Dic 15 2017

Myanmar, Facebook e la pulizia etnica del popolo Rohingya

.

.

Monaco Buddhista Wirathu (C), leader del Movimento 969 – (Reuters)

.

Facebook al centro della crisi dei Rohingya in Myanmar

 

di Megan Specia e Paul Mozur

Il governo del Myanmar ha vietato ad Ashin Wirathu, un monaco buddista ultranazionalista, di predicare in pubblico l’anno scorso, affermando che i suoi discorsi contribuivano ad alimentare la violenza contro il gruppo etnico dei Rohingya del paese che le Nazioni Unite definiscono pulizia etnica.

Così, per far arrivare il suo messaggio, egli si è rivolto a una piattaforma ancor più potete e ubiqua: Facebook.

Quotidianamente egli pubblica aggiornamenti, spesso contenenti informazioni false, che diffondono una narrazione dei Rohingya come di estranei aggressivi. E testi di questo genere hanno posto Facebook al centro di una feroce guerra di informazione che sta contribuendo alla crisi che coinvolge il gruppo di minoranza. Gruppi internazionali per i diritti umani affermano che Facebook dovrebbe fare di più per prevenire i discorsi di odio, concentrandosi sui diritti umani globali tanto quanto si concentra sui suoi affari.

“Facebook è rapido nel cancellare svastiche, ma poi non arriva ai discorsi d’odio di Wirathu quando dice che i mussulmani sono cani”, ha detto Phil Robertson, vicedirettore della divisione asiatica di Human Rights Watch.

In tutto il mondo Facebook e altre piattaforme sociali sono messe in discussione per il loro ruolo e le loro responsabilità in espansione in quanto editori di informazioni. In Gran Bretagna inchieste sono state avviate riguardo alla diffusione di disinformazione sui media sociali a proposito del referendum sull’appartenenza all’Unione Europea. Negli Stati Uniti, parlamentari stanno esaminando tentativi russi di influenzare le elezioni presidenziali del 2016 attraverso piattaforme di media sociali.

In Myanmar Facebook è così dominante da essere identificato da molti con la stessa Internet. E gli interessi riguardo a ciò che appare sul sito sono eccezionalmente elevati poiché la disinformazione, così come il linguaggio esplicitamente ostile, sta aggravando divisioni etnica di vecchia data e aizzando la violenza contro i Rohingya.

Ad esempio, da quanto è cominciato il giro di vite del governo contro i Rohingya, Zaw Htaw, un portavoce della leader di fatto del paese, Daw Aung San Suu Kyi, ha condiviso dozzine di testi sulla sua pagina Facebook e sul suo account Twitter che includono immagini che asseritamente mostrano Rohingya che bruciano le loro stesse case. Molte di queste immagini sono state smascherate, tuttavia continuano a comparire.

Resoconti di prima mano dallo Stato Rakhine dimostrano un giro di vite coordinato contro la minoranza Rohingya da parte dell’esercito e di gruppi ultranazionalisti, spingendo più di 600.000 profughi oltre confine in Bangladesh.

Facebook non controlla i miliardi di testi e di aggiornamenti di status che fluiscono ogni giorno in tutto il mondo attraverso il sito, affidandosi piuttosto a un insieme frequentemente confuso di “standard comunitari” e a notizie di utenti di minacce dirette che sono poi valutate manualmente e in alcuni casi rimosse.

Dopo le elezioni statunitensi del 2016 Facebook ha presentato un insieme di linee guida per aiutare gli utenti a identificare notizie false e disinformazione. La società non rimuove regolarmente la stessa disinformazione.

Facebook non ha uffici in Myanmar, ma la società ha collaborato con partner locali per introdurre una copia illustrata in lingua birmana degli standard della sua piattaforma e “continuerà ad affinare” le sue pratiche, ha detto una portavoce, Clare Wareing, in una dichiarazione via email.

Gruppi difensori dei diritti umani affermano che l’approccio della società ha consentito che opinioni, fatti e disinformazione si mescolassero su Facebook, oscurando percezioni di verità e propaganda in un paese in cui la tecnologia mobile è stata diffusamente adottata solo negli ultimi tre anni.

Sotto il dominio della giunta militare severe norme di censure rendevano deliberatamente inaccessibili le carte SIM dei cellulari per controllare il libero flusso delle informazioni. Nel 2014 le restrizioni sono state allentare e l’uso della tecnologia mobile è esploso quando le carte SIM sono divenute accessibili. Gli utenti di Facebook sono saliti alle stelle dai circa due milioni del 2014 ai più di trenta milioni di oggi. Ma la maggior parte degli utenti non sa come navigare internet più in generale.

