Dic 15 2017

Myanmar, Facebook e la pulizia etnica del popolo Rohingya

.

.

Monaco Buddhista Wirathu (C), leader del Movimento 969 – (Reuters)

.

Facebook al centro della crisi dei Rohingya in Myanmar

 

di Megan Specia e Paul Mozur

Il governo del Myanmar ha vietato ad Ashin Wirathu, un monaco buddista ultranazionalista, di predicare in pubblico l’anno scorso, affermando che i suoi discorsi contribuivano ad alimentare la violenza contro il gruppo etnico dei Rohingya del paese che le Nazioni Unite definiscono pulizia etnica.

Così, per far arrivare il suo messaggio, egli si è rivolto a una piattaforma ancor più potete e ubiqua: Facebook.

Quotidianamente egli pubblica aggiornamenti, spesso contenenti informazioni false, che diffondono una narrazione dei Rohingya come di estranei aggressivi. E testi di questo genere hanno posto Facebook al centro di una feroce guerra di informazione che sta contribuendo alla crisi che coinvolge il gruppo di minoranza. Gruppi internazionali per i diritti umani affermano che Facebook dovrebbe fare di più per prevenire i discorsi di odio, concentrandosi sui diritti umani globali tanto quanto si concentra sui suoi affari.

“Facebook è rapido nel cancellare svastiche, ma poi non arriva ai discorsi d’odio di Wirathu quando dice che i mussulmani sono cani”, ha detto Phil Robertson, vicedirettore della divisione asiatica di Human Rights Watch.

In tutto il mondo Facebook e altre piattaforme sociali sono messe in discussione per il loro ruolo e le loro responsabilità in espansione in quanto editori di informazioni. In Gran Bretagna inchieste sono state avviate riguardo alla diffusione di disinformazione sui media sociali a proposito del referendum sull’appartenenza all’Unione Europea. Negli Stati Uniti, parlamentari stanno esaminando tentativi russi di influenzare le elezioni presidenziali del 2016 attraverso piattaforme di media sociali.

In Myanmar Facebook è così dominante da essere identificato da molti con la stessa Internet. E gli interessi riguardo a ciò che appare sul sito sono eccezionalmente elevati poiché la disinformazione, così come il linguaggio esplicitamente ostile, sta aggravando divisioni etnica di vecchia data e aizzando la violenza contro i Rohingya.

Ad esempio, da quanto è cominciato il giro di vite del governo contro i Rohingya, Zaw Htaw, un portavoce della leader di fatto del paese, Daw Aung San Suu Kyi, ha condiviso dozzine di testi sulla sua pagina Facebook e sul suo account Twitter che includono immagini che asseritamente mostrano Rohingya che bruciano le loro stesse case. Molte di queste immagini sono state smascherate, tuttavia continuano a comparire.

Resoconti di prima mano dallo Stato Rakhine dimostrano un giro di vite coordinato contro la minoranza Rohingya da parte dell’esercito e di gruppi ultranazionalisti, spingendo più di 600.000 profughi oltre confine in Bangladesh.

Facebook non controlla i miliardi di testi e di aggiornamenti di status che fluiscono ogni giorno in tutto il mondo attraverso il sito, affidandosi piuttosto a un insieme frequentemente confuso di “standard comunitari” e a notizie di utenti di minacce dirette che sono poi valutate manualmente e in alcuni casi rimosse.

Dopo le elezioni statunitensi del 2016 Facebook ha presentato un insieme di linee guida per aiutare gli utenti a identificare notizie false e disinformazione. La società non rimuove regolarmente la stessa disinformazione.

Facebook non ha uffici in Myanmar, ma la società ha collaborato con partner locali per introdurre una copia illustrata in lingua birmana degli standard della sua piattaforma e “continuerà ad affinare” le sue pratiche, ha detto una portavoce, Clare Wareing, in una dichiarazione via email.

Gruppi difensori dei diritti umani affermano che l’approccio della società ha consentito che opinioni, fatti e disinformazione si mescolassero su Facebook, oscurando percezioni di verità e propaganda in un paese in cui la tecnologia mobile è stata diffusamente adottata solo negli ultimi tre anni.

