Ott 10 2015

Iraq – Gruppo “Real Sciences”: giovani coraggiosi promuovono pensiero scientifico razionale

.

.

Charles_Darwin_

.

I giovani iracheni che promuovono il darwinismo e il razionalismo per salvare l’Iraq

di Marwan Jabbar

Uno dei gruppi popolari di base  più insoliti oggi in Iraq è Real Sciences (Scienze reali). Sono giovani iracheni che traducono articoli scientifici in arabo, nella convinzione che un po’ più di queste cose potrebbe combattere la  violenza.

In mezzo ai conflitti che Baghdad in particolare, e l’Iraq in generale, hanno sofferto nel corso degli anni, sono sorti molti movimenti di base che propugnano un cambiamento sociale positivo. Sia che si tratti  di campagne di aiuto o di movimenti che fanno pressione per certi diritti, resta difficile misurare il loro impatto. Quello di cui si può essere sicuri, però, è che l’attivismo e il propugnare una società civile liberale sono in corso in Iraq – e anche in alcuni modi creativi.

Tutto questo potrebbe sembrare innocuo, ma in Iraq promuovere il pensiero scientifico razionale può essere un passatempo pericoloso.

Uno dei gruppi più speciali di questa categoria è costituito da giovani uomini e donne che sono accaniti promotori della scienza come parziale risposta ai conflitti della loro comunità divisa in sette religiose. Il gruppo si chiama Real Sciences e lavora insieme con un altro gruppo associato che si chiama Progetto iracheno di traduzione (Iraqi Translation Project). Entrambi i gruppi hanno i loro siti web e hanno anche pagine su Facebook molto popolari  che vantano oltre 130.000 “mi piace” in tutto, ricevuti dai loro sostenitori – e pubblicano regolarmente traduzioni di articoli scientifici famosi, su ogni argomento: dal perché agli esseri umani piace correre agli scopi per i quali gli uomini delle caverne usavano l’udito, e, molto di recente, all’apparente presenza di corsi d’acqua sul pianeta Marte.

Tutto questo può sembrare innocuo agli occidentali, ma in Iraq promuovere il pensiero scientifico razionale, o anche incoraggiare punti di vista diversi sulla teoria evolutiva,  può essere un passatempo pericoloso.

Hayan al-Khayat, un giovane di 25 anni laureato in legge che ha un suo personale programma televisivo, dove invita degli esperti per chiarire quesiti legali comuni riguardanti il divorzio e la legge per la compagnia e per i media, è uno dei fondatori del gruppo Real Sciences e suo membro fondamentale. Di recente ha pubblicato un libro: Science For All [La scienza per tutti]. Il titolo è un omaggio al programma della TV degli anni ’80 che aveva lo stesso nome e che è stato un successo così grande in Iraq. La prima edizione è sparita dalle librerie locali in tre mesi e la richiesta rimane alta. Il libro è una raccolta dei 25 dei migliori pezzi sulla scienza dei traduttori iracheni.

“Ricevo regolarmente minacce personali perché non tolleriamo coloro che sostengono di poter fare  miracoli e che usano questo per ottenere potere e denaro,” dice al-Khayat. “La nostra società ha la tendenza a credere in queste cose, specialmente quando arrivano presentando riferimenti religiosi. Continueremo i nostri sforzi, sebbene ogni tanto io personalmente attenui i toni o smetta di scrivere quando ho la sensazione che le minacce siano legittime.”

I traduttori del gruppo spesso si avventurano in campi non comuni ai lettori arabi locali, come l’argomento della psicologia evoluzionistica. Spesso oltrepassano anche le linee rosse quando i temi toccano il creazionismo in contrasto con la teoria di Darwin dell’evoluzione. Un membro del gruppo ha tradotto molti libri importanti di autori come il filosofo britannico  A.C. Grayling,  il fisico statunitense  delle particelle  e scettico rispetto alla religione,  Victor Stenger, e lo storico statunitense  e famoso ateo, Richard Carrie. Non gli si può  dare merito  per le sue traduzioni, perché  rischierebbe e quindi usa uno pseudonimo.

