Feb 18 2016

Il referendum sulle trivellazioni petrolifere. Di che si tratta?

.

.

Referendum-no-triv

.

Il 17 aprile si vota per il referendum sulle trivellazioni petrolifere

di Pio Russo Krauss

Il Governo ha deciso: il 17 aprile si voterà il referendum sulle trivellazioni petrolifere. Di che si tratta? Per spiegarlo bisogna fare qualche passo indietro.

Ricordate lo Sblocca Italia? Il decreto di 296 pagine sugli argomenti più disparati diventato legge nel 2014? Questo discusso decreto (vedi i nostri messaggi del 6/11/2014 e del 28/5/2015) permette di ricercare ed estrarre petrolio anche ad una distanza dalla costa e da aree marine protette minore di 12 miglia, anche nei parchi nazionali e nelle aree protette, anche se la Regione è contraria. Contro l’approvazione di questo decreto si erano espresse le associazioni ambientaliste, quelle turistiche (es. il Touring Club Italia), centinaia di comitati locali, la Conferenza delle Regioni, le Conferenze episcopali di Abruzzo e Molise (due delle Regioni più tartassate dal decreto), intellettuali ecc.

Successivamente all’approvazione del decreto, 10 Regioni (Liguria, Veneto, Marche, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria Sardegna) hanno presentato richiesta di 6 referendum.

Il Governo, per paura di perdere, ha inserito nella legge di stabilità alcune disposizioni, quali il divieto di ricerca ed estrazione nella fascia di 12 miglia dalla costa e dalle aree marine, il coinvolgimento delle Regioni ecc. che in parte accolgono le richieste delle Regioni e degli ambientalisti. Dei 6 referendum è stato così ammesso solo uno (su altri due la Corte Costituzionale si dovrà esprimere tra pochi giorni).

Il referendum del 17 aprile chiede che sia abrogata la norma che stabilisce che le concessioni alla ricerca e all’estrazione siano a tempo illimitato. Va detto, infatti, che il Governo ha chiuso le stalle dopo che ha fatto uscire le vacche: al 31 dicembre 2015 aveva già concesso, secondo le vecchie norme dello Sblocca Italia, 90 permessi sulla terra ferma e 24 in mare (una concessione permette di ricercare petrolio nel Golfo di Taranto a solo 1,16 miglia da un’area protetta, il Sito di Importanza Comunitaria “Amendolara”). Se passa il referendum tutte queste concessioni possono essere ridiscusse, se non passa, le aziende petrolifere avranno mano libera. Insomma, come ha detto il WWF, il Governo ha fatto il furbo: si è affrettato a concedere quante più autorizzazioni è possibile, senza rispettare il limite dei 12 Km, senza sentire le Regioni ecc. e poi ha concesso quello che chiedevano gli ambientalisti e le Regioni, quando ormai i giochi erano compiuti. Ovviamente non ha potuto concedere che le autorizzazioni fossero a tempo e ridiscutibili, perchè avrebbe vanificato tutta la sua strategia.

Un sondaggio ha evidenziato che oltre l’88% degli italiani è contrario alle ricerche petrolifere in mare sotto le 12 miglia. Quindi vittoria facile del referendum? Tutt’altro. Il Governo, malgrado i molti appelli ad accorpare le elezioni amministrative col referendum, ha deciso che questo si terrà prestissimo, il 17 aprile. Appare chiaro che Renzi cerca di fare in modo che non si raggiunga il quorum del 50% dei votanti. E per farlo fa spendere agli italiani circa 350 milioni di euro (tanto si sarebbe risparmiato se si accorpavano le due votazioni in un unico giorno). Inoltre, se la Corte Costituzionale desse il via libera agli altri due referendum, questi non potrebbero tenersi il 17 aprile, perché la data è troppo vicina, quindi altri 350 milioni da spendere inutilmente.

Nel merito di questa strategia pro-petrolio del Governo va detto che:

  1. i giacimenti di petrolio quasi certi (probabilità al 90%) non sono molti in Italia (coprirebbero il fabbisogno di petrolio dell’Italia per soli 3 mesi). Secondo stime ottimiste si potrebbero trovare giacimenti che riuscirebbero a coprire il fabbisogno nazionale al massimo per 2-3 anni.

  2. Il petrolio italiano non è di buona qualità. Quello Adriatico è troppo denso: l’indice API è 9, quando un petrolio di buona qualità ha un indice superiore a 40. Quello della Val d’Agri è migliore (più fluido), ma, come il resto del petrolio italiano è ricco di zolfo. Quindi i costi di raffinazione e il suo impatto ambientale sono alti.

