Mag 31 2020

Anonymous | Videomessaggio e attacco al sito della polizia di Minneapolis

.

.

.

.

31 maggio 2020

“Saluti al popolo degli Stati Uniti,

questo è un messaggio di Anonymous al Dipartimento di Polizia di Minneapolis. La brutalità e l’omicidio della polizia sono un problema diffuso negli Stati Uniti che ha indubbiamente infettato quasi tutte le giurisdizioni del Paese.

Il dipartimento di polizia di Minneapolis è tra i peggiori e ha una storia orribile di violenza e corruzione. Il brutale omicidio di questa settimana di George Floyd che ha scatenato proteste ed indignazione nazionale è semplicemente la punta dell’iceberg di una lunga lista di casi di morte di alto profilo per mano di ufficiali del nostro Stato. Infatti, negli ultimi 20 anni 193 persone sono state uccise dalla polizia nel Minnesota. Negli ultimi anni abbiamo assistito a omicidi di alto profilo nella zona, tra cui la morte di Jamar Clark, Philando Castile, Justin Damond, Thurman Blevins e Brian Quinones un caso in cui video o altre prove dimostrano che la polizia sta mentendo tristemente.

Nella maggioranza degli omicidi da parte della polizia l’unico rimasto in vita a raccontare la storia è lo stesso ufficiale che ha tolto la vita alla persona e quindi il ciclo vizioso è in grado di continuare, perchè nessuno di questi assassini viene mai chiamato in causa dalla giustizia.

Questa parodia è andata avanti per troppo tempo. Ora la gente ha subito abbastanza. Nel caso più recente di George Floyd, il palese disprezzo per la vita umana dimostrato dagli agenti è innegabile. E tutte le prove rilasciate finora hanno dimostrato che Floyd era pienamente collaborante con gli ufficiali e ciò contraddice le precedenti dichiarazioni della polizia secondo cui stava resistendo all’arresto. Inoltre, la nostra indagine iniziale sugli ufficiali colpevoli ha rivelato un modello criminale di violenza sul posto di lavoro. Almeno due degli agenti coinvolti nell’arresto di floyd, Derk Chauvin e Tou Thao, hanno una storia di sparatorie e denunce per abuso di forza. Lo “Star Tribune” ha riferito questa settimana che Chauvin, l’ufficiale coinvolto direttamente nella morte di Floyd, è stato coinvolto in numerose sparatorie in cui sono stati uccisi dei sospetti.

C’erano quattro agenti sulla scena dell’incidente, uno che teneva lontana la folla e tre che stavano tarttenendo con forza Floyd. Chi stava assistendo alla scena ha avvertito l’ufficiale che stava schiacciando a morte l’uomo, ma nessuno della polizia sembrava essere preoccupato per le condizioni di Floyd.

Potresti aver compreso questi ufficiali perchè dovevano salvare la faccia ma è ovvio che questo tipo di comportamento è giustificato se non incoraggiato dal dipartimento di polizia, come in altri casi.

Agenti che uccidono persone e commettono altri reati devono rispondere dei loro atti come tutti noi. Altrimenti, crederanno di avere il diritto di fare ciò che vogliono. Si dirà che questa è opera di poche mele marce. Ma che dire degli agenti che non fanno nulla mentre vengono commessi crimini e dei dipartimenti di polizia che rifiutano di perseguire questi criminali? La gente ne ha avuto abbastanza di questa corruzione e della violenza compiuta da un’organizzazione che promette di proteggere.

Dopo gli eventi degli anni trascorsi molta gente sta iniziando a capire che la polizia non è qui per salvarle ma piuttosto è presente per opprimere ed eseguire la volontà della classe dirigente criminale. E’ qui per mantenere l’ordine per le persone che hanno il controllo, non per fornire sicurezza alle persone che vengono controllate.

In realtà è il meccanismo stesso che l’èlite di potere usa per continuare il proprio sistema globale di oppressione, ma il mondo sta finalmente iniziando a svegliarsi ed arrabbiarsi ogni volta che vede versare sangue inutilmente e senza conseguenze per gli assassini.

Questi agenti devono affrontare accuse penali e l’agente Chauvin in particolare dovrebbe essere incriminato per omicidio.

