Ott 28 2020

Fondo Monetario Internazionale (FMI) in azione | La pandemia come arma per le privatizzazioni in 81 paesi

.

.

                         FMI vattene!

.

.

Il FMI si impossessa della pandemia per aprire la via alle privatizzazioni in 81 paesi

di Alan MacLeod – 18 ottobre 2020

L’enorme sconvolgimento economico causato dalla pandemia di COVID-19 offre un’occasione unica per modificare fondamentalmente la struttura della società e il Fondo Monetario Internazionale (FMI) sta sfruttando la crisi per attuare misure quasi permanenti di austerità in tutto il mondo.

76 dei 91 prestiti che ha negoziato con 81 nazioni dall’inizio della pandemia mondiale a marzo sono stati collegati a richieste che i paesi adottino misure quali forti tagli ai servizi pubblici e alle pensioni, misure che indubbiamente comporteranno privatizzazioni, congelamenti o tagli dei salari o il licenziamento di lavoratori del settore pubblico quali medici, infermieri, insegnanti e vigili del fuoco.

Principale sostenitore delle misure di austerità neoliberiste in tutto il pianeta per decenni, il FMI ha recentemente (sommessamente) cominciato ad ammettere che queste politiche non hanno funzionato e che generalmente rendono addirittura peggiori problemi quali la povertà, lo sviluppo disuguale e la disuguaglianza. Inoltre hanno addirittura mancato di realizzare la promessa crescita economica che doveva contrastare tali effetti negativi. Nel 2016 ha descritto le sue stesse politiche come  “sopravvalutate” e in precedenza ha sintetizzato i suoi esperimenti in America Latina come “totale sofferenza, nessun progresso”. Così i suoi stessi rapporti affermano esplicitamente che le sue politiche non funzionano.

“Il FMI ha suonato l’allarme riguardo alla grande impennata di disuguaglianza dopo la pandemia. Tuttavia sta conducendo i paesi a pagare la spesa per la pandemia operando tagli di austerità che alimenteranno povertà e disuguaglianza”, ha detto oggi Chema Vera, direttore esecutivo ad interim di Oxfam International.

“Queste misure potrebbero lasciare milioni di persone senza accesso all’assistenza sanitaria o al sostegno al reddito mentre cercano lavoro e potrebbero impedire qualsiasi speranza di una ripresa sostenibile. Nell’assumere questo approccio il FMI sta commettendo un’ingiustizia nei confronti della sua stessa ricerca. La sua testa deve cominciare a parlare alle sue mani”.

Oxfam ha identificato almeno 14 paesi che si attende congeleranno o taglieranno tra pochissimo salari e posti di lavoro nel settore pubblico. La Tunisia, ad esempio, ha solo 13 medici per 10.000 persone. Qualsiasi taglio al suo sistema sanitario già insufficiente la paralizzerebbe nella sua lotta al coronavirus. “Se le persone non possono permettersi test e assistenza per il COVID-19 e altre necessità mediche, il virus continuerà a diffondersi incontrollato e più persone moriranno. Spese di tasca propria per assistenza sanitaria erano una tragedia prima della pandemia, e oggi sono una condanna a morte”, ha aggiunto Vera.  

 

Un caso di studio del FMI

L’Ecuador è un esempio perfetto delle conseguenze delle azioni del FMI. Governato in precedenza dall’amministrazione radicale di Rafael Correa, che aveva fatto una priorità della riduzione della povertà, condannato dal FMI e dalla sua organizzazione gemella, la Banca Mondiale, e aveva dato asilo a dissidenti occidentali quali Julian Assange, il paese dal 2017 è governato da Lenin Moreno. Moreno ha cominciato immediatamente a disfare l’eredità di Correa, persino tentando di processarlo. Nel 2019, su ordini del FMI, Moreno ha tagliato del 36 per cento il bilancio sanitario del paese in cambio di un prestito di 4,2 miliardi di dollari del FMI, una mossa che ha provocato grandi proteste nazionali che hanno minacciato di far deragliare la sua amministrazione.