“Facebook è diventato una sorta di Internet di fatto in Myanmar”, ha detto Jes Kaliebe Petersen, direttore esecutivo di Phandeeyar, il principale centro tecnologico del Myanmar che ha aiutato Facebook a creare la sua pagina degli standard comunitari in lingua birmana. “Quando le persone comprano il loro primo smartphone la piattaforma è semplicemente preinstallata”.

Petersen ha detto che i canali mediatici e giornalistici locali dovrebbero contribuire a combattere la disinformazione in un settore tecnologico tuttora nella sua infanzia.

“Ci sono ancora delle sfide qui, e naturalmente ci sono grandi differenze tra le grandi città e le comunità rurali”, ha detto. “Penso sia davvero importante che ci si concentri nell’educare questa nuova generazione di utenti digitali”.

Nel frattempo Facebook è diventato un terreno fertile per discorsi di odio e testi violenti riguardo ai Rohingya. E a causa della configurazione di Facebook i testi che sono condivisi e che piacciono di più ricevono frequentemente un miglior piazzamento nei flussi, favorendo contenuti fortemente di parte nelle sequenze.

Ashin Wirathy, il monaco, ha centinaia di migliaia di persone che lo seguono sugli account Facebook in birmano e in inglese. I suoi testi includono foto e video crudi di corpi in decomposizione che Ashin Wirathu dice di essere di vittime buddiste di attacchi Rohingya o testi che denunciano il gruppo etnico minoritario o aggiornamenti che lo identificano come composto da stranieri “bengalesi”.

Facebook ha rimosso parte dei suoi testi e limitato la sua pagina per ampliamenti, ma essa è attualmente attiva. In un’intervista Ashin Wirathu ha detto che se Facebook rimuovesse il suo account egli semplicemente ne creerebbe uno nuovo. Ha aggiunto che a qualcuno i suoi testi su Facebook non piacciono “può citarmi in giudizio”.

Anche testi su Facebook verificati come di fonte governativa e militare diffondono disinformazione. Alcuni, ad esempio, rifiutano di riconoscere i Rohingya come gruppo etnico meritevole di diritti di cittadinanza, nonostante il fatto che molti vivono nello Stato Rakhine da generazioni.

Il generale Min Aung Hlaing, il comandante in capo delle forze armate del Myanmar che ha condotto il giro di vite sui Rohingya, ha più di 1,3 milioni di utenti sul suo account verificato. Un testo del 15 settembre descrive l’operazione come una reazione a un “tentativo di estremisti bengalesi di costruire una roccaforte nello Stato Rakhine” dopo un attacco del 25 agosto in remote postazioni di confine da parte un gruppo militante Rohingya.

Anche attivisti Rohingya usano Facebook, documentando violazioni dei diritti umani, spesso con immagini e video crudi come prova. A volte la società li ha rimossi.

La signora Wareing, portavoce di Facebook, ha detto che la società ha rimosso contenuti crudi “quando sono condivisi per celebrare la violenza”. Ha detto che la società consente contenuti crudi quando sono giornalisticamente rilevanti, significativi o importante per il pubblico interesse, anche se potrebbero andare contro gli standard della piattaforma.

Richard Weir, un analista dell’Asia di Human Rights Watch, ha detto che la situazione è complicata.

“C’è qui realmente un equilibrio delicato tra cose che sono violente e pubblicate da persone che cercano di infiammare tensioni e da quelle che cercano di diffondere informazioni”, ha detto Weird. “E’ difficile sapere dove esattamente tracciare il confine”.

Parte delle conversazioni sui media sociali ha luogo privatamente. Ad esempio messaggi a catena di Sant’Antonio su Facebook Messenger prima dell’11 settembre di quest’anno avvertivano falsamente di un attacco pianificato dai Rohingya contro i buddisti. Scritto come una lettera a catena di Sant’Antonio il messaggio sollecitava le persone a condividerlo e molti si sono sentiti agitati mentre si diffondeva.

“Ero nervoso al riguardo”, ha detto U Tin Win, un insegnante di Mandalay, la seconda città più vasta del paese, che ha ricevuto la lettera. “Non so chi abbia avviato il messaggio, ma ho ordinato alla mia famiglia di non uscire quel giorno”.

Weir ha detto che la gente in Myanmar si affida ai media sociali per avere notizie.

“Il governo può grosso modo tirare fuori le proprie idee e diffonderle molto rapidamente, in aggiunta a un mucchio di altre entità non statali”, ha detto. “Idee sulla gente dello Stato Rakhine, sulle origini della popolazione e su altre cose che possono essere successe o no, circolano su Facebook con estrema rapidità e possono creare situazioni instabili”.

Megan Specia ha scritto da New York e Paul Mozur da Sciangai. Mike Isaac ha contribuito da San Francisco e Saw Nang da Mandalay, Myanmar.

