Apr 10 2020

Anonymous | #OpRevengeGram – Attacco ai trafficanti di materiale pedopornografico

.

.

.

.

09/04/2020 |

.

Salve a tutti abitanti del pianeta, siamo il gruppo Anonymous Italia e scriviamo per mettervi a conoscenza di una nuova Operazione. Il nostro Team negli ultimi giorni ha constatato che su Telegram esistono gruppi, persone, canali e bot che condividono materiale pedopornografico, pubblicando contenuti che mettono a serio rischio bambini innocenti e le loro famiglie. In aggiunta a questi materiali a circolare per le centinaia di chat di gruppo ci sono tutti quei contenuti definiti revenge porn che mettono pubblicamente alla gogna persone, per la maggior parte donne e ragazze, che hanno condiviso le proprie foto intime fidandosi del destinatario.

Per questo abbiamo deciso di lanciare l’operazione OpRevengeGram con lo scopo di contrastare questi infami criminali che celandosi dietro l‘anonimato di internet si fanno beffe della società fregandosene delle possibili conseguenze che le loro azioni hanno sulle vittime. Quando i malvagi tramano, è tempo per i buoni di allearsi. Nessuno di noi può rimanere fermo a guardare impassibile. Se non possiamo difendere le vittime state pur certi che le vendicheremo. È giunto quindi il momento di agire e dare una bella lezione a questi infami che quotidianamente si scambiano fotografie e video di minorenni come se fossero le figurine di un album da collezionare, facendosi vanto delle loro opere come se fossero imprese epiche. È necessario agire affinché si fermi una volta per tutte lo scambio di contenuti privati e intimi condivisi senza il consenso del proprietario.

Affinché l’obiettivo dell’operazione sia raggiunto, però, abbiamo bisogno della collaborazione di tutti voi. È importante istituire un unico fronte di battaglia contro questi individui pertanto vi chiediamo di segnalarci tramite i nostri canali ufficiali, nomi e gruppi che su Telegram o tramite il web svolgono attività sospette. Solamente grazie al vostro aiuto potremmo sfruttare appieno i nostri strumenti riuscendo così a estrapolare i nomi e cognomi associati agli account incriminati. Dimostrateci che non siamo soli in questa lotta. Unitevi a noi, e insieme saremo inarrestabili. Uniti da un ideale comune potremo mettere la parola fine a questi crimini ignobili contro vittime che non hanno nemmeno la capacità di difendersi. E in quanto a voi nascosti nell‘ombra, che vi fate scudo di un monitor e vi sentite al sicuro protetti dall‘anonimato, stiamo venendo a prendervi!

Noi siamo Anonymous

Noi Non Dimentichiamo

Noi non Perdoniamo

Aspettateci!

.

Videomessaggio

.

.

Fonte: Anonymous Italia

.

.

.

.


Dic 25 2012

Anonymous – #OpPedoHunt# – Account Twitter bloccati per pedopornografia

.

Tuesday 25th of December 2012 at 3:08:39 am

Gli hacktivisti da tutto il mondo si sono riuniti per una operazione contro i pedofili svelando i loro account e bloccando le immagini dei bambini postate sul social network. L’operazione è stata denominata # OpPedoHunt e finora ha avuto successo con diversi account segnalati e molti di questi bloccati dall’ amministrazione di Twitter. La BBC riferisce che questi account sono stati passati alla polizia che sta indagando per verificare se alcuni di essi appartengono o meno al Regno Unito.

La cosa assolutamente sconvolgente è che questi malati si sono infiltrati nel social media, ma fortunatamente anche gli hacktivisti utilizzano Twitter per cui possono attaccarli e rendere pubblici i loro account su twitter.

C’è stato un attacco necessario a Twitter dal ben noto account di  Anonymous news @ YourAnonNews che è stato molto impegnato per tutto il giorno nell’individuare gli account dei pedofili. Per segnalare gli account sospetti fate riferimento a @ ReportAPedo e riceverete risposta tramite DM, assicurarsi di seguire i loro follow per il DM.

C’è anche un elenco reso pubblico degli account dei pedofili individuati:

http://pastebin.com/LUHV7bkD

http://pastebin.com/nZSSr1Hz

http://pastebin.com/kDwEHi6g

.

Seguire il tag #OpPedoHunt su Twitter per le ultime novità e aggiornamenti. Nel frattempo, se vi capita di trovare account con immagini indecenti di minori, non esitate a chiamare le autorità locali per segnalare l’abuso, oppure contattate i nostri account Twitter di cui sopra e noi vi sosterremo.

.

Fonte: Cyber War News

.