Dic 29 2016

Trump: “Non è che creda tanto nel surriscaldamento globale”. Bisogna fermarlo!

.

.

.

Un uomo potrebbe distruggere il futuro del pianeta tra 25 giorni. Sì, Donald Trump.

E non dovrà neanche  usare  le atomiche, gli basterà mantenere la promessa di ritirare gli Stati  Uniti dall’accordo di Parigi sul clima, e che lo seguano altri dei più grandi paesi inquinanti come India o Russia!

Ma abbiamo una soluzione: rendere Trump irrilevante.

La California, New York e imprese come Google hanno  già reagito ponendosi degli obiettivi ancora  più ambiziosi per ridurre le loro emissioni. E se ora li convinciamo a fare da apripista a una coalizione di città, regioni e aziende che, tutte assieme, facciano rispettare gli obiettivi USA sul clima, l’accordo di Parigi può resistere. Indipendentemente da Trump.

Consegnamo un milione di firme da tutto il mondo!

Clicca per firmare!

Potrebbe davvero funzionare. Alcuni degli stati e delle aziende più grandi si sono già messe in moto: Google ad esempio si è impegnata a passare al 100% di energia pulita entro il prossimo anno!

E se regioni e città tra le più popolose come la California,  New York,  Chicago e  Los Angeles si  mettessero assieme, secondo gli esperti potrebbe non essere neanche  necessario l’apporto  del  governo di  Trump per raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni degli Stati Uniti! Possiamo salvare l’accordo di Parigi dal basso.

Avaaz ha già  cominciato a  spingere  per  questo piano  con  gli  addetti  ai lavori, che  hanno risposto  che una grande pressione pubblica  può  contribuire  a costruire  questa  coalizione  di  leader  per il clima. Portiamo  un  milione di firme da tutto il mondo a sindaci, governatori e amministratori delegati americani:

Clicca per firmare!

I politici cambiano, i fatti no. Per questo il nostro movimento è così importante. Parigi ha segnato una svolta e un’accelerazione verso un clima più sicuro. Possiamo continuare su quella strada, a prescindere da chi è al potere. Rispondiamo al negazionismo di Trump con la coalizione e il movimento di cui abbiamo bisogno per salvare il pianeta.

Con speranza,

Christoph, Alice, Nick, Risalat, Ricken e tutto il team di Avaaz

.

Fonte: Avaaz

.

.

_____________________________________________________

Approfondimento

Clima: sindaci Usa, noi avanti a prescindere da Trump (ANSA)

Usa, con la nomina del “negazionista” Pruitt all’Epa parte la guerra di Trump all’ambiente. “E’ emergenza totale” (Il Fatto Quotidiano)

.
La promessa di Google: dal 2017 comprerà solo energie rinnovabili (Repubblica)

Clima, chiusa la Cop 22. Timori sulla posizione degli Usa di Trump (Affari italiani)

Trump chiede i nomi di chi ha lavorato sul clima. Gli scienziati: salviamo i dati (Lifegate)

.

.

.

.

 


Mar 11 2016

Devastazioni: terre agricole divorate dal cemento. In 20 anni sparito il 15% delle campagne.

.

.

italia_cemento

.

Cementificato il 15% delle campagne in 20 anni

In appena vent’anni il 15% delle campagne è stato abbandonato o cementificato: ciò significa un territorio grande come la Lombardia. È allarme e gli agricoltori denunciano: «Anche questo contribuisce ai cambiamenti climatici».

Ogni giorno sparisce – precisa la Coldiretti – terra agricola per un equivalente di circa 400 campi da calcio (288 ettari) e quella disponibile non si riesce piu’ ad assorbire adeguatamente la pioggia perché siamo di fronte ai drammatici effetti dei cambiamenti climatici che si sono manifestati quest’anno con il moltiplicarsi di eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi ma intense e il repentino passaggio dal sereno al maltempo con vere e proprie bombe d’acqua. Il risultato è che in Italia – sottolinea la Coldiretti – oltre 7 milioni di cittadini si trovano in zone esposte al pericolo di frane e alluvioni che riguardano ben l’88 per cento dei comuni sull’intero territorio nazionale.

Per proteggere il territorio ed i cittadini che vi vivono l’Italia – conclude la Coldiretti – deve difendere il proprio patrimonio agricolo e la propria disponibilità di terra fertile dalla cementificazione nelle città e dall’abbandono nelle aree marginali con un adeguato riconoscimento dell’attività agricola che ha visto chiudere 1,5 milioni di aziende negli ultimi venti anni.

QUI la petizione promossa da Daniele Uboldi, collaboratore di Decrescita Felice Social Network: “Fermiamo il consumo di suolo. Un cambio planetario di paradigma: di meno e meglio”.

