Apr 27 2018

Grande vittoria | Le api ringraziano!

.

.

.

Oggi è una giornata storica per la protezione delle api!

I Paesi membri dell’Ue hanno deciso di ascoltare la richiesta di migliaia di persone, e vietare per sempre l’uso di tre insetticidi neonicotinoidi dannosi per le api: imidacloprid, clothianidin e thiamethoxam.


È una vittoria per le api, l’ambiente e per tutti quanti noi. GRAZIE per aver firmato la nostra petizione!

I Paesi che hanno votato a favore del divieto sono: Italia, Francia, Germania, Spagna, Regno Unito, Paesi Bassi, Austria, Svezia, Grecia, Portogallo, Irlanda, Slovenia, Estonia, Cipro, Lussemburgo, Malta, che rappresentano il 76,1% della popolazione dell’Ue. Quattro i Paesi contrari al divieto: Romania, Repubblica Ceca, Ungheria e Danimarca. Otto gli astenuti: Polonia, Belgio, Slovacchia, Finlandia, Bulgaria, Croazia, Lettonia e Lituania.

Oltre ai 3 insetticidi vietati oggi, ce ne sono altri che costituiscono una minaccia per le api e altri insetti benefici. Tra questi quattro neonicotinoidi, il cui uso è attualmente permesso in Ue: acetamiprid, thiacloprid, sulfoxaflor e flupyradifurone e altre sostanze quali cipermetrina, deltametrina e clorpirifos.

Per evitare che questi tre insetticidi ora vietati vengano sostituiti con altre sostanze chimiche che potrebbero essere altrettanto dannose, l’Ue dovrebbe bandire l’uso di tutti i neonicotinoidi, come la Francia sta già considerando di fare.

È inoltre necessario applicare gli stessi rigidi standard utilizzati per questo bando alla valutazione di tutti i pesticidi e, soprattutto, ridurre drasticamente l’uso di pesticidi chimici di sintesi e sostenere la transizione verso metodi ecologici di controllo dei parassiti.


Questa vittoria dimostra che insieme possiamo promuovere un’agricoltura ecologica amica delle api e dell’ambiente. Non ci fermiamo.

https://sostieni.greenpeace.it/campagna/salviamoleapi

.

Fonte: Greenpeace

.

.

.

.


Dic 1 2015

Omicidio contadini in Brasile: condannata la Syngenta (produttrice OGM e pesticidi)

.

.

WEB-interna-1-Caveira

.

Syngenta condannata per l’omicidio dei contadini in Brasile

Il produttore svizzero di OGM e pesticidi, SYngenta, è stato riconosciuto legalmente responsabile dell’assassinio del contadino Valmir de Oliveira (meglio conosciuto come Keno) e il tentativo di omicidio di Isabel de Nascimiento de Souza. I due erano membri della Via Campesina e sono state vittime nel 2007 degli attentati da parte di guardie armate private.

 

Tutto iniziò nel marzo 2006, nei campi sperimentali in Paranà, che furono occupati da 70 famiglie di agricoltori per protestare contro la riproduzione di semi transgenici nello stato del Paranà dove è illegale coltivare soia OGM. Dopo sei mesi di resistenza, gli occupanti hanno dovuto lasciare le terre per poi tornarci al fine di sollecitare l’esproprio da parte delle autorità dei terreni dove le aziende coltivano illegalmente semi transgenici, tra cui quello della Syngenta, e ridistribuirli ai contadini per la riproduzione dei semi locali.

In un primo momento, i contadini sono riusciti a fermare le quattro guardie che pattugliavano la proprietà dell’azienda e a consegnare le armi alla polizia. Tuttavia, dopo alcune ore, è sopraggiunto un furgone con circa 40 pistoleros che hanno attaccato l’accampamento con l’intento di recuperare le armi illegali ed uccidere i leaders del movimento. La polizia federale ha arrestato, con l’accusa di omicidio, un membro del servizio di sicurezza ingaggiato da Syngenta Seeds a difesa delle sue proprietà. La risoluzione, emessa dal giudice Pedro Ivo Moreira è stata pubblicata pochi giorni fa sulla gazzetta Ufficiale: la Sentenza ha stabilito che la società deve corrispondere una compensazione ai parenti delle vittime dell’aggressione per avere causato danni morali e materiali. Il giudice ha riconosciuto che l’incidente nel campo sperimentale di Syngenta è stata una vera e propria strage. Nella suo parere finale, ha precisato che “ sostenere che ciò che è accaduto sia stato solo un confronto è chiudere gli occhi alla realtà, dal momento che (..) non c’è dubbio che si trattava di una strage”. Con questo, la versione presentata dalla Syngenta è stata respinta dalla magistratura. La società ha sostenuto che l’attacco nel 2007 si tradurrebbe in un confronto tra guardie di sicurezza private e membri di Via Campesina.

