Tag Archives: NATO

Anonymous | Messaggio a Vladimir Putin

.

.

.

.

Salve cittadini del mondo

Questo è un messaggio di Anonymous a Vladimir Putin.


Mr. Putin, l’invasione in corso dell’Ucraina ha dimostrato che il suo regime non rispetta i diritti umani o l’autodeterminazione dei suoi vicini.


Negli ultimi giorni è iniziata un’invasione su vasta scala, i quartieri civili sono stati bombardati e persone innocenti sono state uccise.


I rifugiati fuggono dalla violenza e la popolazione è stata costretta alla leva da funzionari ucraini.

Questa è dappertutto una brutta situazione e tu sei l’istigatore.


Hai criticato le forze armate statunitensi e la NATO per la loro occupazione e bombardamento del Medio Oriente, il che è certamente una critica giusta, ma hai dimostrato di non essere migliore dei governi imperialisti che critichi e che ora il mondo intero può vedere attraverso la tua propaganda.

Anche i cittadini che affermi di proteggere sono completamente contrari alla guerra e protestano in dozzine nelle grandi città russe.


La tua risposta tirannica ai manifestanti russi contro la guerra non farà altro che innescare ulteriori disordini tra il popolo russo, che sta subendo le conseguenze delle tue azioni insensate.

Le sanzioni danneggeranno i tuoi cittadini molto più di quanto danneggeranno te, motivo per cui le sanzioni non sono un deterrente adeguato.

Ora, la resistenza più popolare è venuta dall’interno, a causa della preoccupazione che le tue ambizioni di conquista siano molto più grandi di quanto sei disposto ad ammettere.

Se continui su questa strada, perderai il sostegno dei cittadini russi, altri paesi in tutto il mondo rifiuteranno di collaborare con te e dovrai affrontare attacchi informatici senza precedenti da ogni angolo del mondo.


I membri di Anonymous hanno dichiarato guerra informatica contro il tuo regime aggressivo, con numerosi siti web governativi che sono stati messi offline negli ultimi giorni.


Un paio di siti Web inattivi sono solo l’inizio, però. Presto sentirai l’ira degli hacker di tutto il mondo, molti dei quali probabilmente risiedono nel tuo paese d’origine.


I tuoi segreti potrebbero non essere più al sicuro e c’è la possibilità che i componenti chiave dell’infrastruttura del tuo governo possano essere dirottati.


Ora, con l’invasione dell’Ucraina, le precedenti invasioni della Georgia e della Crimea stanno iniziando a concentrarsi e mostrano una chiara strategia per la Russia di riconquistare aree che un tempo erano detenute dall’Unione Sovietica.


L’Unione Sovietica ha fallito molti anni fa e il mondo non ha dimenticato la brutalità di quel regime. Le persone del mondo resisteranno ad ogni passo del tuo cammino.

Questa non è una guerra che puoi vincere, indipendentemente da quanto pensi di essere potente.

Noi siamo Anonymous

Noi siamo Legione

Aspettaci.”

.

.

#Messaggio da Anonymous a Vladimir Putin pic.twitter.com/eIy9YpDvM5

— Anonymous (@LatestAnonPress) 27 febbraio 2022

.

.

VideoMessaggio

.

.

.

___________________________________________________

Approfondimento

Chi è Anonymous, il collettivo di hacker che si è schierato accanto all’Ucraina

Anonymous contro la Russia

Anonymous ha spento 300 siti governativi russi

Anonymous: “Hackerato il sito dell’agenzia spaziale russa”

Attacco hacker contro l’agenzia russa Tass: sito web irraggiungibile

.

____________________________________________________
.

Ki:  Articoli degli attacchi al potere di Anonymous dal 2011 al 2022
.

.

.

.

.


USA | Milioni di pacifisti statunitensi contro l’amministrazione Biden

.

.

I manifestanti contro la guerra si riuniscono davanti alla Casa Bianca per manifestare contro l’escalation delle tensioni tra Stati Uniti e Russia a Washington, DC (Foto: Win McNamee/Getty Images)

.

.

Oltre 100 gruppi contro la guerra chiedono a Biden di porre fine alle tensioni con la Russia

Più di 100 organizzazioni pacifiste che rappresentano milioni di persone negli Stati Uniti hanno chiesto martedì all’amministrazione Biden di adottare misure immediate per disinnescare le tensioni con la Russia poiché le due potenze con armamenti nucleari rimangono pericolosamente vicine alla guerra a causa dell’Ucraina.

Di Jake Johnson

1 febbraio 2022


I gruppi progressisti in una dichiarazione congiunta guidata da CodePink e RootsAction.org hanno affermato: ‘Chiediamo al presidente Biden di porre fine al ruolo degli Stati Uniti nell’escalation delle tensioni estremamente pericolose con la Russia…È gravemente irresponsabile che il presidente non arrivi ad un compromesso tra due nazioni che possiedono il 90% delle armi nucleari del mondo’.