Sotto il dominio della giunta militare severe norme di censure rendevano deliberatamente inaccessibili le carte SIM dei cellulari per controllare il libero flusso delle informazioni. Nel 2014 le restrizioni sono state allentare e l’uso della tecnologia mobile è esploso quando le carte SIM sono divenute accessibili. Gli utenti di Facebook sono saliti alle stelle dai circa due milioni del 2014 ai più di trenta milioni di oggi. Ma la maggior parte degli utenti non sa come navigare internet più in generale.

“Facebook è diventato una sorta di Internet di fatto in Myanmar”, ha detto Jes Kaliebe Petersen, direttore esecutivo di Phandeeyar, il principale centro tecnologico del Myanmar che ha aiutato Facebook a creare la sua pagina degli standard comunitari in lingua birmana. “Quando le persone comprano il loro primo smartphone la piattaforma è semplicemente preinstallata”.

Petersen ha detto che i canali mediatici e giornalistici locali dovrebbero contribuire a combattere la disinformazione in un settore tecnologico tuttora nella sua infanzia.

“Ci sono ancora delle sfide qui, e naturalmente ci sono grandi differenze tra le grandi città e le comunità rurali”, ha detto. “Penso sia davvero importante che ci si concentri nell’educare questa nuova generazione di utenti digitali”.

Nel frattempo Facebook è diventato un terreno fertile per discorsi di odio e testi violenti riguardo ai Rohingya. E a causa della configurazione di Facebook i testi che sono condivisi e che piacciono di più ricevono frequentemente un miglior piazzamento nei flussi, favorendo contenuti fortemente di parte nelle sequenze.

Ashin Wirathy, il monaco, ha centinaia di migliaia di persone che lo seguono sugli account Facebook in birmano e in inglese. I suoi testi includono foto e video crudi di corpi in decomposizione che Ashin Wirathu dice di essere di vittime buddiste di attacchi Rohingya o testi che denunciano il gruppo etnico minoritario o aggiornamenti che lo identificano come composto da stranieri “bengalesi”.

Facebook ha rimosso parte dei suoi testi e limitato la sua pagina per ampliamenti, ma essa è attualmente attiva. In un’intervista Ashin Wirathu ha detto che se Facebook rimuovesse il suo account egli semplicemente ne creerebbe uno nuovo. Ha aggiunto che a qualcuno i suoi testi su Facebook non piacciono “può citarmi in giudizio”.

Anche testi su Facebook verificati come di fonte governativa e militare diffondono disinformazione. Alcuni, ad esempio, rifiutano di riconoscere i Rohingya come gruppo etnico meritevole di diritti di cittadinanza, nonostante il fatto che molti vivono nello Stato Rakhine da generazioni.

Il generale Min Aung Hlaing, il comandante in capo delle forze armate del Myanmar che ha condotto il giro di vite sui Rohingya, ha più di 1,3 milioni di utenti sul suo account verificato. Un testo del 15 settembre descrive l’operazione come una reazione a un “tentativo di estremisti bengalesi di costruire una roccaforte nello Stato Rakhine” dopo un attacco del 25 agosto in remote postazioni di confine da parte un gruppo militante Rohingya.

Anche attivisti Rohingya usano Facebook, documentando violazioni dei diritti umani, spesso con immagini e video crudi come prova. A volte la società li ha rimossi.

La signora Wareing, portavoce di Facebook, ha detto che la società ha rimosso contenuti crudi “quando sono condivisi per celebrare la violenza”. Ha detto che la società consente contenuti crudi quando sono giornalisticamente rilevanti, significativi o importante per il pubblico interesse, anche se potrebbero andare contro gli standard della piattaforma.

Richard Weir, un analista dell’Asia di Human Rights Watch, ha detto che la situazione è complicata.

