Elon Musk e il “Neuralink” | 28 agosto presentazione ufficiale del chip regolatore cerebrale

.

.

.

Elon Musk è pronto a rivelare un aggiornamento chiave sul Neuralink.

Il mese scorso ha twittato: “Il 28 agosto Neuralink mostrerà l’attivazione dei neuroni in tempo reale. The matrix in the matrix.”

_________

Il Neuralink

Neuralink Corporation è una società americana di neurotecnologie fondata da Elon Musk e altri, che sviluppa interfacce cervello-macchina (BMI) impiantabili. La sede dell’azienda è a San Francisco; è stata avviata nel 2016 ed è stata pubblicata per la prima volta nel marzo 2017.

Secondo Bloomberg, sin dalla sua fondazione, l’azienda ha assunto diversi neuroscienziati di alto profilo di varie università. A luglio 2019, aveva ricevuto $ 158 milioni di finanziamenti (di cui $ 100 milioni da Musk) e impiegava uno staff di 90 dipendenti. A quel tempo, Neuralink annunciò che stava lavorando su un dispositivo “simile a una macchina da cucire” in grado di impiantare fili molto sottili (da 4 a 6 μm di larghezza) nel cervello, dimostrò un sistema che leggeva le informazioni da un topo di laboratorio tramite 1.500 elettrodi e prevede di iniziare esperimenti con gli esseri umani nel 2020.

Neuralink è stata fondata nel 2016 da Elon Musk, Ben Rapoport, Dongjin Seo, Max Hodak, Paul Merolla, Philip Sabes, Tim Gardner, Tim Hanson e Vanessa Tolosa.

Nell’aprile 2017, il blog Wait But Why ha riportato che l’azienda mira a realizzare dispositivi per curare gravi malattie cerebrali a breve termine, con l’obiettivo finale del miglioramento umano, a volte chiamato transumanesimo. Musk ha detto di essersi interessato in parte all’idea da un concetto di fantascienza chiamato ‘merletto neurale’ che fa parte dell’universo immaginario in The Culture, una serie di 10 romanzi di Iain M. Banks.

Musk ha definito il laccio neurale come uno ‘strato digitale sopra la corteccia’ che non implica necessariamente un esteso inserimento chirurgico, ma idealmente un impianto attraverso una vena o un’arteria. Musk ha spiegato che l’obiettivo a lungo termine è raggiungere la “simbiosi con l’intelligenza artificiale”, che Musk percepisce come una minaccia esistenziale per l’umanità se non viene controllata. Al momento, alcune neuroprotesi possono interpretare i segnali cerebrali e consentire alle persone disabili di controllare le loro braccia e gambe protesiche. Musk mira a collegare tale tecnologia con impianti che, invece di attivare il movimento, possono interfacciarsi a velocità di banda larga [verifica fallita] con altri tipi di software e gadget esterni.

A partire dal 2020, Neuralink ha sede nel Mission District di San Francisco, condividendo l’ex edificio della Pioneer Trunk Factory con OpenAI, un’altra società co-fondata da Musk. Musk era il proprietario di maggioranza di Neuralink a settembre 2018, ma non ricopriva una posizione esecutiva. Il ruolo del CEO Jared Birchall, che è stato anche elencato come CFO e presidente di Neuralink, e come dirigente di varie altre società fondate o co-fondate da Musk, è stato descritto come formale. Il marchio “Neuralink” è stato acquistato dai precedenti proprietari nel gennaio 2017.

Nel 2018, la società era “rimasta altamente riservata sul suo lavoro sin dal suo lancio”, sebbene i registri pubblici mostrassero che aveva cercato di aprire un centro di sperimentazione sugli animali a San Francisco; successivamente ha iniziato a svolgere ricerche presso l’Università della California, Davis.

Nel luglio 2019, Neuralink ha tenuto una presentazione in live streaming presso la California Academy of Sciences. La tecnologia futura proposta prevede un modulo posizionato all’esterno della testa che riceve in modalità wireless le informazioni da sottili fili di elettrodi flessibili incorporati nel cervello. Il sistema potrebbe includere ‘fino a 3.072 elettrodi per array distribuiti su 96 fili’ ciascuno da 4 a 6 μm di larghezza. I fili sarebbero incorporati da un apparato robotico, con l’intenzione di evitare di danneggiare i vasi sanguigni. Attualmente, gli elettrodi sono ancora troppo grandi per registrare l’attivazione di singoli neuroni, quindi possono registrare solo l’attivazione di un gruppo di neuroni [citazione necessaria]; I rappresentanti di Neuralink ritengono che questo problema potrebbe essere mitigato algoritmicamente, ma è computazionalmente costoso e non produce risultati esatti.

.

Fonte: en.wikipedia.org

.

.

.

.

.


Comments are closed.