La dichiarazione, firmata da 105 organizzazioni, tra cui Physicians for Social Responsibility, Just Foreign Policy e Peace Action, è arrivata poche ore dopo un aspro scambio verbale tra rappresentanti statunitensi e russi in una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che ha fatto ben poco per abbattere i timori di un conflitto militare incombente.


Durante le sue osservazioni alla riunione delle Nazioni Unite, l’ambasciatore statunitense Linda Thomas-Greenfield ha accusato la Russia di ‘aver tentato, senza alcuna base fattuale, di dipingere l’Ucraina e i paesi occidentali come gli aggressori per fabbricare un pretesto per l’attacco’.

L’ambasciatore russo Vasily Nebenzya ha risposto affermando che gli Stati Uniti sono l’unico a ‘provocare l’escalation’ con false affermazioni sulle intenzioni della Russia in Ucraina, paese che ha l’ambizione di entrare a far parte della NATO, qualcosa che la Russia considera come una grave minaccia alla sicurezza’.


Nebenzya ha anche accusato gli Stati Uniti di aver favorito al potere a Kiev ‘nazionalisti, radicali, russofobi e puri nazisti’ sostenendo il rovesciamento del governo ucraino nel 2014′.

Finora, gli Stati Uniti hanno respinto la richiesta della Russia di una garanzia sulla non ‘ulteriore espansione verso est’ della NATO. Il segretario di Stato americano Antony Blinken e il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov parleranno al telefono martedì dopo che i due paesi si sono scambiati proposte scritte che non sembravano presagire una svolta diplomatica.


Nella loro dichiarazione congiunta di martedì, i 105 gruppi contro la guerra hanno affermato che le radici dell’attuale crisi sono ‘impigliate nel fallimento del governo degli Stati Uniti nel mantenere la promessa fatta nel 1990 dall’allora Segretario di Stato James Baker che la NATO non si espanderebbe di ‘un pollice a est’.


Invece, i gruppi precisano che ‘Dal 1999, la NATO si è espansa per includere numerosi paesi, compresi alcuni che confinano con la Russia’ Invece di respingere a priori l’attuale insistenza del governo russo su una garanzia scritta che l’Ucraina non entrerà a far parte della NATO, il governo degli Stati Uniti dovrebbe accettare una moratoria a lungo termine su qualsiasi espansione della NATO’.

Sebbene l’amministrazione Biden abbia pubblicamente affermato di essere impegnata a perseguire il dialogo e la diplomazia con la Russia, ha contemporaneamente continuato a versare armi in Ucraina e messo migliaia di truppe statunitensi in attesa di un possibile dispiegamento nell’Europa orientale.

Norman Solomon, direttore nazionale di RootsAction.org, ha dichiarato martedì a Common Dreams che ‘l’emergenza che stiamo affrontando sta letteralmente mettendo a rischio la sopravvivenza dell’umanità’, date le migliaia di armi nucleari che Stati Uniti e Russia possiedono.


Solomon ha proseguito affermando che ‘Non è sufficiente per i funzionari di Washington dire che sperano che la diplomazia trovi una soluzione, lo abbiamo sentito molte volte appena prima che gli Stati Uniti precipitassero in una nuova guerra dopo l’altra’. ‘La causa principale di questo conflitto è che gli Stati Uniti hanno spinto la NATO fino ai confini della Russia e ora continuano a spedire grandi quantità di armi in Ucraina, una situazione che il governo degli Stati Uniti non tollererebbe mai se la Russia facesse lo stesso vicino al I confini degli Stati Uniti.’


‘Qualunque cosa tu pensi dell’attuale conflitto in Ucraina, tutti noi abbiamo il più profondo interesse possibile a ridurlo per evitare uno scontro tra le due superpotenze nucleari del mondo’, ha continuato Solomon. ‘I sondaggi mostrano che la maggior parte degli americani vuole che il governo degli Stati Uniti scenda a compromessi con la Russia in questo conflitto terribilmente pericoloso, eppure i media mainstream e la stragrande maggioranza dei membri del Congresso stanno scatenando una frenesia di fervore sciovinista senza compromessi. Potrebbero anche dire ai ‘quattro cavalieri dell’apocalisse’ di darsi da fare.’

.

.

Fonte: commondreams.org

(Traduzione con ImTranslator)

.

.

(Il lavoro è concesso in licenza sotto Creative Commons (CC BY-NC-ND 3.0). Sentiti libero di ripubblicare e condividere ampiamente.)

.

.

____________________________________________________
Approfondimento

Campagna: Campagna Ucraina

Crisi Ucraina-Nato: il ruolo dei pacifisti

Ucraina – Una piattaforma condivisa per la Pace

.

.

.

.

.


Gli armamenti, la pace ed il governo giallo-verde. Tradimento di Stato!

