Lug 31 2008

Linux nelle Scuole

 

 

Petizione creata da  Nicola Greco

 

Linux e’ una piattaforma libera ed OpenSource, tanti sono i motivi per
passare a linux in campo scolastico, cio’ che fa shockare sono i Prezzi

E’ gratuito,
e questo non e’ poco. Per installare in una scuola il software
proprietario, bisogna pagare la licenza del sistema operativo, la suite
di ufficio, e la manutenzione.
I primi due citati, sembrano non avere un peso, ma andiamo a fare
qualche calcolo . Il software proprietario che andiamo ad analizzare e’
Windows XP:


– Solo il sistema operativo Microsoft Windows XP Home costa 285€ (104€ OEM);
– Se invece si usa Microsoft Windows XP Professional, viene a costare 427€ (169€ OEM);
– La suite Microsoft Office XP Professional costa 840€ (357€ OEM);

Costo minimo di un computer monitor escluso 450€ circa;


Quindi il costo medio di un computer con Windows e la suite Office
oscilla dai 1.400 1.500 euro, facciamo caso che una scuola vuole
comprare 25 computer, il costo sarebbe 25 x 1.500 = 37.500€ circa. (continua)
 
 
 
 

Lug 30 2008

Centrale di Civitavecchia: l’Italia lontana da Kyoto

 

 

Greenpeace e Legambiente rovinano la festa per l´inaugurazione della centrale a carbone di Civitavecchia

 

DA: Greenreport

30 Luglio 2008


ROMA. La "festa" per l´inaugurazione della centrale a carbone di
Torrevaldaliga a Civitavecchia è stata guastata nella notte dagli
attivisti di Greenpeace che hanno proiettato messaggi luminosi sulla
centrale per ricordare che «il carbone è la prima minaccia per il clima
globale, e che la politica energetica di Enel, che vorrebbe coprire il
50% della propria produzione elettrica in Italia da carbone, non solo
porterà il Paese fuori dagli obiettivi di Kyoto per la riduzione delle
emissioni di gas serra, ma compromette gli impegni europei per lo
sviluppo delle rinnovabili».

Greenpeace definisce L´Enel «primo killer del clima con 51,6 milioni di
tonnellate di CO2 emesse nel 2006» e Francesco Tedesco, responsabile
campagna energia e clima, sottolinea che «Il Paese deve ridurre le
emissioni di CO2 di circa 100 milioni di tonnellate entro il 2012 per
rispettare i parametri di Kyoto, ma la nuova centrale riverserà oltre
10 milioni di tonnellate di CO2 in atmosfera. Ogni nuovo megawatt a
carbone ci allontana sempre più da Kyoto e dall´obiettivo europeo per
le rinnovabili al 2020. Si dovrebbe invertire questa tendenza adesso
avviando una rivoluzione energetica pulita, e invece il sistema
energetico italiano corre in tutt´altra direzione. In Italia non c´è
spazio per nuove centrali a carbone, tanto meno nel parco naturale del
Delta del Po, come Enel vorrebbe fare a Porto Tolle».

Le promesse non sembrano mantenute, almeno a leggere le cifre
ripoortate da Greenpeace: «Dal 1994 a oggi la quota di energia
rinnovabile è scesa dal 21% al 15,7% della produzione totale. Le
rinnovabili sono in diminuzione non solo perché la produzione
dell´idroelettrico è in calo, a causa delle minori precipitazioni
sull´arco alpino, ma anche perché lo sviluppo degli impianti a base
fossile è maggiore dello sviluppo delle rinnovabili. Ad oggi, oltre
l´82% degli incentivi alla produzione di energia elettrica vanno a
impianti a base fossile, non alle fonti rinnovabili. Tutto questo è
pura follia. Non solo perché il pianeta sta correndo verso una crisi
climatica forse irreversibile, ma perché l´unico modo per limitare da
subito l´utilizzo di fonti fossili provenienti dall´estero e migliorare
la sicurezza energetica del Paese è puntare su fonti rinnovabili ed
efficienza». (continua)

 

 


 


Lug 26 2008

Bambini palestinesi marciano contro la violenza

 

Invito Pubblico

 

Bambini marciano
contro la violenza dei coloni e l’espansione delle colonie

nelle colline a sud
di Hebron

La marcia dei bambini del Campo Estivo andrà dal
villaggio di At-Tuwani a quello di Tuba. I partecipanti consegneranno un
"Ordine di demolizione" ad una costruzione dell’outpost illegale israeliano.

