Mag 27 2020

Covid19 | App “Immuni”: documentazione ed interfaccia

.

.

.

La sperimentazione dell’App “Immuni” inizierà tra circa 10 giorni in Liguria, Abruzzo e Puglia.

.

.

Tutta la documentazione, il codice sorgente e le immagini relative all’App “Immuni” sono sul sito Github.

“L’App “Immuni” è la soluzione  di notifica all’esposizione, del governo italiano realizzata dal Commissario speciale per l’emergenza COVID-19 (Presidenza del Consiglio dei Ministri), in collaborazione con il Ministero della Salute e il Ministero per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione. Utilizza solo infrastrutture pubbliche situate all’interno dei confini nazionali. È gestito esclusivamente dalla società pubblica Sogei S.p.A. Il codice sorgente è stato sviluppato per la Presidenza del Consiglio dei Ministri da Bending Spoons S.p.A. ed è rilasciato sotto licenza GNU Affero General Public License versione 3…”

“…Immuni è una soluzione tecnologica incentrata su un’app per smartphone iOS e Android. Ci aiuta a combattere l’epidemia di COVID-19 avvisando il più presto possibile gli utenti a rischio di trasportare il virus, anche quando sono asintomatici. Questi utenti possono quindi isolarsi per evitare di contagiare gli altri e consultare un medico…”

.

Riporto per esteso e tradotto in italiano la parte più delicata relativa alla Privacy dell’utente:

“Immuni è stato e continua ad essere progettato e sviluppato prestando molta attenzione alla privacy degli utenti. È un diritto fondamentale e dobbiamo fare tutto il possibile per proteggerlo. Riteniamo inoltre che un’eccezionale protezione della privacy sia fondamentale per rendere l’app accettabile per il maggior numero di persone, massimizzando così l’utilità di Immuni.

Di seguito, forniamo un elenco di alcune delle misure con cui Immuni protegge la privacy dell’utente:

L’app non raccoglie dati personali che rivelino l’identità dell’utente. Ad esempio, non raccoglie il nome dell’utente, la data di nascita, l’indirizzo, l’e-mail o il numero di telefono.

L’app non raccoglie dati di geolocalizzazione, inclusi dati GPS. I movimenti dell’utente non vengono tracciati in alcuna forma o forma.

L’identificatore di prossimità mobile che viene trasmesso dall’app viene generato da chiavi di esposizione temporanea casuali e non contiene alcuna informazione sul dispositivo, per non parlare dell’utente. Inoltre, cambia più volte ogni ora.

Le informazioni epidemiologiche caricate sull’esposizione dell’utente a utenti potenzialmente contagiosi presentano alcune limitazioni. Ad esempio, la durata dell’esposizione viene misurata con incrementi di cinque minuti e limitata a 30 minuti per la somma di tutti i contatti con un utente infetto in un determinato giorno. Inoltre, Immuni non ha modo di determinare che esposizioni che si verificano in giorni diversi possano aver coinvolto lo stesso utente infetto.

Le informazioni operative vengono caricate senza utilizzare un identificativo utente o identificativo del dispositivo e senza richiedere all’utente di autenticarsi in alcun modo (inclusa la verifica di un numero di telefono o e-mail).

L’app esegue periodici upload fittizi per mitigare il rischio che qualcuno ottenga informazioni sensibili sull’utente attraverso l’analisi del traffico.

I dati memorizzati sul dispositivo sono crittografati.

Tutte le connessioni tra il dispositivo e il server sono crittografate.

Tutti i dati, archiviati sul dispositivo o sul server, vengono eliminati quando non sono più necessari e comunque entro il 31 dicembre 2020.

Il Ministero della salute sarà il responsabile del trattamento dei dati. I dati verranno utilizzati esclusivamente allo scopo di contenere l’epidemia di COVID-19 o per la ricerca scientifica.

I dati saranno archiviati su server situati in Italia e gestiti da entità controllate pubblicamente.”

.

