Ago 30 2012

Anonymous – #OpFreeAssange# – Attaccato il sito dell’Interpol

.

29 agosto 2012

Il gruppo di hacktivisti Anonymous ha  bloccato il sito dell’ Interpol e della  Serious Organised Crime Agency (SOCA) britannica chiedendo la libertà  di Julian Assange fondatore di WikiLeaks.

Parecchi account Twitter, associati agli hacktivisti hanno annunciato l’attacco al sito Web dell’ Interpol (Organizzazione Internazionale della Polizia Criminale) con un tango-down. Il sito non è stato disponibile a partire dalle 9:18 pm GMT di domenica,  riprendendo il funzionamento poco dopo.
.
Anonymous ha comunicato che ha neutralizzato anche sito dell’ agenzia (SOCA), un’unità di polizia UK responsabile per le operazioni contro le organizzazioni criminali.
.
Per Assange, fondatore e redattore del sito di denuncia WikiLeaks, è stata richiesta,  dalle autorità svedesi,  l’estradizione dal Regno Unito dove era ai domiciliari prima di rifugiarsi presso l’ambasciata ecuadoriana di Londra.  Due donne dalla Svezia lo accusano di stupro.
.
Assange ha chiesto asilo politico all’ Ecuador per paura di essere estradato dalla Svezia agli Stati Uniti, dove sarebbe accusato di spionaggio per le notizie riservate divulgate con WikiLeaks. Il paese latino-americano ha accettato la richiesta di Assange all’inizio di questo mese.
.
Le autorità britanniche hanno rifiutato di garantire un passaggio sicuro fuori Londra per Assange.
.
.
.
________________________
Approfondimento  (madu)
.
.

Ago 28 2012

Israele si auto-assolve. Rachel Corrie morì per uno spiacevole incidente!

.

Israele: “Rachel Corrie morì per sbaglio”

di Emma Mancini

Roma, 28 agosto 2012, Nena News – Israele non è colpevole. Questa la sentenza emessa oggi dal tribunale di Haifa che ha così rigettato l’accusa di negligenza mossa contro lo Stato israeliano per l’omicidio dell’attivista americana Rachel Corrie. Israele si auto-assolve.

A muovere l’accusa contro Tel Aviv erano stati i genitori di Rachel, secondo i quali Israele andava riconosciuto colpevole di omicidio e di aver condotto un’inchiesta incompleta e parziale. Di diverso parere la corte di Haifa: il giudice Oded Gershon ha stabilito che lo Stato non è responsabile per “nessun danno causato” perché si è trattato solo di “uno spiacevole incidente“. Insomma, secondo il tribunale Rachel Corrie è morta per sbaglio ed ne è la sola responsabile perché “non ha lasciato l’area come qualsiasi persona di buon senso avrebbe fatto”.

Ma non solo. La corte di Haifa ne ha approfittato per sottolineare un’altra clausola, fondamentale per la legge israeliana: l’esercito è assolto da ogni accusa perché l’evento evento si è verificato “in tempo di guerra”. Si è trattato, cioè, di “un’attività di combattimento”, conseguente ad un fantomatico attacco subito da Israele poche ore prima nella Striscia di Gaza.

Ventitré anni, residente ad Olympia e attivista dell’International Solidarity Movement, Rachel è morta il 16 marzo 2003, schiacciata da un bulldozer militare israeliano. Un Caterpillar D9-R guidato da un soldato israeliano l’ha uccisa mentre manifestava pacificamente contro la demolizione di case palestinese a Rafah, nella Striscia di Gaza.

Nel 2005, a due anni dalla morte di Rachel, due anni trascorsi senza risposte da parte dello Stato israeliano, la famiglia Corrie ha deciso di muoversi. E ha fatto causa a Tel Aviv. A seguire la loro denuncia, l’avvocato Hussein Abu Hussein che ha accusato lo Stato di Israele di essere responsabile dell’uccisione di Rachel Corrie e di aver condotto un’indagine incompleta e poco credibile.

E così, dopo la lettura della sentenza, questa mattina il primo commento di Cindy Corrie non lascia spazio a commenti: “Sono ferita”, ha detto la madre di Rachel alla stampa. Immediato l’intervento dell’avvocato Abu Hussein, secondo il quale la corte ha ancora una volta garantito l’impunità dell’esercito: “Sapevamo dall’inizio che si trattava di una battaglia in salita per ricevere risposte sincere e giustizia, ma siamo convinti che questo verdetto distorca le prove presentate alla corte”.

Pochi giorni fa, anche l’ambasciatore statunitense in Israele, Daniel Shapiro, aveva espresso le sue preoccupazioni per il modo in cui Israele ha condotto le indagini sul caso Corrie, definendole “una farsa”. Di diverso avviso l’opinione pubblica israeliana che non ha mai mostrato alcun interesse per la morte di Rachel, avvenuta in piena Seconda Intifada, la sollevazione popolare palestinese considerata dallo Stato ebraico un atto di guerra.

.

Fonte: Nena News

.


Ago 27 2012

Allarme suicidi? In Italia oltre 2000 richieste di aiuto. Telefono, il mezzo per raccontare fallimenti e disperazione

.

