Feb 18 2016

Il referendum sulle trivellazioni petrolifere. Di che si tratta?

.

.

Referendum-no-triv

.

Il 17 aprile si vota per il referendum sulle trivellazioni petrolifere

di Pio Russo Krauss

Il Governo ha deciso: il 17 aprile si voterà il referendum sulle trivellazioni petrolifere. Di che si tratta? Per spiegarlo bisogna fare qualche passo indietro.

Ricordate lo Sblocca Italia? Il decreto di 296 pagine sugli argomenti più disparati diventato legge nel 2014? Questo discusso decreto (vedi i nostri messaggi del 6/11/2014 e del 28/5/2015) permette di ricercare ed estrarre petrolio anche ad una distanza dalla costa e da aree marine protette minore di 12 miglia, anche nei parchi nazionali e nelle aree protette, anche se la Regione è contraria. Contro l’approvazione di questo decreto si erano espresse le associazioni ambientaliste, quelle turistiche (es. il Touring Club Italia), centinaia di comitati locali, la Conferenza delle Regioni, le Conferenze episcopali di Abruzzo e Molise (due delle Regioni più tartassate dal decreto), intellettuali ecc.

Successivamente all’approvazione del decreto, 10 Regioni (Liguria, Veneto, Marche, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria Sardegna) hanno presentato richiesta di 6 referendum.

Il Governo, per paura di perdere, ha inserito nella legge di stabilità alcune disposizioni, quali il divieto di ricerca ed estrazione nella fascia di 12 miglia dalla costa e dalle aree marine, il coinvolgimento delle Regioni ecc. che in parte accolgono le richieste delle Regioni e degli ambientalisti. Dei 6 referendum è stato così ammesso solo uno (su altri due la Corte Costituzionale si dovrà esprimere tra pochi giorni).

Il referendum del 17 aprile chiede che sia abrogata la norma che stabilisce che le concessioni alla ricerca e all’estrazione siano a tempo illimitato. Va detto, infatti, che il Governo ha chiuso le stalle dopo che ha fatto uscire le vacche: al 31 dicembre 2015 aveva già concesso, secondo le vecchie norme dello Sblocca Italia, 90 permessi sulla terra ferma e 24 in mare (una concessione permette di ricercare petrolio nel Golfo di Taranto a solo 1,16 miglia da un’area protetta, il Sito di Importanza Comunitaria “Amendolara”). Se passa il referendum tutte queste concessioni possono essere ridiscusse, se non passa, le aziende petrolifere avranno mano libera. Insomma, come ha detto il WWF, il Governo ha fatto il furbo: si è affrettato a concedere quante più autorizzazioni è possibile, senza rispettare il limite dei 12 Km, senza sentire le Regioni ecc. e poi ha concesso quello che chiedevano gli ambientalisti e le Regioni, quando ormai i giochi erano compiuti. Ovviamente non ha potuto concedere che le autorizzazioni fossero a tempo e ridiscutibili, perchè avrebbe vanificato tutta la sua strategia.

Un sondaggio ha evidenziato che oltre l’88% degli italiani è contrario alle ricerche petrolifere in mare sotto le 12 miglia. Quindi vittoria facile del referendum? Tutt’altro. Il Governo, malgrado i molti appelli ad accorpare le elezioni amministrative col referendum, ha deciso che questo si terrà prestissimo, il 17 aprile. Appare chiaro che Renzi cerca di fare in modo che non si raggiunga il quorum del 50% dei votanti. E per farlo fa spendere agli italiani circa 350 milioni di euro (tanto si sarebbe risparmiato se si accorpavano le due votazioni in un unico giorno). Inoltre, se la Corte Costituzionale desse il via libera agli altri due referendum, questi non potrebbero tenersi il 17 aprile, perché la data è troppo vicina, quindi altri 350 milioni da spendere inutilmente.

Nel merito di questa strategia pro-petrolio del Governo va detto che:

  1. i giacimenti di petrolio quasi certi (probabilità al 90%) non sono molti in Italia (coprirebbero il fabbisogno di petrolio dell’Italia per soli 3 mesi). Secondo stime ottimiste si potrebbero trovare giacimenti che riuscirebbero a coprire il fabbisogno nazionale al massimo per 2-3 anni.

