Apr 28 2010

Balene in pericolo! Firma la Petizione!

 

 

BALENE IN PERICOLO!

 

La Commisssione Internazionale per la Caccia alle Balene ha appena reso
nota la proposta di legalizzare la caccia alle balene per fini
commerciali per la prima volta in 24 anni.

Adesso, le
nazioni stanno decidendo se sostenerla o respingerla.
IL Ministro
degli Esteri della Nuova Zelanda ha già descritto alcuni provvedimenti
come “inaccettabili”, “irritabili” e “offensivi”.

Una massiccia
protesta globale è necessaria adesso, mentre altre nazioni
chiave scelgono come reagire. Avaaz consegnerà questa petizione ai
delegati della Commissione ogni qualvolta si aggiungono 100.000 firme.

 

Clicca qui e Firma la Petizione!

 

Fonte: AVAAZ.ORG


Apr 26 2010

16 maggio 2010 – Marcia della Pace: Diventa anche tu reporter di pace per un giorno…

La Tavola della Pace in vista della Marcia per la
pace Perugia
Assisi che si svolgerà il 16 maggio 2010 cerca trenta operatori della
comunicazione disposti a diventare Reporter di Pace per un giorno.

 

 

16 maggio 2010 – Marcia per la pace
Perugia-Assisi

CERCHIAMO TRENTA REPORTER DI PACE

Guillermo
Bravo Vega, Walter Tobagi, Sahar Hussein al-Haideri, Peppino Impastato,
Michelle Lang, Mario Francese, Marco Lucchetta, Ilaria Alpi e Miran
Hrovatin, Enzo Baldoni, Deyda Hydara, Cosimo Cristina, Vladislav
Listiev, Mauro De Mauro, Robert Capa, Maria Grazia Cutuli, Giovanni
Spampinato, Antonio Russo, Giuseppe Fava, Ernie Pyle, Giancarlo Siani,
Mauro Rostagno, Larry Burrows, Beppe Alfano, Steven Vincent,  Anna
Politkovskaya, Christian Poveda, Sultan Munadi, Raffaele Ciriello,
Rupert Hamer, Ilia Shurpaiev, Roger Mariano, Marcello Palmisano.

In
ogni guerra la prima vittima è sempre la verità e con essa chi cerca di
diffonderla. Non importa se il conflitto sia generato da un esercito
invasore, dalla criminalità organizzata o da un governo che non rispetta
i diritti umani. I nomi elencati sopra sono solo alcuni dei tanti
giornalisti uccisi mentre facevano il loro lavoro: raccontare la realtà.
Difendevano il significato delle parole e il valore dei fatti. In
Italia e nel mondo.

La Tavola della Pace in vista della
Marcia per la pace Perugia Assisi che si svolgerà il 16 maggio 2010
cerca
trenta operatori della comunicazione disposti a diventare Reporter di
Pace per un giorno. Uomini e donne, anche non giornalisti
professionisti, che possano aiutarci a ridare significato a parole come
giustizia, solidarietà, pace, nonviolenza, libertà, speranza, diritti
umani. (leggi tutto)

 
 
Fonte: Perlapace

 


Apr 25 2010

Agorà (il film): Abbiamo liberato Ipazia grazie alla Rete!

Agorà è un film dedicato alla filosofa e scienziata egiziana Ipazia. Donna “martire” del pensiero libero. Fu trucidata dai monaci cristiani nel V secolo per ordine di Cirillo, vescovo di Alessandria. Da allora il suo nome e la sua opera sono stati praticamente cancellati. Invece, come insegna la storia delle religioni, Cirillo fu fatto santo.
 .
Sapete chi dovete ringraziare se dal 23 aprile potete godervi il film?  “la Rete” naturalmente, e la Petizione partita nel 2009 (http://www.petitiononline.com/agorait/petition.html).  (madu)
.
.