Per quanto riguarda l’intefaccia di seguito troviamo le immagini che illustrano la gestione abbastanza intuitiva dell’App. (Per ingrandire clic tasto destro e “Visualizza immagine”)

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

_______________________________________________________
Articoli correlati

Immuni, l’app che avrebbe dovuto salvarci ma che nessuno sembra volere

Edward Snowden | “Privacy nell’era del coronavirus”

COVID 19 | App e Privacy: controllo delle persone infette

.

.

.

.

.

 


Mag 15 2020

Fase 2: nessuno resti solo! Dalla parte di chi non ha una casa

.

.

.

Avvocato di Strada – Associazione Onlus

Mag 7, 2020 | Associazione, Iniziative

 

Abbiamo urgentemente bisogno del tuo aiuto, perché senza mascherine, senza guanti, senza gel igienizzanti gli sportelli di Avvocato di strada non potranno aprire.

In questo momento così difficile, ci siamo rintanati nelle nostre case, nel confort e al sicuro. Abbiamo mantenuto le distanze, abbiamo cambiato le nostre abitudini, abbiamo impedito al virus di espandersi.

Purtroppo, nel frattempo, le istituzioni si sono dimenticate della parte più debole della nostra società: le persone senza dimora.

Oggi, in Italia, ci sono 50.000 persone che sono diventate talmente povere da finire in strada. Persone che non possono rispettare le ordinanze e i decreti previsti dall’emergenza sanitaria che stiamo vivendo.

A questa difficile condizione si è aggiunta un’assurdità: le multe e le denunce alle persone senza dimora perché “fuori casa”.

Una multa a chi una casa non ce l’ha è una barbarie giuridica e sociale.

Per questo motivo ti chiediamo di aiutarci: abbiamo bisogno di comprare dispositivi di protezione personale (mascherine, guanti, gel igienizzanti) per le persone che assistiamo e per gli avvocati volontari.

Vogliamo riaprire gli sportelli in totale sicurezza. Vogliamo impugnare ogni multa, ogni provvedimento e ogni denuncia che ha colpito chi una casa non ce l’ha.

Aiutaci ora, le persone senza dimora non possono più aspettare.

.

DONAZIONI

Scegli un importo

.

.

Fonte: Avvocato di Strada

.

 

.

 

 

 


Mag 10 2020

Arte, cultura e spettacolo | Lettera aperta al Ministro Franceschini

.

.

Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea

.

I lavoratori e i luoghi dello spettacolo dal vivo, competenze e spazi preziosi per la salute delle comunità: quali prospettive reali?

.

Egregio Ministro Franceschini,

C.Re.S.Co. – Coordinamento delle Realtà della Scena Contemporanea – con i suoi oltre 150 soci, rappresenta un arcipelago di imprese e lavoratori dello spettacolo dal vivo che fa dell’eterogeneità la sua forza.

Sin dall’inizio dell’emergenza Covid_19 C.Re.S.Co ha lavorato di concerto con altre sigle del settore all’elaborazione di proposte concrete che in numerose occasioni abbiamo presentato a Lei e al Governo.

Comprendiamo la difficoltà di prevedere con certezza l’andamento dell’emergenza sanitaria indotta dal coronavirus, così come l’attenzione prioritaria del Governo nei confronti della salute delle cittadine e dei cittadini e mai vorremmo che venisse trascurata. Vogliamo tuttavia ragionare insieme a Lei su quale sia la definizione di “cittadino in salute”.

Un cittadino che vive nella paura si può considerare un cittadino in salute?

Un cittadino che sostituisce il reale col virtuale – dopo anni di campagne contro le dipendenze digitali – è un cittadino in salute?

Una comunità – che è l’insieme dei suoi cittadini – senza il rito collettivo del teatro è una comunità in salute?

Non si può immaginare che tutto torni così com’era. Serve un distanziamento fisico compensato da una grande vicinanza sociale. È necessario evitare assembramenti.