“Il nostro movimento ha avuto un impatto perfino sulle classi conservatrici nelle città più conservatrici,” ha detto a NIQASH (sito web iracheno che tratta di politica, cultura e media, n.d.t.) quando gli hanno fatto una domanda sull’impatto del gruppo Real Sciences, oltre che sui media sociali. “E riceviamo sempre stima e note di gratitudine – ma non pubblicamente.”

Il gruppo si formò nel 2012 perché la passione dei suoi membri per la scienza non veniva soddisfatta dal mercato locale. Il mercato librario iracheno vende prevalentemente libri religiosi che spesso promuovono l’odio e il settarismo, libri sul comunismo e vecchi libri in stile panarabo di tendenza nazionalistica. Non ci sono molti libri o riviste di scienza disponibili a Mutanabi Street, la famosa strada di librai a Baghdad, che rappresenta praticamente ciò che è disponibile in Iraq; se non potrete trovare quello che cercata a Mutanabi Street, non lo troverete in nessun altro posto in Iraq.

Con qualche eccezione occasionale, le riviste scientifiche e i libri in vendita a Mutanabi Street, erano o molto scarsi o per lo più superati. Nel 2011 si formò il gruppo Real Sciences, con meno di 5 persone, quella fase.  Nel 2013, alcuni membri del gruppo che avevano una migliore padronanza della lingua inglese, hanno dato inizio al Progetto iracheno per la traduzione, offrendosi volontariamente di tradurre importanti materiali scientifici e promuovendo i progressi scientifici tramite i media sociali.

Oggi i due gruppi operano in parallelo anche se non condividono più i membri e sono indipendenti l’uno dall’altro.

Nel settembre 2013, alcuni membri dei due gruppi si sono incontrati con altri attivisti della società civile che avevano conosciuto a Mutanabi Street, da tempo luogo familiare per gli intellettuali di Baghdad, e hanno cominciato un’iniziativa che si chiama “Io sono iracheno, io leggo.”

Membri del gruppo Real Sciences e il gruppo Iracheno di Traduzione hanno aiutato immensamente nella preparazione di questa iniziativa per il popolo, dando volontariamente non soltanto il loro tempo e i loro sforzi, ma anche le loro biblioteche personali, soltanto per poi trovarsi in seguito spinti ai margini da altri membri del gruppo. Le minacce alla sicurezza sono il problema principale che ostacolano il  progresso  del gruppo oggi, dice Atheel Fawzi, uno dei fondatori del gruppo Real Sciences di base a Baghdad. Infatti molti dei membri del gruppo hanno lasciato il paese nel corso degli anni, anche se la loro presenza sui media sociali è ancora molto forte.

“Mentre i membri del gruppo  hanno dato un contributo effettivo a molte conferenze ed eventi sponsorizzati dal governo, la paura della persecuzione personale e l’esodo di molti dei nostri preziosi amici del gruppo è stato ciò che ci ha impedito di organizzarci ina una ONG registrata,” spiega Fawzi.

Il gruppo Real Sciences viene continuamente etichettato come “un gruppo ateo che prende di mira la religione e i valori.” Però al-Khayat e Fawzi contestano questo dicendo che non hanno alcun pregiudizio contro la religione locale. Quello a cui si oppongono è qualsiasi cosa  non scientifica. Quello a cui si oppongono è qualsiasi cosa empirica. Come prova che non fanno discriminazioni, citano come esempio la loro recente campagna contro uno relatore che è apparso all’evento TedX * a Baghdad a metà settembre. Il relatore in questione era un accademico iracheno che crede nella parapsicologia e il gruppo  Real Sciences era contrario alla sua presenza per questa ragione.

“TedX è un evento laico, assolutamente,” spiega  al-Khayat. Non prendiamo di mira una religione o una setta specifica, siamo contro tutti i tipi di pseudoscienza.”

Il trambusto creato sui media sociali, ha spinto gli organizzatori del TedX a riconsiderare la loro scelta di quel particolare relatore.

