Ott 7 2018

“Dominion” è il nuovo film sulle sofferenze inflitte agli animali e un invito a prendere posizione.

 

 

 

A Torino il 14 ottobre la prima della versione italiana del film Dominion, la più completa investigazione sulle sofferenze inflitte agli animali e un invito a prendere posizione.

.

.

Dominion è il nuovo film che denuncia la violenza sugli animali di ogni specie, scritto, diretto e realizzato da Chris Delforce, dell’associazione australiana Aussie Farms (www.DominionMovement.com). Racconta in modo estremamente toccante gli orrori dello sfruttamento animale in ogni settore, ma soprattutto in quello degli allevamenti per l’alimentazione umana.

Disponibile on-line dal 9 luglio scorso nella versione originale, è stato doppiato in italiano da AgireOra Network e sarà presentato per la prima volta domenica 14 ottobre a Torino, al Cinema Classico di Piazza Vittorio Veneto.

Attraverso le immagini catturate dalle telecamere nascoste all’interno di allevamenti e macelli, e le riprese effettuate dai droni telecomandati, il regista riesce a farci davvero percepire dentro di noi con grande forza, l’estrema sofferenza degli animali, la loro disperazione, il loro grido di aiuto.

Ci mostra cosa accade realmente agli animali e come sono trattati dai lavoratori quando “nessuno vede”. Si tratta di allevamenti standard, non peggiori né migliori di altri, sono gli stabilimenti che esistono in tutto il mondo, perché le tecniche di allevamento e di macellazione sono le stesse dappertutto, così com’è lo stesso il disinteresse per la vita e la sofferenza degli animali, considerati come merce.

Che ci si trovi in Italia, in Australia, negli USA, in Germania, nel Regno Unito o in qualsiasi altra Nazione del mondo, le scene sono sempre le stesse e lo vediamo dalle investigazioni fatte in tutti i Paesi.

Le voci narranti (nella versione originale sono quelle degli artisti Joaquin Phoenix, Rooney Mara, Sia, Sadie Sink, Kat Von D) spiegano tutto questo e non lasciano dubbi sulla necessità di porre fine a questo massacro, una vergogna per l’umanità intera.

L’autore e regista Chris Delforce ha dichiarato: “La cosa più importante che voglio comunicare agli spettatori è che gli animali sono individui, esseri senzienti – pensano, provano emozioni, sentono dolore, soffrono. I maiali che trovano una morte orrenda nelle camere a gas non sono diversi dai cani e gatti che fanno parte della nostra famiglia e che amiamo. Non vogliono morire e ogni spettatore ha il potere di fermare tutto questo… al contrario di quanto avviene su altri temi di ingiustizia sociale, non dobbiamo convincere un governo a fare la cosa giusta, ma sta solo a noi come consumatori. E’ nelle nostre mani ed è una nostra responsabilità.”

Anche per Marina Berati, coordinatrice di AgireOra Network, è tempo ormai di aprire gli occhi e riconoscere la triste realtà dei fatti per poter prendere una decisione: essere parte del problema o della soluzione. “La cosa più disarmante è il rifiuto psicologico di tante persone a credere a quanto ripreso dalle telecamere. Con il film americano ‘Earthlings’ i più scettici commentavano dicendo che quelle scene erano casi eccezionali o che non riguardavano il loro Paese; così gli inglesi hanno realizzato ‘Land of Hope and Glory’, che mostra le stesse scene, ora riconfermate dall’australiano ‘Dominion’. Ogni mese assistiamo a investigazioni che testimoniano anche qui in Italia situazioni tragiche di incredibile violenza e lo stesso accade in ogni nazione. Ormai, dunque, non ci sono più scuse: è così dappertutto. Se questa realtà è talmente orrenda da non volerla accettare, allora non accettiamola e opponiamoci, anziché negare la realtà. Opporsi è facile: basta solo cambiare le nostre abitudini personali, è completamente in nostro potere. Siamo noi che possiamo fare la differenza, smettendo di mangiare animali e i loro prodotti, usarli come capi di vestiario, partecipare allo sfruttamento in ogni altro settore. Milioni di persone su tutto il Pianeta lo stanno già facendo: tutti possiamo farlo, è la cosa più facile del mondo. Vorrei ringraziare pubblicamente l’autore e regista del film, Chris Delforce, per averci permesso con grande entusiasmo di doppiare il film in italiano.”.