 

 

Sabato 2 agosto 2008,
bambini palestinesi accompagnati dai loro genitori  marceranno dal villaggio di At-Tuwani a
quello di grotte di Tuba.  Cammineranno
lungo una strada sulla quale i coloni isareliani nazional-religiosi attaccano
regolarmente e minacciano i bambini dei villaggi di Tuba e Maghaer Al-Abeed che
si recano alla scuola elemantare ad At-Tuwani. 
I genitori dei bambini palestinesi stanno organizzando la marcia per
richiamare l’attenzione sulla violenza alla quale sono soggetti i bambini, la
scarsa efficacia dell’esercito israeliano nel proteggerli e la continua
espansione degli insediamenti ed outpost israeliani. La marcia è parte
dell’annuale campo estivo delle colline a sud di Hebron.

 

I partecipanti della
marcia saranno i bambini dei villaggi di Tuba e Maghaer Al-Abeed che sono
regolarmente attaccati dai coloni israeliani durante il loro tragitto verso la
scuola elementare di At-Tuwani.  I
bambini dipendono da una scorta militare che li accompagna a scuola per
prevenire gli attacchi dei coloni; l’esercito israeliano spesso non prende
seriamente l’incarico così che spesso i soldati della scorta sono in ritardo,
non intervengono quando i coloni minacciano o attaccano i bambini, a volte non
vengono per nulla. L’attacco più recente ha avuto luogo ieri 23 luglio, quando
l’esercito israeliano non si è presentato all’appuntamento per accompagnare i bambini.
Tre coloni , uno dei quali con il volto coperto ed un bastone, hanno inseguito i
bambini mentre camminavano lungo un sentiero tra le colline. La marcia seguirà
il sentiero sul quale i bambini erano durante l’attacco di ieri.

 Inoltre i bambini porteranno un "ordine di
demolizione"ad una nuova costruzione parte della continua espansione di Havot
Ma’on, un’ insediamento outpost israeliano che è illegale sia per il diritto
internazionale sisa per le leggi israeliane.. 

 

Quando:  a partire dalle 8:30 del mattino, Sabato 2 Agosto

 

Chi: I bambini del Campo Estivo delle colline a sud di Hebron ed i loro
genitori insieme a attivisti israeliani ed internazionali per i diritti umani.  

 

Dove:  villaggio di At-Tuwani, da Hebron prendere
il taxi collettivo per Yatta e poi per Karmel e At-Tuwani. Da Gerusalemme via
le strade  "by pass road" israeliane
(circa 55 km), prendere la strada numero 60 a sud di Gerusalemme, poi la 356 a
sud di Hebron, e continuare sulla 317 fino ad at-Tuwani.

 

Per ulteriori informazioni:

Operazione Colomba  (00972) 0547382452   0548130634

CPT At-Tuwani:  0542531323


Operation Dove – Nonviolent Peace Corps
Palestine – Israel
Community Pope John XXIII

e mail: operationdove@gmail.com

 


Lug 26 2008

Cellulari e tumori

 

 

DA: PuntoInformatico 

Cellulari e tumori, l’accademia si allarma

di Alfonso Maruccia

venerdì 25 luglio 2008
 
Roma – Fanno male, non fanno male, di certo continuano a essere sulla graticola di un dibattito senza fine:
i telefonini cellulari tornano nel mirino perché le onde che emettono
avrebbero le potenzialità per causare tumori, anche solo a chi si trovi
nei paraggi dell’utilizzatore. Questo almeno è quello che teme il
dottor Ronald B. Herberman, direttore dell’Istituto dei TumoriUniversità di Pittsburgh. Ha invitato senza mezzi termini a interrompere l’uso di smartphone all’orecchio. Gli adulti devono cambiare abitudini e ancor di più giovani e teenager.
 
Herberman va contro l’opinione comune dei circuiti scientifici,
tendente a sdrammatizzare in assenza di prove scientifiche le temute
conseguenze dell’utilizzo di dispositivi elettromagnetici ad alta
frequenza a distanza ravvicinata dell’encefalo. L’esperto ora cita non
solo studi noti ma anche "dati non ancora pubblicati", e afferma che ci sono tutti gli elementi per consigliare prudenza e possibilmente astinenza.
 