Le conseguenze sono state quasi apocalittiche, con la più vasta città del paese, Guayaquil, divenuta il focolaio mondiale del coronavirus, con corpi lasciati a marcire per giorni nelle strade poiché i servizi erano sopraffatti. La città ha sofferto più morti di New York al suo picco, e con molte meno infrastrutture per far fronte al problema. Anche se il numero ufficiale dei casi nel paese è basso, la percentuale di mortalità è stata tra le più elevate del mondo, suggerendo che i servizi sono stati completamente sopraffatti.

In precedenza questo mese Moreno ha annunciato un nuovo accordo dal 6,5 miliardi di dollari con il FMI che ha consigliato il suo governo di far marcia indietro sugli aumenti d’emergenza della spesa sanitaria, di interrompere i trasferimenti di fondi a chi non è in grado lavorare a causa del virus e di tagliare i sussidi ai poveri per i combustibili.

Nella crisi, opportunità

Il FMI interferisce anche direttamente con la politica interna di nazioni sovrane. A marzo ha rifiutato di prestare al governo venezuelano a causa della “mancanza di chiarezza” riguardo a chi sia al comando, suggerendo che il democraticamente eletto Nicolas Maduro dovrebbe dimettersi prima che il FMI prenda in considerazione di finanziare il paese. Al tempo stesso, tuttavia, l’autodichiarato presidente e figura di opposizione Juan Guaidó ha annunciato di aver assicurato un impegno di 1,2 miliardi di dollari dell’organizzazione a condizione che Maduro si dimetta e consenta a un “governo d’emergenza” di assumere il controllo del paese. Un sondaggio condotto lo stesso mese da un sondaggista amico ha rilevato che solo il tre per cento dei venezuelani appoggiava Guaidó.

Nelle crisi ci sono sempre opportunità. Per molti la pandemia è un’opportunità di riorientare l’economia dai consumi di massa e in direzione di un sistema più ecologicamente sostenibile. Per il FMI, tuttavia, è sfruttata per spingere più privatizzazioni e misure di austerità che invariabilmente arricchiscono gli abbienti e indeboliscono i poveri e gli inermi. Risulta che, se l’organizzazione l’avrà vinta, saranno i poveri a pagare per la pandemia, mentre i ricchi prospereranno.

.

.

Alan MacLeod è un cronista di MintPress News. Dopo aver completato il suo dottorato nel 2017 ha pubblicato due libri: Bad News From Venezuela: Twenty Years of Fake News and Misreporting e Propaganda in the Information Age: Still Manufacturing Consent. Ha anche contribuito a Fairness and Accuracy in ReportingThe GuardianSalonThe GrayzoneJacobin MagazineCommon Dreams l’ American Herald Tribune e The Canary.

 

Da Znetitaly – Lo spirito della resistenza è vivo

.

.

.

.


Set 19 2020

Barbiana 2020: una scuola alternativa per cambiare il mondo

.

.

.

.

 

Barbiana e la scuola 2020

Dimitris Argiropoulos

14 Settembre 2020

Non abbiamo bisogno di un ritorno a scuola, ma di una scuola che contribuisca a cambiare il mondo. Non abbiamo bisogno solo di protocolli da rispettare, ma di ripensare l’educazione come liberazione e la scuola come un insieme di luoghi nei quali ognuno è allievo e nello stesso tempo maestro. Non abbiamo bisogno di straordinari ministri dell’istruzione, ma di insegnanti capaci di coltivare pensiero critico, come Lorenzo Milani, la cui pedagogia ribelle si sviluppa con la costante critica al sistema scolastico e con la sperimentazione di un’istruzione alternativa e fortemente comunitaria. Abbiamo bisogno prima di tutto di piccoli gruppi di studentesse e studenti protagonisti del proprio apprendimento, come i ragazzi di Barbiana, autori di un testo meraviglioso e attualissimo, Lettera a una professoressa. Per questo la pubblicazione in Italia di quel testo in un volume che raccoglie anche la traduzione in lingua araba (studiata a Barbiana in quanto lingua degli oppressi), curata da Dimitris Argiropoulos per Athenaeum, ci sembra una splendida notizia per cominciare l’anno scolastico e volare in alto. Anzi, in basso, l’unico luogo, secondo don Milani, in cui è possibile cambiare il mondo in profondità.