“I coraggiosi traduttori non hanno paura dei taboo,” dice Atheer al-Attar, un laureato all’Università statale della Louisiana, negli Stati Uniti, residente a Basra e membro del Progetto iracheno di Traduzione . “Non è perché vogliono combattere la religione, semplicemente difendono la verità e niente altro che la verità. Deridono perfino il canale televisivo National Geographic, doppiato in arabo, e la loro rivista regionale perché la versione in arabo censura regolarmente alcuni fatti scientifici e quindi diventano politicamente corretti per il Medio Oriente.”

Al-Attar di recente ha tradotto in arabo un libro di scienze per bambini e attualmente sta cercando di trovare qualcuno che lo aiuterà a finanziarne la stampa.

Il libro mira a “educare le nuove generazioni  e a farle familiarizzare con i principi scientifici fondamentali in modo divertente,” spiega al-Attar. Ha avuto un certo interesse  da parte di potenziali finanziatori, ma hanno avuto la tendenza a ritirarsi dopo aver visto l’argomento. Si scusano e dicono che sono  interessati, spiega Al-Attar,  citando i potenziali finanziatori locali che aveva incontrato , “si preoccupano che il libro possa promuovere ‘ideologie non familiari’.

*TEDx Organizzazione americana no profit che “si dedica a idee degne di essere diffuse.” Qui si parla della “filiale” di Baghdad.

.

Fonte: Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo

.

.

.


Nov 6 2014

Anonymous attacca il gruppo terroristico ISIS

.

.

Anonymous

.

“Per i cittadini del mondo,
Noi siamo Anonymous.

Gli ultimi eventi  accaduti in Iraq ci hanno costretto, come collettivo, a rivedere le nostre priorità per le prossime operazioni. Il popolo dell’Iraq ha attraversato quasi due settimane di assoluto terrore, un terrore che la maggior parte di noi non conoscerà né proverà mai. Noi siamo tenuti a rispettare un codice d’onore per proteggere coloro che sono indifesi, sia nel mondo cibernetico che nel mondo reale.

Prima della nostra nascita, era già in atto la guerra in Iraq con crimini contro l’umanità senza limiti. Gli Stati Uniti in tutto questo hanno avuto una parte importante. Quando il governo degli Stati Uniti ha deciso di iniziare una guerra inutile con la promessa di petrolio e fondi per il complesso militare industriale, non è riuscito a rendersi conto della gravità di eliminare un capo che controllava un delicato equilibrio capace di mantenere la sicurezza interna. La sua cattura ha portato ad un vuoto di potere. Sì, Saddam Hussein era spietato e violento, ma con questa guerra, gli Stati Uniti sono colpevoli degli stessi reati (ad esempio Blackwater, Abu Ghraib, ecc).

Oggi, ancora una volta l’ Iraq è nel caos a causa del vile e spietato gruppo che vuole creare uno stato “islamico” con l’Iraq e la Siria, riportando i confini post-prima guerra mondiale. Si fanno chiamare ISIS. Questi selvaggi che non hanno religione e morale sono decisi a distruggere ogni cosa che incontrano sul loro cammino, uccidendo e saccheggiando. Devono essere fermati.

Alcuni giorni fa, la loro divisione informatica ha assunto il controllo di uno dei nostri account su twitter “@TheAnonMessage” rivendicando e rilasciando diverse foto della loro aggressione nei pressi di Baghdad. Questi tweet sono stati cancellati. Ci scusiamo per i seguaci di Twitter che hanno dovuto assistere a questa intrusione violenta senza preavviso. Questi sono segnali senza precedenti, comunque sono stati presi provvedimenti per proteggere ulteriormente questo account da qualsiasi futuro tentativo di hack.

Vorremmo anche commentare i media mainstream che stanno spingendo ancora di più alla divisione il popolo iracheno. Il popolo iracheno è costituito da due sette islamiche: sunniti e sciiti. Ci sono anche altri gruppi che comprendono curdi, turcomanni, assiri, cristiani e altri. I media vorrebbero farci credere che ISIS è composto rigorosamente da sunniti e invece l’esercito iracheno è una maggioranza controllata e gestita dalla parte sciita. Questo è falso. I gruppi che sono stati elencati COMPRESI sunniti sono arruolati nell’esercito iracheno e i religiosi sunniti in Iraq hanno chiamato anche i loro seguaci ad unirsi con i loro fratelli sciiti per difendere le loro terre d’origine.