“C’è qui realmente un equilibrio delicato tra cose che sono violente e pubblicate da persone che cercano di infiammare tensioni e da quelle che cercano di diffondere informazioni”, ha detto Weird. “E’ difficile sapere dove esattamente tracciare il confine”.

Parte delle conversazioni sui media sociali ha luogo privatamente. Ad esempio messaggi a catena di Sant’Antonio su Facebook Messenger prima dell’11 settembre di quest’anno avvertivano falsamente di un attacco pianificato dai Rohingya contro i buddisti. Scritto come una lettera a catena di Sant’Antonio il messaggio sollecitava le persone a condividerlo e molti si sono sentiti agitati mentre si diffondeva.

“Ero nervoso al riguardo”, ha detto U Tin Win, un insegnante di Mandalay, la seconda città più vasta del paese, che ha ricevuto la lettera. “Non so chi abbia avviato il messaggio, ma ho ordinato alla mia famiglia di non uscire quel giorno”.

Weir ha detto che la gente in Myanmar si affida ai media sociali per avere notizie.

“Il governo può grosso modo tirare fuori le proprie idee e diffonderle molto rapidamente, in aggiunta a un mucchio di altre entità non statali”, ha detto. “Idee sulla gente dello Stato Rakhine, sulle origini della popolazione e su altre cose che possono essere successe o no, circolano su Facebook con estrema rapidità e possono creare situazioni instabili”.

Megan Specia ha scritto da New York e Paul Mozur da Sciangai. Mike Isaac ha contribuito da San Francisco e Saw Nang da Mandalay, Myanmar.

Una versione di questo articolo appare a stampa sull’edizione di New York del 28 ottobre 2017 a pagina A4 sotto il titolo: “Guerra di parole in corso in Myanmar coinvolge Facebook nella crisi dei Rohingya”.

.

.

Da Znetitaly – Lo spirito della resistenza è vivo    www.znetitaly.org

Originale: https://www.nytimes.com/2017/10/27/world/asia/myanmar-government-facebook-rohingya.html

.

.

.

.

.

.

 


Nov 16 2016

Trump: “Facebook e Twitter mi hanno aiutato a vincere.”

.

.

trump-and-facebook

.

Trump domina tra le bufale su Facebook?

L’analisi del risultato a sorpresa delle elezioni chiama in causa anche Zuckerberg. Che difende la sua creatura: le notizie false sono relativamente poche e bipartisan.

di Claudio Tamburrino

È altamente improbabile che tra i fattori che hanno contribuito alla vittoria del candidato fuori dagli schemi Donald Trump alle Presidenziali degli Stati Uniti ci siano anche le notizie false condivise sui social network durante la campagna elettorale. A dirlo – chiamato in causa dalla miriade di analisi politiche sui risultati a sorpresa – è Mark Zuckerberg che ha risposto sabato con un lungo post sulla questione agli analisti che gli chiedevano una assunzione di responsabilità sul ruolo presente e futuro di Facebook.

Il social network in blu è stato infatti molto discusso nel dibattito post-elettorale in quanto possibile fattore determinante, nel bene o nel male: come sostiene Trump proprio i suoi numeri su Facebook, Twitter e Instagram “lo hanno aiutato a battere i concorrenti dotati di un budget per la campagna elettorale molto superiore”, mentre diversi osservatori, in particolare, hanno affermato che la condivisione di notizie false e vere e proprie bufale sul social network avrebbe contribuito ad instillare negli elettori delle convinzioni non veritiere che hanno infine pesato sul voto finale.