Non ci fidiamo della vostra organizzazione per fare giustizia, per questo esporremo i vostri molteplici crimini al mondo

.

Noi siamo una legione

Aspettateci!”

.

VIDEOMESSAGGIO (En)

.

.

Le azioni di Anonymous:

Su Twitter, arrivano segnalazioni di interventi compiuti da Anonymous nelle ultime ore: dalla violazione del sito della polizia di Minneapolis all’intrusione nel sistema radio della polizia di Chicago, con la diffusione della canzone ‘Fuck the police’ sulle frequenze utilizzate dalle forze dell’ordine per le comunicazioni.

.

.

.

.

.


Apr 10 2020

Anonymous | #OpRevengeGram – Attacco ai trafficanti di materiale pedopornografico

.

.

.

.

09/04/2020 |

.

Salve a tutti abitanti del pianeta, siamo il gruppo Anonymous Italia e scriviamo per mettervi a conoscenza di una nuova Operazione. Il nostro Team negli ultimi giorni ha constatato che su Telegram esistono gruppi, persone, canali e bot che condividono materiale pedopornografico, pubblicando contenuti che mettono a serio rischio bambini innocenti e le loro famiglie. In aggiunta a questi materiali a circolare per le centinaia di chat di gruppo ci sono tutti quei contenuti definiti revenge porn che mettono pubblicamente alla gogna persone, per la maggior parte donne e ragazze, che hanno condiviso le proprie foto intime fidandosi del destinatario.

Per questo abbiamo deciso di lanciare l’operazione OpRevengeGram con lo scopo di contrastare questi infami criminali che celandosi dietro l‘anonimato di internet si fanno beffe della società fregandosene delle possibili conseguenze che le loro azioni hanno sulle vittime. Quando i malvagi tramano, è tempo per i buoni di allearsi. Nessuno di noi può rimanere fermo a guardare impassibile. Se non possiamo difendere le vittime state pur certi che le vendicheremo. È giunto quindi il momento di agire e dare una bella lezione a questi infami che quotidianamente si scambiano fotografie e video di minorenni come se fossero le figurine di un album da collezionare, facendosi vanto delle loro opere come se fossero imprese epiche. È necessario agire affinché si fermi una volta per tutte lo scambio di contenuti privati e intimi condivisi senza il consenso del proprietario.

Affinché l’obiettivo dell’operazione sia raggiunto, però, abbiamo bisogno della collaborazione di tutti voi. È importante istituire un unico fronte di battaglia contro questi individui pertanto vi chiediamo di segnalarci tramite i nostri canali ufficiali, nomi e gruppi che su Telegram o tramite il web svolgono attività sospette. Solamente grazie al vostro aiuto potremmo sfruttare appieno i nostri strumenti riuscendo così a estrapolare i nomi e cognomi associati agli account incriminati. Dimostrateci che non siamo soli in questa lotta. Unitevi a noi, e insieme saremo inarrestabili. Uniti da un ideale comune potremo mettere la parola fine a questi crimini ignobili contro vittime che non hanno nemmeno la capacità di difendersi. E in quanto a voi nascosti nell‘ombra, che vi fate scudo di un monitor e vi sentite al sicuro protetti dall‘anonimato, stiamo venendo a prendervi!

Noi siamo Anonymous

Noi Non Dimentichiamo

Noi non Perdoniamo

Aspettateci!

.

Videomessaggio

.

.

Fonte: Anonymous Italia

.

.

.

.


Mar 10 2020

Anonymous | Videomessaggio: “Anonymous sollecita i leader mondiali a dire la verità sul coronavirus”

.

.

.

Published on

By Anonymous

.

“Salve cittadini del mondo.

Questo è un messaggio importante di Anonymous su come i vostri governi stanno gestendo la crescente pandemia di coronavirus.

Poco più di 100 anni fa, nel mezzo della prima guerra mondiale, il mondo ha vissuto una pandemia che ha ucciso decine di milioni di persone. Gli storici sono divisi per il numero esatto, ma le stime variano da 30 a 55 milioni di persone in circa due anni, che all’epoca rappresentavano circa l’1 o il 2 percento dell’intera popolazione mondiale. Il 27 percento della popolazione mondiale è stata infettata durante l’epidemia. Questo virus influenzale divenne noto come ‘L’influenza spagnola’ perché è lì che si pensava avesse avuto origine.

