Dic 10 2020

BeeGees | Il 14 dicembre 2020 in uscita il documentario sulla mitica band.

.

.

.

.

THE BEE GEES: HOW CAN YOU MEND A BROKEN HEART – DAL 14 DICEMBRE IN DIGITAL DOWNLOAD.

By MondoRaroMusic

Il 14 dicembre THE BEE GEES: HOW CAN YOU MEND A BROKEN HEART, il primo documentario sulla leggendaria band autrice di oltre 1,000 canzoni e venti hit in testa alle classifiche e con più di 220 milioni di dischi venduti, sarà disponibile in Italia in digital download. Il film racconta l’ascesa dell’inconfondibile gruppo, formato dai fratelli Barry, Maurice e Robin Gibb, la loro musica e l’evoluzione negli anni e include anche recenti interviste a Barry Gibb, Eric Clapton, Mark Ronson, Noel Gallagher, Lulu, Nick Jonas, Chris Martin and Justin Timberlake.

Polygram Entertainment presenta una produzione Kennedy/Marshall e White Horse Pictures in collaborazione con Diamond Docs, THE BEE GEES: HOW CAN YOU MEND A BROKEN HEART, diretto da Frank Marshall, regista e produttore nominato al Premio Oscar (“Il Curioso Caso di Benjamin Button,” “Seabiscuit”, “Jurassic World: Dominion”) e selezionato al Festival di Telluride 2020.

Al fianco di Marshall anche i produttori Nigel Sinclair e Jeanne Elfant Festa, parte del premiato team di “The Apollo”, “The Beatles: Eight Days a Week” e “George Harrison: Living in the Material World” della HBO, e Mark Monroe (“The Beatles: Eight Days a Week,” “Icarus”).

“Così come molte altre persone nel mondo, ho amato la musica dei Bee Gees per tutta la mia vita. Ma è solo quando ho intervistato Barry per la prima volta, circa 3 anni fa, che ho scoperto il loro straordinario istinto creativo, il loro dono musicale, lo humor e il legame tra fratelli che li ha resi così unici. È un grande onore per me far parte di questo film e poter celebrare l’enorme influenza che i Bee Gees hanno avuto sulla musica pop” ha dichiarato Frank Marshall.

“Sono onorato di puntare i riflettori sui Bee Gees, non solo in quanto superstar, ma anche come fratelli e autori emblematici. Le loro canzoni hanno lasciato un segno indelebile nella musica e nella cultura e siamo entusiasti di poter condividere la loro storia con i fan di tutto il mondo”. Sono le parole di Jody Gerson, Executive Producer, Presidente e CEO di Universal Music Publishing Group.

Secondo il produttore Nigel Sinclair “il talento di Barry, Maurice e Robin Gibb ha avuto un impatto straordinario in tutti i continenti per oltre cinquant’anni e la loro eredità influenzerà anche le generazioni a venire. È un privilegio poter portare la storia dei Bee Gees sullo schermo così che il pubblico possa vivere il mondo che hanno creato, nella speranza che questa possa essere anche una piacevole fuga dai tempi difficili che stiamo vivendo”.

THE BEE GEES: HOW CAN YOU MEND A BROKEN HEART è diretto da Frank Marshall e prodotto da Nigel Sinclair, Jeanne Elfant Festa, Mark Monroe, Frank Marshall, dai produttori esecutivi David Blackman, Jody Gerson, Steve Barnett, Nicholas Ferrall, Cassidy Hartmann, Ryan Suffern e dal supervising producer Aly Parker. Il film è scritto da Mark Monroe con la consulenza di Cassidy Hartmann.

THE BEE GEES: HOW CAN YOU MEND A BROKEN HEART mostra l’affascinante storia di tre fratelli che hanno inseguito un’emozione fin da bambini: la gioia di cantare insieme e creare canzoni dal sound unico. Un lascito avvincente e senza tempo quello dei Bee Gees, con interviste a musicisti contemporanei influenzati dalla loro musica. Una storia di incredibili successi e sconfitte ma anche un’occasione per esplorare la creatività alla base del fenomeno intramontabile della band.

.

.

TRAILER
THE BEE GEES: How Can You Mend A Broken Heart (2020) Official Trailer | On Digital this December

.

.

Fonte: indieurbanmusic.news

.

.

.

.


Mag 2 2020

Woodstock | Curiosità

.

.

.

Woodstock | Coppia scopre dopo 50 anni una la loro foto e la ricrea

.

Di Mark Horowitz

Il Festival di musica e arte di Woodstock nel 1969 è stato uno degli eventi più iconici di tutti i tempi, che si è svolto nella fattoria di Max Yasgur a Bethel, New York. Sebbene il nome dell’evento fosse Woodstock, la fattoria si trovava a circa 40 miglia (o 65 km) a sud-ovest di Woodstock. La storia di Woodstock è incredibile. È stato davvero un evento unico nella vita. Esso è stato creato da una tempesta perfetta di fattori e proprio nel momento giusto della storia.

