Mag 8 2020

Turchia | İbrahim Gökçek non ce l’ha fatta!

.

Grup Yorum

.

.

7 aprile 2020

La vittoria e la gioia sono durate poco. Ibrahim Gökçek stava combattendo per l’esistenza della sua band. Il bassista del gruppo Grup Yorum è morto oggi in ospedale ad Istanbul. Era riuscito dopo 323 giorni di sciopero della fame a piegare il governo turco e ad avere la data per il prossimo concerto. Dovevano esibirsi il 3 luglio, ricordando anche le altre due vittime del regime Helin Bölek e Mustafa Kocak, morte anch’esse per lo sciopero della fame. Anche la protesta di İbrahim si è conclusa con un terribile sacrificio. In un’intervista qualche settimana fa aveva detto: “Questa resistenza è la nostra ultima risorsa, non ci ha lasciato nient’altro da fare. Moriremo per il canto? Sì, perché il nostro è amore per la gente e per la patria” .

Il gruppo di rock, folk, è ben noto nel campo della musica di protesta con 20 album pubblicati, 2 milioni di dischi venduti, concerti e tournée in diversi Paesi. Il problema legale era iniziato nel 2015 e nel 2016 la band è stata inclusa nell’elenco dei movimenti sovversivi e terroristi, con conseguente arresto di molti dei suoi membri. L’accusa per tutti è l’appartenenza o il sostegno al Dhkp-C, un’organizzazione armata dell’estrema sinistra considerata terrorista non solo dalla Turchia, ma anche dagli Stati Uniti e dall’Unione europea. Ma il gruppo ha sempre negato qualsiasi connessione: ‘Sappiamo che pensiamo con la testa’, aveva detto diverse volte Gökçek, sottolineando come non siano mai state trovate prove concrete contro di loro.

.
Il mondo della musica, e non solo, è in lutto.

.

VIDEO – Grup YORUM – “Ölümden Öte Ne Var” (Cosa c’è oltre la morte)

.

.

maribù duniverse

.

.

.

.
.

Nov 17 2018

La musica e l’innocenza

.

.

.

L’ascoltar profondo dell’innocenza,
con la gioia che la solleva
e il ritmo che la pervade.

 

(maribù duniverse)

.

.

.

.


Nov 4 2015

La danza e la musica

.

.

Henri Matisse - La danza (1910)

Henri Matisse – La danza (1910)

.

E coloro che furono visti danzare vennero giudicati pazzi

da quelli che non potevano sentire la musica.

 

(Friedrich Nietzsche)

.

.

.

.


Lug 8 2015

Bologna: nasce “Leitmovie”

.

.

Leit-Movie-Logo1

.

Leitmovie si propone di indagare, approfondire e promuovere il rapporto tra il cinema e la musica, operando in generale in tutto il campo dell’audiovisivo.

Per quale motivo creare un’associazione culturale che si occupi del rapporto tra cinema e musica?

Nonostante si sia già scritto e detto tanto, perché aprire un nuovo dialogo su questa tematica?

Qual è il motivo che spinge a focalizzare l’attenzione su tale aspetto e decidere di promuoverlo come proprio ambito di ricerca? Forse semplicemente perché si affronta ancora troppo poco l’argomento o perché il più delle volte si tratta di studi che difficilmente escono dall’indagine accademica. Ma soprattutto perché, al di là delle questioni critiche, la musica nel cinema continua a destare sempre un forte interesse ed un coinvolgimento in ogni tipo di spettatore, imponendosi come l’arte che in maniera più diretta ed istintiva riesce ad avvicinare il pubblico al linguaggio filmico.
La musica non è semplicemente uno dei tanti elementi che compongono un film, ma un potente mezzo espressivo capace di caratterizzare la natura stessa del cinema. Da quelle prime immagini accompagnate da un motivo musicale sino al moderno linguaggio audiovisivo, la musica ha costituito l’aspetto più affascinante della settima arte caratterizzandosi proprio come il tramite emotivo tra lo spettatore e le immagini sullo schermo.

L’obiettivo che si pone Leitmovie è dunque quello di stimolare una continua riflessione sulla funzione della musica nei film, che dagli ambienti più eruditi arrivi sino al grande pubblico, attraverso vie tanto stimolanti quanto diverse tra loro. È per questo che Leitmovie vuole indagare questo rapporto in tutte le sue forme, spaziando dall’organizzazione di eventi fino all’approfondimento critico e alla ricerca, creando sempre suggestivi percorsi che partano dal forte ed indissolubile legame che esiste tra la musica ed il cinema, e più in generale tra il suono e le immagini.

Questo è dunque ciò che ci ha spinto a dar vita a questa nuova avventura che speriamo possa diventare una realtà di riferimento per gli studiosi, gli appassionati e per tutti coloro vogliano approfondire questo discorso, seguendoci in tutte le nostre iniziative e facendo sì che questo spazio online sia un costante produttore di stimoli e di suggerimenti.

See you soon Space Cowboy…

Marcello Polizzi

.

Fonte: Leitmovie

.

.

.


Feb 17 2015

La melodia magica ed ipnotica del Canone di Pachelbel

.

.

pachelbel-t300

Johann Pachelbel (1653 – 1706)

.

Canone e giga in re maggiore per tre violini e basso continuo, meglio noto semplicemente come il Canone di Pachelbel, è una composizione musicale scritta nel XVII secolo – in forma appunto di canone – dal religioso e musicista tedesco Johann Pachelbel.

Pachelbel lo compose intorno al 1680, ovvero in piena epoca barocca, come parte di una pièce di musica da camera per tre violini e basso continuo.

Il Canone di Pachelbel rappresenta uno degli esempi più importanti di crossover in ambito musicale: a partire dagli anni settanta è infatti passato dall’essere un’opera poco conosciuta della musica barocca al diventare un elemento culturale universalmente noto.

.

.

Ecco alcuni dei musicisti o gruppi pop/rock che hanno riadattato il Canone o che comunque hanno riutilizzato la progressione di accordi:

Aphrodite’s Child, The Beatles, Bob Marley, Village People, Aerosmith, Oasis, Brian Eno, Joe Satriani, Yngwie Malmsteen, etc…

.

Fonte: Wikipedia

.

.

.