L’edizione in lingua araba di Lettera a una professoressa comprende una prefazione di Francesco Gesualdi e una di Dimitris Argiropoulos, tradotte in inglese e francese. Pubblichiamo uno dei paragrafi della prefazione, dal titolo “La pedagogia della Scuola di Barbiana in Lettera a una professoressa“. In questo link invece è leggibile la versione araba.

La pedagogia di Barbiana… (leggi)

.

.

Fonte: comune-info.net

.

.

.

.

 

 


Ago 12 2020

In arrivo il documentario: “CHOMSKY & MUJICA” | Un incontro senza precedenti

.

.

.

 

CIRCA IL DOCUMENTARIO:

“CHOMSKY & MUJICA” è il film del più importante intellettuale dei nostri tempi e del politico più amato al mondo, Noam Chomsky e Pepe Mujica; un incontro senza precedenti pieno di saggezza.

Questo documentario, realizzato appositamente per le giovani generazioni, è un bellissimo e urgente messaggio all’umanità. Esplora l’amore, la vita, la libertà, il potere e le più grandi sfide del 21 ° secolo con due personaggi straordinari che non si erano mai incrociati prima.

Lo storico incontro è stato filmato a casa dell’ex presidente uruguaiano José “Pepe” Mujica, a Montevideo, Uruguay. Lì, Noam, Pepe e le loro mogli Valeria e Lucia, hanno trascorso un delizioso weekend in famiglia per conoscersi, godersi un delizioso barbecue, condividere incredibili esperienze di vita e impegnarsi in conversazioni molto profonde che non saranno mai dimenticate.

PERCHÉ QUESTO PROGETTO?

Le giovani generazioni di oggi hanno ereditato il pericolo e la responsabilità più grandi di tutta la storia umana. In questo momento, il collasso ecologico, economico, politico e sociale della nostra civiltà insostenibile sembra imminente. Ecco perché Millennials e Centennials devono realizzare un cambiamento radicale del corso globale nei prossimi decenni; ma come?

Questo progetto consiste nel rispondere a questa domanda, semplicemente perché questa è la domanda più importante in questo momento. E per avere successo era necessario raccogliere una notevole quantità di saggezza.

PERCHÉ KICKSTARTER?

Dobbiamo ancora completare la fase di post-produzione, che include editing video, illustrazione, composizione musicale originale, editing del suono, correzione del colore, design, crediti e alcuni altri dettagli per poter completare la post-produzione e condividere questo documentario con il mondo.

PERCHÉ LORO?

Noam Chomsky: Secondo il York Times, ‘giudicato in termini di potenza, portata, novità e influenza del suo pensiero, Noam Chomsky è probabilmente l’intellettuale più importante vivente oggi’. Comunemente noto come “il padre della linguistica moderna” (un campo di studi che ha rivoluzionato quando aveva solo 29 anni), Chomsky è un linguista, filosofo, scienziato cognitivo, storico, critico sociale e uno dei più iconici politici attivisti dei nostri tempi. Per molti decenni è stato una figura importante nell’analisi politica, nella filosofia analitica ed è anche uno dei fondatori della scienza cognitiva. Professore emerito dell’Istituto del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e professore laureato dell’Università dell’Arizona (UA), Chomsky è autore di oltre 100 libri e probabilmente il più famoso dissidente politico americano.

José “Pepe” Mujica: Con una biografia che potremmo anche definire leggendaria, è un altro personaggio straordinario e iper-dirompente. José Mujica faceva parte della guerriglia ‘Tupamaros’, ai tempi della dura dittatura uruguaiana. Ha trascorso quasi 15 anni imprigionato in condizioni disumane, vicino alla morte e alla follia per i terribili anni in totale isolamento. Ha ricevuto diversi proiettili ed è riuscito a scappare di prigione un paio di volte, ma quando è stato finalmente rilasciato, ha lottato di nuovo per molti anni ed è diventato presidente dell’Uruguay. Come presidente, ha sorpreso il mondo intero dimostrando che la politica può essere fatta diversamente. Il suo atteggiamento sincero e congruente, i suoi discorsi profondi e potenti, insieme al suo stile di vita austero gli sono valsi alcuni famosi soprannomi come ‘Il presidente più povero del mondo’ e ‘Il saggio del sud’. Ma, in generale, la maggior parte delle persone lo conosce come ‘El Pepe’, e oggi è molto difficile immaginare vivo un politico più amato di Pepe Mujica.