D’altra parte, se Baricco torna a parlare di barbari come qualche anno fa, lo fa partendo dall’idea che quello a cui le persone stanno rinunciando è l’intermediazione delle élite, sia per opposizione al sistema sia per l’esistenza di strumenti – come tutti quelli digitali, da Tripadvisor e Airbnb ai blog personali che promettono di fare “contro-informazione” – che fanno a meno di qualsiasi forma di intermediario. In tutto questo i social network hanno certamente un ruolo fondamentale, perché con i media tradizionali etichettati come “casta” al servizio di interessi personali, forniscono un mezzo privilegiato per la condivisione delle notizie, tanto da far diventare Facebook una delle piattaforme preferite sia dagli utenti per la rassegna stampa quotidiana che – conseguentemente – dagli editori stessi che lì cercano di convogliare lettori. Inoltre, gli strumenti al momento disponibili per segnalare contenuti (sopratutto quelli per chiedere la rimozione di quelli ritenuti violenti o pornografici) finiscono inevitabilmente per segnare la linea morale della maggioranza, appiattendola su logiche minimali di bianco e nero con risultati evidentemente forvianti, come la rimozione della forte ma molto politica foto della bambina colpita da napalm durante la guerra del Vietnam o del quadro l’Origine della Vita.

Dopo aver difeso il ruolo di Facebook nel coinvolgimento politico e nel dibattito di oltre 2 milioni di persone (persone che non si sarebbero iscritte nelle liste elettorali se non fosse stato per Facebook), Zuckerberg parte da un dato: più del 99 per cento di quello che le persone vedono su Facebook – dice – è autentico e la restante minima percentuale di bufale o altre forme di false notizie non si limita ad una determinata visione politica. Pertanto è altamente improbabile che si generi sul social network in blu una situazione in grado di influenzare i risultati di una votazione politica.

Inoltre Zuckerberg afferma che – anche se c’è ancora tanto da fare – il suo impegno è sempre stato di migliorare la qualità dei contenuti e per questo ha anche predisposto diversi strumenti anti-bufale e, da ultimo, un ticket di segnalazione ad hoc a favore degli utenti per permettergli di segnalare eventuali notizie false.

I dati forniti da Zuckerberg, tuttavia, non sembrano coincidere con le recenti critiche ricevute da Facebook sull’argomento e sull’ultima modifica dell’algoritmo alla base dei trending topic che in almeno un caso avrebbe finito per favorire la diffusione di una notizia palesemente falsa; inoltre, anche lo strumento per la segnalazione delle bufale differisce molto da altri strumenti per la richiesta di rimozione di contenuti (come quelli legati alla contestazione di violazione di proprietà intellettuale) in quanto non permette di giustificare la richiesta e, in fine, non rimuove la notizia dal social network ma si limita a non mostrarla più sulla pagina del segnalatore.

D’altra parte Zuckerberg sembra partire dalla convinzione che le persone siano fondamentalmente buone e sostiene che l’obiettivo di Facebook è dare voce ad ognuno. Conseguentemente la selezione effettuata per crowdsourcing da parte dei suoi utenti non può che essere la migliore soluzione possibile per la circolazione della verità.

.

Fonte: Punto Informatico

.

.

.

.


Dic 27 2015

Anonymous – Attaccato il profilo Facebook di Salvini

.

.

anonymous

.

27 dicembre 2015

Il collettivo di Anonymous Italia ha deciso di hackerare il profilo Facebook di Salvini nel periodo festivo. Nell’attacco hanno solo inserito delle immagini modificando quelle del profilo e della copertina Facebook. Naturalmente, non è mancata la maschera di Guy Faweks così come il loro motto: “We are Anonymous. We are legion. We do not forgive. We do not forget. Expect us”.

La risposta twittata di Salvini: “Quei conigli di si sono introdotti nella mia Pagina Fan di Facebook. Alla faccia dei “democratici” della rete… . Infine, l’eurodeputato ha affermato che questa azione è “un attacco alla democrazia!”.

(madu)

.

.

.

.


Mag 29 2015

Utilizzo di Facebook sul posto di lavoro? Controlli e licenziamenti!

.

.

US-IT-COMPANY-STOCKS-IPO-INTERNET-FACEBOOK-FILES

.

Cassazione: Facebook incastra il lavoratore

.

di Claudio Tamburrino

Una sentenza apre alla possibilità di controlli (e licenziamenti) per l’utilizzo dei social network sul posto di lavoro. Anche tramite fake account e geolocalizzazioni: del resto, il lavoratore ha accettato di condividere pubblicamente i propri dati

I datori di lavoro possono esercitare un controllo sui propri dipendenti monitorandone l’utilizzo dei social network e delle app di messaggistica anche assumendo identità fittizie. E – in caso di utilizzo sul posto di lavoro – possono anche licenziarli.

