Nov 6 2012

Venerdì 9 Novembre a Castel Volturno tributo a Miriam Makeba

.

.

.

.

_________________________________________________________

Approfondimento

Miriam Makeba

Sito ufficiale

Video

Miriam Makeba ci ha lasciati.

Castelvolturno: monumento in onore di Miriam Makeba

.


Nov 6 2012

La Corte europea condanna la Polonia: ostacoli ed intimidazioni per abortire dopo uno stupro

.

Strasburgo bacchetta la Polonia: troppi ostacoli per abortire dopo uno stupro

.

La Corte europea per i diritti dell’uomo ha recentemente condannato la Polonia perché non garantisce il pieno accesso all’interruzione di gravidanza. L’importante sentenza riguarda il caso di un’adolescente che rimase incinta dopo uno stupro e che, avendo deciso di abortire,  dovette affrontare una vera e propria odissea, incontrando enormi ostacoli nelle strutture pubbliche e subendo pesanti intimidazioni da parte di medici, religiosi e istituzioni. Tutto questo nonostante la normativa polacca — peraltro restrittiva — permetta di interrompere una gravidanza in caso di violenza sessuale.

Vale la pena di raccontare la triste storia di questa ragazza (P. nel procedimento) di Lublino, che nel 2008 viene violentata e scopre di essere incinta. Sostenuta dalla madre (soprannominata S.) e sulla base della legge che dal 1993 consente l’aborto in caso di stupro, ottiene il nulla osta dal procuratore. Quindi P. e S. si rivolgono a due strutture pubbliche, che però frappongono ostacoli insormontabili causando ritardi e disagi.

La ginecologa del primo ospedale, a Lublino, porta la ragazza da un prete senza chiederle se lo volesse. Sacerdote che tra l’altro è già stato preavvisato. Si chiede alla madre di firmare una liberatoria in cui si dice che l’aborto può causare la morte della figlia. Ma la ginecologa si rifiuta poi di eseguire l’interruzione di gravidanza, sulla base del suo credo religioso. In seguito, l’ospedale rende nota la storia, che viene pubblicata sui giornali.

P. e S. si rivolgono quindi ad un ospedale di Varsavia. Qui il dottore fa sapere che “varie persone” stanno facendo pressione all’ospedale. Anche la ragazza viene tempestata di sms dal sacerdote del primo ospedale, cui aveva dato il numero, e da altri sconosciuti. Le due decidono di lasciare l’ospedale, ma vengono molestate da manifestanti antiabortisti e condotte in una stazione di polizia. Oltre alle intimidazioni già subite, il tribunale di Lublino manifesta l’intenzione di togliere la potestà genitoriale alla madre, sostenendo che voglia costringere la figlia ad abortire. L’intento è di segregare la ragazza in una casa-famiglia.

Solo dopo essersi rivolta al ministro della Salute polacco la madre può accompagnare la figlia — in maniera riservatissima — ad abortire in una clinica nella lontana città di Danzica. Si confermerà che la madre non aveva affatto costretto la figlia ad interrompere la gravidanza. Storia che ricorda sinistramente quella della ragazza italiana su cui si accanirono alcuni giornali (in particolare Libero) che montarono il caso, diffamando lei e la sua famiglia e smerciando questa crudeltà come “libertà di espressione”.

La Cedu ha riscontrato, verso P. e S., violazioni dell’articolo 8 (diritto al rispetto della vita privata e familiare), dell’articolo 5.1 (libertà e sicurezza) e dell’articolo 3 (proibizione di trattamenti inumani e degradanti) della Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. Lo stato polacco è stato condannato a pagare 30mila euro alla ragazza e 15mila euro a sua madre per danni morali, più altri 16mila per rimborsi e spese, visti i viaggi affrontati. Non è strano che, tra i sette giudici europei, l’unico ad esprimere un parere parzialmente dissenziente sia stato quello di Malta, ossia del paese dell’Unione Europea che per ultimo, solo l’anno scorso, ha legalizzato il divorzio e dove l’aborto è ancora proibito.

La Corte inoltre ha evidenziato che la vittima ha avuto “informazioni fuorvianti e contraddittorie” e “non ha ricevuto un’assistenza medica obiettiva”. E che la virulenza del dibattito in Polonia — dove, come accade in molti altri paesi, impera la demonizzazione e la criminalizzazione dei sostenitori della libertà di scelta — “non assolve lo staff medico dai propri obblighi professionali inerenti la riservatezza medica”.

Non è la prima volta che il tribunale di Strasburgo bacchetta la Polonia. Accadde già l’anno scorso quando una donna incinta si vide negare da medici antiabortisti in ospedali pubblici la possibilità di fare l’amniocentesi e di ricorrere all’interruzione di gravidanza: la figlia nacque poi gravemente malata. In Polonia, paese fortemente cattolico, l’influenza delle gerarchie ecclesiastiche e di politici e attivisti no-choice è tuttora pesantissima. Ma proprio per questo le donne e le attiviste femminili in particolare sono molto sensibili al tema e molto attive nella lotta per il diritto all’autodeterminazione.

