Dic 15 2017

Myanmar, Facebook e la pulizia etnica del popolo Rohingya

.

.

Monaco Buddhista Wirathu (C), leader del Movimento 969 – (Reuters)

.

Facebook al centro della crisi dei Rohingya in Myanmar

 

di Megan Specia e Paul Mozur

Il governo del Myanmar ha vietato ad Ashin Wirathu, un monaco buddista ultranazionalista, di predicare in pubblico l’anno scorso, affermando che i suoi discorsi contribuivano ad alimentare la violenza contro il gruppo etnico dei Rohingya del paese che le Nazioni Unite definiscono pulizia etnica.

Così, per far arrivare il suo messaggio, egli si è rivolto a una piattaforma ancor più potete e ubiqua: Facebook.

Quotidianamente egli pubblica aggiornamenti, spesso contenenti informazioni false, che diffondono una narrazione dei Rohingya come di estranei aggressivi. E testi di questo genere hanno posto Facebook al centro di una feroce guerra di informazione che sta contribuendo alla crisi che coinvolge il gruppo di minoranza. Gruppi internazionali per i diritti umani affermano che Facebook dovrebbe fare di più per prevenire i discorsi di odio, concentrandosi sui diritti umani globali tanto quanto si concentra sui suoi affari.

“Facebook è rapido nel cancellare svastiche, ma poi non arriva ai discorsi d’odio di Wirathu quando dice che i mussulmani sono cani”, ha detto Phil Robertson, vicedirettore della divisione asiatica di Human Rights Watch.

In tutto il mondo Facebook e altre piattaforme sociali sono messe in discussione per il loro ruolo e le loro responsabilità in espansione in quanto editori di informazioni. In Gran Bretagna inchieste sono state avviate riguardo alla diffusione di disinformazione sui media sociali a proposito del referendum sull’appartenenza all’Unione Europea. Negli Stati Uniti, parlamentari stanno esaminando tentativi russi di influenzare le elezioni presidenziali del 2016 attraverso piattaforme di media sociali.

In Myanmar Facebook è così dominante da essere identificato da molti con la stessa Internet. E gli interessi riguardo a ciò che appare sul sito sono eccezionalmente elevati poiché la disinformazione, così come il linguaggio esplicitamente ostile, sta aggravando divisioni etnica di vecchia data e aizzando la violenza contro i Rohingya.

Ad esempio, da quanto è cominciato il giro di vite del governo contro i Rohingya, Zaw Htaw, un portavoce della leader di fatto del paese, Daw Aung San Suu Kyi, ha condiviso dozzine di testi sulla sua pagina Facebook e sul suo account Twitter che includono immagini che asseritamente mostrano Rohingya che bruciano le loro stesse case. Molte di queste immagini sono state smascherate, tuttavia continuano a comparire.

Resoconti di prima mano dallo Stato Rakhine dimostrano un giro di vite coordinato contro la minoranza Rohingya da parte dell’esercito e di gruppi ultranazionalisti, spingendo più di 600.000 profughi oltre confine in Bangladesh.

Facebook non controlla i miliardi di testi e di aggiornamenti di status che fluiscono ogni giorno in tutto il mondo attraverso il sito, affidandosi piuttosto a un insieme frequentemente confuso di “standard comunitari” e a notizie di utenti di minacce dirette che sono poi valutate manualmente e in alcuni casi rimosse.

Dopo le elezioni statunitensi del 2016 Facebook ha presentato un insieme di linee guida per aiutare gli utenti a identificare notizie false e disinformazione. La società non rimuove regolarmente la stessa disinformazione.

Facebook non ha uffici in Myanmar, ma la società ha collaborato con partner locali per introdurre una copia illustrata in lingua birmana degli standard della sua piattaforma e “continuerà ad affinare” le sue pratiche, ha detto una portavoce, Clare Wareing, in una dichiarazione via email.

Gruppi difensori dei diritti umani affermano che l’approccio della società ha consentito che opinioni, fatti e disinformazione si mescolassero su Facebook, oscurando percezioni di verità e propaganda in un paese in cui la tecnologia mobile è stata diffusamente adottata solo negli ultimi tre anni.