Sono tutte affermazioni sacrosante, che condividiamo in pieno e, pur leggendole e rileggendole, non troviamo – nemmeno tra le righe – la connessione tra esse e il silenzio assoluto su qualsiasi ipotesi concreta di ripresa delle attività teatrali. Sarebbe evidente il nesso se considerassimo i teatri come centri commerciali e consumifici di massa, ma confidiamo che il Governo abbia ben presente che il ruolo degli spazi di pubblico spettacolo somiglia molto di più a quello di presidi culturali e civici di prossimità sui territori, pronti ad attrezzarsi per rispondere, nel rispetto di ogni vincolo imposto, alla “domanda di comunità” che oggi si leva dalle cittadine e dai cittadini di questo Paese. Siamo tutti coscienti che la fase 2 è scaturita dall’urgenza di non aggravare il presente portando al collasso l’intero Paese. Non possiamo che essere d’accordo, poiché riscontriamo giorno dopo giorno l’aggravarsi delle condizioni di imprese e lavoratori dello spettacolo, tale da poter comportare il fallimento di moltissime realtà medio piccole che contribuiscono al grande fermento artistico del nostro Paese.

Come certamente Lei sa, per molti lavoratori dello spettacolo, ogni giorno senza lavoro è un giorno senza reddito, nonostante le misure di tutela previste dal Decreto Cura Italia: non esistono ancora certezze, ad esempio, sull’indennità di aprile sia per i lavoratori dello spettacolo sia per gli autonomi, che non potranno certo sopravvivere a lungo con 600 euro al mese.

Consapevoli che dovremo attendere le prossime settimane per una ragionevole tempistica sulla ripartenza delle attività aperte al pubblico in spazi chiusi, richiamiamo intanto la Sua attenzione sulla ripresa di:

– attività che si svolgono in assenza di pubblico, in primis il lavoro negli uffici – al fine di tornare a progettare il futuro dello spettacolo dal vivo;

– le prove delle compagnie per la realizzazione di nuove produzioni;

– attività per cui le misure di contenimento del virus risulterebbero di facile gestione, come le attività formative laboratoriali;

– attività di spettacolo all’aperto, prioritarie tanto per permettere ai lavoratori dello spettacolo di tornare al lavoro quanto per invitare gli spettatori/cittadini a superare la paura che l’isolamento protratto ha determinato, ricreando così le comunità.

Arriverà poi il momento, che tutti aspettiamo, della riapertura dei teatri al pubblico.

Le chiediamo di dedicare particolare attenzione agli spazi con capienza inferiore a 200 posti, che non saranno nelle condizioni di riaprire a meno che non vengano garantite misure che definiremmo ammortizzatori sociali per il pubblico – ovvero specifici dispositivi di ristoro che possano compensare i mancati incassi da botteghino.

E’ necessario comprendere che non è immaginabile un futuro per il Sistema dello spettacolo dal vivo in Italia che non si occupi di sostenere oggi i soggetti più fragili e spesso più generativi; in questo senso probabilmente è stata immaginata la dotazione di 20 milioni di euro destinati ai soggetti extra Fus, le cui misure purtroppo hanno tutto l’aspetto di un’azione finalmente rivoluzionaria ma rimasta intentata fino in fondo: quella di mappare organicamente tutto quel sistema che sta fuori dal Sistema e che paradossalmente lo sostiene.

La proposta di C.Re.S.Co prevedeva l’individuazione di semplici fasce o di scaglioni oggettivi all’interno dei quali assegnare un medesimo contributo, perché si operasse attribuendo parti eguali a soggetti eguali, così da far corrispondere a ogni segmento un indennizzo quanto più adeguato e rispettoso delle differenze.

Facendo seguito a queste riflessioni di carattere generale, riconfermiamo la volontà di mettere a servizio del Paese la nostra visione e le nostre proposte tecniche, affinché lo spettacolo dal vivo possa recuperare il valore politico che ricopre da 2.500 anni, essendo fondamentale nella vita di ogni polis.

.

Il Coordinamento C.Re.S.Co

.

.

.

.

 


Apr 2 2020

Segretario generale delle Nazioni Unite | Appello urgente per un “cessate il fuoco globale”. Firmate!

.

.

.

.

Il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha appena inviato questo appello urgente per un cessate il fuoco globale. Firmiamo subito tutti con un solo click e condividiamolo:

.

FIRMA ORA

.

.

