Tag Archives: million mask march

Anonymous – Million Mask March 5 novembre 2014

.

.

10408594_801275729893454_4279396879241802409_n

.

.“MILIONI DI MASCHERE PER I DIRITTI”

 

SITO: http://www.millionmaskmarch.com/

VIDEO: http://www.youtube.com/watch?v=VJ1ZMpu8QaE

CANALE: #MillionMaskMarch

DATA: 5 NOVEMBRE 2014

EVENTI: http://goo.gl/vQtFjF
.

MANIFESTO:

Ai cittadini del mondo:
 
Noi siamo Anonymous.
Noi veniamo da Internet. Per il bene dell'umanità e per il nostro diritto, 
Mercoledì 5 Novembre 2014 ancora una volta scenderemo in piazza.
Identificheremo le varie dittature sparse per il mondo come nemici.
Combatteremo per i nostri diritti.
Metteremo in risalto le ingiustizie.

Alle organizzazioni mafiose ed ai governi corrotti:
Non agiamo in nome del profitto, non uccidiamo nessuno.
E molto spesso paghiamo con la nostra libertà. Ma sappiano, gli stupratori 
della democrazia, che le manette della pseudo-legge 
hanno solo valenza fisica. 
Noi siamo mossi da ideali, voi dal denaro e dalla logica del sorvegliare e 
punire. Chi sono i veri terroristi?
Non pensiate che la nostra operazione finisca qui.
Anonymous non è un collettivo, Anonymous è un'idea.
Non avete nessun potere su di noi; non nascondetevi, noi siamo ovunque.
Non avrete nessuna "giustizia" da segnalare: per ogni Anon caduto, molti 
altri ne prenderanno il posto. Non potete arrestare un'idea.
All'aumento della legione di Anonymous aumentano le debolezze del vostro 
sistema.
Noi taceremo mai non saremo disposti a trattare.
Noi siamo il popolo. Uniti. Divisi da nessuno.
Il popolo non deve temere il proprio governo, è il governo che deve temere 
il popolo.
Il nostro messaggio è chiaro e forte. Siamo una legione a livello mondiale 
composto da persone con la stessa mentalità e ideali.
Abbiamo dichiarato guerra a questo sistema corrotto che ci avete imposto.
Il vostro peggior nemico è il vostro popolo. 
La rivoluzione è iniziata.

(Severn Cullis-Suzuki)
"Nella mia vita ho sognato di vedere grandi mandrie di animali selvatici, 
giungle e foreste pluviali piene di uccelli e farfalle, ma ora mi chiedo 
se i miei figli le potranno ancora vederle. 
Hai dovuto preoccuparsi di queste piccole cose quando avevi la mia età? 
Tutto ciò sta accadendo sotto i nostri occhi, eppure ci comportiamo come 
se avessimo tutto il tempo che vogliamo e tutte le soluzioni. 
Riflettete, e agite di conseguenza"

(Mario Savio)
"C'è un momento in cui il funzionamento della macchina diventa così 
odioso, ti fa così male al cuore, che non si può prendere parte. 
Non si può nemmeno passivamente partecipare! E voi avete avuto modo di 
mettere i vostri corpi su ingranaggi e ruote, sulle leve, su tutto 
l'apparato, e avete avuto modo di farlo smettere! E voi avete avuto modo 
di indicare alle persone che gestiscono, per le persone che possiedono - 
che se non sei libero, la macchina sarà impedito di lavorare a tutti!"

Anonymous è un collettivo di individui uniti dalla consapevolezza che 
qualcuno debba fare la cosa giusta, che qualcuno debba portare la luce 
nelle tenebre, che qualcuno debba aprire gli occhi dell'umanità, che ha 
subito per troppo tempo.
Anonymous è tutti. Anonymous è ovunque.
Anonymous crede che postare immagini e video delle vostre eroiche azioni 
su Internet sia una cosa destinata a preparare la vittoria, esortando 
altri Anon a seguire il nostro esempio glorioso. Lo scopo è quello di 
trasmettere un messaggio al pubblico. In linea con questo obiettivo 
Anonymous ha bisogno di essere circondata da suggestioni. 
Per garantire a tutti e senza perdite. Ricordate la luce. 
Una rivoluzione senza ballo non è una rivoluzione, è come non averla.
Voi cari amici siete cordialmente invitati a creare un cambiamento di cui 
tutti noi abbiamo veramente bisogno. 
Ogni vostro reclamo è contro potere dominante, possiamo farlo a testa 
alta il 5 novembre. Coprite i vostri volti, questo impedirà la vostra 
identificazione da video girati da altri manifestanti ostili o infiltrati 
delle forze dell'ordine. 
Utilizzate sciarpe, cappelli, occhiali da sole. Chiedetevi questo, dove 
sarai quando scriveremo la storia il 5 novembre 2014? 
Se vuoi vivere la tua vita senza guardarti dietro le spalle, se vuoi 
vivere senza paura, se vuoi vivere la tua vita senza essere punito e 
controllato..
Alzati e lotta!
Segnali, volantini e cartelloni.
Tieniti pronto. Agiremo tutti insieme.
È possibile sopprimere la gente, ma mai l'idea di umanità e di libertà.
Il cuore di Anonymous batte più forte che mai.

We are Anonymous.
We are Legion.
We do not forgive.
We do not forget.
On November 5th 2014,
Expect ALL of us."
.
Fonte: pastebin.com
.
.
______________________________________________________________________

Eventi organizzati in Italia per il 5 Novembre 2014

.

.

.

.

 

 

 


Anonymous – #5 novembre 2013. Manifestazioni in 400 città. Stop a repressione e controllo globale!

.

.

5 novembre 2013 _ 400 città

Da Facebook _ Anonymous Art of Revolution

.

