Gen 10 2015

Anonymous – #OpCharlieHebdo – Cyberattacco duro al terrorismo islamico

.

.

u7adXNIa_400x400

.

Messaggio di Anonymous:

“Il 7 gennaio 2015, la libertà di parola ha subito un grande attacco. I terroristi hanno violato la sede del giornale “Charlie Hebdo” e ucciso diversi artisti satirici, giornalisti e due poliziotti. Anche se i due sospetti sono ormai morti, Al Qaeda sta minacciando attraverso ulteriori attacchi la Francia. Disgustati e anche scioccati, vogliamo reagire a questo attacco alla libertà di parola.

In primo luogo, vogliamo esprimere il nostro cordoglio alle famiglie di questo atto vile e spregevole. Siamo tutti colpiti dalla morte di Cabu, Charb, Tignous e Wolinski, e gli altri, che erano grandi artisti che hanno entusiasmato, per il loro talento, tutta la storia della stampa, morti per poter ridonare la libertà.

E ‘ovvio che alcune persone non vogliono, un mondo libero, questo sacrosanto diritto di esprimere in qualche modo le proprie opinioni. Anonymous ha sempre combattuto per la libertà di parola, e non potrà mai lasciare che questo diritto venga infangato da oscurantismo e misticismo. “Charlie Hebdo”, figura storica del giornalismo satirico è stato preso di mira. Anonymous deve ricordare ogni cittadino che la libertà della stampa è fondamentale per la democrazia. Opinioni, discorsi, articoli di giornale senza minacce né pressioni, tutte queste cose sono diritti fondamentali.

Affrontare la libertà di parola è un colpo diretto alla democrazia. Aspettatevi una reazione enorme da parte nostra, perché questo è uno dei tanti diritti per cui stiamo combattendo da tempo.

Paralizzeremo tutti i siti web di uscita terroristici, chiuderemo gli account social dei gruppi terroristici. Rilasceremo le informazioni su tutte le cellule terroristiche e chi ne fa parte. Noi non ci arrenderemo fino a che non saranno in ginocchio…

Per Al-Qaeda, ISIS, e tutti gli altri estremisti;
Operazione Charlie Hebdo è iniziata.

We are Anonymous.
We are legion.
We do not forgive.
We do not forget.
Expect us.

.

IRC: irc.anonops.com Port: 6667 Port SSL: 6697 #francophone & #OpCharlieHebdo // https://webchat.anonops.com/

Twitter: @OpCharlieHebdo // #JeSuisCharlie  ” – (Traduzione da “la Repubblica”)
.
.
.
Video-messaggio
.
.
.
“Anonymous #francophone // #OpCharlieHebdo 07/01/2015
 
Message aux ennemis de la liberté d’expression.
 
Le 7 janvier 2015, la liberté d’expression a subit un assaut inhumain. Des terroristes ont fait irruption dans les locaux de ce journal et ont abattu froidement plusieurs dessinateurs et journalistes ainsi que deux policiers. Les assassins sont toujours en fuite. Ecoeurés, choqués, nous ne pouvons tomber à terre. Il est de notre devoir de réagir.
 
Nous tenons tout d’abord à exprimer nos condoléances aux familles des victimes de cet acte lâche et abject. Nous sommes tous très affectés par la diparition de Cabu, Charb, Tignous et Wolinski, des géants du dessin qui ont marqué par leur talent toute l’histoire de la presse et qui sont morts pour sa liberté. Nous n’oublions pas les autres victimes tuées dans l’attaque qui se trouvaient sur le chemin de ces assassins, ainsi que celles qui se battent encore pour rester en vie.
 