.

LA NOSTRA SQUADRA

Saúl Alvídrez Ruiz (DIRECTOR)

Stacy Perskie (PRODUCER)

María Ayub (PRODUCTORA)

María Secco (DIRECTOR OF PHOTOGRAPHY)

.

.

.

SUPPORT US ON KICKSTARTER CLICK HERE

.

.

.

Fonte: chomskyandmujica.com

.

.

.

.

______________________________________________________

Articoli correlati

Pepe” Jose Mujica

Noam Chomsky

.

.

.

.

 


Lug 24 2020

Libero Cinema in Libera Terra

.

.

.

.

Libero Cinema per i diritti al nuovo mondo

Si sono concluse le prime tre tappe di Libero Cinema in Libera Terra, 5.100 sono stati gli spettatori in sala, 25.000 le persone che hanno seguito il programma “Diritti al nuovo mondo. Libero Cinema Incontra” condotto da Enrico Fontana, ancora visibile online, e 22.000 le pagine visitate.
Il viaggio di Libero Cinema non si ferma, prossimo appuntamento dal 14 al 20 settembre.

Zero in condotta con il film La nostra Strada, Altre Americhe con Il sale della terra e L’Africa non esiste con Appena apro gli occhi hanno dato il via alla carovana online, che nella sua XV edizione, realizzata in collaborazione con MYmovies, sceglie di dedicare le sue storie e le sue riflessioni ai diritti universali.
Le testimonianze, le riflessioni e gli appelli lanciati dai protagonisti delle serate sono parte di una azione indispensabile, che muove verso la costruzione di un nuovo umanesimo, di una società più equa e giusta, che non rinuncia a ri-conoscere la dignità di ogni persona e la sua centralità in ogni nuova progettazione.

Luigi Ciotti, accompagnato da Noemi Minetti, Vanessa Niri, Vanessa Pallucchi, Giulia Serinelli, Giulia Tosoni ed Enzo Bevar per Cinemovel, ha acceso i riflettori sul tema della povertà educativa e del ruolo della scuola nel nostro paese. “Oggi è necessario un energico piglio riformatore di politiche scolastiche, che ora sono state ridotte a politiche di rincorsa, concentrate sui rattoppi all’immancabile precarietà. In un momento di cambiamento epocale, è necessario costruire alleanze educative. Tutto il contesto deve entrare in gioco, non solo le famiglie e la scuola. Il mio sogno si chiama “città educativa”, perché la scuola è di tutti, anche di quei 273mila bambini con gravi disabilità, di quegli 800mila nuovi italiani figli dell’immigrazione, di quei 2 milioni e mezzo di studenti che vivono la povertà educativa, che è anche difficoltà economica.”

Il viaggio di Libero Cinema ci ha condotto in alcune delle aree del mondo in cui sta colpendo più duramente l’emergenza da Coronavirus, aree già da tempo teatri di conflitti sociali e ambientali molto aspri, a partire dal Brasile, che, per le scelte fatte dal presidente Bolsonaro, è uno dei paesi in cui l’intreccio tra interessi economici, attività criminali e povertà mette in pericolo la stessa idea di democrazia. Alla condivisione dell’appello di Salgado per la protezione degli indigeni dell’Amazzonia, sono seguiti i collegamenti dal Brasile e dal Messico, con gli appelli di Dario de Sousa da Rio de Janeiro, Padre Alfredo Dorea da Salvador de Bahia, Erika Llanos e Paolo Pagliai da Città del Messico, Nello Ferrieri per Cinemovel.