Dalla rete alle piazze Anonymous senza veli

.

Oggi è il giorno della «Million Mask March»: manifestazioni in 400 città. Megafono, il poco amato Facebook. La «dichiarazione di libertà» degli «hacktivisti»: stop a repressione e controllo globale. Epicentro sarà il Monumento a George Washington, nell’omonima capitale federale americana.

di Arturo Di Corinto

Uniti contro la società del controllo globale. Gli Anonymous chiamano alla sollevazione, e oggi 5 novembre, in onore di Guy Fawkes, daranno fuoco alle polveri della protesta precipitandosi nelle piazze di oltre 400 città, dal Texas a Città del Capo. È la Million Mask March, che vuole portare ovunque la sua «Dichiarazione di libertà», contro l’oppressione di tutti i governi. Vestiti con la maschera di Guy Fawkes, il rivoluzionario del XVII secolo che voleva far saltare con 36 barili di polvere pirica il Parlamento britannico, si ritroveranno a migliaia a invocare trasparenza e giustizia in una marcia pacifica il cui epicentro sarà il Monumento a George Washington, nell’omonima capitale federale americana.

Un evento senza precedenti
L’evento, seppure richiami alla memoria altre marce come questa, non ha precedenti: per la prima volta il movimento globale che veste i panni del rivoluzionario inglese usa come megafono Facebook ed è la prima volta che si organizza a livello mondiale per rivendicare istanze politiche e sociali. Era successo su una scala minore solo in occasione delle proteste contro l’Acta, l’accordo anti-contraffazione.
Nel passato gli Anonymous avevano operato sempre attraverso specifiche campagne, contro Scientology, contro i padroni del copyright – la Riaa e la Mpaa-, per vendicare il blocco dei conti di Wikileaks, per ridicolizzare la H.B. Gary, contractor della difesa americana, o la Vitrociset, che si occupava di gestire i dati delle polizie italiane. Stavolta no, la chiamata è globale, di fronte allo scandalo del Datagate denunciato da Edward Snowden, mentre la crisi morde, la disoccupazione avanza e le guerre continuano.
È presto per dire che il movimento globale contro la corruzione e la guerra, contro le banche d’affari e il mercatismo si stia globalizzando sotto la bandiera di Anonymous, ma è un fatto che a chiamare tutti a raccolta dal sito della marcia siano occupiers, whistleblowers e hacktivisti. E sigle come Wikileaks, il Partito pirata e Occupy Wall Street.
Nel passato le incursioni degli Anonymous avevano usato strumenti tipicamente hacktivisti, cioè da attivisti che usano le tecniche dell’hacking per vendicare un torto o denunciare uno scandalo. Prima di eseguire e rivendicare le azioni gli anonymi si sono sempre coordinati in chat room segrete per definire obiettivi ed entità degli attacchi che potevano sfociare in un DdoS (Distributed denial of service), l’interrruzione temporanea di un servizio Internet sovraccaricandolo di richieste, concludersi con il defacciamento del sito di Miss Padania, o con la pubblicazione sul web di nome e cognome di pedofili o neonazisti.

Azioni sempre più eclatanti
Così, dopo gli scherzi goliardici su 4chan, dopo gli interventi di “vigilantismo” che erano andati a pescare cyberbulli e pedopornografi nel deep web, la socializzazione delle tattiche e delle tecniche degli Anonymous aveva innescato la dinamica dell’emulazione ingrossandone le fila e moltiplicando gli interventi: azioni sempre più difficili ed eclatanti, ai danni del Vaticano, del parlamento ungherese, di Equitalia. Fallito il tentativo dell’intelligence nostrana di presentare quattro anonymi arrestati come pirati informatici dediti al ricatto, anche le crew italiane sono diventate più forti e politicamente consapevoli, un fatto che nelle molte interpretazioni libresche e giornalistiche è stato colto solo dal libro Anonymous. Noi siamo legione, della giornalista italiana Antonella Beccaria (Aliberti 2012).
Adesso l’obiettivo è uscire allo scoperto e portare quanta più gente possibile in piazza e di farlo attraverso Facebook, uno degli strumenti meno amati dagli hacker, proprio per il suo carattere di aggregatore a privacy zero di dati personali, paradigma di quella sorveglianza globale cui ogni giorno ci consegnamo volontariamente e spesso consapevolmente.
Non sappiamo se sia l’inizio di un movimento destinato a durare, capace di collegare soggettività e moltitudini, ma il messaggio di Anonymous sembra chiaro: non esiste soluzione singolare ai problemi collettivi e il 99% del pianeta, motivato e con gli strumenti giusti, cioè Internet, è oggi nella condizione di sviluppare una nuova cultura e una nuova società, fondata sulla solidarietà, la pace e la trasparenza. E proprio per questo la difesa della rete e della libertà di comunicazione è al centro del messaggio della marcia che vuole dire basta alla repressione digitale, alle armate del copyright e agli spioni governativi.
La Million Mask March segue la logica zapatista: coprirsi il volto per non farsi vedere, mostrarsi per nascondersi, unirsi per cambiare. Ne vedremo delle belle.

.

Fonte: ilmanifesto.it

.

.

_________________________________________________________________________________________________

.

Da Facebook - 5 novembre 2013 - Washington DC - Anonymous Art of Revolution

Da Facebook – 5 novembre 2013 – Washington DC – Anonymous Art of Revolution

Articoli correlati di Ki (madu)

Risposta di Anonymous Italia ai violenti che vogliono rovinare la manifestazione del 5 novembre

Anonymous – 5 novembre 2013 – “La Marcia di un milione di maschere”

Anonymous – #Regole per la marcia del 5 novembre 2013

.

.