Set 7 2019

Napoli | I balconi di un bene confiscato alla camorra si trasformano in palcoscenico

.

.

.

All’ombra del grande Totò, Putèca Cèlidonia e i ragazzi della Sanità

Nello storico rione di Napoli i balconi di un bene confiscato alla camorra si trasformano in palcoscenico e si apprestano ad ospitare – da questa sera – la rassegna “Settembre d’ ‘o vico”, dialoghi tra musica e teatro.

di Rita Felerico

6 settembre 2019

A partire da oggi alle ore 19, per ogni venerdì di settembre, nel Rione Sanità – in via Montesilvano, 4/5 – in spazi prima occupati dalla camorra si darà vita al progetto Settembre d’ ‘o vico; quattro appuntamenti che, nella loro ideazione e realizzazione, possiedono una grande ricchezza umana, artistica, sociale.


Un nonno eroico e coraggioso – che per ben tre volte si rifiutò di piegarsi alla prepotenza della camorra e per questo venne barbaramente ucciso – segna la memoria e la vita dei nipoti, oggi impegnati a diffondere e ad agire, nei luoghi più caldi della città, l’amore per la legalità e la condivisione, nel disegno di una società civile più vivibile e presente. Nasce così Addà passà ‘a nuttata associazione capofila di altre cinque associazioni onlus, voluta fortemente da Davide D’Errico in nome di nonno Lucio. Con il progetto Opportunity, oggi ha conquistato il cuore delle famiglie e dei ragazzi del quartiere e la loro partecipazione alle attività proposte e offerte: assistenza legale e medica, corsi di lettura e di teatro, tutto completamente gratuito, in rete con professionisti e altre realtà di volontariato, ottenendo persino, per i giovani che lo desiderano, il riconoscimento di servizio civile. Il racconto è quello di ragazzi colmi di entusiasmo e voglia di fare e soprattutto con il desiderio di credere nel possibile sviluppo e cambiamento di una realtà in forte degrado e abbandonata a se stessa.


Nel quartiere di Padre Loffredo, della Sanità Ensemble, del Teatro Sanità, con
Opportunity fa il suo ingresso il laboratorio di Putèca Celidònia una realtà che nasce nel 2018 dall’incontro di sei allievi della Scuola del Teatro Stabile di Napoli, il Mercadante. Putèca un nome di origini greche, è il luogo dove si agisce, si lavora, celidònia è una pianta erbacea che nasce spontanea nel bacino mediterraneo e anche il suo nome deriva dal greco, chelidòn (ovvero rondine), perché le rondini strofinano le sue foglie  sugli occhi ancora chiusi dei rondinini affinché il suo lattice caustico apra i lembi di pelle degli occhi dei piccoli, permettendo loro di vedere. Una metafora splendida per l’attività e la mission di Putèca che, con le lezioni di teatro, coinvolge i giovani ragazzi del Rione Sanità, insieme ad attori, cantanti, musicisti, nel progetto Settembre d’ ‘o vico, una iniziativa culturale contro la camorra, formativa e partecipativa. Il calendario degli spettacoli – che lo scorso anno ha avuto come ospiti fra gli altri Cristina Donadio e Maldestro – per questa nuova edizione è particolarmente invitantee vede tra i protagonisti Eugenio Bennato, Eduardo Scarpetta, Antonella Morea, Wanda Marasco, Massimiliano Gallo, Lucio Allocca, Daria D’Antonio e tanti altri (il programma degli incontri si può leggere nella locandina allegata o cliccando qui).
Si parte stasera con
Eugenio Bennato e Eduardo Scarpetta, insieme all’allegria de la Bateria PegaOnda, tutti in scena sui balconcini del vicolo, e noi di QuartaParete li ricontreremo per raccogliere dalla loro voce la testimonianza di questa esperienza.

.

Fonte: QuartaParete

.

.

.

.


Ago 5 2016

Sotto attacco l’acqua pubblica di Napoli. Sottoscrivi l’appello!

8DCD0CCA-8711-41DE-A752-245D3D66BFA4

 

Da che parte stai?