Il nostro mondo fronteggia un comune nemico: COVID-19. Al virus non interessano nazionalità, gruppi etnici, fazioni o credo religiosi. Attacca tutti, indistintamente.


Intanto, conflitti armati imperversano nel mondo.


E sono i più vulnerabili – donne e bambini, persone con disabilità, marginalizzati, sfollati – a pagarne il prezzo più alto. E ora a rischiare sofferenze e perdite devastanti a causa del COVID-19.

Non dimentichiamo che nei Paesi in guerra i sistemi sanitari hanno collassato.


Il personale sanitario, già ridotto, è stato spesso preso di mira. Rifugiati e sfollati a causa dei conflitti sono doppiamente vulnerabili. La furia del virus rivela la follia della guerra.

È questo il motivo per cui oggi chiedo un immediato cessate il fuoco globale in ogni angolo del mondo.”

Segretario Generale ONU,


António Guterres

.

FIRMA ORA

.

.

Fonte: avaaz.org

.

_______________________________________________________

Maggiori Informazioni

António Guterres: COVID-19: Appello del Segretario Generale ONU per un cessate il fuoco globale (Nazioni Unite)

COVID-19: Videomessaggio del Segretario Generale ONU António Guterres

Italia e altri 52 Paesi per una tregua globale (Ansa)


Il Papa appoggia l’Onu: serve il cessate il fuoco globale e immediato in tutti gli angoli del mondo (Il Messagero)

Proclamato il cessate il fuoco nei Paesi in guerra per paura della pandemia (Repubblica)

Coronavirus, l’Onu chiede un cessate il fuoco mondiale e immediato (Ansa.it)

.

.

Data la gravità della crisi del Covid-19, Avaaz ha preso la decisione senza precedenti di condividere una dichiarazione del Segretario generale dell’ONU. Puoi leggere la sua dichiarazione completa qui e vedere la sua conferenza stampa virtuale qui.


.

.

.

.


Mar 29 2020

COVID 19 | App e Privacy: controllo delle persone infette.

.

.

                           (Photo: The Quint)

.

.

Sorveglianza digitale ai tempi del coronavirus

27 Marzo 2020 – by csbruno

Pubblichiamo una riflessione di fixxati – hacklab in merito alla sorveglianza delle persone infette da COVID-19 e i rischi che si presentano per il futuro della privacy.

«Tecnicamente è fattibile, ma sarebbe uno strappo importante alle regole che ispirano il nostro ordinamento sulla tutela della privacy», con queste parole Nunzia Ciardi, direttrice della Polizia Postale, apre alla possibilità di utilizzare un’applicazione sugli smartphone delle persone in quarantena per tracciarne gli spostamenti. Nelle decisioni che il Governo ha da prendere per arginare la diffusione del contagio è inserita, quindi, la migliore strategia per monitorare, ed eventualmente sanzionare, le persone che escono di casa senza un reale motivo di necessità. C’è a chi non sembra vero, ed ecco che Zaia, governatore del Veneto, mette in campo anche i droni.

Moltissimi gli sviluppatori entusiasti che creano applicazioni per il controllo sociale, infatti, le tecnologie alla base di questi programmi permettono di individuare movimenti e interazioni delle persone, raccogliendo un loro diario clinico come l’insorgenza della febbre e altri sintomi, permettendo così di individuare focolai di virus. Tutti i dati, neanche a dirlo, sono raccolti anonimamente. Applicazioni di questo tipo sono state utilizzate massivamente per fronteggiare l’epidemia in Cina. Nonostante il contributo che possono aver dato le fronteggiare l’emergenza rimane l’interrogativo di cosa succederà una volta rientrata. Samuel Woodhams, esperto in diritti digitali per il sito Top10VPN e creatore dell’indice sulla sorveglianza per il COVID-19, avverte che il mondo potrebbe subire un aumento permanente della sorveglianza, anche dopo l’emergenza. Intervistato da Business Insider, afferma che senza un’adeguata regolamentazione c’è il pericolo che queste nuove misure, spesso altamente invasive, diventino la norma in tutto il mondo e che, sebbene alcune soluzioni possano sembrare legittime, rappresenterebbero un rischio per il diritto dei cittadini alla privacy e alla libertà di espressione.