  3. Varie zone nelle quali sono stati concessi autorizzazioni alla ricerca sono interessate da fenomeni di subsidenza (abbassamento del terreno) che verrebbero peggiorati dall’estrazione del petrolio.

  4. Il Mediterraneo è un mare chiuso e l’Adriatico è ancora più chiuso. Tutte le zone interessate da ricerche petrolifere sono zone sismiche. Le possibilità di incidenti non sono quindi remote e i danni sarebbero ingentissimi.

  5. Tra le principali argomentazioni addotte da esponenti del Governo e della lobby petrolifera quando è stato varato lo Sblocca Italia c’era questa: bisogna affrettarsi ad estrarre petrolio nel Mare Adriatico, perché la Croazia si è già attivata e noi rischiamo di trovare i pozzi a secco, avendo solo i rischi e nessun beneficio. Ora il nuovo Governo della Croazia ha annullato tutte le concessioni e ha deciso che preferisce salvaguardare il turismo piuttosto che imbarcarsi in un’impresa incerta e poco remunerativa.

  6. L’Italia ha qualcosa di molto più prezioso e duraturo di qualche giacimento di petrolio: ha il mare, le spiagge, la costa, i borghi, i paesaggi mediterranei e ha la pesca (frutti di mare, pesci, crostacei). Il turismo e la pesca sono due settori economici importanti, che producono ricchezza e danno lavoro a tantissime persone. Il turismo produce ogni anno il 10% del nostro PIL e dà lavoro a 2.619.000 persone [1]; la pesca produce il 2,6% del PIL è dà lavoro a 325.000 persone [2], il solo prelievo di molluschi bivalvi con draga idraulica nell’Adriatico dà lavoro a 4.600 persone [3]. Purtroppo negli ultimi anni l’Italia ha perso posizioni. Nel Brand Index (la graduatoria dei Paesi turisticamente più “appetibili”) del 2005 l’Italia era al primo posto, nel 2007 al quinto, nel 2009 al sesto, nel 2011 al decimo, nel 2013 al quindicesimo e nel 2015 al diciottesimo. Secondo le graduatorie del World Economic Forum settore Travel & Tourism, nella «sostenibilità ambientale» siamo al 53° posto, nell’indice «Applicazione delle norme ambientali», all’84º.

Insomma lasciamo andare alla malora la nostra ricchezza più importante – il paesaggio, inteso come bene naturale, ambientale, culturale, storico, artistico – e la mettiamo ancor più a rischio per avere un poco di petrolio di qualità scadente, quando il futuro è delle energie pulite e rinnovabili.

.

.

Fonti: 1) World Travel & Tourism Council 2013; 2) INAIL: Secondo rapporto Pesca 2011; 3) Impresapesca: Pesca dei molluschi bivalvi con draga idraulica in Adriatico, 2015

.

Fonte: Associazione Marco Mascagna

.

.

.

.


Feb 17 2016

Mi dispiace mamma…

.

.

immigrato in mare

.

Mi dispiace mamma,                                                                                                                                                                                  perché la barca è affondata e non sono riuscito a raggiungere l’Europa.
Mi dispiace mamma, perché non riuscirò a saldare i debiti che avevo fatto per pagare il viaggio.
Non ti rattristare se non trovano il mio corpo, cosa potrà mai offrirti,
se non il peso delle spese di rimpatrio e sepoltura?

Mi dispiace mamma,
perché si è scatenata questa guerra ed io, come tanti altri uomini, sono dovuto partire.
Eppure i miei sogni non erano grandi quanto quelli degli altri…
Lo sai, i miei sogni erano grandi quanto le medicine per il tuo colon e le spese per sistemare i tuoi denti…
A proposito… i miei denti sono diventati verdi per le alghe.
Ma nonostante tutto, restano più belli di quelli del dittatore!

Mi dispiace amore mio,
perché sono riuscito a costruirti solo una casa fatta di fantasia:
una bella capanna di legno, come quella che vedevamo nei film… una casa povera,
ma lontana dai barili esplosivi, dalle discriminazioni religiose e razziali,
dai pregiudizi dei vicini nei nostri confronti…

Mi dispiace fratello mio,
perchè non posso mandarti i 50 euro che avevo promesso di inviarti ogni mese per farti divertire un po’ prima della laurea…
Mi dispiace sorella mia, perché non potrò mandarti il cellulare con l’opzione wi-fi, come quello delle tue amiche ricche…

Mi dispiace casa mia, perché non potrò più appendere il cappotto dietro alla porta.
Mi dispiace, sommozzatori e soccorritori che cercate i naufraghi,
perché io non conosco il nome del mare in cui sono finito.
E voi dell’ufficio rifugiati invece, non preoccupatevi,
perchè io non sarò una croce per voi.

