Ott 7 2016

Prima trasmissione televisiva interamente Vegan

.

.

vegan

.

16 le puntate registrate durante il VeganFest, tanti gli ospiti e gli argomenti trattati. In ogni puntata, condotta da Renata Balducci, Presidente di Associazione Vegani Italiani Onlus, si parlerà ovviamente di etica, ma anche di cucina con gli show coking dei migliori chef vegan internazionali, di salute e in particolare di Psicoalimentazione con la Dott.ssa Marilù Mengoni nutrizionista, di sport con Maurizio Falasconi, personal trainer e di pronto soccorso animale con il Dott. Aldo Giovannella medico veterinario.Tantissimi ospiti, artisti, personaggi della cultura e dello spettacolo e una sigla originalissima interpretata in studio dalla cantante vegan Roberta Orrù.

.

DOVE GUARDARE LA TRASMISSIONE?

Partenza su Teleambiente, emittente televisiva coproduttrice del programma insieme a VEGANOK Network:

.

MARTEDI’ 11 OTTOBRE alle ore 22.00

Lazio: canale 78

Marche: canale 78

Campania: canale 78

Milano: canale 812

.

DOMENICA 16 OTTOBRE

Umbria TV: canale 10

Prossimamente

Sicilia: CTS90

Reggio Calabria: CTS90

Palermo e Provincia: AZZURRA CHANNEL canale 74

Sicilia: TELEJONICA canale 18

.

E OGNI DOMENICA ALLE 14,00 SU VEGANOK TV:

www.youtube.com/user/VeganOK

.

.

.

.

.



				

Ott 16 2011

Nuovi media, nuovi movimenti

1milione e 800mila copie in meno dei quotidiani (900 mila solo dal 2006 al 2010). E ora il colpo finale con i tagli del governo all’editoria. I giornali in cooperativa sono l’ultima voce da zittire INFORMAZIONE Dalla cultura del libro, alla dittatura dell’Auditel, fino ai social network Il medium delle rivolte ci inchioda al presente. È qui e ora, il tempo delle scelte

di Carlo Freccero

Tutti hanno recentemente sottolineato l’importanza dei social network per coordinare le rivolte spontanee nei paesi arabi, ma anche le manifestazioni degli indignados in Europa ed in America. Sicuramente i nuovi media sono una forma di comunicazione immediata che permette di indire e di coordinare in tempi brevissimi azioni sul territorio. Il problema è: siamo di fronte ad un semplice strumento di gestione delle nuove manifestazioni politiche, oppure assistiamo ad un cambiamento della politica a causa dell’influsso dei nuovi media?
Propendo per la seconda ipotesi. Sicuramente c’è del vero nell’intuizione di McLuhan che il medium è il messaggio. E sicuramente ha ragione Lyotard quando ne La condizione postmoderna scrive che sono destinate a sopravvivere solo le forme di sapere compatibili con i nuovi media. La comunicazione è importante. E proprio nella carenza di interesse per la comunicazione io vedo una delle maggiori cause di declino della sinistra.
Nel nostro passato prossimo ha prevalso la televisione generalista con i meccanismi perversi della rilevazione dell’audience e della gestione dell’opinione pubblica in termini di marketing. Oggi Internet fornisce un’alternativa poco costosa ed accessibile a tutti per comunicare, da individuo a individuo, sulla base di interessi comuni. Questi interessi possono essere solo culturali, come nel caso del culto condiviso per film, serie televisive o anime. Ma possono essere anche di impegno sociale su obiettivi limitati e condivisi, come la campagna sui referendum per il nucleare e l’acqua pubblica. I social network diffondono le idee in un pubblico già selezionato sulla base di scelte precise, e forniscono anche uno strumento di coordinamento immediato. Nello stesso tempo però selezionano obiettivi compatibili o incompatibili con questi mezzi di mobilitazione.
Vorrei fare una breve sintesi dei supporti media-politica, per capire meglio la situazione attuale. Scusate la genericità dell’analisi, ma una trattazione dettagliata richiederebbe la stesura di un saggio.
Il medium che ha contribuito di più alla formazione dell’età moderna è sicuramente il libro. Ne La Galassia Gutenberg McLuhan delinea la genesi dell’uomo tipografico.
Il libro permette un’esposizione dettagliata ed articolata delle idee, un uso rigoroso della logica, delle capacità critiche. Nello stesso tempo è alla base di progetti di grande respiro, le grandi narrazioni della modernità. La rivoluzione è una di queste narrazioni. Rispetto alle rivolte episodiche di oggi, la rivoluzione rappresenta un progetto totale e logico, articolato in senso globale rispetto a tutti gli aspetti della società esistente, e, come tale, difficile da mettere in pratica. Sono figli della cultura scritta, tutte le rivoluzioni moderne a partire dalla rivoluzione francese da cui il termine “sinistra” ha origine. Come spesso accade, il termine nasce casualmente da una situazione oggettiva. Il termine “sinistra” viene a caratterizzare la parte progressista della politica, in base al posto occupato dall’ala più radicale nel nuovo parlamento rivoluzionario. Che in qualche modo la sinistra è rimasta, ancora oggi, saldamente legata a quel periodo storico e a quei valori. Crede in obiettivi di ampia portata, rifiuta i nuovi media come sovrastrutturali, ed identifica nei programmi e nei partiti la vera natura della politica.
L’immobilità della sinistra in questo recente passato, è dovuta anche all’attenzione, tipicamente libresca, prestata alla redazione di una teoria articolata nei minimi dettagli, senza un interesse reale per il presente. (leggi tutto)

.

Fonte: il Manifesto

.


Mag 10 2011

Referendum Acqua: lo spot che andrà in Tv

Ufficio Stampa Comitato Referendario 2 Sì per l’Acqua Bene Comune

siamo molto felici di presentarvi lo spot che sarà diffuso nei messaggi autogestiti in tv. Per la realizzazione della prima parte un ringraziamento va a Astrid Lima, al Comitato di Velletri e alla Cooperativa Trasparenze; la seconda parte (infographic) è stata realizzata con copetenza e passione da Francesco Organo. Nel video che abbiamo caricato su youtube di seguito a “l’asta” sono state montate entrambe le infographic, quella relativa al primo e al secondo quesito. Negli spazi televisivi,  andranno “l’asta”+ “infographic quesito 1” oppure “l’asta”+ “infographic quesito 2”, a secondo di quanto predisposto dalle reti. Invitiamo tutti e tutte a diffondere il video il più possibile.

Luca Faenzi

.

.

.

Info: www.acquabenecomune.org –  www.referendumacqua.it

.