In sua difesa, Syngenta ha riconosciuto l’illegittimità dell’azione delle guardie private e il timbro ideologico della lotta di Via Campesina e il Movimento Sem Terra. La società ha dichiarato che “più che difendere la proprietà, le guardie private avevano lo scopo di difendere una posizione ideologica che è contraria a quella dei movimenti, così da far capire che ad ogni azione corrisponde una reazione”. Con questa posizione la compagnia ha cercato di eludere la propria responsabilità, dicendo che l’attacco non è stato fatto dalla società,  a cui la Syngenta ha delegato la sicurezza, ma da una milizia comandata dai proprietari terrieri di quegli appezzamenti.

Tuttavia, nella sua decisione, la Corte ha riconosciuto che è stata “una pessima scelta la fornitura di servizi di sicurezza in outsourcing, nonché il finanziamento indiretto ad attività illecite sono tutte ragioni di responsabilità”. Inoltre, afferma che “per quanto sia stata riprovevole e illeggittima l’invasione di campo dei contadini, non si sarebbe dovuto agire per conto proprio ma cercare i mezzi legali per risolvere il conflitto, dopo tutto la legge criminalizza l’esercizio arbitrario delle proprie ragioni”.

La sentenza non è ancora definitva. Syngenta, attraverso il suo avvocato, Renne Ariel Dotti, ha presentato ricorso al tribunale dello Stato di Paranà. Per l’avvocato della parte lesa, Fernando Prioste, “ ci sono prove schiaccianti contro la società. L’assoluzione di Syngenta significherebbe complicità del sistema giudiziario con le stragi e con l’accaduto specifico”.

Eccezione alla regola

L’attivista aggredita, Isabel dos Santos si è detta felice per la compensazione economica. La donna fu gravemente ferita durante l’attacco del 2007 ed ha sottolineato che è un importante riconoscimento da parte della giustizia della responsabilità dell’impresa.

“ È ora di alzare la testa, cercando di dimenticare le sofferenza che abbiamo subito! La lotta non è conclusa”, ha affermato la donna.

Il rappresentate del MST della regione, Eduardo Rodrigues, ha sottolineato l’importanza della decisione. Secondo Rodrigues,  è comune l’impunità delle grandi aziende che violano i diritti umani, mentre i membri del movimento contadino sono criminalizzati per la lotta all’opposizione al modello dell’agrobusiness. “l’attacco non è avvenuto al segreto della multinazionale”, si lamenta il contadino. “loro non hanno solo il sostegno istituzionale ma anche un sostegno finanziario e logistico”. “spero che questa decisione della Corte dia visibilità al nostro impegno”.

Il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite che si occupa di diritti umani si recherà in Brasile nel mese di dicembre per la creazione di un trattato, utilizzando il caso di condanna contro Syngenta in riferimento alla responsabilità di grandi imprese che commettono violazioni dei diritti umani attraverso società di outsourcing.

La Syngenta è in possesso del 19% del mercato degli agrochimici e la terza compagnia con il profitto più grande del mondo nella commercializzazione dei semi, dopo Monsanto e Dupont. Insieme impongono un modello agricolo basato sulla monocultura, nell’ipersfruttamento dei lavoratori, nel degrado ambientale, l’uso dei pesticidi e l’appropriazione indebita delle risorse naturali e genetiche.

Nella zona in cui è avvenuto l’incidente, opera attualmente il Centro di Ricerca in Agroecologia chiamato in onore del contadino morto, “Keno”.

.

Fonte: AIAB

.

.

.

.

 

 


Apr 6 2015

Frutta, verdura, pesticidi e sterilità maschile. Legame confermato da studi recenti.

.

.

frutta

.

Mangiare frutta e verdura con elevati residui di pesticidi implica scarsa qualità dello sperma.

Boston, MA – Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della Harvard TH Chan School of Public Health gli uomini che mangiano frutta e verdura, con alti livelli di pesticidi residui , come ad esempio le fragole, spinaci, peperoni, hanno un più basso numero di spermatozoi e una percentuale inferiore di spermatozoi normali rispetto a coloro che mangiano alimenti con più bassi livelli di pesticidi residui. E’ il primo studio a esaminare il legame tra l’esposizione a pesticidi residui da frutta e verdura e la qualità dello sperma.

