Dic 18 2020

Trump prima di lasciare l’incarico considera possibile la grazia per Edward Snowden

.

.

.

.

By Mark Horowitz

14 dicembre 2020

Secondo il membro del Congresso della Florida Matt Gaetz, lui e altri legislatori stanno esortando il presidente Donald Trump a perdonare l’informatore Edward Snowden prima di lasciare l’incarico, ed è qualcosa che l’ex presidente sta considerando seriamente.

In una precedente conferenza stampa, Trump ha riferito che stava esaminando il caso, che ha notato essere molto controverso, con democratici e repubblicani divisi sulla questione.

Alcune persone pensano che sia un eroe, e altri pensano che sia un cattivo, e ci sono anche persone che la pensano diversamente dal proprio partito politico.

Il presidente Trump sta ascoltando molti di noi che lo stanno esortando a #PardonSnowden
È la cosa giusta da fare. https://t.co/5roORsl9W6

  • Matt Gaetz (@mattgaetz) 13 dicembre 2020

All’inizio di quest’anno, una corte d’appello federale ha stabilito che il controverso programma di spionaggio della NSA era inizialmente illegale.

Questo è lo stesso programma su cui Edward Snowden fu denunciato nel 2013. La sentenza storica ha anche aggiunto che il programma di spionaggio potrebbe essere stato incostituzionale.

La sentenza del tribunale è stata scritta dal giudice Marsha Berzon, che ha deciso che il Foreign Intelligence Surveillance Act, o FISA, non consentiva la raccolta di massa dei registri delle chiamate degli utenti telefonici, come affermato al tempo dal governo degli Stati Uniti.
Nella sua sentenza ha scritto: “La raccolta di metadati ha superato la portata dell’autorizzazione del Congresso”.

Il problema principale è che la FISA non consentiva la raccolta in blocco, ma solo la raccolta mirata di sospetti noti. La legge, secondo Berzon, “richiedeva al governo di dare prova di rilevanza per una particolare indagine autorizzata prima di raccogliere i documenti”.

Il giudice Berzon ha continuato dicendo che non ci sono prove che il programma di spionaggio abbia effettivamente fatto qualcosa per prevenire un singolo caso di terrorismo, e che i funzionari statunitensi hanno fuorviato il pubblico sull’efficacia del programma.

Edward Snowden ha denunciato l’attività illegale del governo tenuta segreta per anni.
La nostra democrazia sta meglio grazie a lui. https://t.co/cG4vp4m1vD

  • ACLU (@ACLU) 14 dicembre 2020

Cnet ha scritto: “Nella misura in cui le dichiarazioni pubbliche dei funzionari governativi hanno creato un’impressione contraria, tale impressione è incoerente con il contenuto del record classificato”.

La NSA afferma di aver cancellato i programmi di spionaggio in questione, ma molti sostenitori della privacy sospettano che essa sia ancora impegnata in attività molto simili, se non più invasive ora che la tecnologia è avanzata.

Snowden sta ancora affrontando accuse penali ai sensi dell’Espionage Act. Attualmente vive in esilio in Russia, dove è rimasto bloccato ed è rimasto mentre cercava di eludere le autorità statunitensi dopo l’ormai famigerata fuga di notizie.

L’anno scorso, Snowden ha pubblicato un libro di memorie che racconta del suo tempo trascorso nella comunità dell’intelligence e sulla sua decisione di raccontare al mondo l’enorme stato di sorveglianza che era stato creato dal governo degli Stati Uniti. Il libro, chiamato ‘Permanent Record’, è salito rapidamente in cima alle classifiche non appena è stato reso pubblico, ma come previsto, il governo degli Stati Uniti era molto preoccupato della sua pubblicazione.

Il giorno in cui il libro è stato pubblicato, il governo degli Stati Uniti ha intentato una causa contro Snowden, sostenendo di aver violato gli accordi di non divulgazione che aveva firmato sia con la CIA che con la NSA quando era impiegato nelle agenzie.

A questo punto, le informazioni contenute nel libro non devono essere troppo sensibili, infatti la causa non sta cercando di bloccare la pubblicazione del libro, ma sta cercando di intercettare tutto il denaro ricavato dalle vendite.

.

Fonte: anewspost.com

.

________________________________________________________

Articoli correlati

.

.

.

.


