Feb 27 2012

NO TAV chiama… Italia risponde

.

NO TAV, mobilitazione immediata in tutta Italia

di fabio sebastiani

Immediata la reazione del movimento in solidarietà con quanto sta accadendo in val di Susa e contro l’azione repressiva di esproprio dei terreni manu militari da parte delle forze dell’ordine. Tra le notizie dell’ultima ora: scioperi spontanei si sono verificati oggi in alcune fabbriche metalmeccaniche della Valsusa, dopo i fatti accaduti nei pressi della Baita Clarea. Lo rende noto la Fiom torinese precisando che gli scioperi sono stati proclamati per permettere ai dipendenti di partecipare alle iniziative che sono in corso.
Presidi e sit in davanti alle prefetture sono stati convocati un po’ in tutta Italia, da Bologna a Campobasso, passando per Roma dove il Prc ha convocato un sit in davanti a palazzo Chigi. Parte dei movimenti su Roma hanno appuntamento alle 17,00 a piazzale Tiburtino. Il tam tam multimediale va da Palermo e Bergamo, da Napoli a Trento: decine gli appuntamenti pubblicati sui siti No Tav per presidi di solidarietà previsti nel pomeriggio in tutta la penisola. A Milano c’è un appuntamento per gli studenti alla Statale e, alle 18, una manifestazione in piazza San Babila. A Firenze, oggi pomeriggio dalle ore 17.30 l’apuntamento è davanti alla Prefettura di via Cavour presidio No Tav di solidarietà.
Il territorio di maggiore fermente rimane quello della provincia di Torino, dove la Cub ha già dichiarato uno sciopero generale. Le statali 24 e 25, oltre che l’autostrada a 23 sono bloccate. Difficoltà anche per le linee ferroviarie nella provincia di Torino. A Torino dalle 13 i militanti si stanno radunando sotto la Prefettura mentre per le 15,30 è previsto un altro presidio sotto Palazzo Civico. Alle 17,30 poi, i Cub hanno dato appuntamento sotto la Rai di via Verdi a chi non potrà andare alla manifestazione di Bussoleno.

A fianco dei NO TAV da Nord a Sud gli appuntamenti di oggi: ALBA, ore 18.30, Presidio rumoroso in Piazza del Duomo. Ad ASTI,  ore 18 presso la Prefettura. A BOLOGNA, ore 18 a Piazza del Nettuno. A BENEVENTO, ore 18,00  alla Prefettura di corso Garibaldi. A BERGAMO, Ore 19 presso Piazza Matteotti davanti al Comune. A BRESCIA, ore 18 a piazza della Loggia. Presso BUSSOLENO alle ore 18  l’Assemblea ai blocchi Autostradali. In Sardegna, a CAGLIARI, ore 18 l’appuntamento è a Piazza Costituzione. A CHIVASSO stessa ora, in via Torino. A COSENZA, ore 18 in Piazza 11 Settembre. A CREMA in Piazza Duomo. A CREMONA in piazza Roma. A GENOVA, ore 18 l’appuntamento è in Prefettura a largo Eros Lanfranco. A L’AQUILA si anticpia, ore 16 con l’appuntamento organizzativo a Casematte e alle ore 18 in Piazza Regina Margherita. A La SPEZIA ore 17:30 in Corso Cavour angolo Via Rattazzi. A LATINA – Ore 18.30 ai Giardini Pubblici. A LIVORNO, ore 18 presso la Prefettura. A LODI, ore 18 presso Piazzale Stazione. A MANTOVA stessa ora presso la Prefettura in via Principe Amedeo 32. A MODENA, ore 18 presso Piazza Torre. A NAPOLI alle ore 16.30 l’appuntamento è in piazza Trento e Trieste. A NOVARA alle ore 18 in Piazza Cavour. A NUORO ore 18 in Piazza Sardegna (Quadrivio). A PADOVA ore 18 alla Prefettura in piazza Antenore. A PALERMO, ore 18 alla Prefettura in via Cavour. A PARMA, ore 17.30 alla Prefettura. A PERUGIA ore 19 in Piazza IV Novembre. A PISA ore 18 alle Logge dei Banchi. A PISTOIA, ore 18 in Piazza Gavinana (Globo). A REGGIO CALABRIA ore 18:30 presidio in prefettura. A REGGIO EMILIA – Ore 18 presso la Prefettura. A SALERNO alle ore 19 presso la Stazione Centrale. A SARONNO  ore 17.30 in piazza Cadorna (stazione ferrovie nord Milano). A SAVONA – Ore 17.45 in piazza Sisto IV. A TORINO, ore 13 alla Prefettura. Alle ore 15.30 – Comune di Torino. Dalle ore 17:00 presidio presso sede RAI. Alle ore 20 – Veglia per Luca davanti al CTO. A TRENTO – Ore 18 – Piazza del Duomo. A TREVISO, ore 18 alla Piazzetta Aldo Moro. A TRIESTE, ore 18 a Piazza dell’Unità. A VENEZIA ore 18 in Piazzale stazione Santa Lucia. VERONA ore 18:00 presso Stazione Centrale. A VIAREGGIO, ore 17 presso la Stazione Centrale. A VICENZA alle ore 18 in  Piazza Castello.