ISIS è un gruppo formato da una setta Takfiri che è considerata da molti prestigiosi chierici ed organizzazioni tra cui Al-Azhar, come non islamici. In realtà, essi li hanno denunciati come “Khawarij” ed hanno dichiarato che devono essere sterminati nelle terre islamiche. È per questo che invitiamo i media mainstream americani a non rilasciare false informazioni che esasperano ulteriormente e che incitano ad altra violenza.

In conclusione, pensiamo di essere nel giusto quando dichiariamo guerra contro coloro che si sono affiliati con l’ISIS e con quelli che li controllano.
Aljazeera hai diffuso bugie allo scopo di sostenere l’Isis, macchiando la tua reputazione. Non ci sfuggirai.
Per lo stato del Qatar, Turchia e Arabia Saudita non sarà possibile sfuggire alla nostra collera. Le prove dimostrano il vostro continuo sostegno all’ISIS. Se ciò non si fermerà subito, saremo costretti a scatenare tutta la nostra legione contro la tua patetica imitazione di cyber-sicurezza.
E agli Stati Uniti: un altro tentativo di foraggiare il vostro complesso industriale militare con il pretesto della sicurezza e della democrazia farà scattare il nostro attacco totale verso le vostre infrastrutture virtuali di governo. Siete stati avvisati.

Anonymous è per la libertà

Siamo anonymous.
Siamo Legione.
Noi non perdoniamo.
Noi non dimentichiamo.
Aspettateci.

.

Fonte: Geek Rep

.

.

.


Ago 16 2014

L’Italia non invii armi nelle zone di conflitto. Bisogna sospendere la fornitura di sistemi militari.

.

.

Iraq-Jihadist-flag_2947305b

.

Rete Disarmo: l’Italia non invii armi in Iraq e nelle zone di conflitto

.

“I conflitti e le crisi umanitarie che da settimane stanno scuotendo diversi paesi del nord Africa e del Medio Oriente (Striscia di Gaza, Libia, Iraq, Siria ecc.) non si risolvono inviando armi, ma sospendendo le forniture di sistemi militari a tutte le parti in conflitto e costruendo con impegno soluzioni vere e condivise”. Lo afferma un  comunicato della Rete Italiana per il Disarmo che, anche in considerazione delle crescenti esportazioni dall’Italia di armamenti nella zona mediorientale, ricorda al Governo come la normativa nazionale ed europea vieti espressamente l’invio di sistemi militari verso i Paesi in stato di conflitto armato.

Se è certamente positivo il richiamo espresso dal ministro degli Esteri, Federica Mogherini, affinché l’Unione europea adotti una posizione comune sulle varie crisi in atto in Medio Oriente e che la Farnesina abbia stanziato nei giorni scorsi 1 milione di euro alle organizzazioni umanitarie dell’Onu per attività di prima assistenza degli sfollati nel nord dell’Iraq, è invece quanto mai preoccupante che la titolare della Farnesina abbia comunicato che l’Italia sta valutando “forme di sostegno dell’azione anche militare del governo del Kurdistan iracheno”, non escluso l’invio di armi e di sistemi militari.

Rete Disarmo ricorda che la normativa italiana (la legge n.185 del 1990) vieta espressamente l’esportazione di materiali di armamentoverso i Paesi in stato di conflitto armato, in contrasto con i principi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, fatto salvo il rispetto degli obblighi internazionali dell’Italia o le diverse deliberazioni del Consiglio dei Ministri, da adottare previo parere delle Camere” (art. 1 c. 6). Proprio per questo Rete Disarmo chiede al Governo di riferire al più presto in Parlamento su questa materia anche in considerazione delle conclusioni espresse ieri dal Comitato Politico e di Sicurezza dell’Unione europea (qui in .pdf) e del meeting straordinario del Consiglio degli Affari Esteri di venerdì 15 agosto.

“E’ necessario un intervento dell’ONU molto più ampio, e di ognuno tra Ong e istituzioni che abbia la possibilità di raggiungere queste persone, prima di assistere all’ennesima catastrofe umanitaria, che purtroppo non interessa soltanto l’area di Sinjar e il confine con la Siria” – ha sottolineato in una nota “Un Ponte per” l’organizzazione membra di Rete Disarmo da anni impegnata per il supporto delle popolazioni irachene.

