Mag 4 2018

Lettera aperta sull’arresto dei tre di Briançon

.

.

.

 

Lo scorso 21 aprile i militanti di un gruppuscolo neo-fascista e suprematista hanno inscenato un’operazione di “blocco delle frontiere” tra la Francia e l’Italia.

Il giorno dopo, un gruppo di abitanti delle valli vicine, impegnati nella solidarietà concreta con i migranti in transito, attraversano simbolicamente la frontiera insieme a una cinquantina di migranti e arrivano senza alcun problema fino a Briancon, dove la gendarmerie francese effettua sei fermi di polizia in maniera completamente arbitraria.

L’accusa del procuratore è semplice quanto brutale nella sua chiarezza: aiuto all’immigrazione illegale con l’aggravante di aver compiuto il fatto in maniera collettiva (“en bande organisée”).
Per tre dei fermati Eleonora, Théo e Bastien viene convalidato l’arresto, con detenzione in carcere fino all’inizio del processo che si svolgerà il 31 maggio nella cittadina di Gap. Rischiano fino a 10 anni di prigione e 750’000 euro di multa.

Noi siamo e ci sentiamo tutti gente di montagna, accompagniamo da secoli chi deve oltrepassare le frontiere per mettersi in salvo. Le montagne ci aiutano con i loro sentieri innumerevoli. Continueremo a farlo. Rivendichiamo come legittimo il nostro aiuto. Dichiariamo illegittima la legge che ci incrimina, perché contraria alla fraternità. Come in mare così in terra: dichiariamo che proseguiremo a soccorrere chi ha bisogno dei nostri sentieri.

Non esistono i clandestini. Esistono ospiti di passaggio sulle nostre montagne.

Per aderire: firmaperitre@gmail.com

(Elenco in corso di aggiornamento)

Sottoscritta tra gli altri da Erri De Luca, Andrea Segre, Fiorella Mannoia, ZeroCalcare, Nicoletta Dosio, Alex Zanotelli, Alessandro Santoro, Marco Aime, Franco Berardi Bifo, Domenico Lucano, Mauro Biani, Haidi Gaggio , Alain Badiou, Etienne Balibar, Jean Ziegler, Jacques Gaillot, Cédric Herrou

 ——————————————-

Ce 21 avril les militants d’un groupuscule néo-fasciste et suprémaciste, ont mis en scène une opération de “blocage des frontières” entre la France et l’Italie largement médiatisée.

Le lendemain, un groupe d’habitants des vallées frontalières, engagés dans la solidarité concrète avec les migrants transitant dans cette région, traversent symboliquement la frontière sans aucun problème de Clavière jusqu’à Briançon, où la gendarmerie française effectue 6 interpellations complètement arbitraires.

L’accusation du procureur est aussi simple que brutale dans sa clarté : aide à l’immigration illégale avec  l’aggravante d’avoir commis les faits de manière collective (“en bande organisée”). Pour 3 des personnes, la garde-à-vue se transforme en prison préventive jusqu’au début du procès qui aura lieu le 31 mai à Gap. Ils risquent jusqu’à 10 ans de prison et 750 000 € d’amende.


Nous sommes et nous nous sentons tous des montagnards, nous accompagnons depuis des siècles ceux qui doivent traverser la frontière pour se mettre à l’abri. Les montagnes et leurs innombrables sentiers nous aident. 

Nous continuerons à le faire. Nous revendiquons notre aide comme légitime. Nous déclarons illégitime la loi qui nous incrimine, parce que contraire à la fraternité. En mer comme sur terre: nous déclarons que nous continuerons à secourir ceux qui ont besoin de nos sentiers.

Personne n’est clandestin. Dans nos montagnes, il n’y a que des hôtes de passage.

Pour adhérer : firmaperitre@gmail.com

(Liste ci-dessous en cours de mise à jour)

 

.

.

Foto della Manifestazione del 22 aprile a Claviere-Monginevro in solidarietà ai migranti.

.

.

Fonte: firmaperitre.blogspot.it

.

 

.

.

.

.

 

 

 


Nov 29 2015

Un post su Facebook e le reazioni scomposte dei razzisti italiani

.

.

 

Photo Reuters

Photo Reuters

.