Il est clair que certaines personnes ne veulent pas, dans un monde libre, de ce droit inviolable et sacré d’exprimer sous quelque manière que ce soit ses opinions. Anonymous ne laissera jamais ce droit bafoué par l’obscurantisme et le mysticisme. Nous combattrons toujours et partout les ennemis de la liberté d’expression. Charlie Hebdo, figure historique du journalisme satyrique, a été aujourd’hui pris pour cible. Anonymous se doit de rappeler à chaque citoyen que la liberté de la presse est un des principes fondamentaux des pays démocratiques. La liberté d’opinion, de s’exprimer et de pouvoir publier des articles sous aucune menace et contrainte est un droit “inaliénable”. Anonymous a toujours combattu les pourfandeurs de ces droits et n’admettra jamais qu’un individu soit abattu lâchement parce qu’il a publié un article, un dessin, une opinion…
 
La liberté d’expression et d’opinion est une chose non négociable, s’attaquer à elle, c’est s’attaquer à la démocratie. Attendez vous à une réaction massive et frontale de notre part car le combat pour la défense de ces libertés est la base même de notre mouvement.
Paralyser tous les terroristes de sortie des sites, nous allons fermer les comptes des groupes terroristes sociaux. Nous publierons des informations sur toutes les cellules terroristes et ceux qui appartiennent. Nous ne abandonnerons pas jusqu’à ce qu’ils seront sur leurs genoux …

Pour Al-Qaïda, ISIS, et tous les autres extrémistes;
Opération Charlie Hebdo a commencé.

 
Nous sommes légion.
Nous n’oublierons pas.
Nous ne pardonnerons pas.
Redoutez-nous!
 
IRC: irc.anonops.com Port: 6667 Port SSL: 6697 #francophone & #OpCharlieHebdo // https://webchat.anonops.com/
Twitter: @OpCharlieHebdo // #JeSuisCharlie “
.
.
Fonte: Pastebin
.
.
.

Dic 30 2013

Nel 2013 morti sul lavoro 70 giornalisti

.

.

infographie-en-1200

.

Settanta giornalisti uccisi nel 2013

.

Nel 2013 la Siria è stato il posto più pericoloso al mondo per i giornalisti, mentre in Iraq e in Egitto la situazione per i giornalisti è peggiorata notevolmente. Nel 2013 due terzi dei giornalisti morti mentre svolgevano il loro lavoro si trovavano in Medio Oriente, lo denuncia il Commitee to protect journalists, un’organizzazione con sede a New York che si occupa di monitorare la libertà di stampa nel mondo.

Nel 2012 i giornalisti morti sul lavoro erano stati 74, quindi il numero di giornalisti uccisi quest’anno è inferiore a quelli dell’anno precedente, ma il Cpj si sta occupando della morte sospetta di altri 25 giornalisti per cercare di capire se è collegata al loro lavoro.

Pakistan, Somalia, India, Brasile, Filippine, Mali e Russia sono i paesi più pericolosi per la stampa nel 2013, anche se in Pakistan e Somalia sono diminuiti gli omicidi di giornalisti. Anche in Messico, che è un paese molto pericoloso per la stampa, la situazione è migliorata e quest’anno nessun giornalista è morto sul campo.

Il 44 per cento delle vittime è stata assassinata. Il 35 per cento dei giornalisti è morto durante un combattimento o uno scontro a fuoco.

Il fronte siriano. In Siria nel 2013 sono morti 29 giornalisti, da quando è cominciata la guerra i giornalisti morti nel paese sono 63. Anche il numero di giornalisti rapiti nel paese è stato molto alto quest’anno: nel 2013 in Siria sono stati rapiti 60 reporter. Trenta sono ancora nelle mani dei rapitori e di molti di loro non si hanno notizie. La maggior parte dei giornalisti rapiti sono nelle mani di gruppi di ribelli, ma almeno un giornalista è morto mentre era in prigione a Damasco. “Abdul Raheem Kour Hassan, il direttore della radio d’opposizione Watan FM, è stato arrestato a gennaio e le autorità hanno informato la sua famiglia della sua morte solo ad aprile, senza dare nessun dettaglio. Si teme che sia stato torturato e ucciso dall’intelligence siriana in un carcere di Damasco”, spiega il rapporto di Cpj.

.

Fonte: Internazionale

.

Il materiale è disponibilie sotto  licenza Creative Common Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0.   88x31

.

.

 

 


Set 19 2012

Vignette su Charlie Hebdo: le religioni “intoccabili” e il caso del film su Maometto

.

Il settimanale satirico francese Charlie Hebdo ha dedicato questa settimana una pagina interna al recente caso del video sul profeta Maometto The Innocence of Muslims, che ha scatenato la reazione islamica.

