Dic 8 2013

Anonymous #dicembre 2013 – mese da ricordare per l’Italia e l’Europa

.

.

.

Anonymous Utimatum all’Italia dicembre 2013

.

.

 

.

Fonte: Anonymous (Il Repubblico)

.

.


Giu 17 2013

Ambiente: facciamo diventare l’ecocidio un crimine. Firma la Petizione Europea (ECI)!

.

.

ecocidio

.

È nelle tue mani

La distruzione del nostro ambiente è un crimine. I responsabili di questo crimine devono essere chiamati a risponderne. È un crimine che ha un nome: Ecocidio.

Eco-cidio deriva dal greco antico oikos, cioè casa, e dal latino caedere, che significa abbattere, demolire, uccidere. Tradotto letteralmente, l’ecocidio equivale a uccidere la nostra casa.

Avvalendoci del nostro diritto di cittadine e cittadini europei, abbiamo proposto all’Unione Europea una legge che miri a far diventare l’ecocidio un crimine. Non possiamo, però, portare questa visione a compimento da soli. Abbiamo bisogno del tuo voto per far sì che l’Unione Europea consideri la nostra proposta. Fai uso del tuo diritto sancito per legge a partecipare nelle decisioni politiche dell’Unione Europea votando per fermare l’ecocidio.

Perchè abbiamo bisogno di una legge sull’ecocidio:

  • prenderci la propria responsabilità nei confronti delle generazioni a venire
  • preservare e proteggere la biodiversità
  • permettere la trasformazione verso la green economy
  • favorire un cambiamento delle mentalità e dei valori, per far sì che i diritti della nostra Terra siano finalmente riconosciuti.
  • per adottare un approccio olistico, omni-comprensivo alla natura (nella legislazione attuale, al contrario, sono protetti solo elementi singoli dell’ambiente, come la fauna, la flora e il terreno, ma non l’intero ecosistema

.

 FIRMA ORA

signnowv2-green

FIRMA ORA

.

.

VIDEO

.

.

Fonte: Fermiamo l’Ecocidio in Europa

.

 

 


Mag 6 2013

Bologna 11 maggio. Cremaschi: Per costruire la sinistra che dice No all’Europa

.

Bologna 11 maggio

.

di Giorgio Cremaschi

Se qualcuno davvero aveva creduto che il nuovo governo si distaccasse di qualche centimetro dal percorso segnato dal governo Monti, ora dovrebbe ammettere di essersi sbagliato. Il patetico viaggio in Europa di Enrico Letta ha dimostrato che non c’è trippa per gatti. Chi è che diceva che dobbiamo rinegoziare? Cosa poi? Quante inutili chiacchiere. Noi non abbiamo goduto neppure del parziale indulto della pena concesso a Francia e Olanda. Se rispettiamo quel rigore che ha prodotto in Italia la più grave depressione dagli anni trenta del secolo scorso, ci tolgono dalla procedura d’infrazione, cioè ci lasciano esattamente come siamo ora. E poi basta, per il resto dobbiamo fare le “riforme”. Così la crisi diventa eterna. Viene smentita ufficialmente la precedente disonesta previsione di governo e Banca d’Italia, che vedeva la luce della ripresa in fondo al tunnel del 2013. Se ne riparla alla fine dell’anno prossimo. Secondo Prometeia nel 2020 saremo ancora dentro la crisi. I disoccupati ufficiali saliranno ancora fino al 2014, dopo non si sa. Insomma il disastro sociale che è avvenuto in Grecia, Spagna e Portogallo, è alla fine giunto anche da noi. La ragione di fondo è molto semplice, l’Europa non è la soluzione, ma il problema.

Le attuali istituzioni europee sono organizzate e programmate per una politica economica di rigore liberista. Non possono e non sanno fare altro che ciò che stanno facendo, cioè la distruzione dell’Europa sociale. Chi va in Europa o in Germania per rinegoziare l’austerità, se onesto, ha la stessa ingenuità di un liberale che prima del 1848 fosse andato alla corte di Vienna dal conte di Metternich per chiedere la Costituzione. L’Europa ideale non alloggia nelle attuali istituzioni, quella reale invece può solo essere rovesciata se si vuole un nuovo edificio, costruito su altre basi. Siccome la politica italiana dominante considera una bestemmia solo accennare a questo, si condanna all’impotenza e al delirio maniacale su quello che non c’entra.

