Dic 12 2010

Dove c’è Barilla c’è…. amianto!

.

di Helene Benedetti

pubblicato dalla testata giornalistica Reportonline

E’ più facile e veloce bonificare uno stabilimento di  9,58 ettari pieno di amianto o tappare la bocca ad un giornalista scomodo corrompendo Aruba per fargli chiudere il sito?

Per la Barilla evidentemente la seconda ipotesi è stata più conveniente. Forse pensavano che tappando la bocca ad un giornalista non ci sarebbe mai stata una cassa di risonanza… e qui si sbagliavano di grosso perché adesso metteremo in moto la macchina del fango.

La nota holding Barilla, produttrice di deliziose merendine, pasta, fette biscottate, snack, pani morbidi, sfoglie e merende varie, ha uno stabilimento a San Nicola di Melfi, in Basilicata. Lo stabilimento è pieno di amianto, ha il tetto fatto di eternit nonostante la legge 257 del 27 marzo 1992 che obbliga alla bonifica.

Con tutti i soldi che ha la Barilla, invece di bonificare lo stabilimento, preferisce pagare costose pubblicità che presentano le merendine più “sane” e belle d’Italia.

Il problema dell’eternit è che a lungo andare, si sfibra dando origine a piccolissime scaglie invisibili all’occhio umano. I frammenti volatili, possono, una volta respirati, provocare tumori alle vie respiratorie anche a distanza di anni. In questo stabilimento lavorano oltre 500 persone per un totale di 65 mila tonnellate annue di prodotto alimentare smistato nel nostro Belpaese.

Buone le Nastrine vero? Quello è l’unico stabilimento che le produce, quindi se avete mangiato le Nastrine in vita vostra, sappiate che provenivano da uno stabilimento con tetto in eternit e con moltissime probabilità, il tetto vecchio del 1987, sta già facendo svolazzare le piccolissime scaglie di amianto.

Queste non sono mie inchieste, sono inchieste del giornalista Gianni Lannes, un giornalista con la schiena dritta che lavorava per La Stampa. Il suo lavoro è stato bloccato da mazzette e intimidazioni, quindi ha deciso di continuare aprendo un sito tutto suo, un sito libero dove pubblicare le sue inchieste: http://www.italiaterranostra.it/

(leggi tutto)

.



Dic 12 2010

Fluoruro sì, fluoruro no

.

di Eileen Morgan

Il 26 ottobre 2010 l’Italia ha recepito una nuova legge europea che impone ai produttori di dentifrici al fluoro di dichiarare in etichetta, se il contenuto è tra 0,1 e 0,15%: “Bambini fino a 6 anni: utilizzare una piccola quantità di dentifricio sotto la supervisione di un adulto per ridurre al minimo l’ingerimento. In caso di assunzione di fluoruro da altre fonti consultare il dentista o il medico.” (L. 267/18 che recepisce la Direttiva 2009/129/CEE).

Negli Stati Uniti si usa invece da anni addizionare l’acqua potabile degli acquedotti con fluoruro. Sempre più città e stati stanno rendendo questa aggiunta obbligatoria per legge. Perché?

Il Centro governativo per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC), ha proclamato la fluorurizzazione dell’acqua pubblica uno dei dieci grandi successi nella salute pubblica del ventesimo secolo. I sostenitori del fluoruro asseriscono che aggiungere questo composto all’acqua previene il deterioramento dei denti, fa bene a bambini e adulti, è una pratica sicura ed efficace. Qualcuno però pensa che non sia così salutare assumere ogni giorno della propria vita fluoruro, sia ingerendolo quando si beve sia assorbendolo tramite la pelle durante la doccia o vestendo capi lavati con acqua con fluoruro. Ma esistono prove in grado di demolire decenni di propaganda pro-fluoruro?

L’Associazione Americana dei Medici (AMA) dichiara: “La AMA riconosce gli importanti benefici pubblici dell’acqua potabile adeguatamente fluorurizzata, e incoraggia i propri soci medici e le società mediche a lavorare con i dipartimenti sanitari locali e statali, gli studi dentistici e i cittadini, per assicurare un’ottimale fluorurizzazione dell’acqua potabile.”

Se l’Associazione dei medici statunitensi emette dichiarazioni tanto sicure, certamente ci saranno studi scientifici a sostegno della loro posizione, che garantiscono la totale sicurezza di tale pratica. O no?           (leggi tutto)

.

Fonte: La Leva di Archimede

.


Dic 12 2010

Petizione: Stop alla repressione su WikiLeaks

Al Governo degli Stati Uniti e a tutte le compagnie coinvolte nella repressione su Wikileaks:

Vi chiediamo di fermare, immediatamente,  la repressione contro WikiLeaks e i suoi collaboratori. Vi invitiamo a rispettare i principi democratici e le leggi di libertà di espressione e di libertà di stampa. Se WikiLeaks e i giornalisti hanno violato delle leggi essi devono  essere perseguiti nei tribunali con un giusto processo. Non devono essere sottoposti a una campagna di  intimidazione extra-giudiziale.

Abbiamo urgente bisogno di una massiccia protesta  pubblica per difendere la nostra libertà democratica. Firma la petizione per fermare la repressione – Dobbiamo raggiungere 1 milione di firme entro questa settimana!

In 24 ore abbiamo ricevuto già 300.000 adesioni!

FIRMA LA PETIZIONE

.

Fonte: Avaaz.org

.


Dic 12 2010

Wikileaks, concorrenza interna

OpenLeaks, progetto dei fuoriusciti dall’organizzazione di delatori, apre i battenti. Attaccando Assange.

.

sss

openleaks.org

.

di Claudio Tamburrino

Roma – Problemi non solo esterni per Wikileaks: alcuni ex componenti, scontenti della leadership di Julian Assange, stanno per inaugurare un’organizzazione concorrente, OpenLeaks.

Scopi identici, mezzi differenti: permettere sempre la pubblicazione di informazioni riservate fuoriuscite, non da editori bensì da intermediari, cioè non pubblicando direttamente ma permettendo ad altri di farlo.

L’obiettivo di lungo termine della nuova organizzazione, infatti, sarebbe quello di “costruire una piattaforma trasparente e forte per supportare gli informatori sia in termini tecnologici che politici. Incoraggiando al contempo altri ad iniziare progetti simili”. “Nessuna agenda politica – affermano subito dopo – a parte la diffusione delle informazioni a media e al pubblico”. In tutto e per tutto un intermediario neutrale.

In questo modo, affermano sempre le anticipazioni, gli interessati riterrebbero di “non dover subire la pressione politica cui è al momento sottoposta Wikileaks. È per esempio interessante notare come la rabbia dei politici non sia indirizzata contro i giornali che hanno pubblicato il materiale di Wikileaks”.  (leggi tutto)

.

Fonte: PuntoInformatico

.