Tuttavia, è stato in seguito scoperto che i primi pazienti di questa malattia erano soldati degli eserciti francesi, britannici e tedeschi che stavano combattendo in prima linea nella I^ guerra mondiale. I governi di questi paesi fecero di tutto per nascondere l’epidemia, per non rivelare una debolezza strategica ai loro nemici in guerra.

La Spagna, d’altra parte, era un territorio neutrale nella guerra, quindi non aveva alcuna motivazione  a nascondere l’epidemia, quindi la Spagna finì per essere il primo posto in cui i casi furono accuratamente riportati. Quando le notizie sulla situazione in Spagna arrivarono in tutto il mondo, era troppo tardi, il virus si era diffuso altrettanto velocemente quanto le notizie. Purtroppo, quando la pandemia è sfuggita al controllo, i governi di tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti, cercarono di fare del loro meglio per limitare le segnalazioni sulla malattia per prevenire panico o i disordini sociali e per aiutare a mantenere il morale delle truppe.

Molti esperti hanno confrontato il recente coronavirus COVID-19 con l’influenza spagnola. Bill Gates ha affermato che potremmo avere a che fare con una ‘pandemia del secolo‘ che potrebbe essere mortale come il virus che ha spazzato via decine di milioni di persone esattamente un secolo fa.

Queste due malattie non provengono dalla stessa famiglia di agenti patogeni, ma ci sono alcune importanti somiglianze tra questi due focolai e potremmo commettere alcuni degli stessi errori di quelli che ci hanno preceduto. In Cina, medici, attivisti e cittadini comuni sono stati minacciati di arresto per aver pubblicato informazioni sul virus, informazioni che creano allarme o contraddicono le dichiarazioni ufficiali. Il medico informatore Li Wenliang ha affermato che il governo cinese sapeva che la trasmissione da uomo a uomo era avvenuta nelle settimane precedenti e questo prima che il popolo sapesse cosa stava succedendo.

Kristian Andersen, un biologo evoluzionista dello Scripps Research Institute ha stimato che il virus avrebbe potuto infettare la sua prima vittima già dal 1 ° ottobre, sulla base di uno studio di 27 genomi di pazienti in fase iniziale. Ciò significa che il virus si è diffuso in tutta Wuhan e nel mondo negli ultimi mesi. Se questa ricerca è corretta, ciò significa che probabilmente questo virus si era già fatto strada in ogni angolo del mondo quando il governo cinese decise di chiudere Wuhan.

Questo può sembrare un’esagerazione perché adesso stiamo finalmente iniziando a vedere alcuni casi confermati negli Stati Uniti e in Europa, ma prendiamoci un minuto per esaminare cosa sia realmente un ‘caso confermato’.

Un caso confermato è una persona che si è dimostrata positiva al virus, ma il numero di kit per il test è limitato e il CDC ha rifiutato di autorizzare kit di test per molti dei casi sospetti. Questo perché chi viene inviato al test viene scelto con criteri molto rigidi. A peggiorare le cose è il fatto che alcuni dei kit per il test sono risultati esserei essere difettosi e i funzionari hanno ammesso che una delle strutture incaricate ad analizzare i kit era ‘contaminata‘.

I test sono iniziati negli Stati Uniti e in Europa, quando sono stati segnalati i primi decessi, e gli esperti sanitari hanno iniziato a trovare gruppi di virus senza un chiaro collegamento con l’epicentro, il che significa che la diffusione nella comunità era già iniziata in precedenza. A Seattle, che sembra uno dei primi epicentri negli Stati Uniti, gli esperti ritengono che il virus si era diffuso silenziosamente tra la popolazione da almeno 6 settimane.