Ti ringrazio mare,
perché ci hai accolto senza visto né passaporto.
Vi ringrazio pesci,
che dividete il mio corpo senza chiedermi di che religione io sia o quale sia la mia affiliazione politica.
Ringrazio i mezzi di comunicazione,
che trasmetteranno la notizia della nostra morte per cinque minuti, ogni ora, per un paio di giorni almeno.
Ringrazio anche voi, diventati tristi al sentire la nostra tragica notizia.
Mi dispiace se sono affondato in mare.

(Anonimo siriano)

.

.

.

.

.


Feb 13 2016

Anonymous Italia attacca il gruppo di Equitalia

.

.

Anonymous-italia

.

Equitalia: NON sei equa….sei OUT !

“Salve Equitalia,
Noi siamo Anonymous.

In silenzio, per lunghi anni vi abbiamo osservato porre in essere le più spregevoli azioni nei confronti di onesti cittadini, onesti imprenditori, talmente oberati da questo sistema a cui voi fate capo, da non poter più sostenere la propria stessa esistenza.
I suicidi ormai non si contano più, e con esso i metodi utilizzati: dal gas al bruciarsi in auto o gettarsi da un palazzo per l’esasperazione, non fanno più notizia. Ciò nonostante, lo stillicidio della vostra azione, dietro la quale si cela lo stato italiano, continua a mietere vittime solo ed esclusivamente tra la povera gente, tra i nostri concittadini.

Come sempre, la tirannia del nostro governo si esprime attraverso manifestazioni di forza volte unicamente ad opprimere il già misero popolo italiano. Laddove invece la legge viene calpestata dalle grandi multinazionali mondiali, tra le quali è il caso di citare Amazon e Google stranamente lì l’azione diviene poco limpida ed offuscata e si perde per la via.  Se la matematica non è ancora un opinione, basterebbe tassare equamente questi due colossi per far vivere un pò meglio tutti gli italiani.

Certo si comprende: è assai più agevole per voi procedere a  pignoramenti del quinto dello stipendio di un povero operaio che deve mettere il piatto in tavola per i propri figli o al sequestro di capannoni e macchinari di un piccolo imprenditore che deve pagare gli operai tutti i mesi piuttosto che impelagarsi a districare il  complicato marchingegno di scatole cinesi che compongono l’organigramma di questi colossi societari che è creato per il solo ed unico scopo di evadere le tasse in Italia.

La fantomatica web tax è rimasta un’idea campata in aria. Il nostro primo ministro ha cose più importanti a cui pensare: accontentare i grandi elettori, i grandi gruppi industriali, quelli che lo sostengono al potere ed al contempo deve studiare la notte come poter meglio raggirare gli italiani ai quali nel frattempo per tenerli buoni gli dà 80 euro o 500 euro a seconda dell’età.

E ovviamente deve anche pensare a trovare i soldi per fare la famosa statua a Marchionne, se la merita tutta, mentre acquista un aereo privato con cui girare il mondo a spese del bilancio pubblico. Fondi che potrebberò essere impiegati in modo molto più produttivo: ad esempio per opere nei territori ad alto dissesto idro-geologico, e per ripristinare l’erogazione dell’acqua in zone del paese come la Sardegna dove l’acqua manca ai cittadini da giorni. Per non parlare poi di concrete e serie leggi a sostegno dell’occupazione.

Forte con i deboli e servo dei potenti, niente di nuovo sotto il sole. Sei un artista, Renzi.
Da circo sì, ma pur sempre artista: un pagliaccio.

Siamo stanchi di tutte queste disparità di trattamento, di questa legge che legge non è, che conosce solo due pesi e due misure. Questa legge che la benda l’ha persa da molto tempo e ci vede benissimo quando si tratta di perseguitare il popolo italiano.

Renzi: tu ed il tuo governo siete imbarazzanti al pari di tutti gli altri che vi hanno preceduto.

Lotteremo  affinchè tutto questo abbia una fine: la fine di Equitalia.

Vi avevamo avvisato.
Questo è solo l’inizio.
Preparatevi.

We are Anonymous
We are legion
We do not forgive
We do not forget
Expect us
.
#gruppoequitalia.it DOWN !!
Oooops We did it again, ;)”
.
.
.
.
.
.


Feb 13 2016

Turchia: stop ad orrore e repressione sul popolo curdo! Firma la Petizione!