.

.

.

Il primo gennaio la Chiesa celebra la Giornata Mondiale della Pace, una pace mai come in questo momento minacciata, nell’indifferenza generale.

.

di Alex Zanotelli

Il mondo sta sottovalutando il pericolo di una guerra nucleare che potrebbe condurre alla fine della civiltà umana,” ha affermato il presidente russo Putin nella conferenza stampa di fine anno. E questo per due nuovi elementI. Il primo, è rappresentato dalla “tendenza ad abbassare la soglia per l’uso di armi nucleari, creando cariche nucleari tattiche a basso impatto che possono portare a un disastro nucleare globale.

Purtroppo, a questa categoria , appartengono le nuove bombe nucleari, B61-12 che il prossimo anno gli USA piazzeranno in Italia , in sostituzione di una settantina di vecchie ogive atomiche. L’altro pericolo viene dalla “disintegrazione del sistema internazionale di controllo degli armamenti,” espresso dal recente ritiro degli USA dal Trattato INF (1987) che permette a Trump di schierare in Europa missili a raggio intermedio con base a terra.

Ora il nostro governo gialloverde ha approvato in sede NATO tale piano e ha dato la disponibilità a installarli in Italia come quelli che erano stati installati a Comiso negli anni ’80. E’ ormai una vera corsa fra USA e Russia al riarmo nucleare. Gli USA , già con Obama ed ora con Trump, hanno messo a disposizione oltre mille miliardi di dollari per modernizzare il loro arsenale atomico.

La Russia sta tentando di tenere testa agli USA (Putin ha appena annunciato di aver testato il nuovo missile intercontinentale ipersonico!) cercando di avvicinarsi alla nuova potenza , la Cina, che nel 2017 ha speso ben 228 miliardi di dollari in difesa. Trump, che nel 2017 ha speso un’enorme cifra in armi, ben 660 miliardi di dollari, sta sferzando i suoi alleati europei perché tutti investano in armi almeno il 2% del PIL.

Se l’Italia obbedisse agli ordini di Trump spenderebbe cento milioni di euro al giorno in armi (già oggi ne spende settanta milioni al giorno!). Siamo ormai davanti ai due blocchi armati fino ai denti con 15.000 bombe atomiche a disposizione e un enorme armamentario. Siamo alla follia collettiva: nel 2017 abbiamo raggiunto a livello planetario l’astronomica cifra di 1.739 miliardi di dollari, pari a oltre 4,5 miliardi di dollari che spendiamo ogni giorno in armi. E’ una polveriera che potrebbe scoppiarci fra le mani. Gli scienziati dell’Orologio dell’Apocalisse a New York hanno puntato l’orologio a due minuti dalla mezzanotte. Davanti a questo pauroso scenario, rimango sbalordito dal silenzio dei cittadini italiani. Perché il grande movimento per la pace non scende unitariamente in piazza per contestare il “governo del cambiamento” che, nonostante le promesse, è diventato guerrafondaio come gli altri? E dovremmo chiedere le ragioni per cui questo governo giallo-verde :

-si rifiuta di firmare il Trattato ONU per l’abolizione degli ordigni nucleari;

-ha accettato che vengano collocati in Italia i nuovi missili nucleari;

-ha deciso di comperare gli F -35, definiti oggi ‘irrinunciabili’, mentre durante la campagna elettorale erano “strumenti di morte”;

-continua a vendere le bombe all’Arabia Saudita che le usa per bombardare lo Yemen in violazione della legge 185/90, che vieta la vendita di armi ai paesi in guerra (i 5 Stelle durante la campagna elettorale ne avevano chiesto “ l’embargo totale”);

-ha deciso di lasciare i soldati in Afghanistan, mentre il ritiro dei nostri soldati da quel paese era stato il cavallo di battaglia dei 5 Stelle.

Abbiamo scritto, a nome dei centomila che hanno marciato alla Perugia –Assisi, sia al Governo che al Parlamento perché riceva due delegazioni alle quali dare risposte a queste domande. A tutt’oggi , silenzio! E’ il tradimento di questo governo!

Mi appello altresì alle comunità cristiane che facciano tesoro delle forti prese di posizione di Papa Francesco sulla guerra e sulle armi. E’ un magistero il suo, di una lucidità e forza straordinaria. Mi auguro che questo venga presto percepito dai sacerdoti e dai fedeli.

“Offrire la pace è al cuore della missione dei discepoli di Cristo”, afferma Papa Francesco nel suo messaggio per la Giornata Mondiale della Pace 2019.

E allora mettiamoci insieme, credenti e non, per un impegno serio contro la folle corsa agli armamenti, soprattutto nucleari, foriera di nuove e micidiali guerre.

Che il 2019 sia un anno di mobilitazione popolare per la Pace!

.

1 gennaio 2019

.

.

.

.