Ott 23 2015

Antonio “Il medico scalzo” catalizzatore d’umanità

.

.

La follia di giovanni

.

Il medico

di

Le dita di un signore tengono insieme una sigaretta e con le punte raccolgono i pezzi di vetro sparsi per la scrivania e li mettono nel posacenere, tra i mozziconi precedenti. E mentre il fumo della sigaretta sale ed esce verso la finestra dove prima c’era il vetro grande, quel signore racconta le storie dei pazienti che sono entrati lì e gli hanno chiesto una mano. E racconta di Dio. Di quando ha iniziato a lavorare all’Isola Tiberina come medico, più di venticinque anni fa. E quando racconta dei suoi cinque figli e dei due nipoti i baffi gli arrivano fino agli occhi strizzati al punto di fargli fare con le rughe, una sola riga tonda che fa un giro su tutto il volto.

Per arrivare a trovarlo nel suo ambulatorio bisognava arrivare a Piazza dei Decemviri, vicino a Cinecittà (periferia sud est di Roma), in un posto che a vederlo dovrebbe essere un giardino in uno spartitraffico. Fatto sta che in mezzo c’è uno container pieno di graffiti su tutti i lati. Da una parte c’è scritto “La follia di Giovanni”, dall’altra “assistenza sanitaria gratuita per chi non ne ha” con i giorni e gli orari di apertura. Dall’altra parte ancora c’è una finestra, una porta e la scritta: “Ambulatorio medico” su una bandiera della pace. Tutte scritte e disegni fatte dai writer.

Quella sera aveva trovato i vetri della finestra in tutto l’ambulatorio, ma non sembrava arrabbiato. Continuava a fumare e a raccogliere i pezzi di vetro nel posacenere e a parlare su una sedia bianca, di quelle di plastica, come se niente fosse. Nella stanza delle visite un lettino e una dispensa bianca con un lavabo. Raccontava di quanto fosse dura continuare a tenere aperto l’ambulatorio per lui che usciva dal Fatebenefratelli, all’Isola Tiberina, e che arrivava fino a Cinecittà a fare il medico per tutti, per chi aveva bisogno. E che era riuscito a coinvolgere altri medici che davano una mano all’ambulatorio. Raccontava delle sue iniziative con Alex Zanotelli. Diceva che quella era la follia di Giovanni perché San Giovanni di Dio è il nome dell’ospedale Fatebenefratelli, Giovanni Paolo XXIII era il papa alla base della sua formazione, Giovanni era il nome di Francesco d’Assisi e che lui lì, facendo il medico per tutti, faceva politica. E poi citava Tommaso D’Aquino e diceva “nell’estrema necessità i beni tornano ad essere di tutti cioè i poveri hanno il diritto di appropiarsene”. Lo aveva scritto anche su Facebook, che però non usava tanto.

La sera che avevano rotto i vetri dell’ambulatorio eravamo andati a incontrarlo con Antonio Marcello per fotografarlo e raccontare la sua storia in una mostra fotografica dedicata a chi presta cura e soccorso a chi ha bisogno. Si era voluto far fotografare vicino al lettino, con la sua borsa consumata, i capelli arruffati, senza sigaretta. Poi ci ha salutati e ha continuato a mettere i pezzi di vetro nel posacenere.

Alla notizia della morte hanno detto che era il “medico scalzo” o “il medico dei poveri”. Forse era più semplicemente il medico di tutti, il medico per chi non ne ha. Si chiamava Antonio Calabrò* e da domenica a Roma manca uno che rimetteva le cose a posto, che raccoglieva i pezzi di vetro o di persone e li rimetteva insieme.

* Cardiologo al Fatebenefratelli di Roma, Antonio Calabrò nel 2008 aveva creato il suo ambulatorio “di strada” in un container: qui visitava migranti e non, coinvolgendo amici medici e volontari, i salesiani come i centri sociali. Da quest’estate era ricoverato, per un grave virus al midollo: è morto domenica 18 ottobre. Qualche mese fa aveva confessato alla redazione di Comune di aver smesso di leggere i giornali, preferifa pochi blog e la newsletter di Comune. Antonio mancherà molto a noi e a quei pezzi di città che non smettono di ribellarsi facendo.

.

Fonte: comune-info.net

.

.

.


Ott 16 2015

Napoli: studio medico gratuito per gli indigenti ed i poveri

.

.

Via dei tribunali (centre historique)

.

Napoli, via dei Tribunali. Ecco il centro medico gratuito


Gen 18 2013

Napoli – “Prendiamoci cura di lei”: ambulatorio ginecologico gratuito per immigrate

donneimmigrate

.

Nell’augurarvi un sereno e felice 2013, siamo liete di comunicarvi che anche quest’anno l’Ospedale Evangelico Villa Betania di Ponticelli rinnova il suo impegno in favore delle donne immigrate.

Continua infatti per tutto il 2013 l’esperienza di “Prendiamoci cura di Lei”, il nostro ambulatorio ginecologico gratuito per donne immigrate, attivo ogni giovedì dalle 14 alle 16.30 (piano terra-stanza n.9).

.

Le modalità di accesso all’ambulatorio rimangono invariate: non viene richiesta alcuna prenotazione, ricetta medica o spesa a carico della paziente immigrata, cui viene sempre garantito il diritto alla riservatezza e all’anonimato.

Per ulteriori informazioni e chiarimenti potete contattarci dal lunedì al venerdì ai numeri:  081 5912362  –  081 5912550.

.

Vi allego anche la versione multilingue della nostra brochure illustrativa di cui spero vogliate contribuire a darne sempre più ampia diffusione tra tutti i vostri contatti sensibili.!!!

.

Abbiamo bisogno di tutto il vostro sostegno per far conoscere la nostra iniziativa a favore delle donne immigrate.

Grazie per la disponibilità

dott.ssa Rosa Giannatiempo – dott.ssa Mariella Postiglione

.

Brochure donna BIS.pdf

.

.