L’urgenza di creare corridoi umanitari per soccorre le popolazioni nel nord dell’Iraq, in particolare cristiani e yazidi perseguitati dai combattenti dello Stato Islamico (ISIS), non può giustificare un sostegno militare alle milizie curde Peshmerga o raid aerei su aree popolateCome richiamato dagli organismi dell’Onu, la “responsabilità di proteggere” (Responsibility to protect) le popolazioni dal pericolo di massacri non ricade solamente sul governo iracheno, ma sull’intera comunità internazionale. L’Unione europea non può continuare a delegare questa responsabilità ad altri, ma deve cominciare lavorare seriamente per predisporre unità di pronto intervento e di interposizione razionalizzando l’impiego delle proprie forze armate nazionali.

Se 28 eserciti nazionali non sono in grado di fornire unità di pronto intervento per proteggere delle popolazioni inermi che rischiano di essere sterminate c’è da chiedersi quale ne sia l’utilità: delegare l’intervento militare a milizie composte da gruppi che, per quanto integrati in eserciti regolari perseguono anche proprie finalità politiche, può essere rischioso e controproducente” sottolinea Francesco Vignarca coordinatore di Rete Disarmo.

Rete Disarmo rinnova inoltre la richiesta al governo italiano di sospendere l’invio di tutti i sistemi militari ad Israele. Durante la riunione straordinaria dello scorso 23 luglio, il Consiglio  per i diritti umani dell’Onu si è espresso a favore di un’indagine su possibili violazioni del diritto umanitario nel conflitto nella Striscia di Gaza: fino a quando non si avranno i risultati dell’indagine l’Italia deve astenersi dal fornire sistemi militari a Israele e sospendere le esercitazioni militari congiunte previste in Sardegna per il prossimo autunno.

In proposito va segnalato che la Spagna ha già deciso di sospendere in via cautelare l’invio di armi e il Regno Unito, dopo aver reso nota una revisione delle proprie esportazioni militari per le forze armate israeliane, ha dichiarato un possibile blocco di una dozzina di licenze di esportazione di materiali militari impiegati da Israele nel conflitto a Gaza. L’Italia, invece, che è il maggior fornitore nell’Ue di sistemi militari a Israele, non solo non ha annunciato alcuna restrizione, ma il Ministero degli Esteri ha eluso la questione dichiarando in Parlamento che “l’Italia non fornisce ad Israele sistemi d’arma di natura offensiva”.

“Tutta la materia delle autorizzazioni all’esportazione di sistemi militari necessita invece di un approfondito controllo parlamentare che manca ormai da oltre un lustro” – sostiene Giorgio Beretta, analista dell’Osservatorio OPAL di Brescia. “Nel frattempo la normativa nazionale è stata ampiamente modificata e la relazione che Presidenza del Consiglio invia annualmente alle Camere ha subito pesanti modifiche. Ma soprattutto le forniture di sistemi militari italiani sono sempre più indirizzate verso le zone di forte tensione del Medio Oriente e del nord Africa. E’ perciò quanto mai necessario e urgente che le competenti commissioni del parlamento riprendano il controllo dell’attività del Governo in questa materia che riguarda direttamente la politica estera e di difesa del nostro paese”.

“Mentre da alcune parti anche del mondo cattolico si auspicano maggiori forniture di armi nella regione ci chiediamo come si possa pensare di portare pace inviando armi – dice don Renato Sacco, coordinatore nazionale di Pax Christi Italia. Credo che chi sostiene l’invio di armi sia più interessato ai ritorni commerciali che non alle vittime del conflitto. In un’audizione alla Camera dei Deputati a Roma, il 19 gennaio 2011, il Vescovo ausiliare di Baghdad aveva lanciato un appello già allora con toni disperati, con una richiesta specifica: non inviate armi. Sono passati diversi anni, non vogliamo che quell’appello continui ad essere inascoltato”. [GB]

.

Fonte: Unimondo.org

.

.

.