A riferirlo è la sentenza 17 dicembre 2014-27 maggio 2015, n. 10955 della Corte di Cassazione che sembra porsi in antitesi con la giurisprudenza in materia di tecnocontrollo e il trend seguito negli altri paesi, dove anzi i mezzi di comunicazione digitali sono spesso visti come un mezzo di coercizione del datore di lavoro. Anche lo stesso Statuto dei lavoratori italiano vieta (all’art. 4) i controlli a distanza sull’attività del personale, un divieto peraltro già ridimensionato da alcune previsioni del Jobs Act che aprono la porta al tecnocontrollo dei dipendenti facilitando i controlli sugli strumenti di lavoro (PC, Tablet e telefoni aziendali).

Il caso esaminato vede contrapposta l’azienda P.A. srl ad un suo ex dipendente licenziato per giusta causa: un giorno si era allontanato per una telefonata privata di circa 15 minuti che gli aveva impedito di intervenire prontamente su di una pressa, bloccata da una lamiera che era quindi rimasta incastrata nei meccanismi. Lo stesso dipendente è stato colto, nei giorni successivi, a conversare su Facebook durante l’orario di lavoro.

Secondo la sentenza della Cassazione l’utilizzo di social network e la negligenza rispetto alle attività di lavoro, per esempio per effettuare telefonate, costituisce un fatto potenzialmente grave, indice di una condotta potenzialmente lesiva della fiducia che l’azienda ripone sul proprio dipendente. E già solo questo può portare a sanzioni, magari lievi, nei confronti del collaboratore. Ma se a ciò si aggiunge la possibilità di distrarre il dipendente compromettendo la sicurezza dell’azienda od il blocco delle sue attività, allora il datore di lavoro può anche licenziarlo.

La logica della Cassazione è che, per quanto i controlli a distanza siano in via generale proibiti, un controllo diretto è permesso qualora abbia l’obiettivo di tutelare i beni del patrimonio aziendale oppure impedire eventuali comportamenti illeciti, quale sprecare il proprio tempo su Facebook. Inoltre, l’accettazione da parte del dipendente dei termini di utilizzo del social network bastano ad aggirare lo Statuto dei Lavoratori, acconsentendo di fatto a mettere a disposizione i propri dati e quindi alla possibilità di essere monitorato.

Non basta. Secondo la sentenza che sembra destinata a segnare le libertà dei dipendenti in determinati casi ed i poteri di tecnocontrollo dei datori di lavoro, questi ultimi possono anche ricorrere a falsi profili per spiare i comportamenti dei propri dipendenti: nel caso specifico il datore di lavoro era riuscito ad ottenere l’amicizia del suo dipendente tramite un fake account femminile. Uno spionaggio – fanno intendere i giudici – da intendere in via chiaramente “difensiva” della propria azienda.

Difatti, come si legge nella sentenza, dalla giurisprudenza – che già ammette per esempio la possibilità di ricorso ad investigatori privati – “può trarsi il principio della tendenziale ammissibilità dei controlli difensivi occulti, anche ad opera di personale estraneo all’organizzazione aziendale, in quanto diretti all’accertamento di comportamenti illeciti diversi dal mero inadempimento della prestazione lavorativa, sotto il profilo quantitativo e qualitativo, ferma comunque restando la necessaria esplicazione delle attività di accertamento mediante modalità non eccessivamente invasive e rispettose delle garanzie di libertà e dignità dei dipendenti”.

La Cassazione ha chiarito che la creazione del falso profilo Facebook non costituisce, di per sé, violazione dei principi di buona fede e correttezza nell’esecuzione del rapporto di lavoro: esso attiene, piuttosto, ad una semplice modalità di accertamento dell’illecito commesso dal lavoratore, non invasiva, né volta a istigare l’illecito. È il dipendente, infatti, che aderisce prontamente all’invito al colloquio sulla chat.