Se però la strada dell’app sembra essere troppo invasiva per gli utenti, nessun problema, si possono tracciare le persone, sempre per il contenimento del coronavirus si intende, anche tramite i gestori telefonici: ne è esempio Vodafone che, con il suo programma di cinque punti per il contrasto alla pandemia, condivide con il governo informazioni sugli spostamenti delle persone delle aree infette.

Altra alternativa è quella di chiedere aiuto alle big tech come Facebook e Google, le quali sono sempre pronte ad aiutare in caso di emergenza, passando da buoni samaritani, quando altro non fanno che guadagnare sulla vendita dei dati personali. Insomma, quello di cui si sta discutendo è se mettere o meno un braccialetto elettronico virtuale a tutti i cittadini, a prescindere dal fatto che abbiano fatto o meno qualcosa di sbagliato.

Si potrebbe obiettare che comunque, utilizzando determinate applicazioni di uso comune, tutti noi effettivamente già condividiamo molti dati sulla nostra posizione, sugli spostamenti e sulle nostre reti sociali e che quindi non sarebbe un grosso cambiamento rispetto ad adesso, bisogna però far notare che in Europa vige il Gdpr, la regolamentazione sul trattamento dei dati personali, e che quindi è richiesto il consenso alla condivisione di questi dati, sarà quindi possibile rifiutarsi di installare l’applicazione del Governo? Secondo Luca Bolognini, presidente dell’Istituto Italiano per la privacy, “L’installazione dell’app potrebbe avvenire se fosse prevista, in base all’art. 14 DL 14/2020 e all’art. 25 del Codice della Protezione Civile (D.Lgs. 1/2018), con ordinanza della protezione civile, per esempio. La norma emergenziale, derivante dai Decreti Legge per il contrasto al coronavirus, prevarrebbe a mio avviso sulla norma speciale di cui all’art. 132 del Codice Privacy.”

Uno Stato di Polizia vero e proprio, degno dei racconti distopici di Orwell, che però viene mascherato con la necessità di dare risposte forti alla diffusione del virus e al quale ci stiamo rassegnando senza opporre alcuna protesta, anzi accettandolo come unica soluzione per il contrasto del contagio.

Non sta a noi criticare la gestione di questa difficile emergenza, è la prima volta anche che ci troviamo ad avere a che fare con una pandemia, ma la domanda che ci poniamo è: cosa succederà dopo?

Forme di controllo basate sulla sorveglianza costante esistono dalla notte dei tempi, dallo schierare polizia e militari nelle strade, passando per la tecnologia da accesso a modalità sempre più efficienti di sorveglianza. Non è nemmeno la prima volta che vengono invocate forme di sorveglianza massiva in nome della sicurezza: dopo l’attentato dell’11 settembre il congresso degli Stati Uniti approvò infatti il cosiddetto Patriot Act, di fatto inaugurando quello che solo anni dopo Snowden rivelò al mondo come una massiva operazione di sorveglianza dei cittadini americani.

Non c’è dubbio che l’applicazione di queste nuove forme di controllo vada nella direzione di portare investimenti per sistemi di sorveglianza più “Smart” anche nel nostro paese. Sistemi e modalità di sorveglianza massiva come quelli della Cina potrebbero lentamente prendere forma anche qui. Cedere la riservatezza delle nostre attività in cambio di una promessa sicurezza ci rende in realtà deboli di fronte a chi dovrebbe proteggerci.

Per questo motivo pensiamo che l’adozione, in tempi di necessità, di determinate pratiche di sorveglianza non debba essere fatta alla leggera, e che questo controllo debba essere limitato al periodo dell’emergenza assicurando i cittadini che, una volta superata la fase critica, venga dismesso e non impiegato per altre attività al di fuori del contenimento del virus.

Qualcuno definisce il diritto alla privacy come il diritto ad essere imperfetti. L’imperfezione agli occhi di chi ci controlla e ci punisce per questa “imperfezione”. Sta a noi stabilire se e come vogliamo accettare questo controllo sulla nostra quotidianità.

.
.

Fonte: CSA BRUNO

.

.

.

.