  2. Il petrolio italiano non è di buona qualità. Quello Adriatico è troppo denso: l’indice API è 9, quando un petrolio di buona qualità ha un indice superiore a 40. Quello della Val d’Agri è migliore (più fluido), ma, come il resto del petrolio italiano è ricco di zolfo. Quindi i costi di raffinazione e il suo impatto ambientale sono alti.

  3. Varie zone nelle quali sono stati concessi autorizzazioni alla ricerca sono interessate da fenomeni di subsidenza (abbassamento del terreno) che verrebbero peggiorati dall’estrazione del petrolio.

  4. Il Mediterraneo è un mare chiuso e l’Adriatico è ancora più chiuso. Tutte le zone interessate da ricerche petrolifere sono zone sismiche. Le possibilità di incidenti non sono quindi remote e i danni sarebbero ingentissimi.

  5. Tra le principali argomentazioni addotte da esponenti del Governo e della lobby petrolifera quando è stato varato lo Sblocca Italia c’era questa: bisogna affrettarsi ad estrarre petrolio nel Mare Adriatico, perché la Croazia si è già attivata e noi rischiamo di trovare i pozzi a secco, avendo solo i rischi e nessun beneficio. Ora il nuovo Governo della Croazia ha annullato tutte le concessioni e ha deciso che preferisce salvaguardare il turismo piuttosto che imbarcarsi in un’impresa incerta e poco remunerativa.

  6. L’Italia ha qualcosa di molto più prezioso e duraturo di qualche giacimento di petrolio: ha il mare, le spiagge, la costa, i borghi, i paesaggi mediterranei e ha la pesca (frutti di mare, pesci, crostacei). Il turismo e la pesca sono due settori economici importanti, che producono ricchezza e danno lavoro a tantissime persone. Il turismo produce ogni anno il 10% del nostro PIL e dà lavoro a 2.619.000 persone [1]; la pesca produce il 2,6% del PIL è dà lavoro a 325.000 persone [2], il solo prelievo di molluschi bivalvi con draga idraulica nell’Adriatico dà lavoro a 4.600 persone [3]. Purtroppo negli ultimi anni l’Italia ha perso posizioni. Nel Brand Index (la graduatoria dei Paesi turisticamente più “appetibili”) del 2005 l’Italia era al primo posto, nel 2007 al quinto, nel 2009 al sesto, nel 2011 al decimo, nel 2013 al quindicesimo e nel 2015 al diciottesimo. Secondo le graduatorie del World Economic Forum settore Travel & Tourism, nella «sostenibilità ambientale» siamo al 53° posto, nell’indice «Applicazione delle norme ambientali», all’84º.

Insomma lasciamo andare alla malora la nostra ricchezza più importante – il paesaggio, inteso come bene naturale, ambientale, culturale, storico, artistico – e la mettiamo ancor più a rischio per avere un poco di petrolio di qualità scadente, quando il futuro è delle energie pulite e rinnovabili.

.

.

Fonti: 1) World Travel & Tourism Council 2013; 2) INAIL: Secondo rapporto Pesca 2011; 3) Impresapesca: Pesca dei molluschi bivalvi con draga idraulica in Adriatico, 2015

.

Fonte: Associazione Marco Mascagna

.

.

.

.


Mag 26 2013

Bologna – Referendum, 85.934 grazie per la partecipazione!

.

Grazie-Bologna

.

Bologna, domenica 26 maggio 2013- ore 22,00

85.934 votanti, 28.71 %

Il dato dell’affluenza alle ore 22.00 rappresenta per i promotori della consultazione una buonissima partecipazione di cittadini e cittadine.

Gli elettori che si sono recati alle urne superano di gran lunga il numero di persone direttamente coinvolte nella decisione di abolire o proseguire i finanziamenti comunali alle scuole private paritarie. Dunque non solo mamme, non solo papà, non solo nonne e nonni: la cittadinanza ha compreso la portata collettiva di questa questione di civiltà.