La vicenda ricorda sinistramente anche le tante uscite dei repubblicani Usa negli ultimi tempi. Come quella di Richard Mourdock, candidato del Senato in Indiana vicino al Tea Party, il quale ha affermato che pure la gravidanza in caso di stupro è un qualcosa “che Dio ha voluto“. Ulteriore dimostrazione che l’aborto motivato da violenza è un tema che il mondo cristiano ha grosse difficoltà a comprendere. E che, per difendere in maniera fanatica un possibile nascituro, si preferisce calpestare la dignità e l’autodeterminazione delle donne costrette a portare avanti una gravidanza.

La possibilità di interrompere la gravidanza, soprattutto in situazioni gravi come lo stupro, nella sostanza viene troppo spesso negata anche in Italia. Mentre in Polonia si condannano illegittime pressioni e, con fatica, le donne vedono riconosciuti i propri diritti, da noi i politici clericali invertono la rotta minando conquiste laiche. Oltre a supportare attivamente i movimenti no-choice, lavorano per affidare al volontariato dei movimenti ‘per la vita’ la gestione di consultori, o per permettere a questi di infiltrarsi pesantemente nelle strutture pubbliche. Senza contare le percentuali bulgare di ginecologi ed anestesisti obiettori, che di fatto impediscono alle donne di accedere all’interruzione di gravidanza in alcune zone d’Italia, rendendo inapplicabile la legge 194.

In poche parole, si fa di tutto per favorire quelle situazioni che vengono invece denunciate — e condannate — in Polonia. Un confronto che dovrebbe mettere in guardia prima di tutto le donne e coloro che si battono per i loro diritti.

.

Fonte: UAAR

.


Nov 6 2012

Anonymous – #OpNov5 #OpIndect #OpTrapwire – 5 novembre Rivolta Digitale – Difendi la tua libertà (Protesta sul Worldwide)

.

 .

Anonymous are the people and the people are Anonymous.
United As One. Divided By Zero.
#OpNov5 #OpIndect #OpTrapwire

Please organize in these pads:

North America: http://piratenpad.de/p1KoBonJL1
South America: http://piratenpad.de/vHW5kWEaA0
Europe: http://piratenpad.de/oe25b3XPOs
Asia: http://piratenpad.de/tYDQ6wnPF3
Middle East: http://piratenpad.de/rxV4cZVPuZ
Africa: http://piratenpad.de/N3oRV8Bm9j
Australia: http://piratenpad.de/tb2MC9PWpk

IRC Channels:

Step 1: Go to the link, webchat.voxanon.org
Step 2: Type in a nickname, and channel name: #OpNov5
Step 3: Look at the topic at the top and proceed to your designated channel based on your continent location.
Step 4: Organize.

We are Anonymous.
We are Legion.
We WILL prevail.

Follow @TheAnonMessage for updates when available.

Category:

Nonprofits & Activism

License:

Standard YouTube License

________________________________________________________________________________________________________________

Anonymous ricorda il 5 novembre

di Mauro Vecchio

Scoppia la rivolta digitale nel giorno dedicato al rivoluzionario Guy Fawkes. Hacktivisti attaccano i siti di NBC e PayPal. Assaltato il sito del governo australiano, e persino quello di Lady Gaga

“Ricorda, ricorda il cinque novembre, polvere da sparo, tradimento e complotto. Non vedo alcuna ragione per cui la congiura delle polveri dovrebbe mai essere dimenticata”. È la celebre filastrocca che accompagna i festeggiamenti nella giornata dedicata al rivoluzionario mascherato Guy Fawkes, che alla mezzanotte del 5 novembre 1605 veniva arrestato da un drappello di uomini armati, mentre si apprestava a far esplodere la Camera dei Lord.

Una storia lontana, immortalata nell’immaginario popolare e riattivata dai gruppi hacker nell’underground cibernetico. All’alba di oggi, una raffica di attacchi DDoS ha colpito i bersagli digitali più disparati, dal sito ufficiale del governo australiano al broadcaster statunitense NBC. Sulle homepage del programma Saturday Night Live (SNL) e della super-star del pop Lady Gaga, la filastrocca cantata dai bambini nella notte di Guy Fawkes.

Dalle prime ore di questa mattina (fuso statunitense), gli hacker di Anonymous hanno attaccato] le infrastrutture della piattaforma di micropagamenti PayPal, riversando online un documento di cinque pagine con quasi 30mila account. Subito intervenuto in pubblico, il capo della divisione public relations della società statunitense ha smentito le dichiarazioni degli Anonimi, in mancanza di prove fondate che confermino il furto dei dati personali.

Dal profilo Twitter @Par_AnoIA, una serie di rivendicazioni sulla pubblicazione di diversi documenti riservati provenienti dai database dell’organizzazione internazionale Organization for Security and Co-operation in Europe (OSCE). Dalle imminenti elezioni presidenziali negli States a presunti brogli elettorali in terra ucraina, contenuti trafugati da Anonymous dagli archivi con base a Vienna.

Mentre il broadcaster NBC ha faticato per far tornare tutti i suoi siti alla normalità – l’hacker Pyknic ha rivendicato il furto di una quantità indecifrata di account e password – Anonymous è pronto ad una marcia fisica sui simboli governativi di Londra, in ricordo delle gesta già ammirate dai cinefili in V per Vendetta. Al momento la divisione hacktivista più attiva resta quella australiana, che è riuscita a mettere KO il sito del governo con un DDoS.

Avvertenza: al momento della pubblicazione, la Congiura delle Polveri è ancora in corso. Daremo conto di eventuali altre evoluzioni nel corso delle prossime ore.

.

Fonte: Punto Informatico

.