“Le pratiche che si vedono ora nel Brasile preoccupano il popolo brasiliano, ma anche tutto il mondo: la distruzione dell’Amazzonia e dei popoli indigeni, la violenza contro i diritti umani, soprattutto i diritti dei più poveri, delle minoranze politiche, i gruppi di sterminio collegati al governo” afferma Padre Alfredo. “Tante, troppe volte i brasiliani non hanno la possibilità di far sentire la loro voce. Allora chiediamo l’attenzione della comunità internazionale e in particolare dell’Italia, che ha una storia di umanità, ma mi raccomando, se dovete fare aiuti umanitari fatelo direttamente ai gruppi della società civile che difendono i diritti umani. Non lasciateci da soli, abbiamo bisogno della vostra vicinanza.”

Per L’Africa non esiste, un concetto coniato dal grande giornalista Kapuściński, sono intervenuti in collegamento da Grand Bassam in Costa d’Avorio Francesca Piccinini e Leone De Vita della Commounauté Abel, a cui si sono unite le testimonianze di Patrick Konde, Fred Kuwornu, Amara Cisse ed Elisabetta Antognoni per Cinemovel.

Non un programma sull’Africa, ma le storie senza confini di persone che l’Africa hanno conosciuto. Tra queste storie c’è quella di Fred Kuwornu, in collegamento dagli Stati Uniti dove vive da 7 anni: “La pandemia ha creato tensioni razziali, che sono esplose nuovamente a causa della violenza della polizia. Ma questa è la superficie del problema, il vero problema negli USA, se parliamo di questione razziale, è la disuguaglianza enorme in ogni aspetto della vita normale. Salvo i tre giorni in cui un bambino nero nasce nello stesso ospedale in cui nasce un bambino bianco le loro due vite al 90% saranno totalmente opposte negli anni successivi, a partire dalla scelta della scuola, dai percorsi educativi e dalle opportunità di lavoro. C’è un malessere che dura da secoli e un malessere senza un vero intervento strutturale e sociale per una visione del paese nei prossimi 40-50 anni sarà difficile da affrontare.”

Francesca Piccinini, in Africa da 10 anni, ha una visione che apre alla speranza: “Ho grandi speranze per l’Africa perché ha grandi potenzialità, a partire dalle ricchezze del territorio e dalla giovane età degli abitanti; spero che riesca ad affermarsi per quello che è il valore di questa gente, che merita di poter vivere una vita tranquilla, senza dover più emigrare per cercare di realizzarsi.”

Dopo la tre giorni di luglio, il viaggio di Libero Cinema in Libera Terra proseguirà nel mese di settembre, periodo di vendemmia che vede tante cooperative impegnate sui beni confiscati.
Nelle 6 tappe in programma dal 14 al 20 settembre, che toccheranno Lombardia, Toscana, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, il format “Diritti al Nuovo Mondo. Libero Cinema Incontra” sarà trasmesso sulla piattaforma di MYmovies LIVE direttamente dai territori, con lo spazio condotto dal giornalista Enrico Fontana e la proiezione dei film.

Gli incontri si terranno alle 20.45 e la proiezione dei film seguirà alle 21.30.

Libero Cinema torna così sui beni confiscati e restituiti alla legalità, dove incontrerà donne e uomini che ogni giorno si misurano con le fatiche e le speranze del cambiamento. Prima dello streaming dei film, tanti saranno gli interventi sui temi della memoria e dell’accesso a una corretta informazione, dei diritti universali dell’infanzia, delle donne, degli uomini, della lotta al caporalato e della tutela dei lavoratori, dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale.

Il programma delle serate di settembre è disponibile su www.mymovies.it/live/cinemovel, prenotazioni a partire dal 1 settembre.

Vi aspettiamo!

.

.

Libero Cinema in Libera Terra 2020 – La Sigla

.

.

Fonte: cinemovel.tv

.

.

.

.

.


Lug 1 2020

Accusata per crimini di guerra un’israeliana riceve il premio tedesco per la pace.

.

.

L’ex ministro degli esteri israeliano Tzipi Livni

.

.

                                                                                                                                                                                                               

di Ali AbunimahElectronic Intifada

.

17 giugno 2020

.

I difensori dei diritti umani stanno invitando il Brückepreis tedesco a ritirare l’assegnazione del premio del 2020 a Tzipi Livni, politica israeliana che si è vantata del suo ruolo in crimini di guerra contro i palestinesi.

