Feb 1 2015

Expo 2015 vetrina per più di 70 multinazionali molto discusse

.

.

multinazionali-cattive

.

Expo 2015 semina veleno

La prossima Esposizione universale (Expo) avrà luogo a Milano, a partire dal 1 maggio 2015. Da sempre vetrina internazionale in grado di influenzare la società in molti dei suoi aspetti, l’Expo di quest’anno è dedicato all’alimentazione e al cibo. Dietro allo slogan che la anima, “Nutriamo il pianeta”, ci sono però molte contraddizioni

di Marzia Coronati

In Italia è sorto un movimento, composto da contadini, cittadini, agricoltori e attivisti, nato con l’obiettivo di analizzare quello che avverrà nel corso dei sei mesi di esposizione universale e proporre alternative diverse al modello dell’Expo. Il movimento NO Expo mette in luce come dietro la retorica della sostenibilità, del diritto al cibo per tutte e tutti, della difesa di un cibo buono e sano, l’Expo 2015 sarà invece vetrina per più di 70 multinazionali famigerate per operare in modo poco pulito. “C’è spazio per tutti – spiegano i rappresentanti del movimento – dalla Monsanto, la multinazionale dei semi più contestata dai piccoli contadini di tutto il mondo, alla Nestlè, che con la sua piazza tematica sull’acqua nega in essenza l’acqua bene comune, passando per Mc Donald’s che nutre il pianeta col pollo fritto; e c’è spazio anche per nomi meno noti come Mekorot, l’azienda idrica di Israele che, sottraendo illegalmente acqua dalle falde palestinesi si è macchiata di gravi violazioni del diritto internazionale e dei diritti umani”.

Oltre a criticare la scelta politica dell’Expo, il movimento propone la sua alternativa, e lo sta facendo attraverso una serie di iniziative in cui è possibile accedere a un cibo prodotto diversamente: dai mercati degli agricoltori e contadini su piccola scala della rete Genuino Clandestino, alla degustazione di pranzi e cene di osterie sostenibili e popolari. “Allo slogan Nutriamo il pianeta, noi rispondiamo con Lasciamo che il pianeta si nutra da solo, cercando di rispettare ogni giorno la natura e la biodiversità” dicono gli aderenti.

Il 24 gennaio a Firenze, Roma e Milano si sono svolti tre incontri che andavano in questa direzione. Al mercato e il pranzo organizzato a Roma è atterrata anche la valigia di Amisnet, in una sua versione provvisoria. Con tre borse frigo contenenti cavi, microfoni e mixer, i  redattori di Amisnet hanno costruito una postazione mobile attraverso cui è stata data voce al movimento NO Expo.

A questi temi è dedicata l’ultima puntata di Terranave, radiotrasmissione curata da Amisnet. Ospiti della puntata: Pippo (mercatino Terra Terra), Daniela (centro sociale Corto Circuito), Giovanni Pandolfini (Firenze Terra Bene Comune), Tonino Lepore (Genuino Clandestino).

Per ascoltare la trasmissione cliccate qui.

.

Terranave è trasmessa e diffusa da:

Radio Flash (Torino, 97.6) martedì 15 (replica martedì 20,00)
Radio Indygesta (Web Radio)
Radio Onda d’urto (Brescia, Cremona, Piacenza, 99.6) mercoledì 13,30
Basilicata Radio 2 (Potenza, 93.5) martedì 20,35
Radio Ciroma (Cosenza, 105.7) giovedì 17,00
Radio Onde Furlane (Udine, Pordenone e Gorizia, 90.0) sabato 17,30
Radio Beckwith (Torino, Cuneo, 87.8, 96.55) martedì 20,00 (in replica venerdì 7,00)
Radio Sonar (web radio) martedì 15,00
Radio Città Fujiko (Bologna, 103.1) lunedì 13,30
Radio Gold (Alessandria, 88.8, 89.1)
Radio Roarr (Web Radio) Mercoledì 18,00
Radio Booonzo (Web Radio) Venerdì 16,30

.

Fonte: comune-info

.

______________________________________________________

Approfondimento

Scopri il Marchio con Oxfam (Le più grandi compagnie alimentari del mondo sono potenti. Ma tu sei più potente di loro)

Le multinazionali più cattive del mondo

.

.

.

 


Gen 5 2015

Milano – Università Statale: sabato 17 gennaio Assemblea Nazionale NO-Expo!