Firmate anche voi!

.

Fonte: il Cambiamento

.

.

.

.


Feb 13 2016

Turchia: stop ad orrore e repressione sul popolo curdo! Firma la Petizione!

.

.

donne-curde-

Donna curda torturata ed uccisa a Cizre

.

Per la pace, la democrazia e i diritti umani in Turchia. Fermare la guerra!

Con il pretesto della “lotta al terrorismo”, il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan  da diversi mesi sta portando avanti  un vero e proprio progetto di terrore e di guerra nel suo paese, in particolare nella regione curda della Turchia.

Questo scoppio di violenza contro i curdi ed i popoli della Turchia può essere definito come crimine contro l’umanità e ha già fatto diverse centinaia di vittime ,tra cui molti bambini, e 200.000 sfollati. E ora, Selahattin Demirtas, co-presidente del Partito Democratico dei Popoli (HDP) che ha ottenuto il 10% alle ultime elezioni,  é direttamente minacciato dal Presidente Erdogan.

“La democrazia, stato di diritto, i diritti umani, il rispetto delle minoranze e la loro protezione” (articolo 1 bis del trattato di Lisbona) non sono garantiti in Turchia, dove vengono attaccati  attivisti progressisti di tutti i giorni, giornalisti, donne o uomini, avvocati,  uccisi, e intere popolazioni sono terrorizzate. Bombardamenti, omicidi politici, arresti e imprigionamenti di parlamentari eletti e di  giornalisti, città sotto coprifuoco e assedio, circondate dall’esercito, civili uccisi da cecchini sono diventati eventi di routine nella Turchia governata  dall’AKP.

Tutte le persone, in particolare di sinistra e le forze progressiste di opposizione ad Erdogan sono dichiarate “terroriste”. Dare notizie dei crimini AKP é proibito, editori e giornalisti sono in prigione. La libertà popolare di informazione è stata distrutta.

In totale impunità, il presidente turco ha anche attaccato i leader delle organizzazioni europee progressiste che sostengono l’ HDP, come Maite Mola, Vicepresidente del Partito della Sinistra Europea, portata davanti alla giustizia “, per aver insultato il capo dello Stato” a causa della sua partecipazione ad una manifestazione di denuncia della corruzione del governo.

Nonostante I suoi principi, in un momento in cui il mondo sta scoprendo i rapporti ambigui tra la forza al potere in Turchia e ISIS, l’UE ha deciso di riaprire il processo di adesione della Turchia all’Unione europea e monetizzare fino a 3 miliardi di euro un criterio di conservazione sul suo territorio (e in quali condizioni!)  dei migranti in fuga e dei rifugiati della guerra in Iraq e in Siria.
Noi, cittadini europei, uomini e donne di pace e di progresso rifiutiamo l’indifferenza e l’ipocrisia dei leader europei, che devono opporsi alla politica di distruzione e allo stato di terrore organizzato dal presidente turco, dal suo governo e dal suo partito islamico-conservatore, AKP.
E ‘urgente che l’UE ei suoi Stati membri adottino iniziative attive per proteggere i popoli della Turchia, soprattutto nelle province curde, per l’istituzione di un processo negoziale per la pace, la democrazia ei diritti umani in Turchia.

Per il suo successo, è essenziale che, sulla base delle esperienze passate, i negoziati di pace siano intrapresi in modo trasparente e democratico,  coinvolgendo la società civile e discutendone nel parlamento nazionale, come proposto dall’ HDP.

E ‘possibile esercitare pressioni sulle autorità turche attraverso le seguenti misure:

– Cancellazione di tutti i pagamenti di miliardi di euro in sovvenzioni alla Turchia,

– Chiedere al Governo Turco di rompere tutti i rapporti finanziari, logistici ed economici con ISIS,

– Sospendere gli  accordi di cooperazione di polizia , giudiziari e militari,

– Fermare qualsiasi discussione sul processo di adesione della Turchia all’UE fino a quando la violenza continuerà,

– La rimozione della PKK dalle liste delle organizzazioni terroristiche dell’Unione europea.

Noi, cittadini europei, uomini e donne di pace e di progresso chiediamo all’Unione europea di agire per un immediato cessate-il-fuoco in Turchia, l’instaurazione di un dialogo nazionale sul rispetto dei diritti fondamentali, espressione della libertà e della democrazia.

.

FIRMA LA PETIZIONE!

.

Fonte: change.org

.

.

.

___________________________________________________

Approfondimento:

Kurdistan

Kurdistan terra divisa, compendio storico

In Turchia orrore senza fine: sui social i corpi di donne curde torturate

Appello Internazionale del popolo curdo: “Basta massacri! Chiediamo una Commissione d’Inchiesta Internazionale Indipendente”

.

.

.

.