Sotto il dominio della giunta militare severe norme di censure rendevano deliberatamente inaccessibili le carte SIM dei cellulari per controllare il libero flusso delle informazioni. Nel 2014 le restrizioni sono state allentare e l’uso della tecnologia mobile è esploso quando le carte SIM sono divenute accessibili. Gli utenti di Facebook sono saliti alle stelle dai circa due milioni del 2014 ai più di trenta milioni di oggi. Ma la maggior parte degli utenti non sa come navigare internet più in generale.

“Facebook è diventato una sorta di Internet di fatto in Myanmar”, ha detto Jes Kaliebe Petersen, direttore esecutivo di Phandeeyar, il principale centro tecnologico del Myanmar che ha aiutato Facebook a creare la sua pagina degli standard comunitari in lingua birmana. “Quando le persone comprano il loro primo smartphone la piattaforma è semplicemente preinstallata”.

Petersen ha detto che i canali mediatici e giornalistici locali dovrebbero contribuire a combattere la disinformazione in un settore tecnologico tuttora nella sua infanzia.

“Ci sono ancora delle sfide qui, e naturalmente ci sono grandi differenze tra le grandi città e le comunità rurali”, ha detto. “Penso sia davvero importante che ci si concentri nell’educare questa nuova generazione di utenti digitali”.

Nel frattempo Facebook è diventato un terreno fertile per discorsi di odio e testi violenti riguardo ai Rohingya. E a causa della configurazione di Facebook i testi che sono condivisi e che piacciono di più ricevono frequentemente un miglior piazzamento nei flussi, favorendo contenuti fortemente di parte nelle sequenze.

Ashin Wirathy, il monaco, ha centinaia di migliaia di persone che lo seguono sugli account Facebook in birmano e in inglese. I suoi testi includono foto e video crudi di corpi in decomposizione che Ashin Wirathu dice di essere di vittime buddiste di attacchi Rohingya o testi che denunciano il gruppo etnico minoritario o aggiornamenti che lo identificano come composto da stranieri “bengalesi”.

Facebook ha rimosso parte dei suoi testi e limitato la sua pagina per ampliamenti, ma essa è attualmente attiva. In un’intervista Ashin Wirathu ha detto che se Facebook rimuovesse il suo account egli semplicemente ne creerebbe uno nuovo. Ha aggiunto che a qualcuno i suoi testi su Facebook non piacciono “può citarmi in giudizio”.

Anche testi su Facebook verificati come di fonte governativa e militare diffondono disinformazione. Alcuni, ad esempio, rifiutano di riconoscere i Rohingya come gruppo etnico meritevole di diritti di cittadinanza, nonostante il fatto che molti vivono nello Stato Rakhine da generazioni.

Il generale Min Aung Hlaing, il comandante in capo delle forze armate del Myanmar che ha condotto il giro di vite sui Rohingya, ha più di 1,3 milioni di utenti sul suo account verificato. Un testo del 15 settembre descrive l’operazione come una reazione a un “tentativo di estremisti bengalesi di costruire una roccaforte nello Stato Rakhine” dopo un attacco del 25 agosto in remote postazioni di confine da parte un gruppo militante Rohingya.

Anche attivisti Rohingya usano Facebook, documentando violazioni dei diritti umani, spesso con immagini e video crudi come prova. A volte la società li ha rimossi.

La signora Wareing, portavoce di Facebook, ha detto che la società ha rimosso contenuti crudi “quando sono condivisi per celebrare la violenza”. Ha detto che la società consente contenuti crudi quando sono giornalisticamente rilevanti, significativi o importante per il pubblico interesse, anche se potrebbero andare contro gli standard della piattaforma.

Richard Weir, un analista dell’Asia di Human Rights Watch, ha detto che la situazione è complicata.

“C’è qui realmente un equilibrio delicato tra cose che sono violente e pubblicate da persone che cercano di infiammare tensioni e da quelle che cercano di diffondere informazioni”, ha detto Weird. “E’ difficile sapere dove esattamente tracciare il confine”.

Parte delle conversazioni sui media sociali ha luogo privatamente. Ad esempio messaggi a catena di Sant’Antonio su Facebook Messenger prima dell’11 settembre di quest’anno avvertivano falsamente di un attacco pianificato dai Rohingya contro i buddisti. Scritto come una lettera a catena di Sant’Antonio il messaggio sollecitava le persone a condividerlo e molti si sono sentiti agitati mentre si diffondeva.