.

.

NO-EXPO-colori1

.

Università Statale Milano

Sabato 17 gennaio 2015

ore 10.00/18.00

.

A pochi mesi dall’inizio di Expo2015, questioni che vengono da lontano portano i nodi al pettine.
Il percorso NoExpo è iniziato nel 2007, ben prima dell’assegnazione dell’esposizione universale a Milano, e ha accolto negli anni una pluralità di soggetti, affermando un pensiero critico rispetto alle logiche e ai processi che i mega eventi e le grandi opere impongono al tessuto sociale e urbano della città.
E’ venuto il momento di scioglierle i nodi e chiedere conto di quanto denunciamo da allora.
Sin dall’inizio abbiamo osservato come preoccupanti politiche di governo del territorio, già in essere nel tessuto metropolitano, abbiano subito un’accelerazione grazie al volano Expo, in primis il PGT, di cui è unico orizzonte progettuale e temporale. I processi di trasformazione consegnano la città alle logiche del mercato a tutto svantaggio di una sola parte della popolazione, quella che ha uno scarso potere economico. Abbiamo parlato di città vetrina per descrivere un aggressivo marketing territoriale che privilegiava il restyling delle vie dello shopping, rispetto al potenziamento dei servizi alla persona e rispetto alla riqualificazione delle periferie. Non è un caso se la lotta per la casa è diventata un’emergenza, la spina nel fianco di una metropoli proiettata verso il grande evento. Expo rappresenta un modello impermeabile al bisogno espresso dai comitati di lotta per la casa, il diritto all’abitare. Così come la crescente politica di sgomberi è funzionale a creare una città da esporre, ma non da vivere.


Expopolis: debito, cemento e precarietà, tre assi attraverso cui leggere il dispositivo Expo2015 come lo strumento utile all’appropriazione indebita di denaro pubblico, all’esproprio del verde e dello spazio pubblico, alla cancellazione dei diritti dei lavoratori. Negli ultimi mesi, è diventata evidente la necessità organizzativa del grande evento di operare in un contesto straordinario, in cui l’amministrazione ordinaria è limitata e gli strumenti democratici sospesi. Lo stato d’eccezione imposto dal commissariamento è diventato così un modus operandi che ha reso Expo2015 il dispositivo più insidioso lasciato in eredità all’intero Paese e codificato con l’introduzione del decreto SbloccaItalia. Un modello che da anni sperimenta il suo aspetto repressivo contro la lotta NoTav, attraverso la militarizzazione del territorio e la criminalizzazione del dissenso.
Abbiamo denunciato la falsità della narrazione attorno a Expo, tra sponsor imbarazzanti (Nestlè, Dupont, Coca Cola) e partner impresentabili, su tutti i rappresentanti del sionismo israeliano che saranno tra i partecipanti di rilievo e che da oltre sessant’anni derubano i palestinesi di terra e risorse opprimendo un intero popolo. Una corruzione culturale prima che politica che trova il culmine con il protocollo sindacale d’intesa per Expo2015, antesignano per contenuti del JobsAct; un accordo che limita i diritti, impone il lavoro gratuito per il “bene collettivo” (a vantaggio di una Spa) e attacca il diritto di sciopero. Un modello che gli studenti stanno ostacolando e boicottando, perché dietro a parole come solidarietà e altruismo, si trasforma la scuola in una risorsa al servizio del mercato e non del sapere, e l’università in una macchina che genera precar@. “Io non lavoro gratis per Expo” e’ lo slogan che accompagna una mobilitazione che vuole minare le basi di un sistema di precarizzazione diffusa.
Immaginari e materialità del mega evento non sono intoccabili però. Una testimonianza su tutte, è la lotta NoCanal contro la via d’acqua di Expo2015, che ha reso evidente la possibilità di creare un’opposizione sociale ad una grande, inutile e dannosa opera: un’opposizione in grado di resistere per mesi e di ottenere sostanziali vittorie, tuttora in sospeso, ma utili a fornirci un precedente che ci racconta una storia in cui il termine “resistenza” non coincide con velleitarismo.


