Il pensiero letto.

  

Forse ci siamo. Per molti, un sogno nel sogno. Ovvero conoscere i pensieri più segreti e intimi dell’altro. Dove l’altro può essere chiunque: l’amata/o, oppure l’amante o ancora l’amico o infine, con goduria infinita,  il capoufficio. Finalmente, l’odiosa ipocrisia e l’invidia, utilizzate quotidianamente nei rapporti con gli altri, potrebbero sparire. Ma potrebbero sorgere patologie come l’ansia da incontro. Pensateci un attimo: quando ci si sente un po’ nervosi o agitati si preferirà evitare qualsiasi tipo d’incontro. Sarà molto più saggio salutarsi da lontano  senza mai incontrarsi, come si fa adesso solo nei non-luoghi.  Infine, ma promettetemi di non spaventarvi, se avete decisamente qualcosa da nascondere allora vi consiglio di non dormire più in compagnia o di non dormire proprio più, così come ha fatto Trevor Reznik nel  bel film di Brand Anderson: L’uomo senza sonno (The Machinist). Vi starete chiedendo perchè questo strano consiglio… ma perché stanno per realizzare la macchina che legge i sogni. Mitico!! (come dice il buon Homer). Scherzi (forse) a parte  fate un salto alle seguenti pagine e capirete : 

Tecnologia & Scienza  Medicina in Biblioteca.  

                                                                                                                                                                                       
(madu)

 

 

       


Leave a Reply