“Ero nervoso al riguardo”, ha detto U Tin Win, un insegnante di Mandalay, la seconda città più vasta del paese, che ha ricevuto la lettera. “Non so chi abbia avviato il messaggio, ma ho ordinato alla mia famiglia di non uscire quel giorno”.

Weir ha detto che la gente in Myanmar si affida ai media sociali per avere notizie.

“Il governo può grosso modo tirare fuori le proprie idee e diffonderle molto rapidamente, in aggiunta a un mucchio di altre entità non statali”, ha detto. “Idee sulla gente dello Stato Rakhine, sulle origini della popolazione e su altre cose che possono essere successe o no, circolano su Facebook con estrema rapidità e possono creare situazioni instabili”.

Megan Specia ha scritto da New York e Paul Mozur da Sciangai. Mike Isaac ha contribuito da San Francisco e Saw Nang da Mandalay, Myanmar.

Una versione di questo articolo appare a stampa sull’edizione di New York del 28 ottobre 2017 a pagina A4 sotto il titolo: “Guerra di parole in corso in Myanmar coinvolge Facebook nella crisi dei Rohingya”.

.

.

Da Znetitaly – Lo spirito della resistenza è vivo    www.znetitaly.org

Originale: https://www.nytimes.com/2017/10/27/world/asia/myanmar-government-facebook-rohingya.html

.

.

.

.

.

.

 


Dic 13 2017

4th Conferenza mondiale su Internet | L’assurdo messaggio del presidente cinese Xi Jinping

.

.

.

Alla Conferenza mondiale su internet, applausi ambigui per Xi Jinping e per il controllo sul web

di Wang Zhicheng

.

5 dicembre 2017 – Si conclude oggi la Conferenza mondiale su internet, tenutasi dal 3 dicembre a Wuzhen (Zhejiang), che aveva come scopo quello di costruire una comunità aperta sul web, a beneficio di tutti. Ad esso hanno preso parte 1500 rappresentanti da 80 Paesi.
Per l’occasione, il presidente cinese Xi Jinping ha inviato un messaggio in cui sottolinea come “costruire una comunità con un futuro comune nel cyberspazio è divenuto una percezione condivisa e diffusa nella società internazionale”.

Allo stesso tempo, egli spera che la comunità internazionale rispetti la “sovranità” nel cyberspazio e sostenga uno spirito di collaborazione per avanzare insieme nello sviluppo, nel salvaguardare la sicurezza, nel partecipare all’organizzazione e condividere i benefici. “Le porte della Cina – ha sottolineato – non si chiuderanno mai al mondo, anzi si apriranno sempre di più”.
Molti rappresentanti hanno applaudito al messaggio di Xi per il suo “grande significato e concretezza”. Ma alcuni esperti fanno notare la contraddizione esistente fra la promessa di “maggiore apertura” e il radicale controllo a cui il web è sottomesso nel Paese. Tale controllo viene giustificato come “sovranità” nel cyberspazio, che ogni nazione dovrebbe esercitare all’interno dei suoi confini.

La Cina non solo attua il “Grande Firewall”, censurando su internet i contenuti internazionali che essa ritiene pericolosi per il Paese (democrazia, scioperi, dissidenza, questioni etniche e religiose, Tibet, Tiananmen, Xinjiang, ecc…), ma costringe i giganti del web a offrire servizi “zoppi”. Lo scorso anno Apple ha dovuto rimuovere diverse app che non piacciono al governo. E Google è ancora bloccato in Cina, per il suo non sottomettersi alle richieste di Pechino. Anche Facebook, Skype, Twitter e Youtube sono bloccati.

In compenso, le grandi compagnie cinesi di internet che accettano i limiti imposti dalla “sovranità” cibernetica, fanno affari d’oro nel Paese. Un rapporto pubblicato lo scorso settembre dalla Deloitte, indica che in Cina vi sono 98 compagnie nel campo valutate a 1 miliardo ciascuno. Fra queste vi sono la Tencent, Alibaba, Baidu, JD.com e altre.

La potenza economica della Cina sta nel suo mercato immenso. Secondo l’Ufficio nazionale delle statistiche, nel Paese vi sono 731 milioni di internauti che ormai usano il cellulare per tantissime operazioni, dai pagamenti online alla condivisione delle biciclette. Tom Cook, capo della Apple, presente alla Conferenza, fa notare che da quando la sua compagnia è entrata nel mercato cinese, vi sono stati 1,8 milioni di inventori cinesi di app che hanno guadagnato in totale 112 miliardi di yuan (circa 16,9 miliardi di dollari Usa).