Un vasto schieramento di forze politiche ed economiche s’era attivato per la difesa dello status quo e per disincentivare il voto.

E proprio le condizioni di voto erano ostiche. Già un mese fa, quando l’Amministrazione aveva annunciato la predisposizione di 199 seggi e la consultazione in un solo giorno, avevamo fatto presente che ciò avrebbe permesso, dati statistici alla mano, un esercizio sereno del diritto di voto soltanto al 38% degli elettori. Nonostante le scomode e irrazionali dislocazioni dei seggi, nonostante le carenze organizzative del Comune, nonostante ora dopo ora abbiamo toccato con mano le inefficienze e i disagi per cittadini, questi ultimi si sono attivati per votare.

Non si può non considerare altresì il grande astensionismo registrato alle elezioni amministrative in tutta Italia e anche nella provincia di Bologna, il che fa risaltare ancor più la partecipazione bolognese al referendum.

Comparando le precedenti esperienze di democrazia diretta, si nota come nel 1997 per il referendum sulla privatizzazione delle farmacie comunali, votarono il 37,11% degli aventi diritto ma, in quel caso, la consultazione si tenne su tre giornate.

Il Nuovo Comitato Articolo 33 ringrazia i suoi volontari/e e gli impiegati comunali. Il comitato promotore del referendum ringrazia di cuore i cittadini, che hanno raccolto l’appello a difendere col voto la scuola pubblica, la laicità delle Istituzioni e la Costituzione repubblicana.

.

Fonte: Comitato art.33

.

.

___________________________________________________________

Approfondimento

La Scuola Pubblica ha bisogno di te: sostienila! Firma l’appello!

.

.

.


Apr 24 2013

La Scuola Pubblica ha bisogno di te: sostienila! Firma l’appello!

.

.

banner-Bolognariguardalitalia-1024x275

.

A chi è disposto a battersi per la scuola pubblica.

A chi ritiene che le politiche di tagli alla scuola pubblica e finanziamento a quella privata tradiscano l’articolo 33 della Costituzione nel suo spirito autentico, là dove stabilisce che: “La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi. Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato”.

A chi ritiene che solo una scuola aperta a tutti, laica, gratuita, inclusiva, moderna e di qualità possa impegnarsi a “rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana” (Art. 3).

A chi pensa che fra i banchi della scuola pubblica si gettino le basi per una cittadinanza consapevole e per il futuro del nostro paese.

Il 26 maggio a Bologna si terrà un referendum consultivo sul finanziamento comunale alle scuole paritarie private, grazie alla raccolta di tredicimila firme di cittadini e cittadine che hanno chiesto di potersi esprimere su questo tema.

La cittadinanza dovrà dare un voto di indirizzo per l’amministrazione su cosa sia meglio per garantire il diritto all’istruzione dei bambini e delle bambine: continuare a erogare un milione di euro annui alle scuole paritarie private, come avviene ora, oppure utilizzare quelle risorse per le scuole comunali e statali.

La portata di questo referendum va ben oltre i confini comunali. E’ l’occasione per dare un segnale forte contro i continui tagli alla scuola pubblica e l’aumento dei fondi alle scuole paritarie private.

In Italia c’è urgente bisogno di rifinanziare e riqualificare la scuola pubblica, quella che non fa distinzioni di censo, di religione, di provenienza. Quella dove le giovani cittadine e i giovani cittadini italiani ed europei imparano la convivenza nella diversità.

Da Bologna può ripartire un movimento di cittadini che impegni le amministrazioni locali e il prossimo governo a restituire alla scuola pubblica la dignità e la qualità che le spettano.

L’alternativa è una lenta rovina fino alla fine della scuola pubblica per come l’abbiamo conosciuta.

IL 26 MAGGIO A BOLOGNA POSSIAMO FERMARE L’OFFENSIVA CONTRO LA SCUOLA PUBBLICA.

IL 26 MAGGIO A BOLOGNA POSSIAMO DARE L’ESEMPIO A TANTI ALTRI E INSIEME INIZIARE A IMMAGINARE UN AVVENIRE DIVERSO PER NOI, PER I NOSTRI FIGLI E LE NOSTRE FIGLIE.