La convenzione sulla riforma costituzionale è una mostruosità incostituzionale, come ci ripete giustamente Rodotà, ma è il solo modo che la politica dominante ha trovato per compiacere OCSE, Troika, tutti coloro che ci chiedono “riforme”. Siccome accettiamo la controriforma liberista che ci viene imposta dall’Europa e dalla finanza mondiale, dobbiamo per forza fare la controriforma della nostra Costituzione. E se non ci riusciremo, saremo ancora una volta inefficienti, vecchi, non competitivi. Con la stessa logica la disoccupazione di massa è tornata un altra volta ad essere una questione di flessibilità. La legge Fornero è troppo rigida, ci vuole qualche tacca di precarietà in più, la ritoccheremo ha detto Letta. Che così si accinge a vincere la non facile impresa di essere più a destra di Monti. A quando la pensione a ottant’anni?

Rigore, competività, flessibilità sono le parole malate che tornano a dominare il dibattito politico, come accade da trenta anni. Allo stesso modo,la grande novità che CGIL CISL UIL e Confindustria sanno elaborare è un altro patto corporativo, che cancelli il dissenso e il conflitto nei luoghi di lavoro e prometta sviluppo in cambio di produttività. Il fallimento di Marchionne che da tre anni somministra questa nuova dose della stessa ricetta, non insegna nulla, anche questo nuovo giro di vite sul lavoro lo chiede l’Europa. Siamo un paese paralizzato che ripete sempre lo stesso errore perché le classi dirigenti tutte sono o complici o vittime della sindrome europea. Ogni ferocia sociale che ci vien fatta precipitare addosso nasce al grido: “lo vuole l’Europa”.

Bene la sola vera e utile novità politica è che anche in Italia ci sia finalmente un movimento politico che nel nome della democrazia e dei i diritti sociali dica no a questa Europa. Qualcuno che oggi governa con Berlusconi ci risponderà che questo è populismo di destra. No è questa Europa che alimenta il peggio di sé con il liberismo delle sue istituzioni. È questa Europa che fornisce sempre nuova vita a Berlusconi e a quelli come lui. Rovesciare questa Europa è condizione necessaria per riprendere il cammino della democrazia e della crescita sociale. Di questo si devono convincere tutte le forze democratiche che oggi siano davvero intenzionate ad opporsi al governo. Non basta dire un semplice no a Letta e a Alfano, bisogna alzare la voce fino a che quel no lo senta quella Troika che guida autoritariamente tutti i governi del continente. Ci vuole anche in Italia una sinistra radicale che dica no all’Europa, come c’è in tutto il continente. Per cominciare a costruirla ci troviamo a Bologna, alla Bolognina, l’11 maggio.

.

Fonte: controlacrisi

.


Nov 14 2012

Europa 14 novembre 2012: è solo l’inizio!

.

La protesta dilaga anche nelle capitali europee. Guidano lo sciopero Spagna e Portogallo

di fabio sebastiani

Giornata di mobilitazione internazionale dei sindacati europei e degli attivisti contro le politiche di austerity dei governi. Le proteste sono state convocate da una quarantina di gruppi in 23 Paesi diversi, ma sono trainate soprattutto dalle organizzazioni sindacali di Spagna e Portogallo, impegnati nel primo sciopero coordinato della penisola. La protesta ha interrotto i trasporti, lasciato a terra centinaia di voli, chiuso le scuole. Anche in Grecia i sindacati hanno previsto interruzioni del lavoro e cortei. Proteste e manifestazioni sono previste anche in Belgio, Germania, Francia, Gran Bretagna e alcuni Paesi dell’Est.

Per la Spagna e’ il secondo sciopero generale in otto mesi, il nono da quando il Paese e’ tornato alla democrazia: un segnale forte di protesta contro le misure draconiane varate dal governo di Mariano Rajoy. I principali sindacati iberici, CCOO, UGT e Uso, hanno invitato la gente a scendere in piazza all’insegna dello slogan ‘Si stanno portando via il nostro futuro’; picchetti durante la notte hanno fermato aeroporti, autobus e stazioni ferroviarie. La protesta in Spagna e’ cominciata con un seguito “massiccio”, secondo i sindacati, mentre per il governo le adesioni sono state a macchia di leopardo. Comunque ci sono stati già 32 arresti e 12 feriti,tra cui 4 agenti, la maggior parte a Madrid.

