Feb 12 2015

Attiviamoci! Partecipiamo alla realizzazione de “La Carovana della Gioia”

.

.

1511211_10205257759875555_7944749439979256360_n

.

La Carovana della Gioia sarà in movimento per tutta la Primavera 2015.
Andremo nelle scuole e nelle piazze di tutta Italia per portare un messaggio di Pace e di Gioia, un messaggio che vuole cambiare il nostro modo di vedere le cose e trovare soluzioni positive per tutti i problemi che stiamo vivendo ora.
Raccoglieremo le idee dei bambini e dei ragazzi, faremo esplodere i colori e i segni degli illustratori che ci aiuteranno nel ridipingere il joybus e comunicare le nostre idee.
Proietteremo il film “Bambini in fuga” e leggeremo il libro “Amin, Aisha e il Mare” perché non ci siano più morti in mare.
Realizzeremo due Missioni di Solidarietà in Italia e all’estero.
Torneremo a Palermo in Sicilia per occuparci ancora dei Bambini in Fuga, in particolare di quelli non accompagnati.
Andremo fino in Ucraina per manifestare il nostro desiderio di Pace.
Per realizzare il progetto servono circa 10.000 euro. Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti/e!!!
Per contribuire e sostenere la Carovana della Gioia vai alla pagina http://www.lacarovanadellagioia.org/coproduci.htm e fai subito una donazione!

.Italo Cassa

.

Facebook

.

.

.


Set 21 2014

Gli Esseni: il popolo della pace ed il cibo

.

.

Fotografia surreale di Caras Ionut.

Fotografia surreale di Caras Ionut.

.

Vangelo Esseno della Pace (2° secolo a.c.)

…non uccidete nè uomini, nè animali, né il cibo che va nella vostra bocca…se vi nutrite di cibi vivi questi vi vivificheranno, se uccidete il vostro cibo, il cibo morto vi ucciderà…la vita viene dalla vita, dalla morte viene sempre la morte…ciò che uccide il vostro cibo, uccide anche le vostre anime…i vostri corpi diventano ciò che mangiate, come le vostre anime diventano ciò che voi pensate. Perciò non mangiate ciò che il gelo e il fuoco hanno distrutto, perché i cibi bruciati, gelati e decomposti, bruceranno, geleranno e decomporranno il vostro corpo. Mangiate frutti e erbe…alimentati e maturati dal fuoco della vita.

.

.

*

Gli Esseni furono un gruppo ebraico di incerta origine, nato forse attorno alla metà del II secolo a.C. e organizzato in comunità monastiche isolate di tipo eremitico e cenobitico.
I resoconti di Giuseppe e Filone mostrano che gli Esseni (Filone: Essaioi) conducevano una vita strettamente celibe, ma comunitaria − spesso paragonata dagli studiosi alla vita monastica buddista e in seguito cristiana − anche se Giuseppe parla di un altro “rango di Esseni” che si sposavano (Guerra 2.160-161). Secondo Giuseppe, avevano usanze e osservanze come la proprietà collettiva (Guerra 2.122; Ant. 18.20), eleggevano un capo che attendesse agli interessi di tutti e i cui ordini venivano obbediti (Guerra 2.123, 134), era loro vietato prestare giuramento (Guerra 2.135) e sacrificare animali (Filone, §75), controllavano la loro collera e fungevano da canali di pace (Guerra 2.135), portavano armi solo per protezione contro i rapinatori (Guerra 2.125), e non avevano schiavi, ma si servivano a vicenda (Ant. 18.21) e, come conseguenza della proprietà comune, non erano dediti ai commerci (Guerra 2.127). Sia Giuseppe sia Filone hanno lunghi resoconti dei loro incontri comunitari, pranzi e celebrazioni religiose. Da quanto si è dedotto, il cibo degli Esseni non poteva essere alterato (con la cottura ad esempio); e potrebbero essere stati strettamente vegetariani, mangiando principalmente pane, radici selvatiche e frutta. [senza fonte] Dopo un totale di tre anni di prova (Guerra 2.137-138), i membri appena unitisi prestavano un giuramento che comprendeva l’impegno a praticare la pietà verso la divinità e l’aderenza a principi morali verso l’umanità, per mantenere uno stile di vita puro, di astenersi da attività criminose e immorali, di trasmettere intatte le loro leggi e di preservare il libro degli Esseni e il nome degli Angeli (Guerra 2.139-142). La loro teologia includeva il credo nell’immortalità dell’anima e il fatto che avrebbero ricevuto indietro le loro anime dopo la morte (Guerra 2.153-158, Ant. 18.18).

(Wikipedia)

.

.

.


Ott 24 2013

Pietro Ingrao: ” Ragazzi non bastano i cortei…”

.

.

ingrao1

 

.

” Ragazzi non bastano i cortei, non basta la vostra meravigliosa passione per battere le guerre, l’ingiustizia , il bisogno . Serve la politica per vincere . La politica che incida nel potere.

Come facciamo per far diventare la vostra speranza “potere politico” ? Questo è il problema che avete davanti. Un corteo bello e ardente non è ancora politico.

Quali sono le vostre armi ? Non le vedete ? Ci sono..! Sono in quel libretto che i vostri padri chiamarono Costituzione, dopo aver conquistato il diritto a scriverlo con la Resistenza .

La forza del pacifismo è la legalità, che è in contrasto con l’illegalità di chi fa la guerra, pratica ingiustizia, affama nel bisogno . L’illegalità rimane nei governi e negli stati .

La vostra pacifica passione deve portare i suoi argomenti e la sua forza non solo nelle piazze , ma negli stati e nei luoghi del potere.

E’ un obiettivo ambiziosissimo che dovete darvi : costruire un potere di pace . Nessuno c’è finora riuscito: il potere è sempre armato, è sempre stato in guerra. Noi abbiamo perso, nel volerlo costruire , imparate da noi , dalle nostre sconfitte. Voi potete farcela .

Auguri per il vostro lungo viaggio . Pietro Ingrao

.

.