Ott 13 2013

Cannes 2013: due premi al film scandalo “Lo sconosciuto del lago”

.

.

lo-sconosciuto-del-lago

.

Lo sconosciuto del lago

di Alain Guiraudie  –  Francia (2013)

..

di  Marcello Polizzi

Lo sconosciuto del lago di Alain Guiraudie è un film* forte, che immobilizza lo spettatore, lo costringe a calarsi nel luogo dell’azione, a prender parte a quel giro di vite che si ripete con una routine quasi estenuante, spingendolo fino al limite della sopportazione. Ma così come Franck è spinto da un irrefrenabile desiderio, così lo spettatore viene letteralmente catturato dalle immagini che scorrono sullo schermo, impossibilitato a sottrarsi a tale visione.

Ci ritroviamo così sulle rive del lago, unico luogo della pellicola, a guardare uomini che vi si recano per incontri omosessuali. Seguiamo la m.d.p. nel bosco, sorta di limbo atemporale dalle forti connotazioni mitiche, dove si consumano i rapporti, dove si cerca quel desiderio o forse quell’amore che potrebbe dare un senso più profondo alla propria esistenza.

E’ così per Franck (Pierre de Ladonchamps), che in quella meta d’incontri occasionali, scopre inaspettatamente i sentimenti più autentici: l’amore per Michel (Christophe Paou) e l’amicizia per Henri (Patrick d’Assumçao).

A poco alla volta i protagonisti si svelano, si raccontano e l’intreccio delle rispettive personalità diviene il punto di forza della narrazione. Nei dialoghi tra Franck ed Henri assistiamo ad alcuni tra i momenti più interessanti del film attraverso il disvelamento dei loro aspetti più intimi e profondi. Entrambi, nonostante lo facciano per motivazioni differenti, si recano al lago ogni giorno. Henri è in cerca solo di riposo e di tranquillità dopo la dolorosa rottura del suo matrimonio. Ma ad accomunarli è la stessa fragilità, i medesimi dubbi e paure. L’uno e l’altro sono forse alla ricerca di un rifugio, che in parte, sembrano aver momentaneamente trovato nella loro amicizia. Ma se questo può bastare ad Henri, di certo non basta a Franck. Ciò che lo rapisce è la passione e il desiderio verso Michel, il suo vero rifugio. Franck sembra ormai vivere nell’attesa di quei momenti di sesso consumati con Michel nel bosco.

Questo rapporto amoroso è il vero motore del film. Il sesso, appassionato e viscerale, con il suo diretto erotismo, invade lo schermo e diventa la potenza visiva dell’intera pellicola. E’ un’esperienza totalizzante, un baccanale che rende Franck cieco, che cancella ciò che egli ha visto (Franck, nascosto nel bosco, vede Michel annegare il suo precedente compagno) e lo spinge, contro ogni logica, verso una persona non certo rassicurante.

Guiraudie impregna la sua pellicola di una corporalità totale, come poche volte è stata mostrata al cinema. Il regista mostra i corpi nudi (distanti dalla grazia innocente e poetica dei corpi pasoliniani) presi a contorcersi ed avvinghiarsi, in un atto sessuale carnale e primitivo. Gli uomini appaiono come animali immersi nella natura circostante, elemento fondamentale della narrazione. Una natura violenta e impassibile, i cui rumori costituiscono la sola colonna sonora di una pellicola priva di musica. Una natura indifferente, di herzoghiana memoria, che lascia i protagonisti nella loro profonda solitudine.

Sì, perché forse il sesso non basta a sfuggire alla solitudine. Henri è solo perché probabilmente la moglie si era stancata dei ménage à trois assieme ad altri uomini; Michel uccide i suoi amanti quando essi vogliono da lui qualcosa in più dei rapporti sessuali che egli può offrir loro; ma soprattutto Franck sarà spinto da una profonda solitudine verso i pericoli del desiderio.

Dal momento in cui Franck assiste all’omicidio compiuto da Michel, la pellicola si carica di una tensione sottesa che avrà un crescendo col passare dei minuti. Il regista crea un’atmosfera molto vicina al thriller o al noir, sebbene basti la figura grottesca del commissario a sfuggire da tale generalizzazione. Ignorando i consigli di Henri, Franck non allontana Michel, anzi se ne innamora e cerca sempre più attenzioni, convinto di aver trovato finalmente l’amore che probabilmente desiderava.

Ma al desiderio, subentrerà la paura che calerà Franck in un abisso, fin dentro al buio della magnifica dissolvenza finale, in cui, come svegliato d’improvviso da un incubo, comincia a chiamare Michel. Franck chiama colui da cui stava scappando, forse perché, nonostante la paura, la solitudine è ancor più spaventosa da sopportare.

.

.

Trailer del film

.

.

___________________________________________________________________________________________________________________

Approfondimento

Note di Regia – di Alain Guiraudie

“Lo sconosciuto del lago” – Incontro con Alain Guiraudie

.

(*) Il film è stato premiato alla 66^ edizione del Festival di Cannes per la miglior Regia nella sezione Un Certain Regard

e  con la Queer Palm

.

.

.


Ott 13 2013

No alla schiavitù animale!

.

.

images

.

150 anni fa, avrebbero considerato assurdo se tu avessi sostenuto la fine della schiavitù.
.

100 anni fa ti avrebbero preso in giro se tu avessi proposto che le donne potessero avere il diritto al voto.
.

50 anni fa avrebbero obiettato all’idea che gli Afroamericani potessero avere eguali diritti per legge.
.

25 anni fa ti avrebbero chiamato pervertito se avessi sostenuto i diritti degli omosessuali.
.

20 anni fa saresti stato catalogato un invasato drogato “figlio dei fiori” al parlare della terra, di come la stiamo

                  rovinando e come salvarla dall’inquinamento.

.

.
Oggi ridono di te perché’ proponi di porre fine alla schiavitù animale.

.

.

Fonte:  A.L.F. Fronte Liberazione Animale Italia

.

____________________________________________________

Approfondimento

Schiavitù Animale

Intervista a Charles Patterson sull’olocausto animale

.

.