato su Current Biology.

.

Fonte: anonews.co

.

.

.

.


Giu 16 2019

Salute | American Journal of Clinical Nutrition: la carne bianca è dannosa quanto quella rossa

.

.

.

La carne di pollo: è dannosa quanto quella rossa, un nuovo studio lo dimostra

La notizia non ci prende certo di sorpresa: da sempre ripetiamo che ogni tipo di carne è dannoso, per il suo contenuto in colesterolo, grassi saturi, ferro eme, proteine animali, farmaci, inquinanti ambientali in alta concentrazione. La carne bianca, di pollo, non è certo meno dannosa della carne rossa (di bovino, maiale, agnello e pecore, capre).

Purtroppo molte persone (tra cui anche molti medici e nutrizionisti) sono convinte invece che spostare i consumi dalla carne rossa a quella bianca sia positivo per la salute. Nulla di più sbagliato.

Lo conferma un nuovo studio appena pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, nelle cui conclusioni si legge testualmente che i risultati “non forniscono evidenza dell’utilità di scegliere la carne bianca al posto di quella rossa per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari”.

Tante linee guida alimentari indicano di limitare il consumo di carne rossa a causa dell’aumento del rischio di malattie cardiovascolari, dovuto all’assunzione di colesterolo e grassi saturi. Tuttavia, non è mai stato dimostrato che questo non accada con la carne bianca. E infatti accade: non c’è differenza con la carne rossa.

Il nuovo studio (*) è stato svolto al Children’s Hospital Oakland Research Institute (CHORI). 110 persone, uomini e donne da 21 a 65 anni, sono stati sottoposti a diversi tipi di dieta per 4 settimane: una con carne rossa, una con lo stesso quantitativo di carne bianca, e una senza carne.

E’ risultato che il colesterolo LDL (il colesterolo “cattivo”), risultava più alto – rispetto alla dieta senza carne – sia in chi consumava carne rossa che in coloro che consumavano quella di pollo, senza differenze. E’ risultato inoltre che le dieta ad alto contenuto di grassi saturi, indipendentemente dalla fonte di tali grassi, faceva aumentare il colesterolo LDL.

Le conclusioni finali dei ricercatori sono state molto chiare:

  1. evitare la carne, sia bianca che rossa, è la scelta migliore per abbassare i livelli di colesterolo; passare dalla carne rossa a quella bianca non porta alcun beneficio;

  2. le proteine vegetali sono le più sane per mantenere basso il colesterolo nell’organismo. .

Chi consuma carne di pollo pensando di fare una scelta salutista deve dunque ricredersi e passare invece ai cibi vegetali.

.

Fonte: Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana (SSNV)

.

.

(*) Nathalie Bergeron Sally Chiu Paul T Williams Sarah M King Ronald M Krauss, Effects of red meat, white meat, and nonmeat protein sources on atherogenic lipoprotein measures in the context of low compared with high saturated fat intake: a randomized controlled trial, The American Journal of Clinical Nutrition, nqz035, https://doi.org/10.1093/ajcn/nqz035, Published: 04 June 2019.

.

.

.

.