Abbiamo dichiarato il nostro 2015 NoExpo pubblicamente nel corso dei NEDs, lo scorso maggio, lo abbiamo ribadito in piazza il 12 ottobre scorso e durante lo sciopero sociale, il 14 di novembre. La Rete dell’Attitudine NoExpo si muove per contrastare la pervasività di Expo attraverso un’azione che inevitabilmente avrà nel 1 maggio 2015, nei giorni a precedere e in quelli a seguire l’apertura dei cancelli del grande evento, un momento cruciale, ma che guarda, ben al di là di Expo, a un’altra idea di città.
Le differenti declinazioni con cui la Rete sta configurando il NoExpo stanno producendo un piano di avvicinamento e varie proposte di iniziativa. Invece che “Nutrire il Pianeta” nutriremo il conflitto aprendoci a tutt@ coloro che vorranno condividere le pratiche da mettere in campo in questo fondamentale momento crocevia delle trasformazioni economiche e sociali di questo paese ed oltre.
L’ambizione di costruire un’opposizione sociale a Expo2015 e al sistema di potere che lo regge riguarda tutta Italia. Così come il paradigma Expo e il modello Milano è oggi la punta di diamante di una strategia, allo stesso modo in tutto il paese ci si oppone alle grandi opere, a partire dalla Val di Susa e dal suo esempio virtuoso di lotta popolare vincente. Vorremmo che tutto il paese sentisse propria la campagna di avvicinamento al 1 maggio, la costruzione delle giornate di maggio e dei sei mesi successivi e di quanto verrà dopo, facendo delle differenze la risorsa per la costruzione di una intelligenza e di un potenza collettiva in grado di dare vita a pratiche comuni.

Il 17 gennaio prossimo vogliamo rilanciare analisi e concetti sinora espressi, approfondire le diverse tematiche che costituiranno l’alternativa a questo modello di sviluppo, intrecciarci con altre realtà di lotta per portare avanti un cammino in direzione, verso e oltre Expo2015, in grado di divenire strumento per un cambio di rotta non più rinviabile.
A Milano, nell’intero paese, ovunque. Vogliamo portare avanti questi ragionamenti e condividere le proposte in una giornata di confronto, il 17 gennaio all’Università Statale di Milano, dalle 10.30 della mattina con workshop tematici, al pomeriggio con un’assemblea nazionale che condivida e definisca il programma delle iniziative.


Nel 2015 l’uscita dalla crisi sociale percorre anche la strada dell’opposizione ad Expo!

.

Fonte: Facebook Comitato NoExpo   —-> Partecipa all’Evento!

.

.

.

.

 


Ott 10 2014

In attesa dell’Expo 2015 si riparla degli OGM

.

.

Expo_2015_Milano

.

Se(mi)natrice a vita. Di Ogm

La prismatica vicenda Ogm non smette di offrire spunti e angoli di visuale. Il protagonismo in materia sulle pagine di Repubblica della Senatrice Cattaneo ne è fertile esempio, analogo a quello dell’ex Senatore Umberto Veronesi, da tempo lanciato nella promozione taumaturgica di Ogm al di là da venire (semmai arriveranno). Sarà l’imminenza dell’Expo 2015 di Milano dedicato al tema del cibo, sarà l’effervescenza del dibattito sulle colture transgeniche, sarà la fame di polarizzazione di cui si saziano i media, sarà l’autorevolezza della firma a doppia qualifica di scienziati e legislatori, ma la numerosità, periodicità e tempestività dei commenti a tema Ogm è degna dei più attivi blogger.
Non vi è dubbio alcuno che ogni materia di rilevanza sociale debba aprirsi a un confronto cui ognuno è abilitato a contribuire, sulla base delle proprie convinzioni, esperienze, ragionamenti, informazioni, timori. Se ha competenze specifiche, meglio, pur non essendo prerogativa di legittimità. Vale per gli Ogm come per le staminali. Gli articoli della Senatrice Cattaneo rientrano di diritto tra i contributi pieni di liceità, incluso il fatto che rivendichi di esercitare la propria convinzione scientifica in un ambito assai diverso da quello di sua pertinenza disciplinare. Presentano però una protervia carica di scientismo e tendono a giocare il ruolo di ariete di sfondamento sull’opinione pubblica in virtù del suo alone di scienziata, tanto più nobilitata dall’insigne riconoscimento a Senatrice a vita, che conferisce al suo parere una presupposta oggettività e terzietà, quindi rispettosità nella società della chiacchiera in cui viviamo.