Set 6 2012

Trascurato dai media europei e nordamericani il vertice del Movimento dei paesi non allineati (NAM)

 

 

      Stati  membri  –  Membri osservatori

.

Iran. Se il mondo s’incontra a Teheran, senza l’Occidente

Con 120 partecipanti, il vertice del Movimento dei paesi non allineati (NAM) che si è svolto la scorsa settimana ha tutto il sapore di una riorganizzazione del mondo emergente, anche perché per numero di partecipanti è secondo solo alle Nazioni Unite. Tuttavia, l’evento è stato perlopiù trascurato dai media europei e nordamericani. Forse c’entra la sede dell’incontro, Teheran.

di Giovanni Andriolo

Passino le sanzioni, passi la stigmatizzazione del programma di sviluppo delle centrali nucleari o della politica estera dell’Iran; si prescinda per un istante dalle convinzioni personali e dalle posizioni politiche: il XVI vertice del Movimento dei non allineati verrà ricordato come un evento fondamentale di questo 2012.

Il vertice tuttavia è andato ben oltre il clamore attorno alla sua sede (Teheran e quindi questione nucleare, sanzioni, crisi siriana, ect…), offrendo diversi spunti per analizzare quelle che saranno le prossime tendenze nelle relazioni internazionali.

Innanzitutto, il valore simbolico del passaggio di timone del Movimento, dall’Egitto all’Iran.

Da un Egitto che quando lo raccolse, nel 2009, era ancora il paese di Mubarak, il ‘faraone’ a cui gli Stati Uniti fornivano due miliardi di dollari l’anno in aiuti economici e militari, ottenendone in cambio appoggio alle loro “attività” nella regione vicino-orientale.

All’Iran del 2012, il paese forse più lontano, e non geograficamente, dagli Stati Uniti, il paese che da più di trent’anni figura come il nemico per eccellenza (pur con variazioni sul tema, a seconda dei periodi), uno dei pochi che non è stato ancora ‘piegato’ al volere americano.

Raramente un passaggio di consegne fu più drastico e carico di contenuti, nei giochi di potere mondiali.

E sebbene le grandi potenze abbiano cercato di minimizzare la portata dell’evento, sottolineando come il Movimento dei Non Allineati non abbia mai raggiunto risultati concreti dalla sua fondazione, è di per sé rilevante il fatto che, proprio in questo 2012, con il Vicino Oriente in fiamme e una guerra larvata tra lo stesso Iran da una parte e le grandi monarchie arabe spalleggiate dagli Stati Uniti dall’altra, 120 paesi decidano di ‘affidarsi’, per i prossimi tre anni, proprio a Teheran.

Sebbene questa scelta possa essere considerata positiva o negativa per la regione e per il mondo: resta tuttavia un fatto compiuto, e di una certa rilevanza.

Un secondo elemento che colpisce del summit di Teheran riguarda la posizione assunta dal nuovo presidente egiziano, Mohammed Morsi. O piuttosto, le reazioni che ha suscitato in tutto il globo.

Non c’è dubbio che l’intervento di Morsi abbia contribuito, più di ogni altro, a portare l’attenzione dei media europei e nordamericani sul vertice.

Da un lato, la presenza stessa del presidente egiziano nell’Iran post-rivoluzionario è un fatto straordinario: i due paesi hanno rotto i legami diplomatici nel 1979, e da allora nessun capo di Stato si era recato a Teheran.

Ciononostante sono le sue dichiarazioni ad aver fatto breccia nella stampa mainstream: il nuovo raìs ha infatti auspicato un cambio di regime in Siria.

A quel punto, lo shock per la dirigenza iraniana dev’essere stato pari a quello vissuto a Washington quando è stata annunciata la sede che avrebbe ospitato il NAM.

Secondo le cronache, la delegazione siriana ha immediatamente lasciato la sala, mentre le trasmissioni televisive del discorso venivano interrotte sia in Siria che in Iran. Di contro, Europa, Stati Uniti e canali satellitari arabi accendevano all’improvviso le luci sul vertice NAM.

Ma c’è un terzo elemento su cui riflettere. La presenza del segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki Moon non è passata inosservata.