La Freedom House, associazione Usa per i diritti umani, ha classificato la Cina all’ultimo posto nella lista dei Paesi per la libertà su internet. Ma questo sembra non avere peso fra coloro che vogliono fare affari con Pechino. In margine alla Conferenza, Cina, Serbia, Arabia saudita, Laos, Thailandia, Turchia e Emirati arabi uniti hanno annunciato un’iniziativa comune di “Belt and Road digitale”, una nuova Via della Seta che passa da internet e comprende un maggior accesso alla banda larga, una cooperazione nel commercio online, un incremento degli investimenti nel settore IT (Information technology).

Il timore di diverse organizzazioni è che attraverso la “collaborazione” internazionale, la “sovranità” nel cyberspazio della Cina diventi un controllo mondiale.

.

Fonte: AsiaNews

.

.

Approfondimento

Sito web della Conferenza

Tim Cook in Cina per la conferenza del governo su Internet

Great Firewall

La guerra della Cina alla rete

.

.

.

.

.


Dic 9 2017

Anonymous #OpUSA #OpIsrael | Cyberattacco al Governo d’Israele ed Usa

.

.

.

Dopo la dichiarazione di Trump in merito alla capitale d’Israele, il movimento mondiale di Anonymous ha deciso di riprendere con determinazione la sua antica guerra contro il governo israeliano e contro quello USA. L’obiettivo dell’attacco, con la mobilitazione del collettivo e tutto il mondo degli antagonisti, è quello di colpire siti e domini israeliani ed americani come la Casa Bianca, La Federal Reserve, il portale open data, della sicurezza sociale e altri indirizzi sensibili del governo israeliano. L’iniziativa del cyberattacco tende a ricordare al mondo la lunga lotta per la liberazione della Palestina ed il riconoscimento di Gerusalemmme come sua capitale. Nel tradizionale messaggio di Anonymous, sotto riportato, troviamo una sorta di elenco di siti dove trovare i database con indirizzi mail e dati sensibili di impiegati governativi e presunti agenti del Mossad, il servizio segreto israeliano ed indirizzi sensibili del governo USA. (madu)

 

.

Anonymous OpUSA – OpIsrael

A Guest – Dec 7th, 2017 –  2,126

Governi di Usa e Israele la nostra pazienza è finita!
Basta parole, adesso si agisce.
Anonymous non può stare in silenzio davanti alle vostre azioni.
È tempo di Anonymous.

Lista di destinazione per gli attacchi al Governo USA ed Israeliano ( Main Attacks: Data Dump , Government Breach , Defacing , DDoSing )

.

Targets:

https://www.usa.gov/ = USA

https://www.gov.il/ = Israel

https://www.state.gov/ = USA

http://www.president.gov.il/ = Israel

https://www.whitehouse.gov/ = USA

http://itrade.gov.il/ = Israel

https://www.ssa.gov/ = USA

http://www.investinisrael.gov.il/ = Israel

https://www.data.gov/ = USA

http://www.antitrust.gov.il/ = Israel

https://www.irs.gov/ = USA

http://www.boi.org.il/en/ = Israel

https://www.federalreserve.gov/ = USA

http://www.space.gov.il/ = Israel

https://www.shabak.gov.il/ = Israel

.

Iniziare lo spamming  colpendo gli obiettivi: Governo d’Israele ed USA con Data Dump, Government Breach e DDoSing.

Divulgare   #OpUSA + #OpIsrael defacciando qualsiasi dominio .us e .il

Utilizzare gli hashtag #OpUSA, #OpIsrael e #FreedomInWorld per vedere tutti i post di Anonymous sui social media.

I nostri ultimi hacks e attacchi saranno caricati sul sito https://www.cyberguerrilla.org/blog/

Pagina principale per effettuare deface (attacco) Anonymous per OpUSA – OpIsrael ed il codice può essere trovato qui: https://ghostbin.com/paste/o3o88

.

We Are Anonymous,

We Are Legion,

We do not forgive,

We do not forget

Government of USA and Israel,

Expect us.”

.

VIDEO

.

Fonte:  pastebin.com

.

.

.

.