LA SCIENZA DILANIATA NEL CORPO DI IPAZIA

.
Sulla scia di un doppio mistero arriva finalmente sui nostri schermi, Agora del regista nato a Santiago del Cile (padre cileno, madre spagnola) Alejandro Amenabar, 37 anni, autore di The Others (2001) e Mare dentro (Oscar miglior film straniero 2004). Presentato fuori concorso a Cannes l’anno scorso, il film, molto atteso, era svanito nel nulla e un tam tam della Rete avvertiva che «non lo vedrete mai». Agora è dedicato a Ipazia, filosofa e astronoma egiziana (numero speciale di Alias del 10 aprile 2010) nata a metà del IV secolo, avvolta nell’enigma di una morte violenta per mano dell’integralismo cristiano. Rachel Weisz indossa un’espressione fiera e tuniche leggere, bellissima come l’originale, icona di donna laica e maestra del cielo.
Ipazia si dedicò alla relazione tra filosofia e scienza e per prima scoprì – un’intuizione poetica di Amenabar – che i pianeti compiono un’ellissi intorno al sole. Nel 1600 Keplero arrivò allo stesso risultato. Ma solo adesso Ipazia diventa una «star» nel kolossal che le rende per la prima volta omaggio, un film da 50 milioni di euro, tutto di produzione europea.
A prima vista, Amenabar segue un modello hollywoodiano, ma non siamo dalle parti di Cleopatra (gli egiziani però dovevano avere tutti la pella candida?), il set è uno spazio chiuso nel perimetro che circonda la Biblioteca di Alessandria, scrigno della cultura greca e pre-greca, una delle meraviglie del mondo e che sarà ancora una volta distrutta. Istruita dal padre Teone, la giovane scienziata, che preferisce la passione astrale a quella maschile, è l’anima della biblioteca, eccentrica e provocante con il suo fazzoletto intriso di sangue mestruale per far desistere gli allievi adoranti. Un fazzoletto che cade, attratto dalla forza di gravità, fenomeno inspiegabile al pari
della terra rotonda, da cui nessuno miracolosamente, si chiedono gli scolari, precipita nell’universo.
La vediamo nel suo peplum bianco insegnare che la verità non è un dogma divino, che nella multietnica Alessandria elleni, egizi, ebrei possono convivere creativamente ma l’onda del cristianesimo conquista la città sotto i kaftani neri dei parabolani, anticristi capeggiati da un feroce saltimbanco (cammina sul fuoco per testimoniare la superiorità del suo dio). E lei, che si è sempre sottratta alla corte insistente dell’amico e allievo Oreste, diventato prefetto sotto il dominio romano, resterà sola. Abbandonata anche dallo schiavo Davus, devastato dall’amore impossibile per la sua «padrona» e passato nelle fila dei parabolani.
Il film (distribuito dalla Mikado) è stato tagliato dallo stesso regista di venti minuti rispetto alla versione passata sulla Croisette. Così le «lezioni» di Ipazia si alleggeriscono, ma soprattutto ne risente la sequenza dove i parabolani massacrano a colpi di pietra un gruppo di ebrei riuniti in una cerimonia festosa. La spedizione punitiva ebraica risulta così sproporzionata (Amenabar ha seguito qualche suggerimento dall’alto?).
L’atto d’accusa però resta. È guerra di religione ad Alessandria, le squadre sotto il segno della croce infiammano Alessandria in una caccia all’eretico, guidate dal patriarca Cirillo che rivolgendosi ai suoi sgherri pronuncia l’anatema contro i giudei: «Piangete per loro, gli assassini di Cristo, perché saranno perseguitati in eterno» e dà il via al primo pogrom. E se per i film di Ron Howard sul Codice da Vinci la Chiesa poteva invocare la fanta-religione, qui siamo nella Storia. Precursori dei talebani, gli incappucciati neri allagano nel sangue la città, dopo aver elargito il pane ai poveri e la libertà agli schiavi, sistema caritatevole facilmente strumentalizzato dai «moralizzatori» integralisti di ogni latitudine. «Solo Gesù poteva perdonare perché è Dio, non vorrai paragonarti a lui?», risponde l’invasato capo parabolano a Davus, l’ex schiavo arruolato nelle file cristiane, vacillante di fronte ai corpi degli ebrei in fiamme. In mezzo alle carneficine, di anno in anno, Ipazia, seguace del neoplatonismo, fa appello alla filosofia, all’amore per la conoscenza scientifica, alla convivenza religiosa. È uno spazio «teatrale», l’agora, il luogo dove Amenabar concentra azione e pensiero (mentre le scene di massa sono elaborate al computer) e nei meravigliosi interni della biblioteca, dove statue e papiri, bassorilievi e arazzi saranno devastati dalle orde cristiane.
L’ultimo ostacolo sarà Ipazia, la donna che «parla», che insegna agli uomini. Lei che osserva il cielo e traccia nella sabbia le parabole rivelatrici. Anche il devoto Oreste dovrà piegarsi alla legge della curia che ha declassato le donne a sottospecie umana, e l’innamorato Davus alla furia assassina dei parabolani, Hypatia invece non si piega, conferma la sua laicità. Nel marzo del 415 viene trascinata al tempio, denudata e uccisa. È la mano di Davus, incapace di ribellarsi a un’altra schiavitù, a soffocarla prima che gli incappucciati di Cristo la massacrino a colpi di pietra (in realtà, fu accecata e scorticata viva con pezzi di conchiglie, le armi erano un’esclusiva dei romani).
Il corpo di Ipazia straziato come la Biblioteca di Alessandria. Resta la memoria di tanta bellezza più delle macerie e del sapere bruciato, quasi una poesia quella di Amenabar alla vagabonda delle stelle, e un risarcimento alla filosofa indimenticabile.
.
.
.
____________________________________________________
Approfondimento
.
.
 .
.
.
.