Mag 31 2012

Terremoto in Emilia: l’Uaar richiama Monti all’uso dell’Otto per Mille statale

.

.

Si può fare. È già previsto che l’Otto per Mille a gestione statale possa essere speso per le calamità naturali, senza bisogno di passaggi parlamentari o di nuove tasse. Basta soltanto la volontà politica.

L’Uaar ritiene che il governo guidato da Mario Monti abbia dunque il dovere civico di impiegare l’Otto per Mille statale per sostenere le popolazioni dell’Emilia Romagna colpite dal terremoto. Non solo, ritiene che assieme agli enti locali direttamente coinvolti debba avviare al più presto una campagna di sensibilizzazione verso i contribuenti alle prese con la dichiarazione dei redditi, invitandoli a scegliere lo Stato come destinazione dell’Otto per Mille. Con la garanzia che sarà impiegato in questa iniziativa di solidarietà nazionale e di fronte a un così autorevole invito proveniente dall’alto, la solidarietà tra connazionali non mancherà di certo.

La ricetta è dunque semplicissima e l’associazione l’ha già suggerita in passato. Del resto, il nostro territorio così dissestato e la frequenza dei disastri naturali che lo colpiscono dovrebbero spingere chi ci amministra a concepire la tutela del territorio come una priorità.

Tutto ciò non accade e, anzi, preziosi miliardi di euro pubblici sono impiegati per scopi confessionali. L’Uaar ritiene pertanto opportuno invitare le amministrazioni del territorio colpito dal sisma a pensare innanzitutto alle esigenze più urgenti dei cittadini, evitando che anche in questo caso si dia la precedenza alla ricostruzione di edifici religiosi privati.

Documento sottoscritto dai circoli di Bologna e Modena e dal referente di Ferrara.

Comunicato stampa UAAR

.

Fonte: Unione degli Atei e Agnostici Razionalisti

.