La rivista aveva già dedicato lo scorso anno una copertina proprio a Maometto che, ironicamente nominato direttore responsabile di Sharia Hebdo, proclamava: “Cento colpi di frusta se non morite dal ridere”. Scatenando le reazioni dei fondamentalisti, tanto che la sede del giornale era stata data alle fiamme e il sito attaccato da hacker islamisti. Ma la redazione, non doma, aveva rilanciato con una nuova copertina in cui un musulmano e un vignettista (maschi) si davano un bacio appassionato con lo slogan “L’amore è più forte dell’odio”. Le proteste si erano diffuse anche nel mondo islamico, contro immagini ritenute ‘blasfeme’ e ‘offensive’.

Stavolta, facendo il verso al film di successo Intouchables dei registi Olivier Nakache ed Eric Toledano (in Italia, uscito con il titolo Quasi amici), che racconta l’amicizia tra un ricco tetraplegico e il suo badante proveniente dalle banlieu.

Il settimanale francese ha quindi ritratto in una copertina alternativa presente all’interno della rivista, con il titolo Intouchables 2, un ebreo ortodosso che spinge un musulmano su una carrozzina. Ed entrambi, il rabbino e l’imam, con la faccia torva dicono: “Non dovete prenderci in giro” (o “ridere”). In aggiunta, sulla quarta di copertina invece è ritratto Maometto nudo, riprendendo una scena con Brigitte Bardot del film Le Mépris (Il disprezzo) di Jean-Luc Godard.

Le immagini, cui fanno seguito altre caricature e vignette a tema all’interno della rivista, hanno già suscitato critiche da parte dei musulmani, per i quali è sacrilego anche solo raffigurare Maometto. E il sito della rivista risulta inaccessibile da stamattina. Qualche giorno fa una manifestazione di estremisti musulmani non autorizzata davanti all’ambasciata statunitense a Parigi aveva portato il caso del film su Maometto anche in Francia. E Charlie Hebdo ha deciso, con il suo consueto piglio caustico e satirico, di dedicarsi al caso.

Stéphane Charbonnier, il direttore della rivista che si firma Charb, ha dichiarato:  ”Se si comincia a dire, visto che 250 esaltati hanno manifestato davanti all’ambasciata degli Stati Uniti, che bisogna posticipare o non pubblicare queste vignette, significa che sono loro a dettare legge in Francia”. ”Se si comincia a dire che non si può disegnare Maometto, alla fine non si potranno più disegnare islamici. E poi, cosa non si potrà disegnare? I maiali, i cani? Non si potranno più disegnare esseri umani”, si è chiesto Charb, “Alla fine si venderanno 16 pagine bianche di Charlie Hebdo”. “Se si comincia dire ‘ho paura’, è finita, si finisce di fare i giornali, di fare polemica, si ferma la libertà di stampa”.

Ci sentiamo di condividere queste parole, perché l’autocensura verso la critica alla religione, alla satira e all’ironia più blanda diventa alla lunga pericolosa, generando un circolo vizioso. Si finisce per comprimere in maniera inaccettabile la libertà di espressione. Sotto il ricatto delle sensibilità ‘offese’ di estremisti, che accampano sempre più pretese e ostentano comportamenti intimidatori e violenti.

Per questo, come abbiamo già detto, tutelare il sacro garantendo privilegi speciali alle confessioni religiose è una soluzione che finisce per inasprire l’integralismo, piuttosto che disinnescarlo. Perché in questo modo le religioni finiscono per diventare ‘intoccabili’, soffocando qualsiasi possibilità di dibattito o di critica laica.

Gli esponenti dell’islam francese criticano la scelta del settimanale, accusato di “islamofobia”. Il rettore della grande moschea parigina, Dalil Boubakeur, ha lanciato un appello affinché non si versi “benzina sul fuoco”. Ma ha lamentato che “l’incitamento all’odio religioso non sia represso dalla legge come lo è l’incitamento all’odio razziale”.