Dic 10 2020

BeeGees | Il 14 dicembre 2020 in uscita il documentario sulla mitica band.

.

.

.

.

THE BEE GEES: HOW CAN YOU MEND A BROKEN HEART – DAL 14 DICEMBRE IN DIGITAL DOWNLOAD.

By MondoRaroMusic

Il 14 dicembre THE BEE GEES: HOW CAN YOU MEND A BROKEN HEART, il primo documentario sulla leggendaria band autrice di oltre 1,000 canzoni e venti hit in testa alle classifiche e con più di 220 milioni di dischi venduti, sarà disponibile in Italia in digital download. Il film racconta l’ascesa dell’inconfondibile gruppo, formato dai fratelli Barry, Maurice e Robin Gibb, la loro musica e l’evoluzione negli anni e include anche recenti interviste a Barry Gibb, Eric Clapton, Mark Ronson, Noel Gallagher, Lulu, Nick Jonas, Chris Martin and Justin Timberlake.

Polygram Entertainment presenta una produzione Kennedy/Marshall e White Horse Pictures in collaborazione con Diamond Docs, THE BEE GEES: HOW CAN YOU MEND A BROKEN HEART, diretto da Frank Marshall, regista e produttore nominato al Premio Oscar (“Il Curioso Caso di Benjamin Button,” “Seabiscuit”, “Jurassic World: Dominion”) e selezionato al Festival di Telluride 2020.

Al fianco di Marshall anche i produttori Nigel Sinclair e Jeanne Elfant Festa, parte del premiato team di “The Apollo”, “The Beatles: Eight Days a Week” e “George Harrison: Living in the Material World” della HBO, e Mark Monroe (“The Beatles: Eight Days a Week,” “Icarus”).

“Così come molte altre persone nel mondo, ho amato la musica dei Bee Gees per tutta la mia vita. Ma è solo quando ho intervistato Barry per la prima volta, circa 3 anni fa, che ho scoperto il loro straordinario istinto creativo, il loro dono musicale, lo humor e il legame tra fratelli che li ha resi così unici. È un grande onore per me far parte di questo film e poter celebrare l’enorme influenza che i Bee Gees hanno avuto sulla musica pop” ha dichiarato Frank Marshall.

“Sono onorato di puntare i riflettori sui Bee Gees, non solo in quanto superstar, ma anche come fratelli e autori emblematici. Le loro canzoni hanno lasciato un segno indelebile nella musica e nella cultura e siamo entusiasti di poter condividere la loro storia con i fan di tutto il mondo”. Sono le parole di Jody Gerson, Executive Producer, Presidente e CEO di Universal Music Publishing Group.

Secondo il produttore Nigel Sinclair “il talento di Barry, Maurice e Robin Gibb ha avuto un impatto straordinario in tutti i continenti per oltre cinquant’anni e la loro eredità influenzerà anche le generazioni a venire. È un privilegio poter portare la storia dei Bee Gees sullo schermo così che il pubblico possa vivere il mondo che hanno creato, nella speranza che questa possa essere anche una piacevole fuga dai tempi difficili che stiamo vivendo”.

THE BEE GEES: HOW CAN YOU MEND A BROKEN HEART è diretto da Frank Marshall e prodotto da Nigel Sinclair, Jeanne Elfant Festa, Mark Monroe, Frank Marshall, dai produttori esecutivi David Blackman, Jody Gerson, Steve Barnett, Nicholas Ferrall, Cassidy Hartmann, Ryan Suffern e dal supervising producer Aly Parker. Il film è scritto da Mark Monroe con la consulenza di Cassidy Hartmann.

THE BEE GEES: HOW CAN YOU MEND A BROKEN HEART mostra l’affascinante storia di tre fratelli che hanno inseguito un’emozione fin da bambini: la gioia di cantare insieme e creare canzoni dal sound unico. Un lascito avvincente e senza tempo quello dei Bee Gees, con interviste a musicisti contemporanei influenzati dalla loro musica. Una storia di incredibili successi e sconfitte ma anche un’occasione per esplorare la creatività alla base del fenomeno intramontabile della band.

.

.

TRAILER
THE BEE GEES: How Can You Mend A Broken Heart (2020) Official Trailer | On Digital this December

.

.

Fonte: indieurbanmusic.news

.

.

.

.