Una versione di questo articolo appare a stampa sull’edizione di New York del 28 ottobre 2017 a pagina A4 sotto il titolo: “Guerra di parole in corso in Myanmar coinvolge Facebook nella crisi dei Rohingya”.

.

.

Da Znetitaly – Lo spirito della resistenza è vivo    www.znetitaly.org

Originale: https://www.nytimes.com/2017/10/27/world/asia/myanmar-government-facebook-rohingya.html

.

.

.

.

.

.

 


Mar 18 2012

Tibet Libero – Continuano le immolazioni: sale a 30 il numero degli eroi tibetani

Lobsang Tsultrim

.

17 marzo 2012.Un giovane monaco del monastero di Kirti, a Ngaba, e un agricoltore di Rebkong si sono auto immolati in Tibet. Sale così a trenta il numero dei tibetani che a partire dal febbraio 2009 si sono dati fuoco come atto estremo di protesta contro l’occupazione cinese e per lanciare al mondo il loro grido d’aiuto. A Ngaba, nella provincia del Sichuan, un monaco ventenne del monastero di Kirti, Lobsang Tsultrim (nella foto), si è auto immolato il pomeriggio del 16 marzo. A Rebkong, nella contea di Malho, si è dato fuoco questa mattina Sonam Dhargye, un agricoltore di quarantaquattro anni.

Riferisce il Centro Tibetano per i Diritti Umani e la Democrazia che Lobsang Tsultrim, già avvolto dalle fiamme, camminava lungo la strada principale di Ngaba quando ha visto i funzionari di polizia dirigersi verso la sua direzione. Ha cercato di allontanarsi ma è stato raggiunto, picchiato e gettato a terra. Mentre i poliziotti cercavano di spegnere le fiamme con un estintore, Lobsang ha continuato ad alzare in aria il pugno, in un gesto spesso usato dai tibetani come segno di invocazione della libertà. E’ stato caricato su una camionetta e portato via. Era il maggiore di quattro fratelli. Era diventato monaco all’età di otto anni.

Le misure di sicurezza sono state rafforzate in tutta la città e soprattutto all’ingresso del monastero. Lungo la strada principale è stato istituito un nuovo posto di blocco e i tibetani sono fermati e perquisiti. Nella notte tra il 16 e il 17 marzo a nessuno è stato consentito di entrare o uscire da Ngaba.

Nella prima mattina di sabato, 17 marzo, un agricoltore di 43 anni, Sonam Dhargye, si è immolato con il fuoco a Rebkong, la città della contea di Malho, regione del Qinghai, teatro solo pochi giorni fa, il 14 marzo, dell’immolazione di Jamyang Palden, un monaco di trentaquattro anni. Sonam Dhargye è deceduto all’istante. Lascia la moglie e tre figli. Il giorno prima aveva lasciato il suo villaggio e aveva passato la notte in una locanda in città. La mattina seguente, dopo aver pregato di fronte a una fotografia del Dalai Lama e purificato il suo corpo con un bagno, Sonam ha bevuto della benzina e si è dato alle fiamme invocando il ritorno dall’esilio del leader spirituale tibetano. Riferisce una fonte tibetana che prima di darsi fuoco Sonam ha avvolto il suo corpo nel filo spinato per impedire ai poliziotti di impossessarsi del suo corpo. Sembra che l’agricoltore fosse un amico di Jamyan Palden, per ora sopravvissuto ma in gravi condizioni.

Ancora una volta, in segno di solidarietà, migliaia di tibetani sono arrivati nel piazzale antistante il monastero di Rongwo, piazza Dolma, da tutta la città e dai villaggi vicini. Un testimone oculare ha riferito al gruppo londinese Free Tibet che a Rongwo non si era mai vista una folla così numerosa: oltre 6000 persone, di cui 600 venute dal villaggio natale di Sonam Dhargey, hanno voluto rendere omaggio al nuovo eroe. I reparti della Polizia Armata Paramilitare, confluiti nel piazzale su numerosi mezzi, hanno preferito tenersi in disparte. “Stiamo assistendo a una protesta senza precedenti, l’atto di sfida contro il governo cinese più significativo dopo la rivolta di Lhasa del 2008” – ha dichiarato Stephanie Bridgen, direttore di Free Tibet. “Un numero sempre maggiore di tibetani è pronto a sacrificarsi e a correre ogni tipo di rischio”.

Il corpo di Sonam è stato portato all’interno del monastero di Rongwo e cremato. Dopo il funerale, la gente ha lasciato il luogo della cremazione e ha marciato verso il centro della città invocando la libertà del Tibet e il ritorno del Dalai Lama.

Alcune fotografie dal sito:  http://freetibet.org/node/2599

Fonte: Associazione Italia-Tibet

.