Da operatore del mondo della ricerca, mi interessa proprio confrontarmi sulla base delle evidenze e delle valutazioni di opportunità con le molte affermazioni che la Senatrice Cattaneo presenta nel suo ultimo contributo su Repubblica del 4 ottobre 2014, nella convinzione che contenga considerazioni erronee, approssimative o fuorvianti, oltre a latitare di fatti, dati e statistiche sulla base dei quali dichiara si debbano assumere le decisioni di sviluppo e le scelte produttive.

La prima considerazione, in ordine di apparizione e di importanza, è che a fronte di una prolungata crisi economica non si possa non aprire agli Ogm, un assioma non spiegato e certo non suffragato dal citato deficit del nostro agroalimentare che resterebbe immutato per caratteristiche e dimensioni aprendo o meno al transgenico. Elefantiasi dell’apparato zootecnico industriale, eccesso di produzione e consumo di prodotti animali, mortificazione della dieta animale sostanzialmente ridotta a ‘bifagia’ di mais e soia, abbandono di una strategia sulla coltivazione di proteine vegetali in Italia e in Europa a fini di alimentazione umana e zootecnica, non sembrano meritare attenzione e approfondimento.
Gli Ogm vengono poi qualificati come un fatto nuovo, pur sottolineando che da circa 15 anni abbiamo evidenza della loro innocuità. Questo ‘fatto nuovo’ è presente in commercio da 20 anni nella stessa identifica forma dei suoi esordi ed è frutto di una ricerca & sviluppo che data anni ’80. Gli Ogm con cui oggi ci confrontiamo altro non sono che la novità di 30 anni fa.
La Spagna e gli Usa sono inoltre presentati come la vetrina che espone la mercanzia di successo, ma forse è utile adottare un altro angolo visuale che il settore biologico può offrire. In Spagna l’introduzione del mais transgenico ha determinato una coesistenza tutt’altro che pacifica (secondo l’auspicio che, in piena guerra fredda, formulava Krusciov) nel conflitto tra mais GM e biologico. La perdita di mercato per le coltivazioni biologiche che si è registrata nel Paese iberico con l’espansione della coltivazione di mais MON810 e con le contaminazioni da questo determinato nei fatti, ha comportato un evidente danno economico relativo alla perdita di certificazione da parte del coltivatore, la conseguente commercializzazione a prezzo inferiore delle partite vendute come convenzionali e l’abbandono di ampie superfici a mais biologico.

Questo è dovuto in buona parte alla ‘natura’ stessa delle colture transgeniche, ma sembra anche frutto di un inadeguato sistema di governance, facendo emergere un quadro di inadeguata vigilanza e verifica di eventuali impatti negativi di carattere ambientale e socioeconomico. Un aspetto spesso poco considerato è inoltre la conflittualità generata dall’introduzione di coltivazioni transgeniche sia tra aziende che nel quadro più generale del contesto territoriale. Dispute tra agricoltori si sono già generate in Spagna, dove si è diffuso un certo grado di timore, e studi dell’Università di Barcellona hanno messo in luce diversi casi di conflitto nelle aree rurali spagnole3. Gli Stati Uniti, terra di adozione degli Ogm, sono un altro caso interessante. Un recentissimo rapporto del Dipartimento dell’Agricoltura (USDA) dedicato alle performance economiche della coltivazione del mais in un Paese dove la coltura è al 90% Ogm4, indica un guadagno netto medio per acro (circa 0,4 ettari) dei coltivatori biologici pari a 555$ contro i 307$ dei loro colleghi maidicoltori transgenici5.
Già, il biologico, di cui la Senatrice si dice ‘non contraria’.