"Alla base delle mie preoccupazioni c’è il fatto che non dovremmo
aspettare l’apparizione di uno studio definitivo, ma piuttosto peccare
di precauzione invece di pentirci dopo" dice Herberman alla Associated Press.
Tali preoccupazioni sono state espresse dallo scienziato in un memo a
uso interno inviato a 3mila persone, facenti parte dello staff e della
facoltà del Cancer Institute.
                                                                                                                                                        (continua)
 

 

 


Lug 23 2008

Lista incidenti nucleari

Riporto questo dossier per chi avesse ancora dei dubbi sulla sicurezza delle Centrali Nucleari. Ciò che è elencato di seguito (dal  1896 al 2008) è terrificante. Arriviamo ai giorni nostri con incidenti riportati dai media ufficiali con notizie sempre molto controverse. Dove sarà la verità? Nel dubbio , almeno per le generazioni future, dobbiamo rifiutare qualsiasi soluzione nucleare!   (madu)

LISTA INCIDENTI NUCLEARI ED AVVENIMENTI CORRELATI

in costante aggiornamento


DI SEGUITO E’ RIPORTATO UN ELENCO DI INCIDENTI/ESPLOSIONI NUCLEARI, EVENTI CON CAUSE RADIOATTIVE ED ALTRI CORRELATI O CONNESSI. LE ANNOTAZIONI IN ROSSO SONO TRATTE DAL SITO DEL PROGETTO HUMUS ALLA SEGUENTE PAGINA http://www.progettohumus.it/nucleare.php?name=specialdbnuke2 , DOVE CLICCANDO SUL LUOGO DELL’EVENTO SI HA LA DESCRIZIONE DELLO STESSO. PER MAGGIORI INFORMAZIONI, INVECE, SULLE ESPLOSIONI NUCLEARI, VEDI QUI: http://www.progettohumus.it/nucleare.php?name=specialtrinity
E PER VEDERNE L’ELENCO COMPLETO QUI:


~1896 – Chicago, Illinois, USA: sovraesposizione radiografica
A man had a broken ankle x-rayed by a doctor, after which he developed skin injuries eventually requiring amputation of the foot. He later sued the doctor and was awarded $10,000.~1905 – Washington, Columbia, USA: sovraesposizione radiografica
A woman with broken ribs received seven x-rays under a doctor’s care, after which she developed skin burns later identified as radiation burns by another doctor. The x-rays were administered over several visits, with skin burns developing on her back five hours after the last x-rays. The woman sued the administering doctor, with the case eventually appealed to the U.S. Supreme Court and decided 7 April 1913 in the doctor’s favor in Sweeney v. Erving.

anni 1940/1970
-La sottocomissione del governo degli Stati Uniti denuncia, in un rapporto del 1986, la conduzione di esperimenti su più di 23.000 soggetti in 1.400 differenti città

22 Giugno 1942
Leipzig, Germania. La pila atomica Leipzig L-IV, sotto la responsabilità di Werner Heisenberg e Robert Dopel, prende fuoco ed esplode. Durante una fase di revisione, dell’aria entra nel cuore del reattore accendendo la polvere d’uranio contenuta. In consegenza, bolle l’acqua di raffreddamento ed esplode il reattore. Un getto di particelle infiammate di uranio attraversa il laboratorio causando un grave incendio.

1943/1973 – Ricercatori di Harvard e del
MIT effettuano delle ricerche su 40 adolescenti maschi minorati mentali. Ai ragazzi viene somministrato cibo contaminato e la ricerca viene pubblicata nelle riviste accademiche

2 Settembre 1944
– Oak Ridge,Tennessee, USA. Un recipiente di esafluoruro di uranio esplode nella sala di trasferimento del laboratorio, uccidendo due persone e ferendone altre tre. Un tubo di vapore esplode ed il vapore si combina con un composto a base di uranio per formare fluoruro di idrogeno, inalato dalle cinque persone.

1945/1998
Mediterraneo: 114 incidenti  con coinvolgimento di una o più navi da guerra. Le tre flotte nucleari che pattugliano il Mediterraneo (USA, Gran Bretagna e Francia) hanno subito rispettivamente  61, 16  e 12 incidenti

7 Maggio 1945 – Trinity, Alamogordo, N.Messico (USA). Prima esplosione americana strumentata che condurrà alla Bomba di Trinity. Questa bomba, contenente 1000 curies di materiale fissile, verrà fatta esplodere a 1,5 Km. di distanza dal Ground Zero di Trinity, con lo scopo di testarne le strumentazioni

4 Giugno 1945 – Los Alamos, New Mexico, USA: fuoriuscita di massa critica di uranio arricchito

16 luglio 1945
– Trinity, Alamogordo, N.Messico (USA). Seconda esplosione a circa 29 metri d’altezza: crea un depressione di 400 m. di diametro. Il calore della deflagrazione trasforma la sabbia del deserto in un nuovo tipo di roccia cristallina battezzata la “Trinitite”.  (leggi tutto)


Fonte: progettohumus (Interessantissima iniziativa di solidarietà legata alle conseguenze della catastrofe di Chernobyl)


______________________
Approfondimento