L’allarme suicidi in Italia è all’ordine del giorno. Gli imprenditori sino sempre più sull’orlo della crisi, ma non solo economica.
Sono più di 30 le vittime che nel 2012 si sono tolte la vita dopo aver perso il lavoro e le associazioni che si occupano del fenomeno oggi lanciano l’allarme sul pericolo di altri gesti estremi.
I dati elaborati dall’Adnkronos mostrano oltre 2mila le persone che, negli ultimi mesi, si sono rivolte a progetti di ascolto e supporto psicologico, nati a livello regionale o nazionale.
Cause? Il peso del fisco, la perdita del lavoro, la difficoltà di far quadrare bilanci e di ottenere credito tolgono il sonno a centinaia di migliaia di persone e contro i gesti estremi è boom di telefonate alle associazioni di sostegno come ‘Speranzaallavoro’, voluta da Adiconsum e Filca Cisl per rompere il silenzio e la solitudine dei piccoli imprenditori e delle loro famiglie.
L’iniziativa, partita il 16 aprile scorso,continua a registrare numeri preoccupanti.
“Sono oltre un migliaio le persone -spiega Pietro Giordano, segretario generale di Adiconsum- che già hanno chiamato per chiederci aiuto”. Cifre da aggiungere a realtà come il progetto ‘Terraferma’, nato per volere dell’imprenditore Massimo Mazzucchelli, che dallo scorso marzo ha risposto agli ‘Sos’ di oltre 550 lavoratori in difficoltà.
Ma c’è anche altro: iniziative a livello locale (quasi ogni regione dispone di un servizio ad hoc) come ‘InOltre’ finanziato dalla Regione Veneto. Dallo scorso 11 giugno, il numero verde ha raccolto l’appello disperato di circa 80 imprenditori di una delle zone più colpite dalla crisi.
A livello nazionale dunque la somma supera la cifra di 2mila messaggi di aiuto e il telefono diventa il mezzo per raccontare i propri fallimenti e la dipserazione che si vive.
Il Nord Italia in maggioranza si rivolge a ‘Speranzaallavoro’, mentre sono “le figlie soprattutto a chiedere aiuto, spezzando quel senso di fallimento che pesa sui padri. Per loro -svela il segretario generale di Adiconsum, Giordano- è più dura ammettere la fine di un progetto imprenditoriale”. Più diversificato, invece, l’identikit di chi contatta lo spazio di ascolto e di supporto ‘Terraferma’ che offre sostegno, 24 ore su 24, grazie al contributo di 30 tra psicologi e psicoterapeuti. “In prevalenza si rivolgono a noi gli imprenditori -spiega Mazzucchelli-, ma chiamano anche lavoratori disoccupati di tutte le età. Telefonano soprattutto da Veneto, Lombardia e Piemonte, anche se non mancano richieste di aiuto da Lazio e Campania”.
Circa il 10% delle telefonate, aggiunge il responsabile del progetto “viene fatto da mogli o figlie, le quali si accorgono del disagio di chi si ritrova a fare i conti, oltre che con la crisi, con l’ansia e la depressione”.
Imprenditori, familiari o dipendenti con l’incubo di perdere il lavoro sono le persone a cui presta aiuto anche Emilia Laugelli, responsabile dell’Unità operativa di Psicologia clinica dell’ospedale di Santorso e del progetto ‘InOltre’. “Il nostro -spiega – è un supporto psicologico soprattutto verso i piccoli imprenditori.  Anche per ‘Terraferma’ l’idea di fornire, “con tariffe agevolate, un percorso di sostegno a chi si sente strozzato dal peso delle tasse, a chi pensa a gesti estremi pur vantando crediti nei confronti della pubblica amministrazione”, sottolinea Mazzucchelli. Se al via dell’iniziativa c’è stato un “boom di contatti per i nostri consulenti -avvocati, psicologi e fiscalisti- l’estate non rende più felici gli imprenditori”, sottolinea il segretario generale di Adiconsum, Giordano. “I numeri di chi ci contatta è costante, così come costante è la pressione fiscale a cui sono sottoposte le pmi e che finisce per strozzarle”, evidenzia. Dopo l’accordo con l’ordine degli psicologi, Adiconsum ipotizza un intervento anche economico attraverso il coinvolgimento degli istituti di credito.
“Penso -dice Giordano- a un fondo di solidarietà finanziato dalle banche, grazie a un euro versato per l’apertura di un conto corrente, per realizzare un microcredito con tassi vicini allo zero. Una formula che consentirebbe, insieme a uno stop temporaneo della rivalsa di crediti passati, di aiutare molti imprenditori e scongiurare gesti estremi. Alcune persone – ricorda- si sono suicidate per debiti di poche migliaia di euro”. E a una sorta di welfare sociale pensa anche il responsabile di ‘Terraferma’, progetto promosso dal movimento ‘Impresecheresistono’. “Sarebbe importante creare un fondo di garanzia pubblico finanziato, ad esempio, dalle regioni. Non soldi a fondo perduto, ma temporaneamente a favore delle Pmi che hanno bisogno di piccoli importi, ad esempio 5mila euro, per risollevarsi”. Non bisogna dimenticare, sottolinea Mazzucchelli “che spesso le piccole e medie imprese, pur vantando crediti nei confronti di altre o dello Stato, si ritrovano a fare i conti con l’Agenzia delle Entrate e con Equitalia”. E di fronte alle banche “che hanno ‘chiuso’ l’accesso al credito, l’imprenditore non riesce più a far fronte ai pagamenti dei fornitori e agli stipendi dei dipendenti. A peggiorare la possibilità di ripartire la segnalazione alla ‘centrale rischi'”. Per uscire dal circuito vizioso “è fondamentale una riduzione delle imposte -conclude- per garantire una maggiore competitività e far ripartire il mercato interno”. Mentre il governo sembra vedere la luce in fondo al tunnel della crisi, il buio sembra ancora dominare tra lavoratori in difficoltà, disoccupati e imprenditori, ma una telefonata a volte può davvero allungare la vita.

.

Fonte: Controlacrisi

.