Gen 29 2018

Julian Assange | “L’Impero Americano ed i suoi Media”

.

.

Clicca qui per ingrandire l’immagine

.

Il tweet () di Julian Assange, corredato da una chiara immagine, mostra i proprietari dei più importanti media del mondo. Quelli che ne possiede di più è Il Consiglio per le Relazioni Estere composto da politici ed uomini d’affari e ne conta 1400. Seguono a ruota anche i miliardari del Club Bilderberg e la Commissione Trilaterale. E’ bene quindi sapere che spesso le notizie mondiali che ci giungono sono filtrate da questi media mainstream. Si parla quindi di manipolazione mediatica. (madu)

.

.

.

.

_____________________________________________________

Approfondimento

Rivelazioni di Wikileaks: l’impero Usa secondo se stesso

Wikileaks e la disinformazione dei media

Serie di articoli su WikiLeaks da ki.noblogs.org

.

.

.

.

.

.


Gen 24 2018

Porca vita di merda

.

.

.

Tu sai bene che la seduzione sessuale nelle donne finisce velocemente e dopo non resta niente di più di ciò che hanno nella loro testa per potersi difendere in questa porca vita di merda.

.

(Frida Kahlo)

.

.

.

.

.

.

.


Gen 23 2018

Aomame e le piccole stanze

.

.

.

 

Frasi da 1Q84 *
.

“…Doveva aver riflettuto a lungo, non sapeva quanto. Immersa nei suoi pensieri, aveva smarrito completamente il senso del tempo. Solo il cuore aveva continuato a scandire gli attimi con ritmo secco e regolare. Aomame visitò diverse piccole stanze che aveva dentro di sè, risalendo negli anni come un pesce risale un fiume. Ritrovò teneri ricordi e profondi dolori. Una luce sottile, venuta chissà dove, le trafisse il corpo. Provò una strana sensazione, come se fosse diventata trasparente. Tentò di guardare quella luce facendosi schermo con la mano, e si accorse che vedeva ciò che c’era dietro. Le sembrava di essere diventata di colpo leggera…”

.

(Haruki Murakami)

.

.

.

.

.

* 1Q84 (いちきゅうはちよん Ichi-kyū-hachi-yon?) è un romanzo dello scrittore giapponese Haruki Murakami, apparso originariamente in tre volumi: i primi due sono stati pubblicati nel maggio 2009 dalla casa editrice Shinchosha; nel primo mese è stato venduto più di un milione di copie. Il terzo volume è apparso nell’aprile 2010.

Il titolo è un omaggio a 1984 dello scrittore britannico George Orwell; la lettera «Q» del titolo ha la stessa pronuncia del numero 9 (kyuu) in giapponese. La «Q» è anche un riferimento esplicito al “Question mark” (punto interrogativo in inglese), come spiegato nel capitolo 9, Cambiato il paesaggio, cambiate le regole… (Wikipedia)

.

.

.

.

.

 


Gen 21 2018

Nasce #FemAnonFatal l’ala femminile di Anonymous

.

.

.

 

Di seguito il Manifesto del collettivo delle hacktivist “FemAnonFatal”, letto da Anonymous nel video messaggio:

Per troppo tempo siamo state costrette a stare dietro le spalle di chi riteneva di poter controllare la nostra voce” – si legge nel messaggio del cyber gruppo . “Il loro posto per dirci come parlare, cosa indossare e chi, quando e come votare. Cosa definiva essere una donna e cosa uguaglianza. Non ci hanno mai visto come pari! Ci hanno messo a tacere, difendendosi da un punto di vista pubblico e organizzando panel per parlare del nostro diritto riproduttivo e dei nostri corpi.