Lo studio è online dal 30 marzo 2015 sulla rivista Human Reproduction.

A nostra conoscenza, questa è la prima relazione che collega il consumo di pesticidi residui nella frutta e verdura, una via primaria di esposizione per la maggior parte delle persone, ad un esito nocivo sulla salute riproduttiva negli esseri umani”, ha detto Jorge Chavarro, assistente professore di nutrizione ed epidemiologia e senior autore dello studio.

Diversi studi hanno dimostrato che il consumo di frutta e verdura coltivata convenzionalmente si traduce in livelli di pesticidi misurabili nelle urine. Altri studi hanno scoperto associazioni tra l’esposizione professionale e ambientale ai pesticidi e la minore qualità del seme. Ma solo pochi studi hanno messo in relazione il consumo di pesticidi residui negli alimenti con gli effetti sulla salute, e nessuno aveva esaminato questi effetti sulla qualità dello sperma.

I ricercatori hanno utilizzato i dati di 155 uomini inseriti in Environment and Reproductive Health (EARTH) study , e in National Institute of Environmental Health Sciences study finanziato in un centro di fertilità di Boston. I dati inseriti sono di 338 campioni di sperma forniti durante 2007-2012 con tanto di accurate informazioni sulla alimentazione dei soggetti. I ricercatori hanno classificato frutta e verdura a seconda che esse contenevano elevate quantità di pesticidi residui (come peperoni, spinaci, fragole, mele e pere) o con valori da bassi a moderati (come piselli, fagioli, pompelmo, e cipolle), sulla base dei dati del Programma Pesticidi del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Hanno poi completato i dati includendo fattori come il fumo e l’indice di massa corporea, noti per influenzare la qualità dello lo sperma e poi hanno valutato negli uomini le connessioni tra l’assunzione dei prodotti con pesticidi residui e la qualità del loro sperma.

I risultati hanno mostrato che gli uomini che mangiavano maggiori quantità di frutta e verdura, con alti livelli di pesticidi residui più di 1,5 porzioni al giorno avevano il 49% di spermatozoi in meno e il 32% in meno di sviluppo di nuovi spermatozoi rispetto agli uomini che avevano mangiato minor quantità (meno di 0,5 porzioni al giorno). Si è quindi riscontrato un tasso inferiore di spermatozoi, il volume eiaculato minore e minore percentuale di spermatozoi normale.

Gli uomini che hanno mangiato la maggior parte di frutta e verdura con un basso o moderato livello di antiparassitari residui avevano una più alta percentuale di spermatozoi normale rispetto a coloro che mangiavano meno frutta e verdura, sempre con livelli bassi o moderati.

Questi risultati non dovrebbero scoraggiare il consumo di frutta e verdura in generale”, ha detto Chavarro. “In realtà, abbiamo scoperto che consumare più frutta e verdura con livelli bassi di pesticidi residui è stato benefico. Questo suggerisce che l’attuazione di strategie mirate ad evitare pesticidi residui, come ad esempio il consumo di prodotti da agricoltura biologica o evitare i prodotti noti per avere grandi quantità di residui, può essere la strada da percorrere.

Altri ricercatori dell’Harvard Chan School sono stati coinvolti nello studio incluso autore principale Yu-Han Chiu, Myriam Afeiche, Audrey Gaskins, Paige Williams, e Russ Hauser.

Il finanziamento per lo studio è arrivato dal National Institute of Environmental Health Sciences, National Institutes of Health concede R01 ES009718, R01 ES022955, P30 ES000002, e P30 DK046200, e Ruth L. Kirschstein Servizio Nazionale delle Ricerche Award T32 DK007703-16.

‘Frutta e verdura e loro pesticidi residui in relazione alla qualità del seme tra gli uomini di una clinica della fertilità,’ YH Chiu, M.C. Afeiche, A.J. Gaskins, P.L. Williams, JC Petrozza, C. Tanrikut, R. Hauser, e JE Chavarro, Human Reproduction, 30 marzo 2015, doi: 10.1093 / humrep / dev064

Leggi e commenta lo studio sulla rivista: ‘E’ l’esposizione di pesticidi alimentari relative alla qualità dello sperma? Risultati positivi dagli uomini che frequentano una clinica della fertilità, ‘Hagai Levine, Shanna H. Swan, Icahn Scuola di Medicina Mount Sinai

Visita il sito web di Harvard Chan per le ultime notizie, comunicati stampa, e le offerte multimediali.

Per più informazioni:
Marge Dwyer
mhdwyer@hsph.harvard.edu
617.432.8416

Fonte: Harvard T.H. Chan School of Public Health

.

.

.