.

Fonte:  Controlacrisi

.


Dic 26 2010

La Riforma Gelmini e la fine della Storia dell’Università di massa

.

di Gennaro Carotenuto

Ha ragione Mariastella Gelmini a celebrare l’approvazione della sua riforma dell’Università come “la fine del Sessantotto”. Con questa espressione però la ministro non intende quello che ogni buon conservatore associa al cosiddetto Sessantotto: antiautoritarismo, antimilitarismo, liberazione sessuale, rottura della morale borghese, equilibrio nel conflitto tra capitale e lavoro.

No, per Mariastella Gelmini il Sessantotto rappresenta innanzitutto un aborrito “egualitarismo”, da combattere con le armi dello sfuggente concetto di “meritocrazia” che la nuova legge si propone di incarnare. La Riforma di oggi è “la fine del Sessantotto” in quanto fine di quel fattore cardine di coesione e perequazione sociale rappresentato dall’Università di massa che Berlusconi e Tremonti, attraverso Gelmini, si erano promessi di eliminare.

L’equilibrio tra capitale e lavoro raggiunto dalle socialdemocrazie europee si protrasse per tutto il decennio successivo finché il primo, con la spallata thatcheriana, non prevalse sul secondo. La svolta neoliberale e neoconservatrice, che in Italia prese la forma simbolica della “marcia dei 40.000” prima e del berlusconismo poi, oggi, trent’anni dopo, è tra i fattori che stanno determinando la caduta di coesione sociale che è alla base dell’eclisse dell’Occidente. La Riforma Gelmini approvata oggi dal Senato è quindi epocale perché è il compimento di un lungo percorso che rompe in Italia un altro equilibrio fondamentale: quello tra la Costituzione, che ancora elementi, come il diritto allo studio, di forte perequazione sociale in un’economia di mercato, e gli interessi delle classi dirigenti. Gli ottimati pensano di incarnare il “merito” per censo e con Gelmini hanno l’occasione, nel tardo neoliberismo incarnato dal governo Berlusconi, di rafforzare e rinnovare privilegi antichi. Quindi, al contrario di quanto dice il ministro, solo i figli dei farmacisti continueranno a fare i farmacisti, i figli degli architetti gli architetti e i figli dei baroni… i baroni. Ciò perché la riforma Gelmini rappresenta la caduta dell’architrave democratico della nostra società rappresentato dall’Università di massa come percorso di ascensione sociale prima precluso ai più, poi dalla fine degli anni ‘60 aperto a tutti (che roba Contessa!), da oggi di nuovo ristretto.

I numeri parlano chiaro. Alla metà degli anni ‘60 gli studenti universitari in Italia erano 400.000. Oggi sfiorano i due milioni. Riscontriamo dati simili per tutti i nostri paesi di riferimento, la Francia, la Germania, la Gran Bretagna. Nell’Europa occidentale, nel quarantennio che ci separa dal “maggio francese” il numero delle persone che hanno potuto spendere sul mercato del lavoro un titolo universitario è quadruplicato. Ovvero: con l’Università di massa i figli del popolo vanno all’Università, senza Università di massa i figli del popolo, anche i capaci e i meritevoli, ne sono esclusi.  (leggi tutto)

.

Fonte: Giornalismo Partecipativo

.

__________________________________

Approfondimento

Riforma Gelmini

.