Ciò suggerisce fortemente che c’è stata una trasmissione criptica nello stato di Washington nelle ultime 6 settimane. 3/9

  • Trevor Bedford (@trvrb) 1 marzo 2020

Questo tipo di diffusione silenziosa è possibile a causa del massiccio periodo di incubazione del virus. Alcuni studi hanno suggerito che il tempo di incubazione per questo nuovo virus potrebbe durare fino a 24 o addirittura 27 giorni, il che significa che un paziente infetto potrebbe essere in giro per un mese infettando altre persone senza nemmeno sapere che sono malati, il che aumenta notevolmente la capacità del patogeno di diffondersi inosservato. Niente a che vedere con il periodo di incubazione dell’influenza, che è da uno a quattro giorni.

A proposito di influenza, l’epidemia di coronavirus potrebbe non essere stata rilevata per questi primi mesi perché è stata scambiata per una influenza stagionale particolarmente grave. A Washington, dove ora sappiamo che c’è stato un focolaio di coronavirus attivo da mesi, il Dipartimento di Sanità dello Stato ha recentemente pubblicato alcune interessanti statistiche sulle visite in ospedale per sintomi simil-influenzali.

Le tabelle seguenti mostrano come quest’anno ci sia stato un numero insolito di persone che hanno manifestato sintomi simil-influenzali ma non sono risultate positive  all’influenza.

La Figura 9 mostra la percentuale di persone che si sono dimostrate positive per l’influenza, mentre la Figura 10 mostra la percentuale di casi di ‘malattia simil-influenzale’ (ILI) in cui si è verificato un risultato negativo sul test dell’influenza. La Figura 9 mostra un’influenza stagionale relativamente normale, se non relativamente mite, ma la Figura 10 mostra casi di una misteriosa malattia simil-influenzale al di sopra della soglia epidemica.

.

Washington State Department of Health, Communicable Disease Epidemiology

.

Mentre questo si sta svolgendo, i governi in Cina, Iran e Italia, alcune delle aree più colpite dall’epidemia, stanno dicendo ai loro cittadini che la situazione è sotto controllo e che il virus non è qualcosa di cui dovrebbero preoccuparsi. In Iran, le persone stanno diventando meno sicure di queste affermazioni, poiché più membri del governo si sono ora ammalati. In Italia, almeno un governatore, Attilio Fontana, è stato messo in quarantena dopo essere entrato in contatto con un membro dello staff infetto, e il Papa ha cancellato tutte le sue apparizioni per quasi una settimana dopo essersi ammalato di una malattia che il Vaticano rifiuta di rivelare. I governi del Giappone e della Corea del Sud sembrano essere un po’ più onesti con i loro cittadini  e sembrano testare più a fondo la situazione.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha affermato che il paese è in ‘ottima forma’ per l’imminente pandemia, ma ha fornito ai cittadini americani pochissima informazione durante le sue recenti conferenze stampa sull’argomento, oltre alle assicurazioni che tutto andrà bene. L’amministrazione Trump sta cercando di controllare il flusso di informazioni sul virus per mantenere le persone ottimiste, proprio come stanno facendo i governi di Cina e Iran, ma questo approccio sta mettendo le persone in grave pericolo, proprio come le amministrazioni del secolo precedente avevano fatto con l’influenza spagnola.

Per comprendere la gravità della situazione, le persone devono conoscere gli alti tassi di mortalità e ricovero per questa malattia. Inoltre, per proteggersi adeguatamente, le persone devono sapere che questa malattia ha un periodo di incubazione significativamente più lungo ed è molto più facile infettarsi rispetto all’influenza stagionale. Questi sono ora risultati accertati che dovrebbero essere in cima a ogni bollettino e conferenza stampa, ma vengono lasciati nelle note a piè di pagina o completamente ignorati.

Test e rapporti adeguati avrebbero dovuto iniziare mesi fa e, purtroppo, le persone potenti che si sono nominate come nostri leader ci stanno effettivamente trattenendo, invece di ‘guidare’.

Fate la cosa giusta e raccontate alle persone di tutto il mondo con cosa abbiamo effettivamente a che fare.

.

Noi siamo Anonymous!

Noi siamo una legione!

Non perdoniamo!

Non dimentichiamo!

Aspettateci. “

.

VIDEOMESSAGGIO

.

Fonte: anewspost.com

.

.

.

.