Mag 31 2011

Orwell e Don Milani ed i risultati delle elezioni

Dopo la grande gioia e il sapore della vittoria proporrei un attimo di riflessione leggendo l’articolo di Carlo Gubitosa. (madu)

.

.

A Milano e Napoli perde la destra, ma chi vince?

Scusatemi, ma io non mi unisco ai festeggiamenti

Orwell e Don Milani mi hanno insegnato a guardare dalla parte degli ultimi
30 maggio 2011 – Carlo Gubitosa
.
Mi fa piacere che a Milano e Napoli sia stato rovesciato il potere dei partiti di governo, ma per me questo non e’ ancora abbastanza per stappare lo champagne. Non dimentico di cosa e’ stato capace il potere della cosiddetta “sinistra”: hanno inventato i lager di stato chiamandoli CPT, hanno fatto “guerre umanitarie”, hanno fatto consigli comunali con maggioranze Lega-PDS, hanno permesso a Berlusconi di candidarsi nonostante fosse titolare di concessioni pubbliche.
La destra ha perso, la sinistra crede di aver vinto scambiando per consenso reale un voto di protesta esasperato, e il popolo della sinistra pensa di aver vinto assieme ai suoi nuovi governanti.
Come antidoto ai facili entusiasmi, mi rimetto a leggere Orwell e Don Milani. In “1984” Orwell ha raccontato che i “medi” si fanno sostenere dai “bassi” solo fino a quando gli servono per rovesciare gli “alti”, e che dal punto di vista degli ultimi cambia solo il nome dei padroni.
Don Milani, invece, spiega che nel giorno della “vittoria” dei partiti popolari bisogna smettere di dar loro ragione quando si saranno insediati nella “reggia del ricco”, e ritornare nelle casucce puzzolenti dei poveri.
E io, che cerco umilmente di seguire i loro insegnamenti, non festeggero’ un bel niente fino a quando non sara’ stata garantita uguaglianza di diritti, di opportunita’ e di prospettive per il futuro a tutti i migranti, precari, poveri, disoccupati, cervelli in fuga, gay, lesbiche, anarchici e disadattati che mandano avanti questo paese.
Ma se voi proprio ci tenete a far festa, vi ripropongo questi testi da degustare tra un brindisi e l’altro.
Buona lettura. (leggi tutto)
.
.

Mag 30 2011

Finalmente si è alzato il vento! Alla Vittoria e alla Speranza!

.

.

.

.


Mag 29 2011

Siria – Video-Appello disperato

Avaaz.org – Abbiamo appena ricevuto un video-appello disperato da un membro di Avaaz in Siria che ha messo in pericolo la sua vita per chiederci aiuto.

.

.

Il regime siriano sta mettendo sotto assedio intere città, e il suo obiettivo è di annientarle per distruggere il movimento pacifico pro-democrazia. Le forze dell’ordine hanno tagliato i rifornimenti di cibo, acqua e medicine a queste città, sparato a centinaia di cittadini e arrestato e torturato migliaia di manifestanti. In molti casi prima di liberarli hanno addirittura tolto loro le unghie, così da dare un messaggio agli altri manifestanti.

Nonostante questo terrore inimmaginabile, il popolo siriano si rifiuta di rimanere in silenzio ed è invece deciso a proseguire un cammino nonviolento per uscire da questo incubo. Fai una donazione per dare al movimento siriano sostegno finanziario e di altro tipo: dall’assistenza medica urgente alla diffusione di messaggi pubblici per chiedere ai soldati di rifiutarsi di sparare ai manifestanti.

Guarda il video-appello e fai una donazione!

.

Fonte: Avaaz.org

.


Mag 29 2011

Salerno – Volantinaggio informativo contro il “Fishing Festival”

A Salerno, dal 3 al 5 giugno, si terrà la manifestazione organizzata da Caccia e Pesca – “Fishing Festival” 2011. Qui – http://www.fishing-festival.it/index.php – tutte le info sull’evento.

Stupisce e sconcerta la cecità e l’indifferenza dell’essere umano nei confronti della vita e della sofferenza degli altri. Come si può infliggere tale crudeltà ad un essere senziente, in grado di provare gioia, paura e dolore proprio come noi?  Noi, Vegetariani e Vegani in Campania,  esprimiamo il nostro dissenso con un volantinaggio informativo!

.

.

Tremenda e dolorosa è la morte per asfissia del pesce: le convulsioni dell’animale, che disperato cerca di riconquistare il suo ambiente vitale, sono la più palese manifestazione di dolore. L’amo, che viene estratto dalla bocca del pesce e che lacera anche parte della testa, è paragonabile ad un arpione conficcato nella bocca di un uomo che viene brutalmente estratto fracassandogli le mandibole, la fronte ed il cervello. Momenti di terrore, sofferenza, angoscia, durante i quali l’animale si dibatte nel tentativo di liberarsi dalla stretta di chi gli vuole togliere la vita. Nelle mani di chi lo maneggerà con poca cura, lo sbatterà a terra e, forse, lo rigetterà in acqua, stordito e con una profonda ferita alla bocca. Le regole della “pesca sportiva” spesso richiedono che il pesce venga trattenuto (in acqua) per un prolungato periodo di tempo in una nassa ed in seguito esaminato, pesato e spesso fotografato (in aria) prima di essere finalmente liberato. Tutte queste procedure aumentano le probabilità di provocare ferite al pesce, ma anche la somministrazione di pochi grammi di ossigeno ha lo scopo di prolungare il più possibile la sua vita… e quindi la sua agonia. Da Wikipedia, in merito alle pratiche del No-kill e del Catch&Release nella “pesca sportiva”, che prevedono che gli animali vengano rilasciati: “(…) una percentuale non bene identificata delle catture può riportare ferite tali da causarne la morte per via dell’impossibilità ad alimentarsi.”.