Mostrare vicinanza e solidarietà ai nostri fratelli e sorelle musulmani/e

di Francesca Del Corso

Vorrei raccontare le reazioni a un post sulla mia pagina di Facebook.
Faccio parte da anni di un piccolo gruppo che a Pisa cerca di far crescere la conoscenza reciproca nel dialogo tra la comunità musulmana e cristiana (gruppo di impegno ecumenico).
Giovedi scorso delle ragazze musulmane rientrando da una manifestazione a Lucca contro i recenti atti di terrorismo e solidarietà per le vittime, preoccupate mi hanno raccontato di esser state chiamate “isis” da alcuni ventenni loro coetanei.
Delusa del clima di terrore e della facile accusa che oramai chiunque si sente quasi in dovere di rivolgere ai suoi concittadini di fede islamica, ho scritto sul mio profilo privato di FB questo post , inavvertitamente come pubblico:

Non voglio che si ceda alla paura! Non voglio così fare il gioco dei terroristi. Esprimo la mia solidarietà ai miei concittadini di fede islamica che in queste ore sono ingiustamente accusati e malvisti. Siamo con voi, capiamo il vostro disorientamento.
Propongo una iniziativa: che ogni credente cattolico o cristiano altro, “ADOTTI” un concittadino musulmano, se ne faccia tutore e difensore da insulti ignoranti e beceri. Sarebbe bello manifestare così in piazza, a due a due.

Con anche questa precisazione:
Lavoriamoci bene, con convinzione, non deve essere uno spot pubblicitario, ma una testimonianza sentita nel cuore e duratura di quello che già siamo, concittadini uniti nella diversità di fede.

Senza avvisarmi, il post è stato malamente ripreso dal quotidiano online PisaToday e da “Il Giornale”, vi metto il link: ilgiornale.it
I commenti all’articolo sono a dir poco raccapriccianti, ma devo ringraziarli perché nel leggerli mi sono anche divertita tanto erano grandi le idiozie scritte.

Venerdi 20 mi hanno telefonato e intervistato a Caterpillar Radio2 alle 17,50 su questa mia “idea” che proprio è una banalità unica, vuole solo mostrare vicinanza e solidarietà alle mie amiche e amici musulmani, non ci trovo niente di strano nell’esprimere solidarietà e compassione a chi viene ingiustamente offeso e additato come “il male” dell’umanità. C’è bisogno di solidarietà reciproca,  non dobbiamo cedere all’odio, ci salveremo solo insieme.
Sono stata tempestata di messaggi intolleranti  e deliranti, ma è una goccia rispetto a quelli che adesso sono rivolti ai musulmani in italia!
Purtroppo sta montando un clima di intolleranza volutamente costruito e alimentato, ne intuiamo il fine ultimo e la cosa mi fa rabbrividire.
Penso che non abbiamo tempo da perdere e insieme, uomini di fede o no,  dobbiamo veramente far vedere coi fatti la nostra solidarietà.
Io sono cattolica e la mia è una fede di amore, che non odia e offre solidarietà e misericordia.

Oggi hanno messo online il podcast della trsmissione Caterpillar, questo è il link: radio2.rai.it

le domande a me sono dal minuto 13’37” al 16’18” circa.  …e non sono riuscita a dire niente di quello che in mezz’ora di preavviso avevo preparato.

Concludo dicendo che ciascuno si dovrà impegnare nella vita di tutti i giorni per tentare di superare stereotipi e luoghi comuni affidandosi al dialogo e all’incontro con i concittadini musulmani.  Non temo gli insulti, ma gli integralismi.

.

Fonte: ildialogo.org

.

.

.


Lug 23 2015

Solidarietà alla Comunità delle Piagge

.

.

Comunità

.

Comunicato stampa

Pubblicato il 23 luglio 2015

Nella notte del 21 luglio la Comunità di Base delle Piagge ancora una volta ha subito un atto di violenza e vandalismo. Sono stati rubati uno dei furgoni utilizzati per le attività di riciclaggio della cooperativa Il Cerro, l’auto privata di Alessandro Santoro prete, ed è stato portato via il distributore delle bevande del commercio equo e solidale che si trovava all’interno del centro sociale.
Le modalità con cui è stata compiuta questa azione mostrano con evidenza l’intenzione di colpire fortemente la nostra presenza nel quartiere: una finestra del centro sociale sede delle nostre attività è stata divelta, parte della parete è stata spaccata, gli armadi all’interno del centro sono stati aperti e svuotati sul pavimento, provocando ulteriori danni. Pensiamo che un’azione di questo tipo svolta nel cuore della notte non possa essere passata inosservata, e ci addolora ulteriormente l’idea che la paura possa aver portato al silenzio.
Nonostante la fatica e lo scoraggiamento che queste situazioni provocano, la Comunità continuerà nel proprio impegno per l’accoglienza, l’apertura e il suo lavoro sul territorio.

In questo momento la solidarietà che chiediamo è quella della vicinanza e della compagnia.

Invitiamo chi vuole farsi vicino a questa storia a venire a trovarci, per esempio sabato 25 luglio al mercato Solidale dell’Usato dalle 9 alle 13 o domenica mattina prima, durante o dopo la celebrazione delle 10:30, o in qualsiasi altro momento della settimana.

.

La Comunità di Base delle Piagge

.

.

.