Da Washington era tuonata, prima dell’inizio del summit, una richiesta affinché l’alta carica dell’Onu non partecipasse ai lavori del NAM. Inoltre, il premier israeliano aveva definito “un grave errore” la visita di Ban a Teheran.

Un giornale italiano, uno dei pochi, in realtà, che era intervenuto sulla questione del vertice NAM, pur con intenti denigratori, aveva addirittura parlato di “una colpa morale e un errore politico simile a quelli di Chamberlain”, riferendosi alla decisione presa dal numero uno del Palazzo di Vetro.

In realtà, Ban Ki Moon si è limitato a fare il proprio dovere. Il fatto che il segretario generale delle Nazioni Unite presenzi a un vertice internazionale che riunisce 120 membri dell’Onu (sui 193 totali) e che si svolge nella capitale di un paese membro, seppur controverso, non dovrebbe sollevare tante polemiche.

O per lo meno, non dovrebbe sollevare polemiche qualora non esistessero paesi membri, all’interno dell’Onu, che mirano a pilotare le istituzioni internazionali per soddisfare i propri interessi nazionali, a detrimento di altri paesi (altrettanto membri).

Il discorso di Ban a Teheran è stato criticato aspramente, sia da chi supporta le posizioni iraniane, sia da chi invece le reputa aggressive. In realtà, anche in questo caso il segretario si è limitato a svolgere il proprio dovere: portare il punto di vista delle Nazioni Unite sulle maggiori questioni internazionali.

Se da un lato ha riconosciuto all’Iran la possibilità di svolgere un ruolo chiave nella regione, un ruolo “costruttivo e moderato”, dall’altro Ban ha criticato le esternazioni anti-israeliane di alcune cariche iraniane, proprio mentre sedeva a fianco del presidente Mahmoud Ahmadinejad.

Parlando della Siria, se l’è presa con “coloro che forniscono armi a entrambi le parti”, il governo e i gruppi all’opposizione, spiegando come un’ulteriore militarizzazione non sia la risposta alla crisi siriana.

Un discorso, in effetti, abbastanza vago, che non prende posizioni forti, se non in alcuni casi, e che, d’altra parte viene pronunciato da chi ha il dovere di rappresentare le istanze di più di 190 paesi nel mondo.

Nonostante le polemiche, i tentativi di orientare le attività del segretario generale e l’ostracismo dimostrato da parte dei media euro-americani (del Nord) nei confronti dell’evento, il vertice dei paesi non allineati rappresenta un chiaro segnale di come, al di fuori di Europa e Stati Uniti, il resto del mondo, la maggior parte del mondo, stia cominciando a orientarsi verso nuovi poli macroregionali.

In quest’ottica, il tentativo da parte delle grandi potenze internazionali di isolare a tutti i costi avvenimenti come quello del NAM di Teheran non può che favorire tali tendenze nei paesi emergenti. Con il rischio che le grandi potenze, piuttosto che isolare, si trovino a loro volta sempre più isolate.

.

Fonte: Osservatorioiraq.it

.

___________________________

Approfondimento

Movimento dei paesi non allineati (NAM)

.


Dic 20 2011

Iraq: fuori i soldati, dentro i mercenari della Blackwater

.

Sono sempre più diffuse le voci secondo cui la Blackwater, la nota compagnia “fornitrice di soluzioni di sicurezza”, intenderebbe ritornare a operare in Iraq, il paese da cui era stata bandita nel 2007. Per riuscirci, ha cambiato il suo nome in Academi.

.

di Giovanni Andriolo

Nel linguaggio del marketing, il termine rebranding  sta a indicare un processo attraverso il quale un prodotto o un servizio viene reintrodotto nuovamente sul mercato con altro nome o una diversa identità.

E’ proprio quello che ha fatto anche la Blackwater, nota compagnia militare privata statunitense, attiva negli scenari internazionali più “caldi” del pianeta.

In realtà, il nome della Blackwater è famoso nel mondo per lo scandalo che colpì nel 2007 alcuni dei suoi contractors, colpevoli di aver ucciso 17 civili nel corso di una sparatoria in piazza Nisour, a Baghdad, mentre cercavano di proteggere un convoglio di diplomatici statunitensi caduti in un’imboscata.