.

Evento:  Sabato 4 giugno alle ore 16.00 – 05 giugno alle ore 20.00

Luogo:  Salerno – area adiacente Piazza della Concordia

.

Fonte: Vegetariani e Vegani in Campania

.

.__________________________________________________________________________

Eventi correlati: Genova 29 maggio 2011: presidio contro lo Slowfish

.

.


Mag 29 2011

Michael Moore: Alcuni pensieri finali sulla morte di Osama bin Laden

Una lettera da Michael Moore

“I nazisti hanno ucciso decine di MILIONI di persone. Hanno avuto un processo. Perché? Perché non ci piacciono. Siamo americani. Noi ci comportiamo diversamente.” – Michael Moore in un’intervista della scorsa settimana.

.

.

Amici,

la settimana scorsa il Presidente Obama ha mantenuto la promessa della campagna elettorale e ha ucciso Osama bin Laden.  Beh, in realtà non l’ha ammazzato di persona.  La cosa è stata fatta dalla squadra coraggiosissima ed eccellente dei Navy SEALs. Il signor Obama non solo ha lo schiacciante sostegno del paese, io penso che ci siano milioni di persone che sarebbero state fiere se fosse stato il loro, di dito, ad azionare l’arma che ha fatto fuori bin Laden.

Quando ho sentito la notizia, una settimana fa, domenica, mi sono sentito immediatamente euforico. Ho provato sollievo. Ho pensato a coloro che hanno perso i loro cari l’11 settembre. E sono stato orgoglioso che finalmente abbiamo avuto un Presidente che ha concluso qualcosa.  Questo è ciò che ho avuto da dire su Twitter e altrove su Internet in quella prima ora o due.

Voglio sottolineare che Barack Obama ci ha messo due anni per fare quello che Bush non è riuscito a fare in più di sette. Questa è differenza tra uno STUPIDO al comando e un  INTELLIGENTE al comando. Lo STUPIDO ha scatena due guerre sconsiderate, lascia che OBL scappi da Tora Bora, continua a cercarlo nelle grotte e invade il paese sbagliato. Ci porta alla bancarotta al ritmo di 1,2 trilioni per la guerra in Iraq (alla fine saranno in realtà più di 3 trilioni) e, peggio, ci costa le vite di quasi 5.000 dei nostri soldati, per non citare le centinaia di migliaia di morti civili in Iraq e in Afghanistan e, dopo tutto ciò, egli ANCORA non riesce a portare il colpevole davanti alla giustizia.  Di fatto, nel 2005, Bush ha chiuso la stazione della CIA dedicata a cercare bin Laden! Cosa fa l’INTELLIGENTE?  Manda una piccola forza d’attacco d’èlite, non vengono uccisi soldati, e il colpevole viene fermato per davvero.

Ero emozionato per il fatto che l’era di Osama bin Laden era finita. La pazzia era ora arrivata alla fine.

Essendo quella notte vicino a Ground Zero ho deciso di dirigermi là per unirmi agli altri che vedevano questo evento come una possibilità di una qualche conclusione. Il 9 settembre Bill Weems, una persona buona e per bene che avevo conosciuto lavorandoci insieme (avevamo completato da poco insieme delle riprese a Boston) era sull’aereo che è stato diretto contro le Torri Gemelle. Ho dedicato a lui, in parte, “Fahrenheit 9/11”.

Ma prima di partire per recarmi all’ex sito del World Trade Center ho acceso la televisione e quello che ho visto, giù a Ground Zero, non è stato silenzioso sollievo e gratificazione per il fatto che il colpevole era stato preso. Ho visto, piuttosto, una specie di festa studentesca, completa di agitazione e spruzzi di bottiglie di champagne sulla folla.  Posso capire del tutto la gente che vuol festeggiare – come ho detto, anch’io ero felice – ma qualcosa non mi suonava giusto. Una cosa è essere felici che un criminale sia stato catturato e abbia ricevuto il suo trattamento. Un’altra cosa è scatenare una sagra che ne celebra la morte nel luogo in cui ancora capita di trovare i resti delle sue vittime. E così che siamo noi? E’ questo che avrebbe fatto Gesù? E’ questo che avrebbe fatto Jefferson? Mi è venuta in mente la storia che mi raccontavano da ragazzino, degli angeli di Dio che cantavano di gioia quando le acque del Mar Rosso si erano richiuse sugli egiziani che inseguivano gli israeliti, annegandoli tutti. Dio li rimproverò dicendo: “L’opera delle Mie mani sta annegando in mare … e voi volete le fottute canzoni?”  (o qualcosa di simile). (leggi tutto)

.

Fonte: Znet Italy

.