L’appuntamento è dunque a Torino il 14 ottobre, inizio proiezione ore 17.30, al Cinema Classico di Piazza Vittorio Veneto 5.

La partecipazione per il pubblico è a offerta libera, ma la prenotazione è obbligatoria, perché il numero di posti è limitato, scrivendo a info@agireora.org

Dal 15 ottobre il film sarà disponibile on-line, sia per la visione in streaming, sia per scaricarlo e riutilizzarlo per proiezioni, sul canale Vimeo di AgireOra: vimeo.com/agireora

Ringraziamenti

Ringraziamo Società Scientifica di Nutrizione Vegetariana – SSNV per la collaborazione nel progetto di doppiaggio e diffusione della versione italiana di Dominion.
Si ringrazia anche il traduttore, Samuele Praticelli, per il lavoro di traduzione dell’intero testo dall’inglese.

.

.

.

Official Trailer

Awards and Nominations

 

Fonte: AgireOra

 

 


Feb 27 2015

Credo ch’io potrei vivere tra gli animali…

.

.

th

.

“Credo ch’io potrei vivere tra gli animali, che sono così placidi e pieni di decoro.                                                                                                                                                               Io li ho osservati tante volte e a lungo;
Non s’affannano, non gemono sulle loro condizioni,
Non stanno svegli al buio, per piangere sopra i loro peccati.
Non m’indignano discutendo i loro doveri verso Dio.
Nessuno è insoddisfatto, nessuno ha la mania infausta di possedere cose.
Nessuno si inginocchia innanzi all’altro, né ai suoi simili vissuti migliaia di anni fa.
Nessuno è rispettabile tra loro, od infelice, sulla terra intiera.”

.

(Walt Whitman)

.

.

.
_________________________________________________________

Approfondimento

Walter Whitman

Sito dedicato a Walt Whitman

.

.

.

.


Ago 4 2012

Non è più possibile dire che non sapevamo

.

.

DA: A.L.F. Fronte Liberazione Animale:

Preghiamo la ATTENTA e completa lettura e la massima divulgazione..

Neuroscienziati riconoscono la coscienza nei mammiferi e uccelli.
“Un polpo ha 500 miliardi di neuroni (gli esseri umani ne hanno 100 miliardi)”

La sofferenza degli animali è stata riconosciuta a livello scientifico…
una verità scomoda….

Sabato scorso in una conferenza a Cambridge neuroscienziati di tutto il mondo hanno firmato una petizione che indica che tutti i mammiferi, uccelli e altre creature, tra cui i polpi, hanno una coscienza.

Il Neuroscienziato canadese Philip Low spiega perché i ricercatori si sono riuniti per firmare una dichiarazione che riconosce l’esistenza della coscienza in tutti i mammiferi e come questa scoperta potrebbe avere un impatto sulla società.

.

.

Philip Low, “Tutti i mammiferi e gli uccelli sono coscienti.”

Low è un ricercatore presso la Stanford University e il MIT (Massachusetts Institute of Technology), entrambi i luoghi si trovano negli Stati Uniti. Lui e altri 25 ricercatori ritengono che le strutture cerebrali che producono la coscienza negli esseri umani esistono anche negli animali. “Le aree del cervello che ci distinguono dagli altri animali sono quelli che producono la coscienza”, dice Low, che ha dato la seguente intervista a un sito web:

Intervistatore: Gli studi sul comportamento animale hanno sostenuto che gli animali vari hanno un certo grado di coscienza. Cosa le neuroscienze dicono in proposito?

Low: Abbiamo trovato che le strutture che ci distinguono dagli altri animali, come la corteccia cerebrale, non sono responsabili per la manifestazione della coscienza. In breve, se il resto del cervello responsabile per la coscienza e queste strutture sono simili tra gli esseri umani e altri animali come i mammiferi e gli uccelli, possiamo concludere che questi animali sono anche consapevoli.