All’epoca, le “soluzioni di sicurezza” della Blackwater furono giudicate eccessive, e il governo iracheno le revocò la licenza per operare nel paese.

A quel punto, subentrò il primo rebranding: nel 2009 la Blackwater si trasformò nella Xe Services LLC.

Gli affari proseguivano e la compagnia ha continuato a lavorare con il governo statunitense su molteplici fronti, il più importante dei quali in Afghanistan.

Tuttavia, il ritiro delle truppe americane di stanza in Iraq apre nuove prospettive.

Soprattutto perché Washington intende dispiegare da gennaio 2012 un nuovo “esercito” di 5.500 contractors, militari privati, a protezione delle sedi e del corpo diplomatico statunitense nel paese.

La posta in gioco è alta e la Blackwater non vuole mancare in quello che potrebbe diventare il teatro più “redditizio”.

Basti pensare che finora i contratti per la protezione dei diplomatici statunitensi in Iraq sono stati affidati a tre grandi compagnie di sicurezza: la Triple Canopy – che ha un contratto di 1,53 miliardi di dollari statunitensi -, la Global Strategies Group – che proteggerà il consolato di Bassora per la cifra di 401 milioni di dollari -, e la SOC Incorporated – che resterà a ‘guardia’ dell’enorme ambasciata a stelle e strisce con sede a Baghdad, per 974 milioni di dollari.

I contratti sono dunque ‘generosi’, e offrono margini di guadagno interessanti: in palio ci sono ancora i consolati di Mosul, Kirkuk e Irbil. Un’occasione ghiotta, che la Blackwater non può davvero lasciarsi sfuggire.

Per questo motivo, a dicembre del 2011 è stato annunciato un nuovo rebranding della compagnia, che trasferirà la sua sede dal Nord Carolina alla Virginia e si chiamerà Academi.

Un riferimento, secondo il nuovo CEO Ted Wright, alla ‘Accademia di Platone’, finalizzato a fornire all’azienda un’immagine più “noiosa”.

Certamente, l’idea di rientrare di soppiatto nel paese da cui era stata bandita, sembra l’unica soluzione per una compagnia che nel paese dei due fiumi guadagnava, prima del 2007, circa un terzo delle sue entrate annuali totali.

Per riottenere l’incarico, l’Academi ha diverse carte da giocare.

Innanzitutto, negli ultimi anni ha ristrutturato e apportato modifiche al suo organigramma, la più eclatante della quali è stata la progressiva marginalizzazione del fondatore, Erik Prince, e l’assunzione di un nuovo amministratore delegato, il già citato Ted Wright.

Inoltre, l’azienda ‘preferita’ di George W. Bush ha perseguito negli ultimi due anni un tenace lavoro di lobbying anche sul versante del partito democratico statunitense, ottenendo buoni risultati.

Tra questi, il contratto da 250 milioni di dollari del 2010 (in piena amministrazione Obama), per operare in Afghanistan sotto la direzione del dipartimento di Stato e della Cia.

Infine, l’Academi possiede una piccola flotta di elicotteri MD-530, già dispiegati in Iraq dalla Blackwater.

Da gennaio 2012 anche il controllo dello spazio aereo iracheno sarà affidato a Baghdad, e per questo Washington sembra volersi muovere nella direzione di assicurare anche una “protezione dall’alto” al suo corpo diplomatico.

Secondo molti analisti si tratta di un matrimonio, quello dell’Academi e dell’Iraq, che non dovrebbe riservare ‘sorprese’. 

Ciononostante, non sfugge il fatto che la compagnia sia ancora sotto inchiesta da parte di diverse agenzie e del Congresso, per una serie di presunti crimini e violazioni che spaziano dall’accusa di omicidio, omicidio colposo, cospirazione, falsa dichiarazione, utilizzo di compagnie di schermo per accaparrarsi contratti da cui la Blackwater era bandita.

Un curriculum degno di nota che, se associato allo scarso favore che tra la popolazione irachena gode la compagnia dopo i fatti del 2007, non mancherà di far parlar di sé nei prossimi mesi. 

19 dicembre 2011

.

Fonte: Osservatorioiraq

.