.

.

donne-curde-

Donna curda torturata ed uccisa a Cizre

.

Per la pace, la democrazia e i diritti umani in Turchia. Fermare la guerra!

Con il pretesto della “lotta al terrorismo”, il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan  da diversi mesi sta portando avanti  un vero e proprio progetto di terrore e di guerra nel suo paese, in particolare nella regione curda della Turchia.

Questo scoppio di violenza contro i curdi ed i popoli della Turchia può essere definito come crimine contro l’umanità e ha già fatto diverse centinaia di vittime ,tra cui molti bambini, e 200.000 sfollati. E ora, Selahattin Demirtas, co-presidente del Partito Democratico dei Popoli (HDP) che ha ottenuto il 10% alle ultime elezioni,  é direttamente minacciato dal Presidente Erdogan.

“La democrazia, stato di diritto, i diritti umani, il rispetto delle minoranze e la loro protezione” (articolo 1 bis del trattato di Lisbona) non sono garantiti in Turchia, dove vengono attaccati  attivisti progressisti di tutti i giorni, giornalisti, donne o uomini, avvocati,  uccisi, e intere popolazioni sono terrorizzate. Bombardamenti, omicidi politici, arresti e imprigionamenti di parlamentari eletti e di  giornalisti, città sotto coprifuoco e assedio, circondate dall’esercito, civili uccisi da cecchini sono diventati eventi di routine nella Turchia governata  dall’AKP.

Tutte le persone, in particolare di sinistra e le forze progressiste di opposizione ad Erdogan sono dichiarate “terroriste”. Dare notizie dei crimini AKP é proibito, editori e giornalisti sono in prigione. La libertà popolare di informazione è stata distrutta.

In totale impunità, il presidente turco ha anche attaccato i leader delle organizzazioni europee progressiste che sostengono l’ HDP, come Maite Mola, Vicepresidente del Partito della Sinistra Europea, portata davanti alla giustizia “, per aver insultato il capo dello Stato” a causa della sua partecipazione ad una manifestazione di denuncia della corruzione del governo.

Nonostante I suoi principi, in un momento in cui il mondo sta scoprendo i rapporti ambigui tra la forza al potere in Turchia e ISIS, l’UE ha deciso di riaprire il processo di adesione della Turchia all’Unione europea e monetizzare fino a 3 miliardi di euro un criterio di conservazione sul suo territorio (e in quali condizioni!)  dei migranti in fuga e dei rifugiati della guerra in Iraq e in Siria.
Noi, cittadini europei, uomini e donne di pace e di progresso rifiutiamo l’indifferenza e l’ipocrisia dei leader europei, che devono opporsi alla politica di distruzione e allo stato di terrore organizzato dal presidente turco, dal suo governo e dal suo partito islamico-conservatore, AKP.
E ‘urgente che l’UE ei suoi Stati membri adottino iniziative attive per proteggere i popoli della Turchia, soprattutto nelle province curde, per l’istituzione di un processo negoziale per la pace, la democrazia ei diritti umani in Turchia.

Per il suo successo, è essenziale che, sulla base delle esperienze passate, i negoziati di pace siano intrapresi in modo trasparente e democratico,  coinvolgendo la società civile e discutendone nel parlamento nazionale, come proposto dall’ HDP.

E ‘possibile esercitare pressioni sulle autorità turche attraverso le seguenti misure:

– Cancellazione di tutti i pagamenti di miliardi di euro in sovvenzioni alla Turchia,

– Chiedere al Governo Turco di rompere tutti i rapporti finanziari, logistici ed economici con ISIS,

– Sospendere gli  accordi di cooperazione di polizia , giudiziari e militari,

– Fermare qualsiasi discussione sul processo di adesione della Turchia all’UE fino a quando la violenza continuerà,

– La rimozione della PKK dalle liste delle organizzazioni terroristiche dell’Unione europea.

Noi, cittadini europei, uomini e donne di pace e di progresso chiediamo all’Unione europea di agire per un immediato cessate-il-fuoco in Turchia, l’instaurazione di un dialogo nazionale sul rispetto dei diritti fondamentali, espressione della libertà e della democrazia.

.

FIRMA LA PETIZIONE!

.

Fonte: change.org

.

.

.

___________________________________________________

Approfondimento:

Kurdistan

Kurdistan terra divisa, compendio storico

In Turchia orrore senza fine: sui social i corpi di donne curde torturate

Appello Internazionale del popolo curdo: “Basta massacri! Chiediamo una Commissione d’Inchiesta Internazionale Indipendente”

.

.

.

.