L’ Acqua di Napoli è in pericolo!

dopo l’attentato dinamitardo nella sede di ABC, in attesa che il SIndaco di Napoli, Luigi de Magistris, ci incontri, come da noi richiesto più volte, non resteremo con le mani in mano.

Chiediamo a tutti i sostenitori dell’Acqua Pubblica, di aderire al messaggio di solidarietà all’ ABC e di diffonderne il testo affinché tutti sappiano quanto sta accadendo

La vittoria di tutti è in pericolo!

 

Sottoscrivi e diffondi il nostro Comunicato:

SOTTO ATTACCO L’ACQUA PUBBLICA DI NAPOLI

Solidarietà all’ABC, ai lavoratori e al Presidente.

L’esplosione di un ordigno all’interno di uno dei depositi

dell’azienda è un fatto drammatico su cui la DIGOS e la Magistratura

stanno già indagando. A noi cittadini preoccupa che sia stata sfiorata

la tragedia, perché gli operai in quel momento si trovavano vicino,

negli spogliatoi pronti per uscire.

Si tratta chiaramente di un atto intimidatorio che punta a minare

dall’interno l’acqua pubblica di Napoli.

L’ABC, con il suo Consiglio di Amministrazione di attivisti del

movimento dell’acqua, con il Consiglio civico, è diventata un modello

di gestione di un bene pubblico da parte della comunità. Il

coinvolgimento dei cittadini nelle scelte fondamentali dell’azienda

rappresenta un esempio reale di ripubblicizzazione, poiché ci

restituisce il diritto di decidere del bene della collettività e

l’acqua è “il bene supremo”. Ogni tentativo di opporsi a questo

processo risponde a logiche privatistiche e lobbistiche, di chi vuole

accentrare nelle mani di pochi la gestione dell’acqua ed interrompere

questo processo.

Le continue minacce al Presidente di ABC e la collocazione di un

ordigno in azienda provengono da chi non ha a cuore l’acqua pubblica.

E’ un momento difficile, nel quale bisogna stare attenti a non cadere

nella trappola delle strumentalizzazioni con l’obiettivo di

distruggere il modello ABC.

Straordinari i messaggi di solidarietà da parte dei Comitati, delle

associazioni e di tutti coloro che credono fortemente in questo

percorso. E’ importante essere uniti per rafforzare l’Acqua Bene

Comune di Napoli.

Sull’acqua non possiamo mollare; l’acqua è la fonte della vita.

 

SOTTOSCRIVI E DIFFONDI IL COMUNICATO!

Per adesioni:

beni_comuni@libero.it

 

 

Padre Alex Zanotelli

Comitati per la gestione pubblica dell’Acqua Napoli

Coordinamento Campano per la Gestione Pubblica dell’Acqua

Consiglio Civico Acqua Bene Comune Napoli

Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua

 

Fonte: Coordinamento Campano Acqua Pubblica ( https://it-it.facebook.com/permalink.php?story_fbid=910640012379841&id=376966949080486 )

 

 

 

 


Gen 23 2016

Apple, Napoli ed i 600 posti di lavoro inventati.

.

.

Tim Cook

.

di maribù duniverse

Riporto testualmente dalla pagina ufficiale italiana di Apple: “ROMA – 21 gennaio 2016 – Apple ha annunciato oggi la creazione in Italia del primo Centro di Sviluppo App iOS d’Europa, per fornire agli studenti competenze pratiche e formazione sullo sviluppo di app iOS per l’ecosistema di app più innovativo e vivace al mondo.

Il Centro di Sviluppo App iOS, sarà situato in un’ istituzione partner a Napoli, sosterrà gli insegnanti e fornirà un indirizzo specialistico preparando migliaia di futuri sviluppatori a far parte della fiorente comunità di sviluppatori Apple…”

Si evince dal testo che non sorgerà alcuna  struttura di sviluppo Apple, si appoggerà ad una sede partner,  e che non saranno creati nuovi posti di lavoro.

L’ennesima maledetta presa in giro!

Da parte del governo solo una meschina propaganda elettorale!

.

.

.

.