Sciopero generale anche nel vicino Portogallo, dove lunedi’ i manifestanti avevano fischiato il cancelliere Angela Merkel, giunta a Lisbona per appoggiare le misure di austerity del governo.In Germania, il leader del sindacato confederale tedesco DGB Michael Sommer ha messo in guardia dalle politiche del rigore che stanno mettendo in ginocchio Grecia, Portogallo e Spagna. I Paesi colpiti dalla crisi nel Sud Europa sono indotti a ”risparmiare fino alla distruzione”, ha sostenuto in un’intervista alla Deutschlandradio Kultur in occasione della giornata di mobilitazione europea. ”Noi vogliamo le misure giuste contro la crisi – ha aggiunto nel giorno in cui si annuncia una mobilitazione popolare contro i tagli in Spagna e in Portogallo – Questo significa che si deve investire contro la crisi, non che nella crisi si debba risparmiare”. Sommer si esprime criticamente anche sulle riforme: ”Non si combatte questa crisi demolendo i diritti dei lavoratori, aumentando l’eta’ lavorativa, e peggiorando i livelli minimi salariali”, aggiunge.
.
.
___________________________________________________________________________________________________________
.
Continuano in tutta Europa i festeggiamenti della polizia per il Nobel per la pace all’Unione Europea. (Spinoza.it)
.

Nov 9 2012

14 novembre – l’Europa in piazza contro il massacro sociale

.

di Giorgio Cremaschi

E così tra il fumo dei lacrimogeni e delle bombe carta il parlamento greco ha approvato la nuova quota di tagli sociali, imposta dagli usurai della troika europea per concedere un po’ di crediti.

Con questa nuova rata l’insieme dei tagli alla spesa pubblica imposta da tutti, ripeto tutti, i governi della Unione Europea ammonta al 40% del pil greco. Come se da noi l’insieme delle manovre decise dai governi Berlusconi e Monti avesse tagliato oltre 600 miliardi di euro. Finora siamo ad un quarto di tale cifra e già le province annunciano che spegneranno il riscaldamento nelle scuole.

Immaginiamo dunque quale sia la condizione materiale del popolo greco, anche se facciamo fatica solo a concepirla perché quel paese, per restare nell’Europa dell’austerità, delle banche e dell’euro, sta uscendo dall’Europa dei diritti sociali e precipita in quella che una volta veniva chiamata la condizione del terzo mondo.

Quanti anziani, quanti bambini, quante donne, quanti poveri vedranno degradare le loro condizioni di vita fino a mettere a rischio la vita stessa, per la cancellazione di quel sistema di protezione che – dalla scuola, alla sanità, alle pensioni, ai contratti, alle tutele contro i licenziamenti – ha fatto faticosamente uscire dal medio evo questo nostro piccolo continente? Fu la vittoria contro il fascismo a costruire in Europa lo stato sociale e sono la destra liberista e la sinistra inutile e smemorata a demolirlo.

Da noi il regime dell’informazione tira un sospiro di sollievo bipartizan perché il parlamento greco ha messo sul lastrico altri milioni di persone: qui da noi tutto questo non è neanche degno di discussione, da noi si litiga su legge elettorale e primarie.

Già, le primarie del centrosinistra ove tutti i candidati sono impegnati a rispettare il fiscal compact e quei trattati europei grazie ai quali la Grecia viene distrutta, primarie ove si chiede a chi va votare di vigilare perché quei candidati mantengano quegli impegni.

Non so in quale percentuale, ma la responsabilità del massacro greco – attribuito quanto spetta al governo di quel paese, a Draghi, a Merkel e a Hollande – tocca anche a Monti, a Berlusconi, a Bersani e a chi accetta i vincoli europei.

Il popolo greco subisce danni e vittime paragonabili a quelli di una guerra e questo è un crimine e chi lo compie è un criminale.

Si può essere criminali perché si fa consapevolmente del male, oppure perché non ci si oppone a esso per opportunismo, paura, ignoranza. Ma resta il fatto che i crimini ci sono e i criminali sono tra noi.

Il 14 novembre ci sarà una prima giornata di lotta europea. È un appuntamento importante, giustamente fatto proprio dagli indignados spagnoli e dal No Monti Day, nonostante che la piattaforma ufficiale della confederazione sindacale europea sia totalmente subalterna alla criminalità economica. Noi andremo in piazza contro tutte le complicità verso il massacro della Grecia e di tutta l’Europa.

.

Fonte: Micromega

.