E meno male! Traducendo in soldoni le considerazioni scientifiche della Senatrice Cattaneo, il biologico è cancerogeno, costoso, elitario e lui stesso infarcito di Ogm. Cancerogeno perché il mais si riempie di micotossine, incluso quello convenzionale che in più è imbottito di pesticidi (caduti in disgrazia con l’avvento degli Ogm anche tra coloro che prima ne rivendicavano l’ineluttabilità). Sarebbe utile acquisire studi sui livelli comparati di micotossine tra tipologie di coltivazione realizzate su scala commerciale e non sperimentale; sarebbe utile capire quanta parte della coltivazione di mais sarebbe destinata all’alimentazione umana, quanta a quella animale e quanta a quella quota crescente di impianti energetici a biomassa che vanno riempiendo la Pianura Padana; sarebbe utile distinguere le diverse tipologie di micotossine in funzione della loro cancerogenicità e del grado di protezione offerta dal mais Bt (si scoprirebbe, ad esempio, che le aflatossine, la classe ad alta cancerogenicità, non sono efficacemente arginate da eventuale uso di mais Bt6, con buona pace di Umberto Veronesi7); sarebbe utile ragionare sulla diversificazione colturale, sulle buone prassi agronomiche e di conservazione; sarebbe utile, infine, ricorrere ad argomenti meno strumentali e carichi di emotività. Il biologico ‘costoso’ (non necessariamente, a seconda dei canali di vendita, e con una forbice che va restringendosi, dato il calo del differenziale percentuale negli ultimi 3 anni8), poi, internalizza costi ambientali e sanitari che le restanti filiere lasciano a carico dei cittadini e dell’erario (sarebbe inoltre interessante un confronto tra spesa al consumo per unità nutrizionale di cibo acquistato).

Elitario, laddove la Senatrice indica in un mero 2% la popolazione che ne fa uso, poi proprio non lo è: in primis, le elaborazioni Nomisma-Sana9 (2014) parlano di una ben più alta percentuale di popolazione italiana che acquista prodotti bio, con il 21,8% delle famiglie che lo fa almeno una volta alla settimana e il 12,9% ogni giorno; secondariamente, uno studio Nomisma10 rivela che tra le famiglie che acquistano bio ve ne sono almeno 4 milioni individuabili come “fedeli”, perlopiù famiglie giovani, tra i 30-40 anni, con figli piccoli in età pre-scolare, dove la quota di vegetariani è più alta della media (16% a fronte del 7% nella popolazione) e con stili di vita sostenibili. Quelle stesse mense scolastiche che servono pasti bio ai bambini in numerose località italiane rendono inoltre il bio un fenomeno di cittadinanza e un investimento in salute (di cui dovrebbe in futuro giovarsi il bilancio sanitario del Paese). Per finire, gli Ogm sono banditi dal bio: non si possono coltivare in aziende biologiche in nessun Paese al mondo, sono esclusi per ragioni etiche e sociali, ancor prima che ambientali, economiche ed agroecologiche. Vero che il Regolamento comunitario, in via di revisione, ammette una soglia dello 0.9% per gli Ogm autorizzati, ma il paniere biologico che prevalentemente entra nelle case e nei pasti non prevede soia, mais, colza o cotone; il sistema di controllo verifica se vi è traccia di transgenico nella mangimistica, pena esclusione della certificazione; molti produttori zootecnici bio si avvalgono di foraggi e mangimi che escludono ‘materie prime’ a rischio proprio per fugare anche pericoli remoti. Mangi con fiducia un salame bio, Senatrice, e poi ci dica, in punta di scienza, se sente o meno il gusto di Ogm, come da lei stessa ipotizzato nel suo articolo.

Un’ultima considerazione sul profilo sanitario degli Ogm: non c’è pistola fumante della loro nocività, vero, ma non c’è neanche consenso scientifico e tanto meno pietra tombale. Laddove studi vengono pubblicati evidenziando alcune problematiche sanitarie, gli autori vengono fatti oggetto di killeraggio scientifico sistematico, intimidendo ulteriori ricercatori e ponendo un enorme e devastante problema di agibilità scientifica per saperi ed evidenze controcorrente o, più correttamente, contrari a imponenti interessi economico-industriali. Venderne comunque la loro innocuità a fronte del fatto che negli Usa li consumino da oltre 20 anni (non da noi, Senatrice, lo chieda alle autorità sanitarie italiane ed europee che verificano costantemente l’osservanza agli obblighi di etichettatura dei prodotti Ogm e lo confronti con l’assenza totale di Ogm sugli scaffali dei rivenditori di alimenti) fa spregio di ogni criterio scientifico legato ad indagini epidemiologiche e alla raccolta di evidenze su campioni di popolazione esposta a fronte di un omologo campione di controllo.
Spero convintamente che gli Ogm, comunque destinati in grandissima parte alla mangimistica animale o ad usi industriali, non si rivelino una bomba sanitaria a orologeria, ma la questione è un’altra: ci si ostina a non capire che per l’Italia, come per molti altri Paesi, la scelta ha valore strategico; di posizionamento del sistema agroalimentare; di rispetto della sovranità alimentare dei cittadini; di inversione dei rapporti di forza e potere intorno al cibo; di traiettorie di innovazione che non si esauriscono, come lascia ad intendere, a una sola tecnologia peraltro datata; di regole che impediscano che i vasi di ferro mandino in frantumi quelli di porcellana. È il caso della coesistenza, Senatrice, che lei assiomaticamente stabilisce sia possibile: lo chieda ai produttori biologici spagnoli!
Spero apprezzi l’impegno a evitare l’emotività e a ricorrere a fatti e numeri. Qui ci si è sforzati di Exporli.
Distinti saluti.
p.s. sul come si misuri un tanto al chilo l’autorevolezza scientifica, sua o di Vandana Shiva, meglio invece astenersi