Il primo ministro, Jean-Marc Ayrault, ha lanciato un appello alla moderazione e alla “responsabilità”, contro “tutti gli eccessi”. Ha dichiarato ieri su radio Rtl che disapprova le vignette. Ma, a prescindere da come la possa pensare lui, ha ribadito che la Francia è “un paese in cui la libertà di espressione è garantita, compresa quella di caricatura”, ha aggiunto. E che “se ci sono persone che si sentono offese nelle proprie convinzioni” e ritengono che “siano state violate le leggi”, possono rivolgersi a un tribunale. Intanto le forze dell’ordine sono in allerta. Hanno messo sotto protezione la redazione con il rischio che la situazione possa degenerare. Come già avvenuto in passato.

.

Fonte: UAAR

.


Mag 22 2011

Democrazia sparita

.

Senza i comunisti la classe operaia allo sbaraglio? (1) – Democrazia sparita: l’Italia è sempre più simile alla Corea del Nord

di Paolo De Gregorio


Tramontata l’ideologia comunista che prometteva ai lavoratori di diventare classe dirigente e di emanciparsi dallo sfruttamento, finita ogni speranza di cambiamento sostanziale del rapporto tra le classi sociali, scomparsa la sinistra ormai appiattita sul modo capitalista di produrre, con buona parte dei sindacati a libro paga confindustriale, ecco le masse lavoratrici oggi: deluse, passive, senza futuro, con abbondanza di precari e disoccupati, che votano per la Lega e per Berlusconi.

Tutti i partiti stanno comodi nel “Palazzo” e hanno perso il contatto territoriale con le masse popolari, tranne due “poteri forti”, anzi fortissimi, che sono il sistema televisivo e la Chiesa cattolica. Tenendo conto che un rapporto con la cultura, i libri, i giornali, viene tenuto solo dal 20% degli italiani delle classi colte e borghesi, l’80% degli altri italiani ha le informazioni esclusivamente dalla televisione e dal rapporto con la Chiesa. Perché ci stupiamo del ventennio berlusconiano, ormai apertamente dittatura clerico-fascista, attraverso una telecrazia monopolista e opprimente?

Tutte le idee che circolano oggi, le mode, gli orientamenti sessuali, l’estetica, sono fabbricate con ingenti mezzi, con cadenza quotidiana, implacabili come le gocce che scavano le rocce, senza che nessuno possa opporsi con strumenti dello stesso peso. L’8 per mille alla Chiesa cattolica (circa duemila miliardi delle vecchie lire l’anno), il suo capillare sistema di parrocchie, opere, scuole, ospedali, radio, televisioni, è la vera anomalia della nostra democrazia, in quanto dalla fine della seconda guerra mondiale ad oggi, la destra si è trovata sempre il sostegno elettorale dell’apparato vaticano.

Il colpo di grazia è arrivato negli anni 80 con la fine del PCI e la consegna, da parte del governo Craxi del monopolio delle TV private al suo compare di P2 Berlusconi. Da allora in poi il sistema democratico si è rapidamente deteriorato, i lavoratori hanno subito un forte peggioramento delle condizioni di lavoro,
introdotto per legge il precariato con la complicità sindacale, l’immigrazione e le delocalizzazioni all’estero hanno fatto il resto, con più lavoro nero e guerra tra poveri. (leggi tutto)

.

Fonte: Domani.arcoiris.tv

 

___________________________________________________

Approfondimento

Libertà di stampa: come ci vedono gli olandesi

.

.


Dic 12 2010

Petizione: Stop alla repressione su WikiLeaks

Al Governo degli Stati Uniti e a tutte le compagnie coinvolte nella repressione su Wikileaks:

Vi chiediamo di fermare, immediatamente,  la repressione contro WikiLeaks e i suoi collaboratori. Vi invitiamo a rispettare i principi democratici e le leggi di libertà di espressione e di libertà di stampa. Se WikiLeaks e i giornalisti hanno violato delle leggi essi devono  essere perseguiti nei tribunali con un giusto processo. Non devono essere sottoposti a una campagna di  intimidazione extra-giudiziale.

Abbiamo urgente bisogno di una massiccia protesta  pubblica per difendere la nostra libertà democratica. Firma la petizione per fermare la repressione – Dobbiamo raggiungere 1 milione di firme entro questa settimana!

In 24 ore abbiamo ricevuto già 300.000 adesioni!

FIRMA LA PETIZIONE

.

Fonte: Avaaz.org

.