Primi firmatari:

  • Stefano Rodotà, presidente d’onore del Comitato referendario Art.33
  • Andrea Camilleri, scrittore
  • Margherita Hack, astrofisica e scrittrice
  • Salvatore Settis, Scuola Normale di Pisa, archeologo e saggista
  • Nadia Urbinati, Columbia University, New York, politologa, saggista ed editorialista de “La Repubblica”
  • Angelo Guglielmi, scrittore e giornalista, già direttore di RAI3, già assessore alla Cultura del Comune di Bologna
  • Carlo Flamigni, Comitato Nazionale di Bioetica
  • Wu Ming, scrittori
  • Maurizio Landini, segretario generale FIOM-CGIL
  • Pierpaolo Leonardi, Esecutivo Nazionale USB
  • Piero Bernocchi, portavoce nazionale Cobas
  • Anna Grazia Stammati, presidente del CESP – Centro Studi per la Scuola Pubblica
  • Alberto Lucarelli, ordinario di Diritto costituzionale all’università di Napoli
  • Romano Luperini, Università di Siena e Università di Toronto.
  • Luciano Gallino, Università di Torino
  • Lella Costa, attrice
  • Domenico Pantaleo, segretario generale FLC-CGIL
  • Lea Melandri, saggista Università delle donne Milano
  • Goffredo Fofi, saggista, giornalista, critico
  • Antonio Genovese, Università di Bologna
  • Valerio Mastandrea, attore
  • Sabina Guzzanti, attrice
  • Ivano Marescotti, attore
  • Piero Bevilacqua, La Sapienza, Roma
  • Vittorio Capecchi, Università di Bologna
  • Maurizio Fabbri, Università di Bologna
  • Nicola Tranfaglia, Università di Torino
  • Francesco Sylos Labini, Isituto Enrico Fermi, Roma
  • Maurizio Tiriticco, ispettore MIUR, Roma
  • Angelo Mastrandrea, giornalista
  • Loredana Lipperini giornalista, scrittrice, conduttrice radiofonica
  • Nicola Colaianni  Università di Bari
  • Carlo Formenti, giornalista e saggista
  • Moni Ovadia, musicista, scrittore
  • Sandra Soster, già segretaria provinciale della FLC-CGIL Bologna
  • Francesco Margiotta Broglio, Università di Firenze
  • Marco Revelli, Università del Piemonte Orientale
  • Carlo Bernardini, La Sapienza, Roma
  • Marco Bersani,  Attac e Forum dell’acqua
  • Pasquale Colella, direttore de “il Tetto”
  • Paolo Flores d’Arcais, giornalista e politologo, direttore di MicroMega
  • Domenico Gallo, magistrato Roma
  • Francesco Garibaldo, sociologo e saggista, già direttore dell’Istituto per il Lavoro della RegioneEmilia-Romagna
  • Elena Gianini Belotti, scrittrice
  • Luisa La Malfa, insegnante e saggista
  • Sergio Lariccia, La Sapienza, e Luiss, Roma
  • Dànilo Mainardi, etologo
  • Guido Viale, saggista
  • Maurizio Maggiani, scrittore
  • Motel Connection, gruppo musicale
  • Mauro Palma, Comitato Europeo per la Prevenzione della Tortura
  • Livio Pepino, magistrato e saggista
  • Valerio Pòcar, già presidente della Consulta di Bioetica, presidente onorario di UAAR
  • Isabella Ragonese, attrice
  • Enzo Scandurra, La Sapienza, Roma
  • Maurizio Sgarzi, associazione Percorsi di pace
  • Franco Tinarelli, INAF, Bologna
  • Samuel Umberto Romano, Subsonica
  • Giuliano Volpe, rettore Università di Foggia
  • Nazarena Zorzella, avvocato cassazionista, Bologna
  • Ifigenia Kanarà, comunicazione e marketing per la cultura
  • Marina Boscaino, giornalista

Ulteriori firme illustri

 

FIRMA L’APPELLO!

.

.

Fonte: Comitato Art.33

.

.