Intervistatore: Quali animali hanno una coscienza?

Low: Sappiamo che tutti i mammiferi, tutti gli uccelli e molte altre creature, come il polpo, sono dotate di strutture nervose che producono coscienza.
Ciò significa che questi animali soffrono.
Si tratta di una verità scomoda: è sempre stato facile dire che gli animali non hanno coscienza. Ora abbiamo un gruppo di autorevoli neuroscienziati che studiano il fenomeno della coscienza, comportamento animale, la rete neurale, anatomia e genetica del cervello. Non si può dire che non sapevamo.

Intervistatore: E ‘possibile misurare la somiglianza tra la coscienza di mammiferi e uccelli e gli esseri umani?

Low: Questa domanda è stata lasciata aperta sul documento. Non abbiamo un indicatore, data la natura del nostro approccio. Sappiamo che ci sono diversi tipi di coscienza. Possiamo dire, tuttavia, che la capacità di sentire piacere e dolore nei mammiferi e nell’uomo è molto simile.

Intervistatore: Che tipo di comportamento animale sostiene l’idea che essi hanno la coscienza?

Low: Quando un cane ha paura o di dolore o di gioia nel vedere il suo padrone, si attivano nel cervello come le strutture che si attivano negli esseri umani, quando ci mostriamo la paura, dolore e piacere. Un comportamento molto importante è il riconoscimento di sé allo specchio. Tra gli animali che possono, oltre che gli esseri umani, sono i delfini, scimpanzé, bonobo, cani e una specie di uccello chiamato pica-pica.

Intervistatore: Quali vantaggi potrebbero derivare da una comprensione della coscienza negli animali?

Low: C’è una certa ironia. Spendiamo un sacco di soldi cercando di trovare vita intelligente fuori dal pianeta, mentre siamo qui, circondato da intelligenza cosciente del pianeta stesso. Se si considera che un polpo – che ha 500 miliardi di neuroni (gli esseri umani hanno 100 miliardi) – si capisce che il polpo ha coscienza, siamo molto più vicini alla produzione di una coscienza sintetica di quanto pensassimo.

Intervistatore: Qual è l’ambizione di questo studio? Sarà che i neuroscienziati sono diventati membri del movimento per i diritti degli animali?

Low: Si tratta di una questione delicata. Il nostro ruolo come scienziati non è quello di convincere la società, ma rendere pubblico quello che abbiamo trovato. La società avrà ora una discussione su ciò che sta accadendo e può decidere se fare leggi nuove, ulteriori ricerche per capire la coscienza degli animali o di proteggerli in qualche modo. Il nostro ruolo è quello di presentare i dati.

Intervistatore: Quale impatto avranno queste scoperte su di lei?

Low: Diventerò vegetariano. E ‘impossibile non essere toccati da questa nuova percezione degli animali, in particolare sulla loro esperienza di sofferenza. Sarà difficile, perché amo il formaggio.

Intervistatore: Cosa può cambiare con questa scoperta?

Low: I dati sono inquietanti, ma molto importanti. In definitiva, penso che la società dovrà contare meno sugli animali. Sarà meglio per tutti.
Lasciate che vi faccia un esempio. Il mondo spende 20 miliardi di dollari uccidendo 100 milioni di animali vertebrati nella ricerca medica. La probabilità che un farmaco proveniente da questi studi sia efficace negli esseri umani è del 6%.
Si tratta di una possibilità terribile. Un primo passo è di sviluppare metodi non invasivi. Non occorre uccidere una vita per studiare la vita.
Penso che dobbiamo fare appello al nostro ingegno e sviluppare migliori tecnologie che rispettano la vita degli animali. Dobbiamo mettere la tecnologia in grado di servire i nostri ideali, piuttosto che competere con loro.

.

Fonte: http://veja.abril.com.br/noticia/ciencia/nao-e-mais-possivel-dizer-que-nao-sabiamos-diz-philip-low

.