Questo è FemAnonFatal, prosegue il messaggio. “Issiamo la bandiera delle nostre sorelle in tutto il mondo, in solidarietà con le donne che hanno combattuto, che sono state processate e sono morte affinché noi oggi avessimo una voce” – sottolinea il testo della nuova costola di Anonymous. “Per le donne che stanno fianco a fianco nelle proteste e nei raduni, che si educano e si sostengono a vicenda; che combattono per la stessa paga e il diritto di scegliere, che comprendono la lotta per l’infanzia e la scelta di non avere figli. Chi non le vittimizza ma elogia loro coraggio a parlare, chi ascolta, chi combatte, chi è disinteressato e aperto” – aggiunge il nuovo cyber gruppo di hactiviste. “Per ogni ragazza e ogni donna in tutto il mondo che conosce la lotta della femminilità. Donne che sono costrette a sposarsi, essere stuprate, molestare. Che vivono con traumi di mutilazioni genitali.”

Ne abbiamo abbastanza di quelli che hanno ingabbiato le donne nelle cantine per il turismo sessuale” – afferma FemAnonFatal. “Che ci hanno venduto come proprietà nella pubblicità o nell’industria del sesso, di coloro che vedono la donna solo come servitrici delle loro fantasie o programmi sessuali. Di quelli che ci temono e quindi ci picchiano e ci fanno tacere. Che pensano che questo sia tutto ciò che serve per essere un uomo, che usano la loro mascolinità per stuprare, mutilare, torturare e controllare le donne. Di quelli che depredano i bambini e i fragili” – scrivono le cyber hactiviste di Anonymous.

Abbiamo solo una cosa da dire – dovreste aspettarci!” – hanno detto chiaramente le cyber hactiviste. “FemAnonFatal è un collettivo. Non un singolo movimento. Non è un posto per l’auto promozione. Né per l’odio, ma per la sorellanza. È per nutrire la rivoluzione. Lasciateci scrivere un nuovo capitolo nella Storia. Il nostro obiettivo è una unica voce per unirle molte. Il tempo è oggi.”

Su Twitter @FEMANON

Il tempo è oggi! In onore e supporto a tutte le donne del mondo.

Noi siamo Anonymous.

Noi siamo legione

Noi non dimentichiamo

Noi non perdoniamo

Aspettateci!

.

.

.

.

.

.

.

 


Gen 19 2018

Skygofree | Fate attenzione! Cyber-spionaggio made in Italy

.

.

.

Gli analisti di Kaspersky Lab, società specializzata nello sviluppo di sistemi di protezione, hanno recentemente individuato Skygofree. E’ uno spyware cioè un software di controllo che raccoglie informazioni riguardanti l’attività online di un utente senza consenso trasmettendole tramite Internet.

Si tratta di un App per Android in cui si nasconde lo spyware. Tale App è stata utilizzata esclusivamente in Italia dal 2014.

Skygofree è stato definito dagli analisti uno spyware molto raffinato, uno dei più avanzati mai realizzati. Già dal nome scelto per l’App si deduce che chi lo ha ideato voleva sfruttare il canale della Pay Tv * facendo credere alle vittime di poter utilizzare il software e guardare gratis i programmi Tv.

Lo spyware è stato diffuso attraverso pagine web e nel tempo si è sempre più evoluto.

Cosa accade con l’installazione dell’App.

Installato Skygofree, i pirati informatici, prendono immediatamente il controllo del dispositivo. E questo avviene per qualsiasi tipo di smartphone.

Nella forma più evoluta Skygofree è in grado di registrare l’audio ambientale quali conversazioni mediante il microfono incorporato nel dispositivo, attivare e disattivare il tracking GPS, estrarre dal dispositivo infetto il contenuto dei messaggi di WhatsApp e di altre App (tra cui Line, Facebook Messenger, Facebook e Viber) sfruttando le funzioni per l’accessibilità, registrare video e catturare foto allo sblocco del dispositivo e ha la capacità di connettersi automaticamente a reti Wi-Fi controllate dai cybercriminali. Naturalmente, il tutto all’insaputa dell’utente.

Infine, secondo gli analisti informatici la diffusione di Skygofree è avvenuta mediante pagine web false di operatori di telecomunicazioni italiane. Il contatto, con l’invito all’installazione dell’App, può essere avvenuto mediante email oppure via SMS.

.

.

Fonte:  Kaspersky Lab

.

* Skygofree non ha alcun collegamento a Sky, Sky Go o qualsiasi altra filiale di Sky, e non influenza il servizio Sky Go o app.  

.

.

.

.