Oltre 400.000 persone hanno partecipato all’evento durante quel fine settimana dal 15 al 18 agosto 1969, e molte di queste persone avevano le loro storie uniche dell’evento. Ad esempio, una coppia di nome Judy e Jerry Griffin si sono incontrati lungo la strada per Woodstock e da allora sono stati insieme. La coppia si è incontrata dopo che l’auto di Judy si è rotta sul Tappan Zee Bridge di New York, che si trova a circa 90 miglia dal festival.

Mentre Judy e le sue amiche erano bloccate, Jerry e un gruppo di suoi amici si fermarono per aiutarli e offrirono loro un passaggio. Sebbene Judy fosse titubante, vista un’altra donna nel gruppo di Jerry, si sentì un po’ più sicura nell’accettare. Una cosa porta l’altra, e i due hanno finito per unirsi e sviluppare una relazione che è durata oltre 51 anni che ha portato a due figli e cinque nipoti.

La coppia ha raccontato la storia di come si sono incontrati tanti anni prima, ma non avevano nessuna foto dell’evento, anche se entrambe avevano una macchina fotografica. Tuttavia, l’estate scorsa, quando un amico stava guardando un documentario PBS che commemora il 50 ° anniversario del festival chiamato ‘Woodstock: tre giorni che hanno definito una generazione’, ha notato una foto della coppia al festival. Dopo aver visto la foto ha deciso di ricreare l’immagine.

L’amico li riconobbe subito e inviò loro la foto. Non riuscivano a credere che una foto fosse emersa dopo tutto questo tempo.

‘Per 50 anni abbiamo cercato una foto di noi stessi e di punto in bianco appare’. Ha precisato Jerry ‘Ci conoscevamo da meno di 48 ore quando è stata scattata’.

La coppia finì per sposarsi nel dicembre del 1975 ma continuano a celebrare il loro anniversario il giorno in cui si incontrarono.

Dice Judy: ‘Celebriamo sempre il 15 agosto, che è il mio compleanno ed anche il giorno in cui ci siamo conosciuti

Nel 2004 la rivista Rolling Stone posiziona l’avvenimento al 19° posto nella classifica dei 50 momenti che hanno cambiato la storia del rock and roll.

Il 19 marzo 2019 è stata annunciata la proposta di line-up per Woodstock 50. Ciò ha incluso alcuni artisti che si sono esibiti al festival originale di Woodstock nel 1969. L’evento si sarebbe tenuto al Watkins Glen International, la pista di gara a Watkins Glen, New York. Tuttavia, l’evento è stato alla fine cancellato dopo che gli investitori hanno perso la fiducia nella riuscita dell’evento e di ricavarne un buon profitto. Tuttavia, l’eredità di Woodstock sopravvive nel boom dell’industria mondiale dei festival, con eventi che si svolgono in tutto il mondo, ogni fine settimana, e sperano di replicare la magia catturata dal leggendario evento del 1969.

.

.

Fonte: anewspost.com

.

______________________________________________________
Approfondimento

Festival di Woodstock

Docufilm: ‘Woodstock, i tre giorni che fecero una generazione’

50 anni fa il “sogno” di Woodstock: ecco le foto che nessuno ha mai visto

.

.

.


Apr 11 2020

Coronavirus | Bill Gates e la terribile previsione del 2015

.

.

.

.

Molti erroneamente danno un valore profetico al contenuto di questa incredibile conferenza tenuta da Bill Gates nel 2015. Credo che il termine corretto da usare sia previsione. Una previsione ha alla base un processo empirico e logico, mentre una profezia non è legata a dati di fatto e ragionamenti, ma alla supposta chiaroveggenza di chi se ne fa portatore.

In una Ted Talk del 2015 Bill Gates esordisce con queste parole:

“Quand’ero ragazzo, il disastro di cui ci si preoccupava di più era la guerra nucleare…Oggi il più grande rischio di catastrofe globale non è più questo [fungo atomico] ma questo [virus dell’influenza] “

Nel 2014, il mondo ha evitato un terribile scoppio globale dell’Ebola, grazie a migliaia di operatori sanitari disinteressati – e, francamente, grazie ad un fortissimo in bocca al lupo. Con il senno di poi, sappiamo cosa avremmo dovuto fare di meglio. Quindi, ora è il momento, suggerisce Bill Gates, di mettere in pratica tutte le nostre buone idee, dalla pianificazione degli scenari alla ricerca sui vaccini fino alla formazione degli operatori sanitari. Come dice ‘Non c’è bisogno di andare nel panico … ma dobbiamo andare avanti’.

.

Guarda il VIDEO

.

.

.

.