La motivazione del Bridge Prize [premio Ponte], com’è conosciuto in inglese, afferma che Livni viene premiata per aver promosso “la libertà di pensiero, la democrazia, l’apertura e l’umanità” e per “la sua politica di pace orientata alla libertà”.

Il premio viene assegnato a personaggi che abbiano dedicato il proprio operato alla democrazia e a una comprensione pacifica tra i popoli ed è accompagnato da un premio in denaro pari a 2.800 dollari [circa 2.500 euro].

Ma, lungi dal promuovere la pace, Livni è accusata di essere coinvolta in “crimini di guerra e crimini contro l’umanità commessi nella Striscia di Gaza assediata” quando era ministra degli Esteri di Israele durante l’attacco del 2008-09 contro Gaza, come ha scritto martedì l’associazione per i diritti umani Euro-Med Monitor in una lettera al presidente del Brückepreis Willi Xylander.

Livni “durante l’operazione, condannata a livello internazionale, operò incessantemente per mascherare l’aggressione di Israele contro la popolazione civile di Gaza,” aggiunge la lettera, sottolineando che l’attacco israeliano costò la vita a 1.400 palestinesi, in grande maggioranza civili.

Vero teppismo”

Livni non si è neppure mai vergognata del suo ruolo e del suo appoggio al massacro di Gaza. Nel gennaio 2009 dichiarò ai media israeliani: “Come auspicavo, nel corso delle recenti operazioni Israele ha dimostrato un vero teppismo.”

Anche il rapporto Goldstone, la commissione d’inchiesta indipendente dell’ONU sull’attacco, cita le affermazioni di Livni: “Israele non è un Paese su cui puoi sparare missili senza che reagisca. È un Paese che, quando spari ai suoi cittadini, risponde scatenandosi, e ciò è positivo.”

E invece di promuovere la democrazia, Livni ha appoggiato la pulizia etnica dei cittadini palestinesi di Israele per rendere la popolazione di Israele ancor più esclusivamente ebraica. Ex-ministra della Giustizia, Livni ha anche detto ai negoziatori palestinesi: “Io sono contraria alle leggi – in particolare a quelle internazionali. Contro le leggi in generale.”

Non pare proprio che queste siano le credenziali di una persona che meriti riconoscimenti per aver contribuito alla pace e la comprensione a livello internazionale.

Perseguita per crimini di guerra

In parecchie occasioni Livni ha dovuto sfuggire all’arresto o agli interrogatori da parte di autorità giudiziarie che cercavano di inquisirla per crimini di guerra nel Regno Unito, in Svizzera e in Belgio.

Assegnare il Brückepreis a una politica israeliana accusata di crimini di guerra “contribuirebbe a ripulire l’immagine dei crimini dell’occupazione israeliana a danno dei palestinesi e incentiverebbe ulteriormente i politici israeliani ad accentuare le atrocità contro i palestinesi, sapendo che tali brutalità non danneggerebbero la loro posizione internazionale,” aggiunge Euro-Med Monitor.

Eppure tristemente in Germania la classe dirigente continua a credere che offrire un appoggio incondizionato a Israele indipendentemente da quali crimini commetta ed elogiare i criminali di guerra israeliani sia un modo per espiare l’uccisione da parte del governo tedesco di milioni di ebrei europei. La vera lezione da trarre dai crimini della Germania dovrebbe essere che nessuno possa sfuggire al dover rendere conto dei crimini di guerra, compresa Tzipi Livni.

.

.

Da: zeitun.info

(traduzione dall’inglese di Amedeo Rossi)

.

.

.

______________________________________________________

Approfondimento  (madu)

Tzipi Livni  (Wikipedia)

Piombo fuso di Tzipi Livni  (Gennaro Carotenuto)

Livni a Sarkozy: “Niente tregua. A Gaza non c’è crisi umanitaria”  (la Repubblica)

Tzipi Livni denunciata da filo-palestinesi: polizia britannica voleva interrogarla  (L’informale)

L’ex ministra israeliana Tzipi Livni intercettata in Belgio per crimini di guerra?  (invictapalestina.org)

.

.

.

..

.