A cura di Luca Colombo

.

Fonte: AIAB  Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica

.

.

.


Dic 27 2010

I consumatori critici scrivono a Nestlé

Questa lettera aperta, redatta a partire dall’articolo “La fame secondo Nestlé”, pubblicato sul numero di settembre di Altreconomia, è stata inviata ai 12 Provveditorati allo studio delle Province della Lombardia, a 190 dirigenti scolastici e agli assessori all’istruzione e cultura di Milano e della Province lombarde dalle organizzazioni firmatarie, che sono in calde.

.

.

Ai Provveditori agli Studi delle Province della Lombardia, agli assessori all’istruzione e cultura  di Milano e delle Province lombarde

.

in un articolo del numero di settembre di Altreconomia leggiamo che la Nestlé, complice l’Expo, si propone ai bambini delle scuole come “maestra” di educazione alimentare, e agli studenti di alcune università detta i contenuti delle ricerche che devono fare e dell’impostazione da dare (con buona pace della libertà di ricerca). E’ infatti sponsorizzato dalla Nestlé l’opuscolo “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, distribuito dalla società Expo 2015 a 180mila bambini della scuola primaria della Lombardia, e sempre Nestlé, insieme ad altre multinazionali quali Unilever, Heineken, Citterio ecc., parteciperà alla formazione e all’indirizzo delle ricerche degli studenti di Scienza dell’alimentazione dell’università campus biomedico di Roma.

Come probabilmente sapete, la Nestlé è oggetto da oltre 30 anni di una campagna di boicottaggio internazionale, e i motivi non mancano. Eccone una sintesi.

DIRITTI DEI CONSUMATORI

° L’accusa principale rivolta a questa multinazionale è sempre stata quella della promozione commerciale scorretta del latte in polvere per neonati e bambini, violando (come peraltro diverse altre imprese del settore) il Codice Oms sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno. Questi comportamenti commerciali che scoraggiano l’allattamento al seno, contribuiscono ogni anno, secondo l’Unicef, l’Oms e le più prestigiose riviste mediche internazionali, alla morte di circa un milione di bambini sotto i 5 anni nel mondo, principalmente a causa di gastroenteriti, polmoniti e malnutrizione. Sono numerosi, negli ultimi 30 anni, i tentativi della Nestlè e di altre multinazionali del settore di impedire a governi di vari paesi (Pakistan, Zimbabwe, Sudafrica, Filippine) di adottare ed applicare leggi nazionali sulla falsariga del Codice Internazionale Oms, con pressioni e ritorsioni di vario tipo. Le continue violazioni del Codice Internazionale da parte di Nestlè sono documentate ogni 3-4 anni dalla rete IBFAN (International Baby Food Action Network) nella pubblicazione “Breaking the Rules”.

° Dopo una prima multa nel 2001, nell’ottobre 2005 Nestlé Italia, insieme a Heinz Plasmon, Nutricia, Milupa, Humana e Milte è stata multata dall’antitrust per complessivi 9,7 milioni di euro per aver costituito un “cartello” finalizzato a mantenere  in Italia i prezzi del latte per neonati più alti (tra il doppio e più del quadruplo) degli altri paesi europei. I prezzi del latte in polvere continuano ad essere in Italia più alti che nei paesi vicini. La Nestlè e le altre ditte continuano a fornire agli ospedali latte per neonati gratis o a prezzi fortemente ribassati per mantenere le loro quote di mercato a danno di altre ditte, ma soprattutto dell’allattamento al seno. Le continue violazioni del Codice Internazionale in Italia sono documentate dalle pubblicazioni di Ibfan Italia “Il Codice Violato”, l’ultima delle quali risale al 2008.
(leggi tutto)

.

Fonte:  Altraeconomia

.