In generale, “le disposizioni dello Statuto dei lavoratori secondo il tribunale non escludono il potere dell’imprenditore di controllare direttamente o mediante la propria organizzazione gerarchica o anche attraverso personale esterno – costituito in ipotesi da dipendenti di una agenzia investigativa – l’adempimento delle prestazioni lavorative e quindi di accertare mancanze specifiche dei dipendenti già commesse o in corso di esecuzione, e ciò indipendentemente dalle modalità del controllo, che può avvenire anche occultamente, senza che vi ostino né il principio di correttezza e buona fede.”

Ultimo bastione di sicurezza per i dipendenti che vogliono tutelare la propria privacy nei confronti del datore di lavoro, quindi, restano le disposizioni di social network come Facebook e Google Plus che cercano di porre un freno agli account con pseudonimi o nomi falsi.

D’altra parte, secondo la Cassazione un datore di lavoro può addirittura accedere ai dati di geolocalizzazione forniti dai social network (nello specifico Facebook) eventualmente generati dai dispositivi mobile dei dipendenti: non essendo il datore di lavoro che mette in atto un controllo a distanza, ma un’app terza come appunto Facebook, si presuppone la consapevolezza del lavoratore di poter essere localizzato attraverso il sistema di rilevazione satellitare del proprio cellulare e quindi non vi è alcuna violazione dello Statuto dei lavoratori.

.

Fonte: Punto Informatico

.

.

.


Nov 3 2014

Snowden, Privacy, Facebook e l’utilizzo della rete anonima Tor

.

.

480x270

.

L’anno scorso, di questi tempi, la talpa Edward Snowden riferì al Washington Post    che c’erano “nuovi dettagli sul piano di sorveglianza digitale adottato dalla statunitense National Security Agency (NSA), che riuscirebbe a raccogliere centinaia di milioni di liste contatti dagli account personali di posta elettronica o attraverso i principali client di messaggistica istantanea. Da Gmail a Yahoo!…” In effetti,  la rete sociale costruita da un individuo mediante posta elettronica e messagistica istantanea viene illegalmente memorizzata su giganteschi server dove i dati vengono poi analizzati dalle autorità federali. Continua Snowden: “In un solo giorno nello scorso anno, la divisione di NSA Special Source Operations ha rastrellato quasi 450mila liste da Yahoo!, 105mila da Hotmail, 82mila da Facebook e 33mila da Gmail…” Naturalmente tutto ciò  ha messo in allarme innanzitutto i cittadini e poi i social network.  Allora, cosa fare per non correre il rischio di essere spiati?

Ecco che a questo punto entra in gioco il software Tor (The Onion Router) storico guerriero dell’anonimato in rete, gestito da The Tor Project una associazione senza scopo di lucro. “Tor protegge gli utenti dall’analisi del traffico attraverso una rete di router (detti anche onion router), gestiti da volontari, che permettono il traffico anonimo in uscita e la realizzazione di servizi anonimi nascosti “. (Wikipedia)

L’unione di Facebook con Tor dovrebbe rafforzare l’idea della privacy in rete. E’ bene precisare che non sarà l’utente ad utilizzare Tor accedendo in forma anonima al social network ma bensì sarà il Social a sfruttare Tor per avere una maggiore protezione. Precisa Runa Sandvik (ex svillupatore di Tor): “Si aggira censura e sorveglianza: aggiunge un livello di sicurezza in cima alla vostra connessione”.

Tor da sempre visto come un software illegale specialmente dagli USA e da molti paesi con regimi dittatoriali ora viene utilizzato, paradossalmente, per proteggersi dall’azione di spionaggio sulla popolazione mondiale, non solo da comuni cracker,  ma anche da parte della National Security Agency degli Stati Uniti. Incredibile!

madu

.

____________________________________________________

Approfondimento

La talpa Edward Snowden: NSA intercetta intere agende elettroniche in tutto il mondo

Tor

Navigare anonimi con Tor e Vidalia: la guida passo-passo

.

.

.